Elon Musk e internet in Ucraina

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Senza comunicazioni moderne con protezione affidabile, velocità e facilità di manutenzione, la conduzione delle ostilità sarà estremamente difficile. In Ucraina, è noto che le forze armate del Paese utilizzano i servizi di comunicazione forniti dalla SpaceX di Ilon Musk. Il 14 ottobre, la CNN ha riferito che SpaceX ha scritto al Pentagono a settembre chiedendo il futuro pagamento dei terminali di comunicazione satellitare e dell’accesso a Internet che l’azienda ha finora donato al governo e ai militari dell’Ucraina in guerra. Secondo la CNN, il direttore delle vendite governative di SpaceX ha dichiarato: “Non siamo in grado di trasferire ulteriormente i terminali all’Ucraina o di finanziare i terminali esistenti a tempo indeterminato”. Il fondatore di SpaceX, Ilon Musk, ha poi cambiato idea e ha twittato che l’azienda aveva ritirato la richiesta.

Secondo la CNN, la lettera di SpaceX indicava che le operazioni di Starlink sarebbero costate più di 120 milioni di dollari entro la fine dell’anno e avrebbero potuto crescere fino a circa 400 milioni di dollari nei prossimi 12 mesi. In particolare, la CNN ha citato la lettera affermando che circa l’85% dei 20.000 terminali in Ucraina sono stati pagati (in tutto o in parte) da Stati Uniti, Regno Unito, Polonia o enti privati. Queste organizzazioni hanno anche pagato circa il 30% per la connettività Internet, che secondo SpaceX costa 4.500 dollari al mese per un’unità del servizio più avanzato. Ma in un annuncio del 7 ottobre, Musk ha dichiarato che le operazioni dell’azienda in Ucraina erano costate 80 milioni di dollari e che avrebbero superato i 100 milioni entro la fine dell’anno.

Il portavoce del Pentagono, Pat Ryder, ha dichiarato che finora il Pentagono non ha pagato nulla a Starlink per i suoi servizi in Ucraina, anche se, come suggerito dalla CNN, altre agenzie del governo statunitense lo hanno fatto. Ma ha ribadito le osservazioni del suo vice, confermando che il Ministero della Difesa è in trattativa con SpaceX, così come con altre aziende, su come garantire agli ucraini l’accesso continuo alle comunicazioni satellitari.

Va notato che il Pentagono ha fretta di assegnare il contratto a Starlink non solo per sperimentare un approccio noto come comando e controllo in tutte le aree (JADC2), ma anche per fornire comunicazioni sul campo di battaglia ai comandanti sul campo. Tuttavia, le voci secondo cui l’azienda avrebbe quasi completamente conquistato il mercato dei servizi Internet spaziali per uso militare hanno portato a interrogarsi sulla necessità di verificare la conformità dell’azienda ai requisiti di sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Anche se l’ingresso stesso di SpaceX nel sistema spaziale suggerisce che tale autorizzazione è stata precedentemente concessa. È probabile che alcune forze o investitori stiano facendo pressione su Ilon Musk. Ma è improbabile che al momento possano trovare un’alternativa decente per i servizi di Starlink.

SpaceX non è un monopolista nel mercato di Internet via satellite. Oggi ci sono almeno alcune aziende che offrono connettività Internet dallo spazio. Tra questi, Viasat, OneWeb, SES, Iridium, Inmarsat, Eutelsat e Avanti. Il servizio KA-SAT di ViaSat, ad esempio, è attualmente operativo in Ucraina e fornisce Wi-Fi gratuito ai rifugiati ucraini in Slovacchia; venerdì l’azienda ha dichiarato di essere al lavoro per fornire rapidamente altri servizi. È vero, gli esperti affermano che ognuno di questi fornitori deve affrontare problemi a breve termine nella concorrenza diretta con SpaceX, che ha una copertura globale con quasi 3.500 satelliti in orbita terrestre bassa a circa 550 chilometri e fornisce terminali di ricezione a basso costo che sono quasi pronti per l’uso non appena vengono tolti dalla scatola.

Secondo l’analista del settore satellitare Northern Sky Research Brad Grady, Starlink presenta una serie di “vantaggi chiave” rispetto ai suoi concorrenti più vicini. Questi includono: “latenza, larghezza di banda, dimensioni e capacità del terminale”. I satelliti dislocati in orbita geosincrona a circa 36.000 chilometri, tra cui KA-SAT e quelli gestiti da Eutelsat, Intelsat, Avanti e Inmarsat, possono fornire una copertura mondiale, anche sull’Ucraina, ma gli uccelli GEO hanno diversi svantaggi: queste reti operano in orbite più basse. In primo luogo, tendono a essere più vulnerabili ai cyberattacchi, come dimostra il successo dell’hacking dei terminali di terra KA-SAT in Ucraina all’inizio del conflitto a febbraio. Inoltre, hanno una latenza più elevata (il tempo necessario per il downlink e l’uplink) rispetto alle reti più vicine al suolo.

Anche gli operatori di satelliti in orbita terrestre bassa e media incontrano problemi nell’utilizzare le capacità di Starlink. Ad esempio, la britannica OneWeb, che sta costruendo una mega costellazione in orbita bassa per competere con Starlink, non sta attualmente operando con satelliti che coprono l’Ucraina, anche se ha in programma di fornire capacità in quel Paese alla fine del prossimo anno.

OneWeb ha annunciato lo scorso luglio di aver iniziato a operare nelle regioni a nord di 50 gradi di latitudine (compreso l’Artico), ma secondo il suo sito web, la sua costellazione completa, compresi i satelliti che coprono latitudini più basse, non sarà operativa prima del prossimo anno. L’Ucraina si trova appena sotto i 50 gradi di latitudine nord. La rete simile di Amazon, denominata Progetto Kuiper e comprendente circa 3.236 satelliti, non è ancora stata lanciata e non entrerà in funzione prima del 2026 o 2027. Il lancio dei primi due satelliti era previsto per la fine dell’anno, ma è stato ritardato a causa di interruzioni nello sviluppo del razzo pesante Vulcan di United Launch Alliance. Secondo il sito web di Amazon, il lancio è previsto per l’inizio del prossimo anno.

Grady ha dichiarato che nel mercato dei satelliti non geostazionari, la costellazione O3b dell’azienda di telecomunicazioni lussemburghese SES e la futura costellazione mPower O3b, collocata in orbita terrestre media, sono le più vicine alle attuali capacità di Starlink. Secondo quanto riferito, la società è il principale fornitore di televisione satellitare in Ucraina e dispone di personale sul campo.

Il vantaggio principale di SpaceX è che i terminali Starlink sono poco costosi, altamente mobili e, cosa particolarmente importante per i militari, facili da installare e utilizzare. Le reti in orbita geostazionaria, ad esempio, richiedono terminali grandi, pesanti e costosi. Ma anche molti terminali progettati per le reti satellitari in orbite più basse non soddisfano le specifiche di dimensioni, peso e potenza ridotte di Starlink, note come SWaP. Secondo il sito web di SpaceX, l’antenna parabolica di Starlink pesa circa 2,9 chilogrammi e il terminale stesso non ha praticamente parti mobili.

Alcune aziende stanno lavorando per immettere sul mercato nuove antenne piatte, più piccole e controllate elettronicamente, in grado di ricevere segnali dai satelliti in tutte e tre le zone orbitali. Tuttavia, molti di questi nuovi terminali non sono ancora pronti per il funzionamento in prima serata: sono in fase di sviluppo o vengono distribuiti in numero ridotto.

Per esempio, Intelsat sta sviluppando per la prima volta una propria antenna specifica per le comunicazioni interorbitali, chiamata Multi-Orbit Tactical Terminal o MOTT, come ha dichiarato David Misha, presidente di Intelsat General Communications. Il motivo è che il Ministero della Difesa è sempre più interessato alle architetture “ibride” per le comunicazioni satellitari, che includono satelliti su tutti i piani orbitali multipli. “È in fase di sviluppo, finanziato al 100% da Intelsat e sarà sul mercato tra circa un anno”, ha dichiarato David Misha.

Anche il produttore di antenne Kymeta si sta concentrando sulle antenne orientabili multi-orbitali, con particolare attenzione alle antenne a pannello piatto da installare sui veicoli, ha dichiarato il 12 ottobre il presidente dell’azienda Walter Berger. Sebbene il terminale Osprey u8, lanciato nell’aprile 2022, sia molto più pesante del terminale Starlink e pesi 100 libbre, Berger ha dichiarato che offre una sicurezza informatica di livello militare. E poiché può passare “in pochi millisecondi” ai satelliti in orbita bassa, Kymeta ha stipulato un accordo con OneWeb per connettersi alla sua costellazione di satelliti in orbita geostazionaria. Inoltre, l’Osprey u8 è molto più difficile da bloccare. Berger ha fatto notare che entro la fine del prossimo anno saranno impiegati più di 1.000 terminali, non solo dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e dall’esercito, ma anche dai ministeri della Difesa di altri Paesi, anche se non ha specificato quali.

Questi sforzi evidenziano la necessità di due aree di lavoro. Il primo è la creazione di costellazioni proprie di satelliti con comunicazioni sufficientemente sicure e ad alta velocità per trasmettere informazioni e garantire la comunicazione delle nostre truppe. Il secondo è aumentare la capacità di hackerare e disturbare i sistemi satellitari nemici (stranieri) e i loro componenti per ottenere un vantaggio informativo sul campo di battaglia in Ucraina. Questo è il minimo che deve essere implementato in un futuro molto prossimo.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Katehon.com

31 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube