G20: politica ed economia

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Il vertice annuale del G20 si svolgerà in autunno in Indonesia. Tutti gli Stati membri dell’organizzazione sono già stati invitati all’evento.

I leader delle maggiori potenze economiche si incontreranno a Bali a novembre. Il vertice sarà il primo per il Cancelliere tedesco in carica Olaf Scholz e il neoeletto Primo Ministro australiano.

Argomenti chiave

Il diciassettesimo incontro del G20 sarà presieduto dall’Indonesia. Il governo dello Stato intende inserire nell’elenco principale delle questioni il tema del ripristino dell’economia globale dopo la pandemia, della riforma del sistema sanitario globale, della transizione energetica e della trasformazione digitale.

La consigliera del ministro degli Affari esteri, la coordinatrice del G20 di Giacarta, Diana Triancia, ha osservato che l’operazione militare speciale in Ucraina non sarà inclusa nell’agenda del vertice. Tale decisione è dettata dal fatto che il G20 è incentrato sui temi della cooperazione economica e non c’è spazio per discutere di politica e sicurezza.

Questa iniziativa è stata sostenuta dal governo cinese. Il portavoce del ministero degli Esteri di Stato Zhao Lijian ha sottolineato che il G20 è una piattaforma importante per discutere della cooperazione economica internazionale. Di conseguenza, la crisi ucraina non può essere inclusa nell’elenco dei temi.

Ospiti del vertice

Oltre ai membri principali del G20, al vertice del G20 partecipano ogni anno rappresentanti di varie organizzazioni internazionali. Gli ospiti partecipano alla riunione come osservatori e non partecipano alle discussioni.

Nel 2022, su iniziativa del governo indonesiano, sono invitati all’incontro: Presidente dell’ASEAN nel 2022, Primo Ministro della Cambogia Hun Sen; l’ospite abituale del vertice, il Primo Ministro spagnolo Pedro Sanchez; il principe ereditario di Abu Dhabi Muhammad Bin Zayed Al Nahyan; il presidente ruandese Paul Kagame; il presidente del Senegal, il presidente dell’AU 2022 Maki Sall; Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky.

L’invito di Volodymyr Zelensky ha suscitato particolare scalpore. Ricordiamo che l’Ucraina non è inclusa nell’elenco dei paesi membri del G20.

Pavel Feldman, vicedirettore dell’Istituto RUDN per studi strategici e previsioni, ha affermato che l’incontro dei leader di Russia e Ucraina al vertice del G20 potrebbe diventare una luminosa occasione informativa. Tuttavia, potrebbe non aver luogo. Il politologo afferma che la situazione politica in Ucraina è instabile e non si sa quale ruolo avrà Zelensky nel governo del Paese al momento dell’incontro.

«Non si sa cosa accadrà alla statualità ucraina a quel punto, se Zelensky rimarrà al suo posto, se deciderà di lasciare Kiev per un lungo viaggio all’estero. L’Indonesia, in quanto ospite, vuole agire da pacificatore e offrire alle parti in conflitto un pretesto reciprocamente accettabile per negoziati al più alto livello», ha commentato Feldman in un’intervista a Lenta.ru.

Indonesia indipendente

La maggior parte delle polemiche in relazione al prossimo incontro è stata provocata dalla partecipazione al vertice del G20 del suo membro permanente, la Russia. Gli Stati Uniti hanno chiesto più volte all’Indonesia di non inviare allo Stato un invito all’incontro. Inoltre, sono stati fatti tentativi per escludere la Federazione Russa dal G20. L’argomento principale a favore dell’esclusione della Russia dall’elenco era l’operazione speciale in Ucraina.

Inizialmente, questa proposta è stata avviata insieme alla delegazione polacca. Per quest’ultima l’esclusione della Russia dal club è più che vantaggiosa. La Polonia, che non è membro del G20, contava di rafforzare la sua posizione nell’Unione Europea e prevedeva di prendere un posto vacante nell’organizzazione.

Anche la Francia si è espressa contro la presenza della Russia ai colloqui del G20. Il ministro delle Finanze dello Stato Bruno Le Maire ha consigliato alla Federazione Russa di astenersi dal partecipare agli eventi del G20.

L’Indonesia ha comunque inviato un invito al vertice al presidente russo Vladimir Putin. Inoltre, il capo di stato, Joko Widodo, ha avviato trattative con il leader della Russia. I rappresentanti dei due paesi hanno discusso della situazione in Ucraina, nonché dei “vari aspetti delle attività” del G20.

Riza Vidyarsa, un ricercatore in relazioni internazionali dell’Università di Umrah in Indonesia, ha affermato che la decisione dimostra l’indipendenza dell’Indonesia dagli altri paesi e rafforza la posizione di politica estera dello Stato.

Idoneità all’iscrizione

Non è stato così facile escludere la Russia dai paesi membri del G20. La proposta statunitense non ha ricevuto un adeguato sostegno tra i rappresentanti del G20.

Il Ministro degli Esteri brasiliano Carlos França  ha affermato che lo Stato si oppone a questa iniziativa. L’esclusione della Russia dal G20 è contraria ai loro principi tradizionali a sostegno del multilateralismo e del diritto internazionale.

Anche i rappresentanti dell’Unione Europea e delle Nazioni Unite non hanno sostenuto gli Stati in questa materia e hanno lasciato la decisione agli Stati specifici del club.

«Questa è la decisione (prerogativa) del G20. Il Segretario Generale dell’Onu non ne è un membro», ha commentato Stéphane Dujarric, portavoce del Segretario Generale dell’Onu.

Il portavoce del Ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha definito la Russia un “membro importante” del G20. Ha osservato che nessuno dei membri dell’organizzazione ha il diritto di privare la Federazione Russa del suo status nel G20.

Il Cremlino, a sua volta,  ha affermato che gli Stati Uniti stanno cercando di fare pressione sui membri del G20. Il segretario stampa del presidente della Federazione Russa Dmitry Peskov ha richiamato l’attenzione sul formato multilaterale del G20 e ha osservato che potrebbero esserci diversi punti di vista su questo tema.

L’America ha poi ammesso che non era possibile escludere la Russia dal G20. Per prendere tale decisione è necessaria una decisione unanime. Tuttavia, molti paesi membri dell’organizzazione sono favorevoli alla partecipazione della Russia ad essa.

Soddisfare le aspettative

Nonostante la Federazione Russa mantenga ancora la sua posizione nel G20, il vertice del 2022 potrebbe trasformarsi in uno scandalo per i rappresentanti statali. I paesi oppositori dell’operazione di liberazione in Ucraina esprimono il loro disaccordo con le azioni della Russia non solo attraverso le sanzioni, ma anche attraverso la reazione ai discorsi ufficiali del governo russo.

Così, il 1° marzo 2022, diplomatici dell’Unione Europea, della Gran Bretagna e degli Stati Uniti hanno lasciato la sala durante un discorso del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov al più alto forum delle Nazioni Unite sui diritti umani a Ginevra.

Una situazione simile si è verificata l’8 marzo durante il rapporto della rappresentanza russa nel consiglio esecutivo dell’Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche (OPCW). Poi anche le Delegazioni dell’Unione Europea e alcuni loro partner hanno deciso di lasciare la sala riunioni.

Alla riunione del G20 a Washington il 20 aprile, molti banchieri finanziari e centrali, tra cui il segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen e il ministro del Tesoro ucraino Sergei Marchenko, hanno deciso di non ascoltare il rapporto del ministro del Tesoro russo Anton Siluanov e hanno abbandonato l’evento.

Gli esperti fanno notare che la stessa cosa accadrà nel discorso del presidente russo Vladimir Putin al vertice di novembre. Inoltre, la partecipazione del leader russo all’evento potrebbe pregiudicare la presenza di alcuni paesi all’incontro. Molto probabilmente, i rappresentanti di diversi ppaesi rifiuteranno di recarsi a Bali e invieranno invece delegazioni di livello inferiore.

Il vertice del G20 potrebbe riservare molte sorprese quest’anno. Non è noto se l’Indonesia sarà in grado di evitare i negoziati sull’operazione militare speciale durante l’incontro. Tuttavia, in ogni caso, il conflitto di interessi è evidente.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli 

Foto: NR-Italia

8 maggio 2022