1

Grande Eurasia e sovranità

di Viktoria Shaporova

Si è tenuto a Bishkek il primo forum economico dell’EAEU.

Il 26 maggio si è aperto a Bishkek il primo Forum economico eurasiatico. L’evento ha lo scopo di sviluppare la cooperazione economica all’interno dell’EAEU.

I leader dei paesi membri dell’Unione Economica Eurasiatica hanno discusso di aree promettenti per lo sviluppo strategico dell’integrazione, approfondendo l’interazione nell’ambiente industriale, energetico, dei trasporti, finanziario e digitale.

Argomenti chiave

Il primo incontro nell’ambito del Forum economico eurasiatico si è svolto nella capitale del Kirghizistan. All’incontro hanno partecipato il Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin, il Primo Ministro dell’Armenia Nikol Pashinyan, il Presidente del Kazakistan Kassym-Jomart Toqaev, il Presidente del Kirghizistan Sadyr Japarov, il Primo Ministro della Bielorussia Roman Golovchenko e il Presidente del Consiglio della Commissione Economica Eurasiatica Mikhail Myasnikovich.

L’argomento chiave del forum nel 2022 è “L’integrazione economica eurasiatica in un’era di cambiamento globale. Nuove opportunità per l’attività di investimento”. L’evento ha suscitato grande interesse. Si sono iscritti 2500 partecipanti da 25 paesi del mondo.

In generale, il forum ospiterà 35 eventi, di cui 21 sessioni tematiche. Dopo il suo completamento, sarà organizzata una mostra dei migliori prodotti agricoli dell’EAEU e saranno firmati una serie di importanti documenti sulla cooperazione.

Mikhail Myasnikovich, presidente del consiglio di amministrazione della CEE , ha affermato che già il primo giorno della conferenza è prevista la conclusione di 17 programmi e contratti di cooperazione, che avranno risultati pratici in futuro.

Akylbek Japarov, Presidente del Gabinetto dei Ministri della Repubblica del Kirghizistan, ha osservato che nelle condizioni attuali l’attuazione di progetti di cooperazione è estremamente importante.

«Abbiamo un enorme potenziale per un’ulteriore integrazione, che viene effettivamente sviluppato dai programmi alleati, che ci consentirà di caricare capacità di produzione, organizzare posti di lavoro aggiuntivi e aumentare le consegne di esportazione in molti paesi del mondo», ha commentato Japarov.

Strategia di sviluppo globale

L’incontro del primo Forum economico eurasiatico è stato ricordato soprattutto per il discorso del presidente della Federazione Russa Vladimir Putin. In particolare, il Capo dello Stato ha parlato dell’importanza di elaborare una strategia globale per lo sviluppo economico di un grande partenariato economico eurasiatico. Il leader della Federazione Russa ha affermato che dovrebbe riflettere tutte le principali sfide internazionali.

Nell’ambito dell’attuazione di questa strategia, è necessario considerare ulteriori passi per sviluppare un sistema di accordi commerciali e di investimento, anche con la partecipazione degli Stati membri SCO, ASEAN e BRICS. È anche importante sviluppare la cooperazione con i partner stranieri, per informarli sui vantaggi della collaborazione con l’EAEU e sui progetti chiave.

Putin ha anche espresso alcune proposte che aiuteranno a sviluppare la partnership. Così, il leader della Federazione Russa ha suggerito di pensare alla creazione di un centro di esportazione eurasiatico e di case commerciali, di accelerare i lavori per la formazione di una compagnia di riassicurazione eurasiatica e di studiare lo sviluppo di zone economiche speciali transfrontaliere, magari anche con poteri sovranazionali.

«Allo stesso tempo, come ho già detto, è auspicabile sostenere la libertà di iniziativa imprenditoriale, l’attività creativa di impresa, i nostri investitori. Propongo di creare incentivi aggiuntivi e migliori per loro, per partecipare più attivamente al finanziamento di progetti eurasiatici. Le aziende che rappresentano le imprese nazionali dei paesi EurAsEC, ovviamente, dovrebbero ricevere un sostegno prioritario qui », ha sottolineato.

Grande Eurasia

Durante il suo discorso, anche il presidente russo Vladimir Putin ha parlato della sua intenzione di riprendere i lavori sul progetto della Grande Eurasia. Il leader dello Stato ha osservato che nelle realtà moderne questa iniziativa è di particolare importanza.

Il concetto di “Grande Eurasia” prevede la creazione di una rete di zone di libero scambio, scambi interblocchi e partenariati economici, la coniugazione di processi di integrazione regionale sul territorio dell’Eurasia e oltre.

Putin ha affermato che la Cina, l’India e un certo numero di altri paesi sono favorevoli alla creazione di un grande partenariato eurasiatico. Inoltre, l’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai e l’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico stanno mostrando interesse per questa iniziativa.

Il presidente del Kazakistan, Kassym-Jomart Toqaev , ha osservato che questo progetto merita uno studio dettagliato. Inoltre, è convinto che questa proposta alla fine verrà attuata.

Lo sviluppo del successo di questo progetto consentirà ai paesi membri dell’EAEU di aumentare il volume delle forniture di beni al di fuori degli stati, semplificare il processo di trasporto e consolidare le loro posizioni sulla scena mondiale. Pertanto, il desiderio dell’Occidente di isolare la Federazione Russa e i suoi più stretti alleati dagli accordi esterni non sarà soddisfatto.

La vita senza SWIFT

Durante la riunione dell’Eurasian Economic Forum è stata sollevata anche la questione del passaggio dal sistema SWIFT a sistemi di pagamento alternativi. Pertanto, Vladimir Putin ha sottolineato che è importante che l’EAEU acceleri il processo di transizione verso nuove soluzioni. Nell’ambito dell’attuazione di questa strategia, il processo dei meccanismi finanziari e di regolamento internazionali può essere stabilito attraverso contatti diretti di corrispondenza tra banche di paesi amici, anche attraverso il sistema di trasmissione di messaggi finanziari della Banca Centrale Russa.

Ricordiamo che per la prima volta la questione del passaggio da SWIFT è sorta nel marzo 2022, quando, su iniziativa dell’UE, diverse banche russe sono state disconnesse dal sistema di pagamento. Attualmente, sette istituzioni finanziarie russe sono disconnesse da SWIFT: banche VTB, Otkritie e Rossiya, Promsvyazbank, Sovcombank, Novikombank e VEB.RF.

La disconnessione delle banche dal sistema SWIFT non influisce sui bonifici nazionali. Innanzi tutto, soffrono le transazioni internazionali. Esiste la possibilità di grandi ritardi, nonché di prezzi più elevati per le transazioni. Il passaggio a modalità alternative di scambio delle finanze consentirà agli Stati di istituire e semplificare il processo di bonifici internazionali, che avrà un effetto benefico, in primis, sui privati, sulle piccole e medie imprese.

Sanzioni per la pace

Dall’inizio dell’operazione militare speciale in Ucraina, molte sanzioni sono state imposte alla Russia e ai suoi partner. L’Occidente sperava con il loro aiuto di indebolire l’economia degli stati. Tuttavia, ha anche sofferto in questo gioco.

Durante il suo discorso alla sessione plenaria, Vladimir Putin ha affermato che le economie sviluppate non hanno sperimentato tale inflazione come adesso per 40 anni.

«Non importa quanto siano stabili le economie di quei paesi che perseguono una politica così miope, lo stato attuale dell’economia mondiale mostra che la nostra posizione è corretta e giustificata. Anche se si guardano gli indicatori macroeconomici, cresce, le catene si rompono, le crisi globali si stanno intensificando. E in aree così delicate come, diciamo, il cibo, queste non sono battute, sono cose serie che riguardano l’intero sistema di relazioni economiche e politiche», ha commentato il leader russo.

Tutto è calmo in Russia

Il desiderio dell’Occidente di isolare la Russia dall’economia mondiale sta guadagnando slancio ogni giorno. Tuttavia, questo non è stato così facile da fare.

Il presidente russo Vladimir Putin durante la riunione dell’EEF ha affermato che il Paese intende mantenere la sua posizione in questo settore. Ha notato che era impossibile “spingere fuori” la Russia da lì.

Putin ha anche commentato il ritiro di alcune società straniere dal mercato russo. Secondo lui, è molto probabile che il posto di società straniere bandite a causa delle sanzioni sia occupato da organizzazioni nazionali.

Il primo ministro bielorusso Roman Golovchenko ha affermato che le sanzioni occidentali contro Minsk e Mosca mirano a rallentare lo sviluppo tecnologico dei due paesi e dell’intera EAEU.

Secondo lui, di fronte alla pressione delle sanzioni, i membri dell’EAEU devono risolvere i problemi della sostituzione delle importazioni di beni critici e la creazione di nuove industrie ad alta tecnologia e competitive nel mercato mondiale. Il presidente del Consiglio ha sottolineato che per questo è necessario utilizzare l’intero potenziale comune – produttivo, scientifico e tecnico e personale, poiché il lavoro congiunto semplificherà il processo.

Vladimir Putin, a sua volta, ha affermato che la creazione di nuovi centri ingegneristici e scientifici aiuterebbe a migliorare la nostra base di sviluppo. Secondo il Capo di Stato, questo è uno degli aspetti più importanti della cooperazione all’interno dell’EurAsEC.

Il presidente della Federazione Russa ha anche commentato la situazione relativa alla sostituzione delle importazioni. Ha detto che non vedeva problemi nel fatto che qualcosa non era stato completato in questo settore.

 «Lo faremo perché è nell’interesse del nostro Paese», ha detto Putin.

Il governo del Kazakistan fornirà supporto alle imprese russe in una situazione così difficile. Il presidente del Paese Kassym-Jomart Toqaev ha incaricato i dipartimenti di supportare le imprese che operano presso la sede dell’Astana International Financial Center (AIFC). Ha notato che più di 200 imprenditori sono arrivati ​​dalla Russia in Kazakistan, che si sono stabiliti in questo sito.

Secondo Toqaev, a tutti loro verranno fornite le condizioni necessarie, dal regime migratorio alla soluzione di altri problemi.

***

L’Eurasian Economic Forum ha presentato grandi prospettive per tutti i paesi membri dell’EAEU. Di fronte alle pressioni dell’Occidente, è estremamente importante condurre un’attività economica ragionevole, interagire con partner affidabili. L’attuazione di progetti nell’ambito del forum consentirà agli stati di stabilizzare l’economia all’interno dei loro paesi e di avviare attività all’estero, contrariamente alle aspettative dell’occidente ostile.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli 

Foto: NR-Italia

29 maggio 2022