Gli USA non saranno in grado di sconfiggere la Cina

image_pdfimage_print

di Alexandre Lemoine

I ministri della Difesa di Stati Uniti, Giappone e Australia hanno deciso di ampliare la loro cooperazione militare per rispondere alla minaccia proveniente dalla Cina a Taiwan e all’intera regione indo-pacifica.

Dopo un incontro alla base statunitense alle Hawaii, il capo della difesa giapponese Yasukazu Hamada ha affermato che i tre paesi sono molto preoccupati per il comportamento aggressivo della Cina, compresi i test sui missili balistici lanciati durante la visita all’isola di Nancy Pelosi, presidente della Camera di Rappresentanti, e questi sono caduti all’interno della zona economica esclusiva del Giappone.

La dichiarazione dei tre ministri ha un messaggio sia bellicoso che moderato. Hanno anche chiesto di risolvere pacificamente le questioni tra Pechino e Taipei.

D’altra parte, la vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris, durante il suo recente viaggio in Giappone e Corea del Sud, ha affermato che gli Stati Uniti agiranno senza paura o esitazione sia nei confronti dello Stretto di Taiwan che di tutta l’Asia.

Washington sta solo allentando ulteriormente la spirale di tensione con le sue dichiarazioni contraddittorie. Cosa che non è stata apprezzata dall’intera comunità di esperti americani. L’influente Brookings Institution ha pubblicato un rapporto in cui si afferma che gli Stati Uniti hanno perso il loro dominio sulla Cina in termini di armi convenzionali nell’Asia orientale. Ecco perché sarebbe più difficile per loro prevenire un attacco a Taiwan.

Il documento ricorda che l’esercito cinese sta investendo sempre di più in missili, intelligence, mezzi di trasmissione, comunicazioni e cyber warfare. “È difficile prevedere l’esito di uno scontro sino-americano per Taiwan, non si può dire che la vittoria degli Stati Uniti e dei suoi alleati sia garantita”, riconoscono gli autori del rapporto.

Ma il generale Anthony Cotton, la cui candidatura è stata avanzata dalla Casa Bianca al Senato per la carica di capo delle operazioni nucleari al Pentagono, ha affermato che le armi nucleari potrebbero aiutare a prevenire un attacco a Taiwan. Brookings Institution spazza via questa idea. La guerra sull’isola, afferma il rapporto, inevitabilmente “aumenterebbe il rischio di un’escalation premeditata o non premeditata”. Fino a poco tempo fa si stimava che la Cina avesse circa 200 o 300 testate nucleari. Mentre gli Stati Uniti e la Russia ne avevano più di 4.000 ciascuno. Ma lo scorso novembre il Pentagono ha annunciato che entro il 2027 la Cina potrebbe avere più di 700 testate e almeno 1.000 entro il 2030. Le armi nucleari avrebbero dovuto affrontare seri ostacoli. Riguarda l’impegno della Casa Bianca a mantenere la stabilità strategica e il controllo degli armamenti nucleari. “Ma anche superando questi ostacoli, gli Stati Uniti probabilmente non potrebbero ottenere abbastanza plutonio per competere con la Cina, per non parlare della Russia”,

Questa situazione non è incoraggiante per Washington. Quale soluzione proponiamo? Dal punto di vista degli interessi americani sarebbe preferibile evitare un fermo impegno a difendere Taiwan. Invece, gli Stati Uniti e i loro alleati devono chiarire che “si separeranno economicamente dalla Cina e ridurranno la loro dipendenza economica da Pechino”. Di conseguenza, non dovremmo sperare di essere in grado di prevenire il conflitto o di porvi fine in condizioni accettabili in caso di utilizzo di armi nucleari. Questo è il suggerimento del think tank.

Tuttavia, è troppo presto per dire che Washington ha perso la sua posizione dominante. Le forze armate americane hanno molta esperienza nella partecipazione a vari conflitti, nell’interazione tra tutti i tipi di forze armate: aviazione, flotta, esercito. E hanno sistemi di intelligenza spaziale. Come mostra l’esempio in Ucraina. Poco si sa della Cina in questo senso. Gli americani sono molto probabilmente più forti. Sapendo di avere più capacità di colpire le regioni più vulnerabili della costa orientale della Cina. Possono usare missili, aviazione e flotta. Le capacità della Cina sono minori. Ma soprattutto Stati Uniti e Cina sono strettamente legati economicamente.

Per quanto riguarda l’opzione nucleare, in caso di conflitto ciascuna parte è in grado di arrecare all’avversario un danno inaccettabile. Pechino ha più volte affermato di non avere intenzione di competere con Washington sul numero di armi nucleari.

Traduzione a cura di Luciano Lago

Foto: Idee&Azione

5 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube