Gli Stati Uniti salveranno ciò che resta dell’Ucraina o provocheranno la Russia a distruggerla completamente?

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko

I referendum di questo fine settimana che le parti liberate di Donetsk, Kherson, Lugansk e Zaporozhye terranno sull’adesione alla Federazione Russa e la successiva decisione del Presidente Putin di mobilitare parzialmente le riserve del suo Paese sono in realtà risposte difensive alla recente battuta d’arresto della Russia nella regione di Kharkov e non “escalation” offensive come i media occidentali guidati dagli Stati Uniti (MSM) stanno erroneamente dipingendo.

Il primo sviluppo è volto a congelare de facto la linea di controllo (LOC) o per lo meno ad estenderla solo ai confini di quelle quattro polarità che potrebbero presto essere considerate da Mosca la sua nuova frontiera internazionale, mentre il secondo è volto a difendere la LOC esistente o ad espanderla leggermente, come è stato appena previsto che possa accadere. Se gli Stati Uniti accettano questa realtà geopolitica emergente, allora questo egemone unipolare in declino e i suoi vassalli possono concentrarsi sul fronte interno in vista del prossimo inverno.

I decisori statunitensi potrebbero non apprezzare lo sforzo pragmatico del Presidente Putin di attenuare l’ultima fase del conflitto ucraino provocata dagli Stati Uniti, tuttavia, ecco perché tutti dovrebbero essere molto preoccupati del fatto che lo stesso conflitto entri pericolosamente in una nuova fase su scelta dell’America. Washington si trova essenzialmente di fronte a due scelte: salvare ciò che resta della sua delegazione ucraina o provocare la Russia per distruggerla completamente, spingendo Kiev ad attaccare i nuovi confini del suo vicino con le armi della NATO.

Ci sono argomenti a favore e contro ogni scelta dal punto di vista degli interessi soggettivi degli Stati Uniti. Per quanto riguarda il primo scenario, è il più razionale, poiché eviterà che il conflitto ucraino diventi più ampio a causa di un errore di calcolo. L’America può anche consolidare la sua nuova egemonia sull’Europa sfruttando al massimo gli sforzi dei suoi vassalli per gestire le imminenti crisi socio-politiche ed economiche che dovrebbero culminare nei prossimi mesi.

Il secondo scenario è il più irrazionale e pericoloso, e potrebbe essere intrapreso solo da una posizione di debolezza, che si traduce in una mancanza di fiducia nei suddetti piani di consolidamento degli Stati Uniti, in assenza di una crisi continentale ancora più intensa. Mosca potrebbe benissimo scatenare tutta la sua potenza militare per distruggere completamente i proxy ucraini di Washington, catalizzando così una crisi senza precedenti, soprattutto se fosse costretta a ricorrere alle armi nucleari tattiche per difendere la sua integrità territoriale come ultima risorsa.

A questo proposito, sebbene il Cremlino abbia sempre negato di avere intenzioni di questo tipo nel conflitto, a differenza di quanto paventato dai media fin dall’inizio dell’ultima fase e ricordato di recente da Biden, in teoria potrebbe accadere se venisse superata una delle sue linee rosse di sicurezza nazionale. Secondo la sua dottrina, questa include “un attacco convenzionale che minacci l’esistenza stessa” della Russia come Stato sovrano. Per quanto sarebbe spaventoso, gli Stati Uniti potrebbero cercare di provocare un simile scenario.

Dopotutto, il Presidente Putin ha appena messo in guardia l’Occidente dal minacciare l’integrità territoriale della Russia (con il sottinteso che questo includerebbe i suoi confini prevedibilmente ampliati dopo i prossimi referendum), promettendo che la sua potenza mondiale appena restaurata “userà certamente tutti i mezzi” per difendersi. Nell’eventualità che Kiev, sostenuta dalla NATO, compia una grande spinta militare contro i confini nuovi o già esistenti della Russia prima che la sua parziale mobilitazione sia completata, allora le bombe atomiche tattiche potrebbero essere l’unica difesa di Mosca.

Per essere assolutamente chiari, la Russia impiegherebbe tali armi solo come ultima risorsa e se fosse convinta che nessun altro mezzo sarebbe sufficiente a rimuovere l’urgente minaccia alla sua integrità territoriale rappresentata da un attacco convenzionale così schiacciante. Non si fa illusioni su come questo atto di autodifesa verrebbe strumentalizzato dall’Occidente per trasformarla in un cosiddetto “Stato paria”, ma potrebbe letteralmente non avere altra scelta, poiché il mancato contenimento di questa minaccia urgente potrebbe mettere in pericolo la sua esistenza.

Cinicamente parlando, questa sequenza di eventi potrebbe essere esattamente ciò che gli Stati Uniti vogliono, il che spiegherebbe il motivo per cui Biden ha appena rilanciato questo scenario di paura per assicurarsi che sia fresco nella mente di tutti. Se ciò dovesse accadere, Dio non voglia, ci si potrebbe aspettare quanto segue: L’Ucraina sarebbe completamente distrutta; l’Europa non si riprenderebbe mai dalla reazione a catena delle conseguenze socio-politiche ed economiche; la Russia diventerebbe sempre più “isolata”; gli Stati Uniti si concentrerebbero nuovamente sulla Cina.

Per approfondire i singoli aspetti: attacchi convenzionali simmetrici e schiaccianti contro l’Ucraina seguirebbero probabilmente l’uso di armi nucleari tattiche da parte della Russia come ultima risorsa, eliminando così tutte le minacce sia immediate che latenti; gli Stati Uniti completerebbero immediatamente il consolidamento della loro egemonia appena reimposta sull’UE sfruttando le loro conseguenti debolezze in tutti gli spettri; l’America eserciterebbe la massima pressione sugli Stati neutrali affinché prendano le distanze da Mosca; e poi tenterebbe di ripetere tutto questo con la Cina.

A proposito di quest’ultima conseguenza prevista, Taiwan giocherebbe il ruolo di un’Ucraina dell’Asia-Pacifico, nel senso di diventare la testa di ponte degli Stati Uniti per mettere la Cina in una posizione di ricatto nucleare e quindi provocare la Repubblica Popolare ad avviare una propria operazione militare speciale di tipo russo. Ciò verrebbe a sua volta sfruttato dagli Stati Uniti per consolidare la loro nuova egemonia sulla regione, soprattutto se Pechino fosse costretta a impiegare le armi nucleari tattiche per motivi di autodifesa simili a quelli che potrebbe avere Mosca.

Dopo aver illustrato i contorni della seconda linea d’azione che gli Stati Uniti potrebbero intraprendere in risposta alle mosse di de-escalation de facto della Russia in Ucraina – i referendum delle quattro ex-polizie sull’adesione alla Federazione Russa e la parziale mobilitazione di Mosca – va detto che è tutt’altro che garantita. C’è sempre la possibilità che il sangue freddo convinca i decisori ad accettare il ramoscello d’ulivo ufficioso del Presidente Putin di congelare la LOC o di lasciarla leggermente cambiare in base ai confini di queste quattro.

Tuttavia, non si può escludere che l’America provochi Kiev a far degenerare il conflitto in una nuova, pericolosa e imprevedibile fase, motivo per cui tutto il mondo è in allarme. Tutto sarà più chiaro la prossima settimana, dopo che i referendum saranno stati completati e gli Stati Uniti avranno preso la loro fatidica decisione, ma fino ad allora è necessario fare il possibile per mettere in guardia tutti dallo scenario peggiore, dai motivi per cui Washington potrebbe volere che si verifichi e dai motivi per cui Mosca non avrebbe alcuna colpa se ciò accadesse.

Pubblicato in partnership su One World 

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Geopolitica.ru

22 settembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube