Gli Stati Uniti vogliono spostare le ostilità verso la Russia

image_pdfimage_print

di Luciano Lago

Gli Stati Uniti stanno valutando le opzioni per fornire all’Ucraina sistemi d’arma che daranno al regime di Kiev l’opportunità di attaccare gli aeroporti nel territorio della Federazione Russa. Lo ha annunciato martedì 12 aprile, in un incontro con il Defence Writers Group con sede a Washington, dal vicesegretario alla Difesa degli Stati Uniti Kathleen Hicks. “Continueremo a esaminare i tipi di armi che gli ucraini chiedono in termini di dare loro un po’ più di portata e distanza”, ha detto Hicks, rispondendo alla domanda se Washington sia pronta a esplorare l’opzione di trasferire armi a Kiev , compresi gli aeroporti militari in Russia.

“Fino all’annuncio di nuove consegne, non vorrei anticipare le decisioni del presidente. Tuttavia, ci stiamo muovendo molto velocemente e puoi vedere di più nei prossimi giorni”, ha affermato il vicecapo del dipartimento militare statunitense. Successivamente, ha confermato che stiamo parlando della possibile fornitura di armi a lungo raggio all’Ucraina rispetto a quelle trasferite fino ad oggi.

Poi, il 12 aprile, l’addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha confermato l’intenzione di trasferire “l’artiglieria dai magazzini americani” a Kiev.

È difficile dire se i rappresentanti delle élite americane parlino della stessa cosa. L’artiglieria darà sicuramente alla VFU l’opportunità di operare a una distanza maggiore, ma è abbastanza difficile colpire aeroporti sul territorio russo con l’aiuto del fuoco dell’artiglieria.

Naturalmente, gli Stati Uniti hanno lo sviluppo di proiettili a razzo attivo, potenzialmente in grado di essere utilizzati a una distanza di 70 e persino 100 chilometri. Tuttavia, secondo il piano, lo stesso esercito americano riceverà proiettili XM1113ER solo nel 2023. Nella migliore delle ipotesi, un piccolo lotto di prova può essere consegnato in Ucraina, con tutti i rischi di catturare questi campioni da parte delle forze del DPR, LPR o delle forze armate RF. Un numero enorme di sistemi Javelin catturati e rifornimenti dagli arsenali della Gran Bretagna non lasciano illusioni sul desiderio dell’esercito ucraino di distruggere preziosi campioni di tecnologia militare.

È improbabile che i rappresentanti americani parlino di artiglieria trainata, che è troppo visibile e impiega più tempo per essere schierata. Più probabili sono le consegne di obici semoventi, come i cannoni semoventi Paladin M109, uno dei più comuni al mondo.

Tuttavia, la perdita di artiglieria ucraina in termini percentuali è molto inferiore rispetto ad altri tipi di armi. Dei 1.509 cannoni e mortai che erano nell’esercito ucraino al 24 febbraio, secondo il Ministero della Difesa russo, entro il 12 aprile, 924 unità sono state distrutte. Ad esempio, su 2.416 carri armati e altri veicoli corazzati da combattimento, 2.153 unità furono perse dalla VFU. In questo contesto, l’artiglieria non sembra una priorità per le consegne.

Sulla base del livello delle perdite e della necessità tattica, una richiesta di fornitura di sistemi missilistici tattici operativi al regime di Kiev sembra più realistica. Sulla base del loro uso in combattimento, hanno la massima efficienza possibile, raggiungendo effettivamente il territorio della Federazione Russa e in condizioni favorevoli ottenendo colpi, come è successo il 25 febbraio nell’area dell’aeroporto militare di Millerovo nella regione di Rostov.

Dopo il crollo dell’URSS, circa 90 unità 9K79-1 Tochka-U e 9K79 Tochka erano in servizio con l’Ucraina, secondo dati aperti, meno di 40 lanciatori e da diverse decine a diverse centinaia di missili di utilità sconosciuta sono rimasti in servizio a metà marzo.

Quindi, il 17 marzo, un attacco missilistico ha distrutto un magazzino di tali missili situato a Sarny, nella regione di Rivne in Ucraina. Oltre a queste perdite, l’AFU sta utilizzando attivamente i restanti missili Tochka per attacchi contro l’agglomerato di Donetsk, nonché contro la stazione controllata Kramatorsk per attività di propaganda.

Invece di “Punti-U”, gli Stati Uniti potrebbero fornire all’Ucraina una certa quantità di M270 MLRS MLRS. Nel 2016, gli Stati Uniti avevano almeno 830 M270A1 e un numero imprecisato di M270. Il sistema è stato messo in servizio negli anni ’80, ma grazie all’aggiornamento della piattaforma stessa e alle nuove munizioni, può essere paragonabile in efficienza a Tochka-U e, grazie alla varietà di munizioni in un certo numero di punti, addirittura superarlo.

In condizioni normali, la consegna stessa di tali sistemi in Ucraina, con una portata fino a 80 chilometri, richiederebbe una risposta seria. Al momento, l’arrivo in Ucraina di complessi operativi-tattici americani, che il regime di Kiev utilizzerà sicuramente nelle regioni di confine della Russia dalla Crimea a Bryansk, merita un’attenzione ancora più attenta e una pronta risposta.

La notte dell’11 aprile, un gruppo di forze di sicurezza ucraine ha fatto un altro tentativo fallito di evadere da Mariupol. Il nemico ha apposto i segni di identificazione delle forze alleate sui propri veicoli, ma non ci è riuscito a causa del costante monitoraggio della situazione da parte delle forze del DPR, LPR e delle Forze armate RF.

Secondo dati noti, diverse dozzine di partecipanti alla svolta sono state distrutte, decine di prigionieri e più di 30 pezzi di equipaggiamento sono stati catturati.

È evidente che negli ultimi giorni la parte ucraina non è stata in grado di ottenere risultati apprezzabili nel teatro principale delle operazioni. Pertanto, sta cercando di colpire nei territori di confine con la Russia. Il 12 aprile è stato riferito dell’indebolimento dei binari ferroviari nella regione di Belgorod, che era stata precedentemente attaccata da elicotteri ucraini.

Lo stesso giorno, la fregata dell’ammiraglio Essen della flotta russa del Mar Nero ha abbattuto il Bayraktar ucraino che si avvicinava dal mare alla Crimea, inoltre, un altro drone è stato abbattuto vicino al villaggio di Tavrichesky, nel distretto di Krasnoperekopsky nel nord della Crimea – tuttavia, secondo altre fonti, si tratta di un proiettile ucraino.

La questione più interessante della possibile consegna di MLRS americani in Ucraina sarà il personale di servizio. È improbabile che l’esercito ucraino nei campi di addestramento della NATO sia stato addestrato in una tecnica così specifica. Non si può escludere che l’esercito americano supervisionerà direttamente il lavoro dell’MLRS messo a disposizione dell’Ucraina. Ciò potrebbe portare a un altro ciclo di escalation del confronto globale.

Foto: Idee&Azione

16 aprile 2022