Giustizia o vendetta?

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon.com

La Westminster Magistrates’ Court di Londra ha emesso un ordine di estradizione negli Stati Uniti per il fondatore di WikiLeaks Julian Assange. La decisione finale su questo caso dovrebbe essere presa dal capo del ministero dell’Interno britannico Priti Patel, ha affermato il dipartimento.

Gli Stati Uniti hanno presentato per la prima volta una richiesta di estradizione per Assange nell’aprile 2019. Washington accusa il giornalista di aver ottenuto e pubblicato illegalmente dati relativi alla difesa statunitense. Se la richiesta viene accolta, Assange rischia fino a 175 anni di carcere.

Il creatore di WikiLeaks è stato inizialmente imprigionato in una prigione britannica in seguito alle accuse di molestie sessuali da parte della Svezia nel 2012. La Gran Bretagna ha dovuto decidere sulla sua estradizione. Assange è stato rilasciato su cauzione. Successivamente, non si è presentato in tribunale e si è rifugiato presso l’ambasciata ecuadoriana a Londra, dove è rimasto per i successivi sette anni. Nel 2019 il presidente dell’Ecuador, Lenin Moreno, ha privato il giornalista dell’asilo politico. Questa decisione è stata presa a causa del fatto che il fondatore di WikiLeaks ha violato la regola internazionale di non interferire negli affari interni di altri stati.

Violazione dei diritti dell’individuo

Gli esperti considerano la situazione intorno all’arresto di Assange politicamente motivata. Quindi, un avvocato, specialista in diritto civile e internazionale, Maria Yarmush, ha condiviso la sua opinione in un’intervista con RT secondo la quale il Regno Unito seguirà chiaramente qualsiasi richiesta degli Stati Uniti. In questo caso, le leggi vigenti nel territorio dello Stato potrebbero non essere prese in considerazione.

Pavel Feldman, vicedirettore del RUDN Institute for Strategic Studies and Forecasts, afferma che per gli Stati Uniti Assange è un nemico dello Stato e che la Gran Bretagna non può rifiutare ai suoi partner “il piacere di regolare i conti” con lui.

L’esperto legale iracheno Ghanem Al-Aifan ha affermato, secondo il diritto internazionale, «se il fondatore di WikiLeaks è elencato nel Regno Unito nello status di figura di opposizione agli Stati Uniti o in generale di attivista e critico di un altro regime politico, non può essere estradato… Tuttavia, se non è stato registrato come membro dell’opposizione, secondo l’accordo tra i due paesi, il Regno Unito ha il diritto di estradarlo».

In particolare, la Corte Suprema a marzo non ha consentito ad Assange di impugnare la decisione di espulsione. L’argomento principale a favore del rifiuto era l’assenza di un momento giuridico controverso nel documento.

L’organizzazione per i diritti umani Amnesty International ritiene che circa 30 articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani siano stati violati durante il processo a Julian Assange. Questi includono: il diritto alla vita e all’integrità personale, l’inammissibilità della tortura, il divieto di arresto arbitrario, la necessità di garantire un processo equo, il diritto all’asilo e altri. Pertanto, se il giornalista viene espulso negli Stati Uniti, il Regno Unito violerà i suoi obblighi internazionali di rispetto dei diritti umani.

Confronto di opinioni

Il Regno Unito è considerato il luogo di nascita della libertà di stampa. È stato in questo paese che la libertà di parola e di stampa è stata sancita per la prima volta attraverso la pubblicazione di emendamenti alla legge costituzionale del paese, meglio conosciuta come la “Carta dei Diritti”. Il governo dello Stato ha più volte ricordato l’importanza del rispetto di questa legge e l’ha definita un “valore globale”. Non sorprende che le azioni contro Julian Assange siano percepite da molti paesi come una violazione di questo patto.

Il Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa, rappresentato da Maria Zakharova, ha riconosciuto la decisione di estradare la giornalista alle autorità americane «come un verdetto su tutte le argomentazioni demagogiche di Washington e Londra sulla libertà di parola, il pluralismo e le loro pretese morali superiorità nel mondo moderno». Zakharova ha osservato che il permesso di estradizione è stato rilasciato in tempo.

«L’intera comunità mondiale è stata portata in una realtà diversa, incentrata sulla russofobia. E in questo stato, in linea di principio, puoi fare tutto e persino estradare Assange negli Stati Uniti, nonostante le richieste degli attivisti per i diritti umani e le proteste pubbliche», ha commentato il rappresentante del dipartimento.

Il governo australiano, al contrario, sostiene la decisione di estradare Assange negli States. Il ministro delle finanze Simon Birmingham ha affermato di avere fiducia nel sistema giudiziario del Regno Unito. Osserva che l’ordine legale della nazione insulare include processi di ricorso. Inoltre, è stato il modello britannico a costituire la base del sistema australiano, e questo non può essere messo in dubbio.

La Cina, invece, è venuta in difesa del giornalista e ha concluso che questa situazione dimostrava i doppi standard degli Stati Uniti in materia di libertà di parola. Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha aggiunto che d’ora in poi ogni dichiarazione di Washington sulla libertà di parola e di stampa sarà indissolubilmente legata al destino di Assange.

L’organizzazione internazionale non governativa Reporters sans frontières chiede al Regno Unito di agire in base all’impegno del Paese a proteggere la libertà di stampa. Inoltre, la rappresentante di RSF a Londra, Rebecca Vincent, nella sua dichiarazione alla vigilia di un’udienza chiave del caso, ha chiesto il rifiuto dell’estradizione del giornalista.

Movimenti di protesta

L’arresto e l’eventuale deportazione di Julian Assange hanno scatenato un’ondata di movimenti di protesta a suo sostegno. L’ultima azione del genere ha avuto luogo il 20 aprile vicino all’edificio della Corte di Westminster. In questo giorno è stata decisa la questione dell’emissione di un ordine di estradizione per Assange.

I sostenitori del fondatore di WikiLeaks tenevano manifesti con i seguenti slogan: “Non estradate Assange. Il giornalismo non è un crimine”, “Riposa in pace la giustizia britannica”, “In carcere i criminali di guerra, liberate Assange”.

«Il processo di oggi è un circo. Se Assange viene estradato negli Stati Uniti, significa che qualsiasi giornalista può essere incarcerato per il suo lavoro», ha detto un attivista vestito con una tunica da giudice.

Anche le star occidentali hanno parlato in precedenza a sostegno del giornalista. Il fratellastro di Assange, Gabriel Shipton, il fondatore dei Pink Floyd Roger Waters e la famosa attrice Susan Sarandon hanno preso parte al picchetto il 13 dicembre 2021 a New York. I manifestanti hanno esortato il governo britannico a non estradare Assange e l’amministrazione statunitense a lasciarlo in pace.

Aspettative di espulsione

Nella sua prima decisione del gennaio 2021, il tribunale britannico ha rifiutato di espellere Julian Assange. Tale verdetto è stato dettato dal fatto che il giornalista soffre di disturbi mentali, che possono poi portare al suicidio. La parte americana ha chiamato queste disposizioni speculazione.

Il governo degli Stati Uniti ha presto promesso che Assange non sarebbe stato imprigionato nel carcere di massima sicurezza. Inoltre, gli permetteranno di scontare il suo mandato nella sua terra natale in Australia.

Il politologo Alexander Asafov osserva che gli Stati Uniti hanno dovuto lavorare sodo per ottenere una soluzione favorevole per loro.

«Questa è una questione di vendetta di un enorme stato su una singola persona premurosa», ha detto l’analista.

Pavel Feldman presume che negli Stati Uniti il ​​giornalista dovrà affrontare un duro processo, che sarà dimostrativo. Dal momento che Assange ha rivelato i “segreti più oscuri” d’America, è il loro principale nemico. Non appena l’informatore sarà nelle mani delle autorità, queste avranno l’opportunità di reprimerlo pubblicamente.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli

Foto: Katehon.com

28 aprile 2022