Elon Musk, Matt Taibbi e il vortice dei media moderni

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

A prima vista, si trattava di un tipico esempio di lancio di notizie: un giornalista ottiene da una grande azienda documenti interni che fanno luce su una controversia politica scoppiata negli ultimi giorni della corsa presidenziale del 2020.

Ma quando si tratta di Elon Musk e Twitter, nulla è tipico.

I cosiddetti file di Twitter, pubblicati lo scorso venerdì sera dal giornalista indipendente Matt Taibbi, hanno scatenato una tempesta di indignazione tra esperti, etici dei media e legislatori di entrambi i partiti. Inoltre, ha aperto una finestra sul panorama fratturato delle notizie moderne, dove la percezione di una storia è spesso plasmata dalle ipotesi dei lettori sulle motivazioni dei giornalisti e degli eroi dei titoli dei giornali.

La tempesta è iniziata quando Musk ha stuzzicato il pubblico con la pubblicazione di documenti interni che, a suo dire, avrebbero rivelato la storia dietro la decisione di Twitter, nel 2020, di limitare le pubblicazioni con link a un articolo del New York Post sul figlio di Joseph R. Biden Jr, Hunter.

Musk, che ha accusato le aziende tecnologiche di censura, ha poi indicato ai lettori un articolo di Taibbi, un giornalista ribelle che condivide in parte il disprezzo di Musk per i media tradizionali. Il resoconto di Taibbi, pubblicato come un lungo thread su Twitter, includeva immagini di scambi di e-mail tra funzionari di Twitter che discutevano su come comportarsi in merito alla diffusione della storia da parte del Post sulla loro piattaforma.

Musk e Taibbi hanno presentato gli scambi come prova di una grave censura e della perniciosa influenza dei liberali. Molti altri – anche alcuni ardenti critici di Twitter – sono rimasti meno colpiti, affermando che lo scambio mostrava semplicemente un gruppo di dirigenti che discutevano seriamente su cosa fare con una notizia non confermata basata su informazioni provenienti da un portatile rubato. E, come molte notizie moderne, i tweet sono stati rapidamente utilizzati come conferma di un numero impressionante di argomenti preesistenti.

Il conduttore di Fox News Tucker Carlson, che spesso accusa i liberali di reprimere la libertà di parola, ha dichiarato che “i documenti mostrano una violazione sistematica del Primo Emendamento, il più grande esempio di questo nella storia moderna”. I repubblicani alla Camera, che hanno chiesto un’indagine sugli affari di Hunter Biden, hanno sostenuto, senza alcuna prova, che il rapporto mostrava una collusione sistemica tra Twitter e gli aiutanti di Joe Biden, allora candidato democratico (Jack Dorsey, l’amministratore delegato di Twitter all’epoca, ha poi fatto marcia indietro sulla decisione di bloccare la storia del Post e ha detto al Congresso che si è trattato di un errore).

Gli ex dirigenti di Twitter, che hanno lamentato la gestione caotica dell’azienda da parte di Musk, hanno definito la pubblicazione dei documenti un ulteriore segno di avventatezza. Yoel Roth, ex responsabile della fiducia e della sicurezza di Twitter, ha dichiarato che la pubblicazione di documenti non redatti, alcuni dei quali includevano i nomi e gli indirizzi e-mail di funzionari di Twitter, è stata “fondamentalmente inaccettabile” e ha messo le persone “in pericolo” (Musk ha poi affermato che, col senno di poi, “penso che avremmo dovuto escludere alcuni indirizzi e-mail”).

Il ruolo centrale di Taibbi, figura controversa negli ambienti giornalistici, ha provocato una tempesta di indignazione.

Un tempo influente portavoce della sinistra politica, Taibbi ha acquisito notorietà per essersi presentato come un narratore della verità senza compromessi. È forse più noto per aver definito Goldman Sachs un “calamaro vampiro” in un articolo che ha scatenato l’indignazione pubblica contro Wall Street. Ma i suoi commenti sull’ex presidente Donald J. Trump si sono discostati dalle opinioni di molti democratici – ad esempio, era scettico sulle accuse di legami russi con la campagna di Trump – e la sua cerchia di ammiratori è cambiata.

Venerdì scorso, Taibbi ha scritto che il suo giudizio su Twitter era “basato su migliaia di documenti interni ottenuti da fonti di Twitter”. Musk ha accennato in precedenza a una divulgazione del modo in cui Twitter gestisce il rapporto di Hunter Biden. Venerdì, poco prima dell’articolo di Taibbi, Musk ha scritto: “Sarà fantastico” e ha aggiunto un’emoji del popcorn (il simbolo universale dell’attesa online). Taibbi ha anche detto di aver accettato “alcune condizioni” in cambio dei documenti, ma non ha fornito dettagli.

Gli scettici del signor Taibbi hanno colto al balzo quella che sembrava essere una rivelazione organizzata. “Immaginate di offrirvi come volontari per le pubbliche relazioni online dell’uomo più ricco del mondo, il venerdì sera, per soddisfare una narrazione palesemente e cinicamente di destra e poi fingere di dire la verità al potere”, ha scritto su Twitter il conduttore di MSNBC Mehdi Hasan.

Sabato Taibbi ha risposto scrivendo:

“Non vedo l’ora di scorrere tutti i tweet che si lamentano delle ‘pubbliche relazioni per l’uomo più ricco della terra’ e vedere quanti degli autori che li hanno scritti hanno pubblicato storie per fonti anonime presso l’FBI, la CIA, il Pentagono, la Casa Bianca, ecc.”.

Musk e Taibbi non hanno risposto alle richieste di commento.

Il fatto che Musk sia un fan di Taibbi, che ha lasciato Rolling Stone per gestire una newsletter su Substack, non è una grande sorpresa; Musk spesso acclama le virtù del citizen journalism. In un live tweet di sabato, Musk si è detto deluso dal fatto che la maggior parte dei media tradizionali non abbia ripreso la notizia di Taibbi.

Il New York Times ha chiesto a Musk copia dei documenti, ma non ha ricevuto risposta.

Sabato Musk ha dichiarato di aver consegnato i documenti anche a Bari Weiss, ex redattore ed editorialista del Times, la cui newsletter Substack, Common Sense, si pone come alternativa alle testate giornalistiche tradizionali. La signora Weiss ha rifiutato di commentare domenica.

Il clamore ha generato anche alcune strane collaborazioni. Una volta Taibbi ha paragonato l’ex presidente George W. Bush a un “asino”. Domenica, il suo rapporto è stato difeso dal leader repubblicano della Camera dei Rappresentanti, il rappresentante Kevin McCarthy, durante un’intervista a Fox News. “Stanno cercando di screditare un uomo che ha detto la verità”, ha detto McCarthy a proposito di Musk.

Forse l’unica conclusione riconosciuta dalla pubblicazione dei file di Twitter è stata l’opinione espressa dallo stesso Taibbi in un titolo della sua pagina Substack, che offriva un’anteprima dei suoi post futuri.

“Nota per i lettori”, ha scritto Taibbi. “Qui la situazione si fa strana”.

Foto: Idee&Azione

10 dicembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube