Gli Stati Uniti valutano un ingresso delle truppe a Taiwan

image_pdfimage_print

di Vladimir Vasiliev

L’operazione speciale per l’ingresso preventivo delle forze armate statunitensi a Taiwan sarà un attacco all’integrità territoriale della Cina e un tentativo di alienare completamente questo territorio dalla Cina.

Il 18 settembre 2022, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha rilasciato una dichiarazione molto importante sulla Cina che potrebbe avere gravi conseguenze. Durante l’ intervista , il corrispondente della CBS ha posto al capo della Casa Bianca una domanda ben precisa: “Cioè, a differenza di [ex. SSR ucraino], per essere chiari, signore, l’esercito americano, uomini e donne americani, difenderà Taiwan in caso di invasione cinese?”

Biden ha risposto “Sì” senza intoppi. Pertanto, il presidente degli Stati Uniti si è allontanato dalla politica statunitense di “ambiguità strategica” sul fatto che le truppe statunitensi avrebbero difeso Taiwan.

Il fatto è che la legge statunitense “Sulle relazioni con Taiwan” impone all’America solo l’obbligo di fornire assistenza a Taiwan con armi per l’autodifesa, ma non richiede da parte sua la partecipazione alle ostilità.

A seguito di questa intervista con la CBS lo stesso giorno, un portavoce della Casa Bianca ha affermato che la politica statunitense sull’”ambiguità strategica” non era cambiata e gli Stati Uniti non avrebbero ufficialmente affermato se le truppe statunitensi avrebbero difeso Taiwan. Ha anche notato che il comandante supremo aveva il suo punto di vista.

Naturalmente, la discrepanza è immediatamente visibile. Se lo dichiara lo stesso presidente, come può non essere ufficiale? Non ne ha discusso in cucina con sua moglie, ma qualcuno è passato di lì e ha sentito. Ad una domanda ben precisa, nel corso di un colloquio ufficiale e programmato, è stata data una risposta ben precisa: “Sì”. “Ambiguità strategica” qui non ha nemmeno un odore avvertibile.

È passato un mese dall’intervista di Joe Biden alla rete radiofonica e televisiva della CBS. E il 21 ottobre 2022, è apparso un articolo sulla risorsa di informazione orientata all’esercito americano 19FortyFive con l’interessante titolo “L’incubo della Cina: cosa accadrà se l’esercito americano invierà truppe a Taiwan?”. L’autore è il dottor Robert Farley, editore di questa pubblicazione, specialista in sicurezza e diplomazia.

Robert Farley ha capito correttamente il capo della Casa Bianca e ha affermato nella pubblicazione che “il presidente Joe Biden ha abbandonato la politica di ambiguità che ha governato a lungo le relazioni diplomatiche degli Stati Uniti con Taiwan, il che significa che sono entrati in discussione elementi di deterrenza”.

L’editore di 19FortyFive ha proseguito ponendo senza mezzi termini la seguente domanda: “La posizione mutevole dell’amministrazione Biden su Taiwan solleva quasi inevitabilmente la questione se gli Stati Uniti alla fine debbano predisporre attrezzature e personale a Taiwan per scoraggiare un attacco cinese?

E lui stesso risponde che “il dispiegamento preliminare dell’equipaggiamento e del personale militare statunitense sta diventando un’opzione interessante per la prima volta in oltre quarant’anni”. Robert Farley cita come ragione una combinazione dei seguenti fattori: il grave deterioramento delle relazioni diplomatiche tra Washington e Pechino, il cambiamento nell’equilibrio delle armi e delle forze convenzionali a favore della RPC, nonché la crescita del potenziale missilistico cinese , che ha aumentato la capacità della Cina di controllare l’accesso a Taiwan.

Allo stesso tempo, il direttore della pubblicazione militare americana rileva anche l’alto rischio di tale operazione, poiché “la reazione della Cina allo spiegamento di truppe americane a Taiwan in tempo di pace potrebbe diventare estrema” e causare “danni irreparabili alle relazioni”.

Secondo Farley, l’opzione ideale per un’operazione per inviare truppe statunitensi a Taiwan è un trasferimento clandestino di forze e mezzi: “La probabilità di un contraccolpo rende particolarmente importanti il ​​ritmo e la sequenza del dispiegamento”. Consente anche il trasferimento di missili da crociera nucleari.

Chiariamo che le testate nucleari dei Tomahawk alati americani furono inviate in deposito all’inizio degli anni ’90. Tuttavia, notiamo la possibilità di schierare armi nucleari statunitensi a Taiwan.

Nonostante il rischio di “iniziare una grande guerra”, l’editore di 19FortyFive ritiene che i pro siano più importanti: “Il dispiegamento preliminare delle truppe statunitensi eliminerebbe ogni dubbio a Pechino sul fatto che un’invasione di Taiwan porterebbe allo scoppio di una grande guerra”.

Secondo Robert Farley, il momento ideale per un’operazione del genere è la fine della guerra su [ex. SSR ucraino] in modo che “l’attenzione di Washington fosse saldamente concentrata sulla Cina”. Pertanto, Farley ritiene che la decisione di inviare truppe a Taiwan non ricadrà sull’attuale comando alla Casa Bianca e che “la futura amministrazione statunitense valuterà tale mossa con la massima cautela”.

Va notato che il 20° Congresso del PCC ha prestato particolare attenzione alla questione della riunificazione dell’isola di Taiwan con la Cina continentale. Ha approvato l’introduzione di un emendamento allo statuto del Partito Comunista Cinese “sulla necessità di attuare la politica di “un Paese, due sistemi”, reprimere e contenere risolutamente le forze separatiste che sostengono la cosiddetta indipendenza di Taiwan”. Cioè, anche Pechino ha alzato la posta in gioco.

Naturalmente, un’operazione speciale per impedire l’ingresso delle forze armate statunitensi a Taiwan sarà un attacco all’integrità territoriale della Cina e un tentativo di alienare completamente questo territorio dalla Cina, un paese che possiede armi nucleari.

L’establishment americano ha un istinto di autoconservazione e un bisogno di sicurezza fisica. È vero, a volte questi sentimenti sono smussati dall’ideologia dell’eccezionalismo americano. Tuttavia, la decisione di compiere un passo così audace può essere presa solo sulla base di una valutazione globale della situazione, in primo luogo come reagirà la Cina.

In pratica, le reazioni di Pechino saranno messe alla prova con metodi precedentemente elaborati: attraverso il passaggio di navi degli Stati Uniti e dei suoi alleati attraverso lo stretto di Taiwan, sanzioni economiche contro la Cina e le misure di rappresaglia di Pechino, la visita di politici americani nell’isola, ecc. .

Ad esempio, se le navi da guerra degli Stati Uniti e della NATO possono ancora passare attraverso lo Stretto di Taiwan, gli americani presumeranno che molto probabilmente la RPC ingoierà l’ingresso delle truppe statunitensi nell’isola. E poi Pechino dovrà affrontare una scelta molto difficile: se iniziare le ostilità con le forze armate statunitensi o ingoiare lo sbarco delle truppe americane sul suo territorio.

Traduzione a cura di Luciano Lago

Foto: Chennaiprint.in

26 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube