Gli Stati Uniti accusano l’Iran di aiutare la Russia

image_pdfimage_print

di Luciano Lago

La Casa Bianca afferma che il personale iraniano assiste la Russia con attacchi di droni da “a terra” nella Crimea annessa.

Kiev accoglie favorevolmente la mossa dell’Unione Europea di sanzionare l’Iran per la sua presunta fornitura di droni alla Russia.

La Casa Bianca afferma che il “personale” iraniano ha assistito agli attacchi dei droni russi dalla Crimea.

Il personale militare iraniano ha assistito la Russia nel pilotare droni dalla Crimea annessa alla Russia, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce della Casa Bianca John Kirby, aggiungendo che Washington stava cercando di imporre nuove sanzioni a Teheran.

“Valutiamo che il personale militare iraniano fosse sul campo in Crimea e abbia assistito la Russia in queste operazioni”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce della sicurezza nazionale della Casa Bianca John Kirby.

Kirby ha affermato che gli iraniani in Crimea erano formatori e operatori del supporto tecnico e che i russi stavano pilotando i droni, che hanno causato danni significativi alle infrastrutture ucraine.

“Teheran è ora direttamente impegnata sul campo e attraverso la fornitura di armi che stanno avendo un impatto sui civili e sulle infrastrutture civili in Ucraina”, ha affermato.

Kirby ha aggiunto che l’amministrazione Biden cercherà modi per rendere più difficile per Teheran vendere tali armi alla Russia, aggiungendo che a questo punto non si è più concentrata sulla diplomazia e sui colloqui nucleari con l’Iran.

Nota: L’Iran fornisce droni ed assistenza dei suoi tecnici alla Russia. Questa la notizia.

Trenta paesi della Nato forniscono massicciamente armi, attrezzature, assistenza nell’intelligence e personale militare in Ucraina. Le armi della Nato vengono impiegate in buona parte per colpire case, ospedali e scuole nelle zone del Donbass dove risiede la popolazione russa. Questo non fa notizia secondo i media main stream.

Foto: Controinformazione.info

21 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube