Gli ABC dei valori tradizionali. Parte 1: Tradizione

image_pdfimage_print

di Konstantin Malofeev, Arciprete Andrei Tkachev, Aleksandr Dugin

Konstantin Malofeev: Recentemente è stato emanato il Decreto presidenziale 809 che approva la Politica statale di base per la conservazione e il rafforzamento dei valori spirituali e morali tradizionali. Ora vorremmo parlare di questi valori tradizionali, per definirli. In modo che tutti possano pensare allo sconvolgimento avvenuto in Russia, quando gli abomini liberali sono stati sostituiti dai valori tradizionali. Ma prima parliamo della tradizione in quanto tale. I miei interlocutori sono Aleksandr Dugin e padre Andrey Tkachev. Aleksandr Gel’evič, cos’è esattamente la tradizione?

Aleksandr Dugin: La cosa più importante è capire cosa si oppone alla tradizione. Se comprendiamo questo, comprenderemo il significato della tradizione. La tradizione si oppone alla modernità, si oppone alla modernità, si oppone all’idea di progresso onnipotente, che va sempre dal meno al più. In una visione del mondo materialista, siamo abituati a vedere il mondo come un costante miglioramento della storia umana, ma la tradizione dice il contrario: è ciò che ha preceduto che conta. Sono le origini ad essere fondamentali e determinanti.

Se parliamo di valori tradizionali, allora stiamo difendendo ciò che appartiene alle radici. Ai padri portatori di Dio, all’inizio del mondo, a ciò che sta alla base del mondo, al suo fondamento. E quando parliamo di valori contemporanei, significa che, al contrario, ogni nuova edizione di essi supera, sostituisce la precedente e poi ci rapportiamo a ciò che sta accadendo in modo completamente diverso. Dal punto di vista della tradizione, ciò che conta è ciò che c’era all’inizio e ciò che c’è sempre stato. In termini di modernità, al contrario, ciò che arriva ora, che è l’ultimo di una catena di eventi, invenzioni, scoperte.  Il presente qui sostituisce il passato.

Dal punto di vista della tradizione, il passato è un punto di riferimento per il presente. E se guardiamo alla storia europea nel passaggio alla modernità, vedremo che la base dei valori tradizionali era l’Eternità, mentre la base dei valori moderni era il tempo. La modernità si basa sul presupposto che non esiste l’Eternità, ma solo il tempo.

Il valore tradizionale è Dio e il valore moderno è l’uomo. Il valore tradizionale è il cielo, quello moderno è la terra. Il valore tradizionale è lo spirito, il valore moderno è la materia.

Esiste un’opposizione fondamentale tra tradizione e modernità e, se giuriamo, come giuriamo ora, sui valori tradizionali, anche se c’è un decreto presidenziale di questo tipo – in realtà rovescia un modo di pensare abituale. Stiamo scoprendo qualcosa di completamente dimenticato: la tradizione e la sua logica, la sua struttura, la sua filosofia.

Arciprete Andrei Tkachev: “Ricordati da dove vieni e pentiti”, dice l’Apocalisse dell’apostolo Giovanni Evangelista. Questo “ricordati da dove sei caduto” è la memoria del passato. Mnemosyne regna nel coro delle muse, è la principale musa della memoria. E questa memoria viva, di fatto, costruisce il presente. Agli ebrei fu detto: “Guardate la roccia da cui siete stati tagliati”, riferendosi ad Abramo, ma poi l’uomo dalla roccia diventa un masso, dal masso diventa macerie, e poi le macerie diventano polvere…

Questo, infatti, è il progresso al suo peggio. In quanto tale, non c’è alcun progresso. Dopotutto, bisogna parlarne a voce alta. Perché, ad esempio, le opere di Bach scritte durante la notte sono state date a gruppi di studenti che le hanno imparate in due giorni, ma oggi il nostro conservatorio lo insegna da anni. E se si mettono insieme tutti i filosofi, si ottiene solo il tallone di Platone. O l’orecchio di Aristotele. Cioè si può studiare Aristotele per tutta la vita e non capirlo per tutta la vita.

Il meglio, stranamente, è già stato fatto. Dobbiamo costantemente misurarci con i migliori. Al contrario del progresso, che trasforma le rocce in ammassi, gli ammassi in macerie e le macerie in polvere. In realtà, questo è il progresso che ci viene offerto.

K.M.: Ciò che sorprende, da un punto di vista giuridico, è che questa tradizione sia apparsa solo di recente nei nostri regolamenti. Quella profondità che avete appena detto non era presente nella nostra legislazione. E i valori tradizionali sono una sorta di eufemismo che nasconde il religioso: l’ortodossia per gli ortodossi o qualsiasi altra morale religiosa.

Nell’odierna legislazione secolare, infarcita di ogni parola altisonante, prevale la burocrazia – timbrata, parole basse. Le alte parole sono scomparse dalla nostra legislazione nel 1917. Se aprite il codice delle leggi dell’Impero russo, rimarrete sorpresi da quanto siano scritte in modo poetico e se leggete lo Statuto dello zar Alexei Mikhailovich o i 100 capitoli di Ivan il Terribile, rimarrete stupiti da ciò che è scritto, perché sembra molto poetico rispetto alla burocrazia moderna.

In altre parole, i valori tradizionali sono tutti di alto livello nel diritto moderno. Quindi, per un avvocato, per un qualsiasi esecutore della legge, ciò che è scritto sui valori tradizionali russi significa tutto ciò che lei ha appena detto. È tutta filosofia, tutta religione e tutta morale. È così che viene descritto nel linguaggio asciutto di un atto normativo.

A.D.: Ha assolutamente ragione sul 1917. Il fatto è che, almeno dal 1917 al 2022, l’idea di progresso è stata dominante nella nostra società, prima in un contesto bolscevico, poi in uno liberale. In altre parole, sia le ideologie comuniste che quelle liberali erano contrarie alla tradizione. Infatti, entrambi proclamano esplicitamente che la tradizione deve essere superata, sradicata, liberata da essa. È qui che il progresso è dogmatico.

Tutti hanno come obiettivo deliberato la dissipazione di quella roccia di cui parlava padre Andrea. Dopo tutto, prima del 1917 vivevamo in una società tradizionale o, almeno, molto più tradizionale di quella successiva. I principali punti di riferimento dell’epoca erano la monarchia, l’impero, l’ortodossia, la nazionalità. Filosofia slavofila, filosofia religiosa russa. Tutto questo era orientato ai valori tradizionali.

Un’altra questione è che esiste una differenza tra gli autentici valori tradizionali del XVII secolo russo e i valori tradizionali, ma già passati attraverso la modernizzazione e l’occidentalizzazione nel XVIII e in parte nel XIX secolo. Non tutto, in senso stretto, nell’Impero russo da Pietro il Grande in poi è stato veramente tradizionale, ma la fedeltà alla tradizione era ancora dichiarata come un obiettivo, come un ideale.

Oggi non stiamo solo tornando indietro di 100 anni. Grazie al Decreto 809, stiamo creando un ponte tra il nostro presente, il nostro futuro e la nostra antica tradizione indigena russa. E questo, naturalmente, è per noi ancora una volta incentrato sulla religione, l’Impero, la Narodnost, l’inizio russo, l’identità russa. Tutto questo viene riaffermato. È un punto di svolta unico, non c’è stato nulla di simile negli ultimi 100 anni.

AT: Penso che si tratti anche della conservazione dell’uomo. Chesterton ha un libro intitolato L’uomo eterno. In esso esprime l’idea, simile a quella di San Nicola di Srpska, che un tempo il poeta apparteneva interamente alla tradizione orale. Poi ha iniziato a scrivere con la penna d’oca, poi ha cominciato a battere sui tasti della macchina da scrivere e ora siede alla tastiera. Ma l’essenza non cambia. Tuttavia, la poesia è un cuore vivo e pulsante, che risponde a domande vive.

La modernità è l’elogio del computer rispetto alla penna d’oca: come facevano a vivere prima, senza cellulari? L’uomo moderno ha una certa becera fiducia nella sua superiorità rispetto a tutte le generazioni precedenti sulla base del gadget che ha in tascaLa verità è che un tempo le persone erano molto più intelligenti e forti.

Un uomo normale è un uomo che ama i bambini, mangia il pane, respira l’aria, prega Dio e sfrutta il piccolo pezzo di terra che gli è stato dato di possedere. Questo è l’uomo tradizionale, l'”uomo eterno” secondo Chesterton. Cambiano le epoche, il cappotto sostituisce la canotta, la giacca sostituisce il cappotto, ma il cuore batte sempre uguale, il cuore umano. L’uomo moderno rischia l’estinzione, perché si nutrirà di chissà cosa, sarà cremato per chissà cosa. Non partorirà, ma cambierà sesso e mangerà vermi conditi con cotoletta.

Cioè, viene semplicemente deriso da tutte le parti, distruggendolo esattamente come uomo e la tradizione conserva l’uomo come Dio lo ha creato. Siamo entrati in un’epoca di lotta per l’uomo biblico. Cioè è necessario per preservare l’uomo. Questa è la tradizione – perché i musulmani ci capiscono più degli atei europei, e gli ebrei ci capiscono come i musulmani. E in generale, chiunque voglia essere umano, indipendentemente dal credo o dalla visione del mondo, ci capisce. Sentire che questa è un’epoca di lotta per rimanere almeno come sono.

Sì, il nostro obiettivo è quello di essere trasformati, di essere avvolti. Ma prima dobbiamo restare. Così lottiamo per rimanere umani, capaci di trasformarsi.

K.M.: Ha assolutamente ragione. Ricordiamo la famosa massima attribuita al compositore Mahler secondo cui la tradizione consiste nel passare la fiaccola, non nel venerare le ceneri. E questo è molto importante da capire. La tradizione è diversa dal conservatorismo e il tradizionalismo è diverso dal conservatorismo.

Quando parliamo di tradizione ci riferiamo al futuro, non al passato. Ci sono persone che pensano che se diventiamo uno Stato tradizionale, stiamo parlando del passato. Che tutti andranno in giro con gli zoccoli e che verranno tolti i gadget. Non è vero. La tradizione è un modo di guardare a noi stessi, al mondo. E lei, signor Presidente, ha ragione quando dice che la visione tradizionale prevede che Dio sia al centro dell’universo. In questo caso, la società tradizionale è quella in cui viviamo nell’Eternità e ci stiamo preparando per l’Eternità. E desideriamo il Regno dei Cieli, la salvezza delle nostre anime. Significa che la nostra vita non è per il gusto del momento, non per la gloria, non per il consumismo, non per la comodità. È per l’eterno, per Dio. Questo è il significato più importante della tradizione.

È un respiro vivo, reale, pulsante, il respiro di Dio. E possiamo vivere con Lui grazie alla tradizione. E grazie alla modernità, viviamo nella società della celluloide di cui lei, padre Andrei, parla. Che presto mangerà vermi, perché ha già dimenticato ogni dignità umana. Quella dignità che Dio le ha dato a sua immagine e somiglianza.

A.T.: La Chiesa, ahimè, a volte vuole trasformare la tradizione in un deposito di antichità. Cantiamo con il canto dello stendardo, come si faceva una volta, ma non capiamo di cosa stiamo cantando e perché; creiamo forme architettoniche simili a quelle del V secolo, riproduciamo basiliche, ma non capiamo perché, cioè ci portiamo in un letto procusteo di imitazioni. Si tratta di una terribile farsa da cui dobbiamo uscire. Perché sì, guideremo le auto, ma in quelle macchine canteremo i salmi. Questa è infatti la tradizione.

R.D.: Ma è necessario mantenere il canto znamenny [Tradizione canora usata da alcuni ortodossi. Si tratta di un cato malismatico all’unisono con una specifica intonazione, N.d.T.]. Fa parte della nostra antica tradizione spirituale russa.

A.T.: Sono d’accordo.

K.M.: Padre Andrei parla del fatto che deve essere compreso.

A.D.: Certo che si deve. In generale, tutto deve essere compreso: ciò che facciamo, proteggiamo, ripristiniamo e affermiamo.

K.M.: Questa è la tradizione. La tradizione vuole che si comprenda la lingua slava della Chiesa, che è più ricca della lingua russa. Ha più casi.

A.D.: Naturalmente. Senza lo slavo ecclesiastico il russo moderno è incomprensibile. Nello slavo ecclesiastico abbiamo le nostre radici e le nostre origini, i nostri significati originali. È importante ciò che lei, Konstantin Valeryevich, ha detto sull’Eternità. Il fatto è che la tradizione non è il passato, ma l’eterno; ma l’eterno è sempre vivo, sempre fresco. L’eternità era, ma è ancora e sarà. Dall’eternità traiamo il contenuto del futuro.

Se non abbiamo l’Eternità, nel futuro ricicleremo semplicemente il passato. Le persone che si battono per la modernità, il progresso, lo sviluppo, sfruttano il passato, semplicemente lo sprecano, e non hanno futuro. Cioè, sono molto più vecchi e arcaici delle persone di tradizione, che si affacciano sull’Eternità. Perché l’Eternità è sempre fresca, l’Eternità è sempre nuova.

K.M.: L’eternità è eterna.

A.D.: Sì, è eterno. Ci dà la possibilità del futuro.

A.T.: Per prendersi cura di un albero non è necessario occuparsi di ogni foglia, ma bisogna annaffiare e scavare le radici. Questo è ciò che si chiama tradizione – per quanto riguarda lo Stato, la società e l’uomo. Perché se ci occupiamo separatamente di medicina, di educazione, di trasporti e di altro, per esempio di ecologia, è come se imbrattassimo ogni foglia con qualche tipo di medicina. Ma la radice è marcia e non funziona nulla. La tradizione prevede quindi di scavare e innaffiare le radici. Le foglie faranno il loro lavoro.

A.D.: Non cresce solo la corona, ma anche le radici. Quindi la tradizione è una cosa assolutamente viva.

K.M.: Perché il terreno è la fede e il sole è Dio. Se ci riferiamo a questo esempio, la tradizione è tutta incentrata sul religioso. La tradizione è tutta una questione di fede. Esiste la tradizione in senso filosofico e in senso teologico, ma in senso giuridico la tradizione significa tutto ciò che è elevato. Tutto ciò che è elevato e altezzoso è chiamato “valori spirituali tradizionali”. L’espressione “valori spirituali tradizionali” viene utilizzata invece di scrivere direttamente dell’inizio religioso o ortodosso, fondamento della società. Ora, con le Fondazioni della politica statale, abbiamo aperto una finestra sul mondo dell’Eterno e dell’Alto. Abbiamo scosso la nostra legislazione polverosa e uncinata e vi abbiamo aperto una finestra verso l’alto, verso l’Eternità. E questo è molto.

A.D.: Questa è la cosa più importante. In sostanza, si tratta di un consolidamento di tutti i ministeri e dipartimenti, della cultura, dell’istruzione e della medicina sotto un’unica autorità suprema. E la sfera sociale, l’economia, la politica dell’informazione e la sicurezza: d’ora in poi tutto dovrà essere all’insegna della tradizione.

K.M.: Sì. Qui si conclude la prima parte della nostra discussione. Abbiamo parlato della tradizione della “T”.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Katehon.com

19 gennaio 2023

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube