“Fatto!” Truss accusata di aver inviato un messaggio a Blinken dopo le esplosioni del Nord Stream

image_pdfimage_print

di Luciano Lago

L’ex primo ministro britannico Liz Truss subito dopo l’esplosione al Nord Stream ha inviato un messaggio al segretario di Stato americano Blinken “Tutto è fatto”, scrive l’edizione britannica del Daily Mail.

Lo stesso afferma il fondatore dei servizi di file hosting Megaupload e Mega, Kim Dotcom, dichiarato nemico dello stato negli States e più volte processato come pirata elettronico.

“Come diavolo facevano i russi a sapere che la Gran Bretagna ha fatto saltare in aria gli oleodotti Nord Stream insieme agli Stati Uniti? Molto semplicemente, Liz Truss ha usato il suo iPhone per inviare un messaggio a Blinken dicendo “È fatto” un minuto dopo l’esplosione dell’oleodotto e prima che qualcun altro lo sapesse”, ha twittato Dotcom. Tuttavia, afferma che le informazioni provenivano dal telefono Truss sbagliato, che, secondo i media, è stato violato dagli hacker.

La portavoce ufficiale del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha commentato la notizia: “Ad essere onesti, non mi interessa chi e come abbia ricevuto queste informazioni. Sono interessato alla risposta di Londra alla seguente domanda: il primo ministro britannico Liz Truss ha inviato un messaggio al Segretario di Stato americano Anthony Blinken subito dopo l’esplosione del gasdotto Nord Stream con le parole “È fatto”?

Una risposta ufficiale a questa domanda è attesa da milioni di persone in tutto il mondo che hanno il diritto di sapere cosa è successo alla sicurezza energetica mondiale e qual è il ruolo degli anglosassoni nell’atto terroristico commesso.

Foto: Idee&Azione

2 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube