Geopolitica delle isole: controversie territoriali e altri aspetti della geografia marittima

image_pdfimage_print

di Leonid Savin

All’inizio di aprile si sono verificati due eventi apparentemente non correlati: l’Argentina ha celebrato il 40° anniversario dell’inizio della guerra per le Isole Malvinas (in una prima fase era a favore di Buenos Aires, ma alla fine la Gran Bretagna ha eliminato gli argentini e hanno capitolato), nonché un’espressione di preoccupazione di diversi paesi per l’imminente firma di un trattato tra la Cina e le Isole Salomone nel Pacifico.

In effetti, entrambi i casi riflettono un fattore molto importante nella geopolitica mondiale: l’importanza delle isole come roccaforti, basi militari e territori sovrani (altrimenti dipendenti), che sono contesi. Sebbene uno dei primi geopolitici Halford Mackinder abbia utilizzato il concetto di isola del mondo per l’Eurasia e l’Africa, e anche le isole britanniche o Cuba sono argomenti piuttosto importanti di politica internazionale, in questo rapporto analizzeremo le funzioni, il ruolo e il significato delle piccole isole , o anche scogli e attolli. Tuttavia, molti casi sono piuttosto unici.

Il caso delle isole Malvinas (secondo Londra – le Falkland) è una pura sfida alla sovranità. Il 2 aprile 1982, l’Argentina tentò di riprendere queste isole con la forza e riuscì a prendere piede su di esse per qualche tempo. Tuttavia, il governo di Margaret Thatcher inviò un gruppo di portaerei nell’area del conflitto e, per una serie di ragioni oggettive (l’indecisione della leadership argentina, i problemi con le munizioni e la logistica), l’Argentina ha perso.

Quarant’anni dopo, la questione è ancora irrisolta. Allo stesso tempo, la maggior parte dei paesi dell’America Latina riconosce la sovranità dell’Argentina sulle Malvine (anche la Russia), mentre tutto l’Occidente è dalla parte della Gran Bretagna. Queste isole sono importanti dal punto di vista della sicurezza dell’Atlantico meridionale. Poiché la Gran Bretagna è membro della NATO, la sua presenza ai confini del cono del continente (da dove si apre la strada per l’Antartide) suscita costante preoccupazione tra i paesi che non provano simpatia per la politica anglosassone.

Un caso a noi geograficamente più vicino è quello delle Isole Aland nel Mar Baltico, che formalmente appartengono alla Finlandia, ma hanno uno status autonomo. Inoltre, hanno una propria giurisdizione doganale, un parlamento e un governo separati.

Le isole hanno uno status smilitarizzato. Sorge la domanda: cosa accadrà se la Finlandia si unirà alla NATO? Queste isole rimarranno senza un contingente militare o il loro status sarà rivisto, come è successo con l’isola svedese di Gotland in tempi relativamente recenti (ovviamente sotto l’influenza della russofobia gonfiata artificialmente)?

Gli Stati Uniti, invece, sono i maggiori esperti nella manipolazione delle isole. E le basi per questo furono gettate nel IXX secolo. Il fondatore dell’atlantismo, Alfred Mahan, in un articolo del 1890 “The United States Looks Outward” sottolineò che «condizioni politiche instabili, come ad Haiti, nell’America centrale, e in molte isole del Pacifico, specialmente nel gruppo hawaiano, combinate con un grande valore militare o commerciale, come è il caso della maggior parte di queste posizioni, comporta, come sempre, pericolosi germi di discordia, per i quali è almeno saggio essere preparati.

Indubbiamente, l’umore generale dei popoli è più avverso alla guerra di quanto non fosse ai vecchi tempi. Se non siamo meno egoisti e avidi dei nostri predecessori, abbiamo una maggiore avversione per i disagi e le sofferenze che accompagnano il turbamento della pace; ma per mantenere questa stimata pace e il sereno godimento dei profitti del commercio, è necessario combattere il nemico con eguali termini di forza».

E ancora: «Francia e Inghilterra stanno già dando ai porti che detengono un grado di potenza artificiale, inappropriato per la loro importanza attuale. Guardano al futuro prossimo. Tra le isole e sulla terraferma ci sono molte posizioni molto importanti ora occupate da Stati deboli o instabili. Gli Stati Uniti devono essere venduti a un potente concorrente? Ma quale diritto si appellerà contro un tale cambiamento? Può solo affermare una cosa: la sua politica prudente sostenuta dal suo potere » [1].

Ora Porto Rico nei Caraibi e nel Pacifico, Guam, Hawaii e un certo numero di isole e atolli a sud servono gli Stati Uniti per una varietà di scopi. Guam fu catturata dalla Spagna durante la guerra nel 1898. Ora è un possedimento degli Stati Uniti, il che significa che l’isola non fa parte degli Stati Uniti ed è “ufficialmente elencata come territorio organizzato non incorporato degli Stati Uniti”.

Allo stesso tempo, c’è un delegato di Guam alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, tuttavia le sue funzioni non sono del tutto chiare, poiché non ha diritto di voto. Apparentemente, questa è una specie di elemosina simbolica da Washington, in modo che i residenti locali non siano particolarmente indignati, perché sull’isola c’è un movimento per l’indipendenza.

E Washington ha qualcosa da perdere: ora c’è la più grande base militare strategica statunitense nell’Oceano Pacifico. Il personale militare statunitense è concentrato principalmente presso la base dell’aeronautica di Andersen e la base navale di Apra Harbour. Considerando le brevi distanze nell’Oceano Pacifico (ad esempio, fino alla costa della Cina – circa cinquemila chilometri, in Australia un po’ meno), il Pentagono cercherà di mantenere questo avamposto.

Gli Stati Uniti hanno le loro basi in territori stranieri. L’isola di Taiwan viene spesso definita la più grande portaerei americana inaffondabile. Ma la base più settentrionale dell’esercito americano – Thule, si trova in Groenlandia, che appartiene alla Danimarca, ma decine di volte più grande di questo regno nel nord Europa.

Nel XX secolo, gli Stati Uniti hanno utilizzato alcune delle isole per testare armi nucleari: i famigerati atolli di Bikini (a proposito, scoperti da un capitano russo) ed Eniwetok nelle Isole Marshall hanno subito l’impatto di 67 testate nucleari. Molte popolazioni indigene delle isole vicine sono morte di cancro e la radioattività supera ancora il limite consentito [2].

Non si possono trovare cose meno interessanti nel Mediterraneo. L’isola greca di Kastellorizo ​​si trova a due chilometri al largo della costa meridionale della Turchia e a centinaia di chilometri al largo della costa greca, comprese altre isole maggiori come Rodi e Cipro.

Il gruppo di isole che comprende Kastellorizo, Rho e Strongili è molto importante per la zona economica esclusiva greca in quanto è il territorio più orientale della Grecia e ai sensi del diritto del mare delle Nazioni Unite e del diritto internazionale consuetudinario la Grecia può rivendicare la maggior parte del bacino del Mediterraneo orientale.

Oltre a questo gruppo di isole, ve ne sono altre nel Mar Egeo vicine alla Turchia, il che pone il problema della sovrapposizione delle acque territoriali e dello spazio aereo dei due paesi [3].

Ogni anno si verificano incidenti tra i due paesi legati al fatto che gli aerei militari turchi invadono regolarmente il territorio greco e, in risposta, la Grecia solleva i suoi caccia per intercettarli. Negli anni ’90 ci sono stati persino casi di vittime di piloti da entrambe le parti. Finora, questo problema non è stato risolto.

Un argomento abbastanza vicino è la zona di difesa aerea (AD). Pertanto, i cambiamenti del diritto internazionale negli ultimi decenni hanno trasformato i parametri delle zone di difesa aerea dell’Asia orientale e le corrispondenti rivendicazioni giurisdizionali. Le zone di difesa aerea giapponesi e sudcoreane sono state istituite prima dell’adozione della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare nel 1982, che stabiliva che le acque/spazio aereo territoriali si estendessero per 12 miglia nautiche (22 km) dalla costa del paese e la zona economica esclusiva (ZEE) 200 miglia nautiche (370 km).

La roccia allagata di Yeodo nel Mar Giallo, a 149 km dall’isola sudcoreana di Jeju, in precedenza non era inclusa nella zona di difesa aerea della Corea del Sud a causa di una semplice svista. Seul ha esteso la sua zona di difesa aerea nel 2013 a causa del fatto che si trovava in acque internazionali e non nella zona di difesa aerea sudcoreana al momento dell’istituzione della zona di difesa aerea. L’espansione di questa zona della Corea del Sud ha portato al fatto che la sua zona di difesa aerea si è sovrapposta a quella giapponese su Iodo, sebbene non vi sia disaccordo tra Giappone e Corea del Sud su questo tema.

Tuttavia, mentre il diritto internazionale sostiene che uno scoglio sommerso al di fuori delle acque territoriali di uno stato non può essere oggetto di controversia su questo territorio, Cina e Corea del Sud hanno a lungo contestato il diritto alla giurisdizione sulla zona marittima intorno a Iodo, che rientra nelle zone di difesa aerea sovrapposte dei due paesi.

Il 23 novembre 2013, la Cina ha raggiunto un livello prescritto di controllo dello spazio aereo nel Mar Cinese Orientale attraverso l’istituzione della sua prima zona di difesa aerea. La Cina ha progettato la sua zona di difesa aerea in modo che si sovrapponesse alle zone di difesa aerea del Giappone, a sud.

Corea e Taiwan, nonostante le giurisdizioni territoriali e marittime contestate come le isole Senkaku controllate dai giapponesi (versione cinese di Diaoyu) e le acque intorno a Iodo, hanno suscitato proteste da parte di funzionari giapponesi, sudcoreani e statunitensi [4].

La Corea del Sud ha chiesto alla Cina di ridisegnare la sua zona di difesa aerea per eliminare questa sovrapposizione, ma la Cina ha rifiutato di apportare modifiche. Nel dicembre 2013, la Corea del Sud ha risposto espandendo la sua zona di difesa aerea per includere Iodo. Nessuno di questi tre paesi attualmente riconosce la zona di difesa aerea cinese.

La Cina, in generale, che ha proposto una strategia unica di creare isole artificiali e dichiarare la sovranità su di esse. Ciò è accaduto nelle Isole Paracel precedentemente disabitate e nelle Isole Spratly nel Mar Cinese Meridionale [5].

Nell’ambito del concetto geopolitico della “Collana di perle”, la Cina ha bisogno delle isole come basi di trasbordo e roccaforti. Pertanto, Pechino stipula attivamente accordi di locazione con gli stati insulari e offre i suoi servizi. In Sri Lanka, la Cina ha contribuito alla costruzione di strutture nel porto di Hambantota e, poiché non c’era nulla da pagare, è stato stipulato un contratto di locazione a lungo termine [6].

Ma torniamo alle Isole Salomone, da cui abbiamo iniziato la pubblicazione. Finora è stata preparata solo una bozza di accordo.

L’”accordo quadro” di sei articoli, strombazzato dai media occidentali, ha una formulazione piuttosto vaga. Gli Stati Uniti, l’Australia e la Nuova Zelanda ritengono che ciò consentirà alla Cina di condurre operazioni militari e di intelligence su larga scala e diversificate, nonché di partecipare attivamente al mantenimento dell’ordine pubblico schierando “polizia, polizia armata, personale militare e altre forze dell’ordine e forze militari”.

La sovranità delle Isole Salomone sarebbe presumibilmente protetta da poteri dettagliati che controllano l’intervento cinese, come il “consenso” alle visite delle navi della Marina Cinese. Tuttavia, l’inclusione di una frase che apparentemente dà a entrambi i paesi il diritto di agire “secondo i propri bisogni” ha accresciuto i timori su ciò che potrebbe accadere se l’accordo entrasse in vigore.

L’accordo garantirà anche a tutto il personale cinese “l’immunità legale e giudiziaria” e le spese saranno decise “attraverso consultazioni amichevoli delle parti”.

L’autenticità delle informazioni contenute nel documento non è stata confermata fino al 25 marzo 2022, quando il governo delle Isole Salomone ha ufficialmente riconosciuto che stavano cercando di “aumentare la cooperazione in materia di sicurezza con più partner”. Hanno anche confermato che l’accordo quadro con la RPC non è stato ancora firmato, sebbene il governo delle Isole Salomone intenda completarlo nonostante la crescente pressione regionale.

È necessario considerare anche qui la situazione interna delle Isole Salomone, dal momento che dal 26 novembre 2021, su richiesta del primo ministro Manasseh Sogaware, hanno iniziato ad arrivare nel Paese forze di pace regionali provenienti da Australia, Nuova Zelanda, Fiji e Nuova Guinea. Questa richiesta di aiuto arriva sulla scia dei disordini scoppiati due giorni prima nella capitale Honiara. La residenza del capo del governo e l’edificio del parlamento nazionale stavano per essere catturati dai ribelli.

Le stesse rivolte sono state innescate da disaccordi di lunga data tra la provincia più popolosa e più grande delle Isole Salomone, Malaita (che copre l’intera isola con lo stesso nome), che è cronicamente a corto di risorse, e gli abitanti dell’isola principale di Guadalcanal (dove si trova Honiara), dove spesso molti Malaita devono stabilirsi per trovare lavoro.

Le tensioni si sono intensificate nel conflitto armato tra i malesi e la popolazione di Guadalcanal nel 1998. La situazione è peggiorata al punto che la Missione di assistenza regionale per le Isole Salomone (RAMSI) a guida australiana è arrivata nel paese su richiesta dell’allora Primo Ministro nel 2003 e vi è rimasta fino al 2017. In questo momento, l’Australia ha firmato un accordo di sicurezza con le Isole Salomone.

Le tensioni irrisolte tra Malaita e il governo si sono nuovamente intensificate nel settembre 2019, quando il primo ministro Sogaware ha revocato bruscamente l’impegno di 36 anni del paese nei confronti di Taiwan. I politici di Malaita si sono opposti alla decisione, dichiarando il loro continuo sostegno a Taiwan.

Hanno accusato il governo Sogaware di aver abbandonato i progetti di sviluppo e altre forme di sostegno alla provincia di Malaita come rappresaglia per la loro posizione pro-Taiwan, che ha innescato le rivolte. In tal modo, gli attacchi hanno preso di mira una comunità di origine cinese a Honiara. E l’accordo quadro prevede la “protezione” del personale cinese e “grandi progetti” come fattore scatenante per l’intervento cinese.

Quando le forze di pace regionali hanno risposto alla richiesta di aiuto di Sogaware, i leader di Malaita si sono opposti all’intervento sostenendo che sosteneva un “leader profondamente corrotto e profondamente impopolare”.

La stratificazione delle tensioni tra Cina e Taiwan sulle divisioni interne è aumentata di nuovo nel dicembre 2021, quando Sogaware ha accusato i rivoltosi di essere “agenti di Taiwan” e ha annunciato che la Cina avrebbe inviato sei istruttori di polizia con attrezzature “non letali” per lavorare con la polizia. .

Secondo gli esperti americani, “l’ 80° anniversario dell’epica battaglia di Guadalcanal durante la seconda guerra mondiale, che si avvicina rapidamente, mette in evidenza l’eccezionale importanza delle Isole Salomone per la sicurezza di Australia, Nuova Zelanda, Papua Nuova Guinea (in particolare lo stato in via di sviluppo di Bougainville, situato a nord del confine delle Isole Salomone), Nuova Caledonia, Vanuatu e Fiji, e la regione al di fuori degli immediati vicini delle Isole Salomone.

Vale la pena considerare quanto è costata questa battaglia a tutte le parti, poiché gli abitanti delle Isole Salomone sono ancora alle prese con detriti di guerra residui e pericolosi. Sebbene la situazione della sicurezza sia cambiata radicalmente negli otto decenni dalla battaglia di Guadalcanal, i principi di base che hanno reso questa battaglia decisiva per invertire le sorti della guerra e scongiurare l’imminente invasione giapponese dell’Australia rimangono immutati.

Le Isole Salomone si trovano a 2.000 miglia (o meno di quattro ore in aereo) a est dell’Australia settentrionale. Attraversano importanti rotte marittime e di comunicazione e, come nel 1942, il loro controllo da parte di una potenza ostile rappresenta una minaccia per le difese dell’Australia e oltre.

L’accordo quadro consentirà una presenza militare significativa per l’Esercito Popolare di Liberazione nelle Isole Salomone (è probabile che i disordini civili servano da pretesto per l’invasione delle Isole Salomone da parte dell’EPL) e consentirà anche alla Marina dell’EPL di visitare regolarmente le navi e rifornire la logistica.

Il contraccolpo regionale, guidato da Australia e Nuova Zelanda, è stato fortemente contrario all’accordo. Il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern lo ha definito “estremamente inquietante”. L’accordo proposto non è solo il risultato della cooperazione regionale e del sostegno al governo delle Isole Salomone nell’invio di forze di pace lo scorso novembre, ma è anche accompagnato da altre manifestazioni di sostegno.

Ciò include un annuncio nel febbraio 2022 durante la visita del Segretario di Stato Anthony Blinken nel Pacifico che gli Stati Uniti riapriranno un’ambasciata a Honiara, chiusa dal 1993. Al momento dell’annuncio, Blinken ha affermato che la mossa era per impedire alla Cina di “infiltrarsi saldamente” nella nazione del Pacifico meridionale.

Di fronte a una dura battaglia per la rielezione, con le relazioni con la Cina un fattore importante, il primo ministro australiano Scott Morrison è stato criticato per come le sue politiche sui cambiamenti climatici e i tagli agli aiuti esteri, in particolare alle Isole Salomone, abbiano minato l’influenza dell’Australia negli interessi della Cina.

Il governo Morrison ha utilizzato ampiamente il termine “famiglia del Pacifico” come un modo per esprimere legami profondi tra i sudditi tradizionali del Pacifico, il che esclude implicitamente la Cina. Il dispiegamento di questa retorica sentimentale non sembra aver avuto successo come strategia.

Non c’è dubbio che l’emergere dell’accordo quadro sia una pillola amara per tutti i paesi che hanno lavorato insieme negli ultimi mesi per contrastare l’influenza della Cina nel Pacifico attraverso vari mezzi. È impossibile evitare la sensazione che questo accresciuto interesse per il Pacifico arrivi troppo tardi.

Questa recente esplosione di attività è evidente nel patto di sicurezza AUKUS tra Australia, Regno Unito e Stati Uniti annunciato nel settembre 2021 e nella strategia indo-pacifica lanciata dalla Casa Bianca di Biden nel febbraio 2022. Alcuni commentatori ora chiedono una revisione completa della strategia delle Isole Salomone, in particolare con il primo ministro Sogaware e il suo governo» [7].

Quindi, il Center for Strategic and International Studies, a nome del suo esperto, ha esplicitato gli obiettivi e gli interessi reali degli Stati Uniti: questa è la conservazione del suo controllo sull’Oceano Pacifico. E nel quadro della strategia indo-pacifica, vediamo un tentativo di espandere la zona di influenza [8].

In effetti, le varie isole potrebbero essere più di semplici basi aeree o navali. Se la sovranità di uno stato è stabilita anche su un piccolo punto di terra nell’oceano, allora, secondo il diritto internazionale, questa sovranità si estende alla zona economica esclusiva, così come allo spazio aereo.

La superficie dell’acqua può essere utilizzata per catturare i frutti di mare e la piattaforma del mare può essere utilizzata per cercare ed estrarre risorse naturali: idrocarburi, minerali e metalli delle terre rare. L’esaurimento delle tradizionali miniere minerarie in vari paesi sta costringendo numerose aziende a rivolgersi sempre più a questo promettente tipo di estrazione di risorse naturali.

La “blue economy”, come i ricercatori moderni chiamano i progetti legati alle risorse marine, anche se sono in profondità sott’acqua, ha un serio potenziale di arricchimento. E la presenza di isole facilita notevolmente lo sviluppo del fondale marino, poiché consente di posizionare lì attrezzature, personale, immagazzinare e elaborare risorse e anche svolgere ulteriore logistica in base ai propri interessi.

Questo, a sua volta, incoraggia i paesi a prendere più seriamente la protezione delle loro isole e territori d’oltremare. La Francia, ad esempio, in Oceania ha le isole di Wallis e Futuna, che sono formalmente i regni di Alo e Sigaw, ma fanno parte della Repubblica Francese secondo i termini del trattato di protettorato del 1887.

Per questo motivo, la Francia afferma di avere una presenza commerciale, economica, politica e, di conseguenza, militare nel Pacifico. E in generale, la totalità dei possedimenti marittimi della Francia supera gli 11 milioni di kmq., che è venti (!) volte più grande del territorio continentale della Francia.

Al primo posto in termini di possedimenti marittimi ci sono gli Stati Uniti, i veri padroni dei mari. Significativamente, la disponibilità di risorse può causare tensioni politiche tra la metropoli e le province. Quindi, dopo aver appreso che il gruppo minerario francese Eramet stava pianificando uno sviluppo sottomarino del cratere Koulolasi, dove si trovano depositi di metalli delle terre rare, la popolazione di Wallis e Futuna, insieme ai loro governanti, protestò contro Parigi e minacciò persino la secessione.

E quante altre microisole ci sono nel Pacifico e nell’Oceano Atlantico, e entità ancora più grandi non sono contrarie a trasformare le loro economie in condizioni adeguate e unirsi alla corsa per le terre rare e altre risorse dal fondo del mare. 

Questi fattori complessi sono sempre stati associati alle isole, ma nell’attuale era di globalizzazione e allo stesso tempo di trasformazione dell’ordine geopolitico mondiale, il loro ruolo e il loro status sono notevolmente aumentati.

Note:

[1] Alfred T. Mahan, “The United States Looking Outward”, Atlantic Monthly, LXVI (dicembre 1890), 816-24.

[2] phys.org

[3] turkishweekly.net

[4] fas.org

[5] gazeta.ru

[6] ng.ru

[7] csis.org

[8] ondsk.ru

Traduzione a cura di Alessandro Napoli

Foto: NR-ITalia

23 aprile 2022