Gli inglesi mangeranno aghi di pino al posto delle bistecche?

image_pdfimage_print

di Vladimir Prokhvatilov

Claire Moriarty, direttore esecutivo dell’organizzazione britannica per i diritti umani Citizens Advice, ha dichiarato al Mirror: “Milioni di famiglie sono sull’orlo della crisi finanziaria: perdono i loro risparmi, fanno a meno dei beni di prima necessità e si rivolgono ai banchi alimentari per sopravvivere. Stiamo già assistendo a un numero record di persone che si rivolgono a noi per avere un sostegno in caso di crisi e questa ricerca dimostra che le persone non possono tagliare ulteriormente”.

Un sondaggio di Citizens Advice ha rilevato che quasi il 40% dei britannici “non sarà in grado di far fronte al recente aumento di 20 sterline delle bollette energetiche, mentre l’inflazione raggiunge il 10,7%, i prezzi dell’elettricità salgono alle stelle e le persone si trovano ad affrontare tassi ipotecari più elevati”.

Il think tank Resolution Foundation ha avvertito i britannici che nel 2023 ci sarà un ulteriore calo del tenore di vita e ha descritto l’anno passato come disastroso, con un calo del reddito reale delle famiglie del 3,3%, pari a 800 sterline, il più grande calo annuale in un secolo. L’inflazione aveva già raggiunto l’11,1% in ottobre.

Nel nuovo anno, le famiglie britanniche dovranno affrontare un ulteriore calo del tenore di vita, come ha sottolineato Thorsten Bell, direttore esecutivo della Resolution Foundation, e i loro redditi diminuiranno del 3,8%.

I salari britannici “continueranno a scendere in termini reali fino alla seconda metà del 2023 e difficilmente torneranno ai livelli attuali fino alla seconda metà del 2024”.

Si prevede che la spesa delle famiglie britanniche per le bollette energetiche raggiungerà un massimo storico, dato che i prezzi al dettaglio continuano a salire e il sostegno del governo diminuisce. La bolletta energetica media di una singola famiglia salirà a 2.450 sterline nel 2023, rispetto alle 1.550 sterline del 2022 e alle 1.170 sterline del 2019.

Il nuovo Primo Ministro, Rishi Sunak, ha imparato una lezione dalla triste esperienza dei suoi predecessori, Boris Johnson e Liz Truss, che avevano deciso di tagliare drasticamente le tasse e sono stati costretti a lasciare l’incarico al numero 10 di Downing Street. Ora le tasse aumenteranno lentamente ma inesorabilmente.

I tassi di interesse, aumentati lo scorso anno, faranno lievitare il costo dei mutui.

Più della metà dei britannici dichiara che la propria situazione finanziaria è peggiorata. Il governo promette di sostenere circa otto milioni di persone che usufruiscono di prestazioni sanitarie pagando loro 900 sterline a testa. Tuttavia, non tutto in una volta, ma in tre rate, e le ultime 300 sterline non saranno disponibili per i britannici malati fino alla primavera del 2024. Come compensazione per l’aumento del costo del riscaldamento invernale, Rishi Sunak promette di pagare 150 sterline a sei milioni di disabili e 300 sterline a otto milioni di pensionati.

I giovani e i sani dovrebbero comunque superare l’inverno, ma non sono solo i costi di riscaldamento ad aumentare. L’aumento del costo degli affitti ha raggiunto una velocità cosmica. Quasi 80.000 genitori single sono a rischio di sfratto. “Le mamme e i papà single rischiano di perdere il tetto sopra la testa entro i prossimi due mesi”, scrive il Mirror.

Polly Neath, responsabile dell’organizzazione benefica Shelter, ha dichiarato: “Cercare di conciliare il lavoro e la cura dei figli è difficile per qualsiasi genitore, soprattutto se lo si fa per la maggior parte da soli. Il padre single e insegnante privato Dave Lockyer, 51 anni, potrebbe essere presto cacciato dalla casa con una sola stanza da letto che condivide con il figlio sedicenne Aaron a Woking, nel Surrey. Un semplice monolocale nella zona in cui vive Dave costa 1.400 sterline al mese, mentre i suoi guadagni, insieme al sussidio per l’alloggio, sono di appena 1.200 sterline.

Quasi un milione di famiglie a basso reddito teme inoltre un possibile sfratto, riuscendo a malapena a sbarcare il lunario. Un inquilino su dodici in Inghilterra, circa 941.000 in totale, è a rischio. Matt Downey, responsabile dell’associazione di beneficenza per i senzatetto, ha dichiarato: “Abbiamo bisogno di più alloggi a prezzi accessibili e di un sussidio per l’alloggio che copra il costo effettivo dell’affitto”. I laburisti hanno chiesto una legge che vieti lo sfratto dei cittadini britannici a basso reddito, ma Rishi Sunak non li ascolta.

Oltre a un tetto sopra la testa, bisogna anche mangiare. In Gran Bretagna ci sono milioni di persone che soffrono la fame. Un’indagine condotta dalla Food Standards Agency del governo britannico ha rilevato che “il 30% delle famiglie riduce le porzioni o salta i pasti per risparmiare”.

Il 40% degli intervistati teme di non potersi permettere di acquistare cibo nel mese successivo. Il 32% ha riferito di aver mangiato cibo scaduto per mancanza di denaro. Il 18% ha spento il frigorifero almeno una volta nell’ultimo mese per ridurre le bollette energetiche.

L’inflazione dei prezzi di alimenti e bevande, secondo l’Office for National Statistics (ONS), ha raggiunto il livello più alto dal settembre 1977 nel novembre dello scorso anno, con il 16,4%. A dicembre l’ONS ha riferito che il 6% delle famiglie era completamente a corto di cibo e non poteva permettersi di acquistarne altro

Attualmente nel Regno Unito ci sono oltre 800.000 bambini poveri che non ricevono i pasti scolastici gratuiti a causa di rigide regole di selezione.

Nelle isole britanniche è stata lanciata una campagna di Capodanno per incoraggiare le persone a mangiare gli alberi di Natale. “Secondo gli chef, i britannici dovrebbero smettere di gettare gli alberi di Natale nella spazzatura alla fine delle feste, perché possono “mangiarli quasi interi”, anche facendone dei biscotti o aggiungendoli al gin”, consiglia il Mirror.

I consigli dati ai sudditi affamati di re Carlo III possono provocare imprevedibili reazioni di stomaco nei lettori più sensibili, ma non si possono togliere le parole dalla società britannica.

Giudicate voi stessi.

I principali chef britannici suggeriscono di utilizzare gli aghi dell’albero di Natale per marinare le verdure o le uova, oppure di usarli in infusi o bevande. Per quanto riguarda l’albero di Natale in sé, “deve essere arrostito in forno fino a carbonizzazione, poi la cenere deve essere battuta in un frullatore per ottenere una polvere nera per aromatizzare, oppure aggiunta al sale o al burro”.

Per quanto riguarda l’utilizzo di ogni parte dell’albero di Natale, Julia Georgalis, panettiera e autrice di How to Eat Your Christmas Tree, consiglia: “Si può mangiare intero. Gli aghi si possono usare come il rosmarino o l’alloro per insaporire”.

Lo chef John Williams del ristorante Ritz, premiato con una stella Michelin, ha dichiarato che gli aghi dell’albero di Natale sono “aromatici e speziati”; ad esempio, possono essere utilizzati per esaltare il sapore del sedano.

A mio parere, queste delizie culinarie parlano meglio di qualsiasi numero dello stile di vita e del tenore di vita britannico di oggi.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Katehon.com

18 gennaio 2023

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube