Espandere completamente i legami commerciali russo-afghani sarebbe reciprocamente vantaggioso

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko

La Russia, l’Afghanistan e il Pakistan dovrebbero lavorare più strettamente insieme nel perseguimento dei loro comuni obiettivi multipolari al fine di rafforzare lo spazio interconnesso dell’Asia centrale e meridionale.

La maggior parte del mondo sembra aver dimenticato l’Afghanistan dopo l’inizio dell’operazione militare speciale della Russia in Ucraina, ma Mosca rimane molto interessata ad aiutare quel paese devastato dalla guerra a riprendersi da due decenni di occupazione occidentale. Il ministro degli Esteri Sergey Lavrov ha detto quanto segue proprio l’altro giorno, che ha suscitato speranze sul futuro dei legami economici:

“Vediamo aree promettenti per sviluppare la cooperazione e i contatti diretti tra gli ambienti economici. Prima di tutto, l’agricoltura, l’energia, così come i trasporti, tenendo conto dell’alto potenziale di transito dell’Afghanistan. In generale, le oltre 140 imprese costruite dall’Unione Sovietica in Afghanistan rimangono la spina dorsale dell’economia afghana, e questo crea ulteriori opportunità per aumentare la nostra cooperazione nella sfera commerciale ed economica”.

Nonostante sia governato dai talebani, che Mosca considera ancora un gruppo terroristico, le relazioni russo-afghane sono state impressionantemente in crescita dopo la caotica evacuazione del paese da parte degli Stati Uniti lo scorso agosto. Questo perché il Cremlino è abbastanza pragmatico da riconoscere le realtà del terreno e rispondere di conseguenza. Questo risultato è reciprocamente vantaggioso e può effettivamente far avanzare anche gli interessi degli altri.

Per spiegare, c’è la speranza che le relazioni russo-pakistane rimangano in pista nonostante lo scandaloso cambio di governo di quello stato dell’Asia meridionale all’inizio di aprile, che il suo ex premier ha affermato essere stato orchestrato dagli Stati Uniti come punizione per i legami del suo paese con Mosca. Il neo-insediato ministro degli Esteri Bilawal Bhutto ha ricambiato le ultime esternazioni della Russia e ha detto che vuole mantenere uno slancio positivo.

I loro legami sono diventati recentemente completi, ma sono ancora per lo più concentrati sulla cooperazione afghana, agricola, di connettività e di energia, che non a caso sono esattamente ciò che Lavrov vuole espandere rispetto alle relazioni russo-afghane. Infatti, mentre i pakistani si sentono a disagio nell’essere “sillabati” con l’Afghanistan, questo potrebbe effettivamente beneficiare i loro legami con la Russia.

Per spiegare, lo spazio economico afghano-pakistano è strettamente collegato, soprattutto perché si tratta di paesi vicini. L’accordo del febbraio 2021 per costruire una ferrovia Pakistan-Afghanistan-Uzbekistan (PAKAFUZ) potrebbe anche collegare l’economia della Russia con quella dell’Afghanistan e del Pakistan al suo completamento, collegandosi con le ferrovie russe in Asia centrale.

Questo darebbe una grande spinta alle esportazioni agricole ed energetiche della Russia verso entrambi grazie a questo nuovo corridoio di connettività. È con questa visione multilaterale benefica in mente che il Pakistan dovrebbe effettivamente dare la priorità all’ulteriore rafforzamento globale dei legami con la Russia, soprattutto nella sfera economica, nonostante la pressione speculativa degli Stati Uniti sulle nuove autorità per rallentare il ritmo.

Dal punto di vista russo, sarebbe utile considerare la proposta di un quadro trilaterale per coordinare il commercio afghano-pakistano-russo e altre questioni di interesse comune come la cooperazione sulla sicurezza. Tutte e tre le parti dovrebbero quindi lavorare più strettamente insieme nel perseguimento dei loro obiettivi multipolari comuni, al fine di rafforzare lo spazio interconnesso dell’Asia centrale e meridionale.

Pubblicato in partnership anche su OneWorld https://oneworld.press/?module=articles&action=view&id=2809

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

6 maggio 2022