Facebook (Meta) conferma i legami con una campagna di propaganda militare statunitense

image_pdfimage_print

di Mac Slavo

Nel caso non lo sapessi, le grandi aziende tecnologiche hanno collaborato con l’esercito degli Stati Uniti per controllare le narrazioni ufficiali usando la propaganda. Una di queste operazioni segrete è stata confermata da Meta, la società madre di Facebook, che stava spingendo narrazioni pro-USA e anti-Russia.

Meta ha riconosciuto la scoperta di diversi gruppi di account e pagine falsi ritenuti collegati a individui “associati all’esercito statunitense”, secondo l’ultimo rapporto sulle minacce contraddittorie della società pubblicato questa settimana secondo un rapporto di RT.

La classe dirigente statunitense ha cercato per decenni di controllare e fare il lavaggio del cervello al pubblico affinché si conformasse alla loro servitù. Questa non è una novità, tranne che Meta ora lo sta ammettendo. “Sebbene le persone dietro questa operazione abbiano tentato di nascondere la loro identità e il loro coordinamento, la nostra indagine ha trovato collegamenti con individui associati alle forze armate statunitensi”, ha affermato la società in un post sul blog martedì.

Nessun posto sicuro dove nascondersi. Una risposta video al PSA nucleare di New York. Abbiamo dimenticato? La campagna di influenza è stata scoperta all’inizio di quest’anno e in totale Meta ha rimosso 39 account Facebook e 26 account Instagram, oltre a 16 pagine e due gruppi, tutti per aver violato la politica dell’azienda contro il “comportamento coordinato non autentico”.

Il gigante dei social media ha ammesso che l’operazione su larga scala è andata oltre quelle diverse dozzine di account e su molte altre piattaforme Internet, tra cui Twitter, YouTube e Telegram, nonché i principali social network russi VKontakte e Odnoklassniki. Apparentemente ha tentato di minimizzare la scoperta insistendo sul fatto che “la maggior parte dei post di questa operazione ha avuto poco o nessun impegno da parte delle comunità autentiche” ed evidenziando simili “campagne ingannevoli” di Cina e Russia. -RT

Il riconoscimento di Meta conferma un’indagine bomba del Washington Post che ha rivelato che il Pentagono è stato costretto a lanciare una “verifica radicale su come conduce la guerra clandestina dell’informazione” , dopo una serie di account sui social media, che i suoi agenti hanno utilizzato per prendere di mira il pubblico straniero in elaborati psicologici sforzi bellici, furono smascherati.

La classe dirigente non si fermerà davanti a nulla per garantire la completa conformità e la totale schiavitù dell’umanità. Dobbiamo continuare a essere consapevoli di ciò che stanno facendo per consolidare ed espandere il proprio potere. Se non riescono più a controllare la narrazione e il flusso di informazioni, perderanno e lo sanno.

Meta sta fingendo di essere la vittima innocente in questo, ma sapevano cosa stava succedendo e cosa stava facendo la classe dirigente ai suoi sudditi. Si sono resi colpevoli di ogni tipo di censura e sappiamo che stanno lavorando con i padroni per mantenere gli schiavi distratti, ingannati e divisi.

Traduzione a cura di Luciano Lago

Foto: Idee&Azione

30 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube