Guerra ibrida biologica

image_pdfimage_print

di Leonid Savin

Il tema dello sviluppo di armi biologiche da parte degli Stati Uniti, con il pretesto della ricerca, è già ampiamente trattato dalla stampa internazionale. Di solito si ricordano i precedenti storici dell’uso di agenti biologici e chimici da parte degli Stati Uniti contro altri Paesi. I piani contro la Repubblica di Cuba, ad esempio. Da documenti declassificati, si sa che il vice assistente segretario alla Difesa per le operazioni speciali, il generale Edward Lansdale, presentò nel febbraio 1962 un piano con il nome in codice Task 33, che prendeva in considerazione l’uso di armi chimiche e biologiche contro Cuba. Il documento affermava che “l’obiettivo era quello di ideare un piano per inabilitare gran parte dei lavoratori dello zucchero attraverso l’uso occulto di armi biologiche o agenti chimici” [1].

Lansdale propose di avvelenare i lavoratori cubani dello zucchero durante il periodo del raccolto utilizzando agenti “non letali con armi biologiche a base di insetti”. La Marina degli Stati Uniti avrebbe dovuto effettuare un attacco biologico. Lansdale notò che Robert Edwards a Fort Detrick, Maryland, e Cornelius Roosevelt alla CIA avrebbero fornito informazioni sulle armi biologiche per l’operazione proposta [2].

Più recenti sono le attività dei biolaboratori in Georgia e Ucraina, che hanno lavorato sotto i programmi del Pentagono. Sebbene ci si riferisca per lo più al lavoro svolto negli anni 2000, le radici di queste attività sono molto più profonde.

Il Programma congiunto di riduzione della minaccia è stato avviato dal governo statunitense, in collaborazione con il Pentagono e la CIA. L’unità del Pentagono si chiamava originariamente Department of Defense Special Weapons Agency (Agenzia per le armi speciali del Dipartimento della Difesa), poi il nome è cambiato. Sono nate la Defence Threat Reduction Agency (DTRA) e l’US Army Medical Research Institute for Infectious Diseases. Lo scopo presunto del programma era quello di eliminare le scorte di armi nucleari, chimiche e biologiche sovietiche, dando di fatto agli Stati Uniti il controllo delle armi biologiche ex sovietiche.

BioPrepWatch.com ha scritto nel 2010 che “pagine web cancellate mostrano che Obama ha ordinato ai biolaboratori ucraini di sviluppare ‘agenti patogeni mortali’” [3].

Thenationalpulse.com ha sottolineato che l’articolo, che evidenziava anche il lavoro dell’ex senatore Dick Lugar, è stato incluso anche nel numero 818 della rivista Outreach dell’aeronautica militare statunitense.

Lugar ha dichiarato che i piani per la struttura sono stati discussi nel 2005, quando lui e l’allora senatore Barack Obama hanno collaborato con i funzionari ucraini. In quell’anno Lugar e Obama hanno anche contribuito a coordinare gli sforzi dei ricercatori statunitensi e ucraini per studiare l’influenza aviaria e contribuire alla sua prevenzione.

Un rapporto del 2011 del Comitato per la previsione della biosicurezza dell’Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti sull’espansione globale dei laboratori biologici altamente isolati spiega che il laboratorio di Odessa “è responsabile dell’identificazione di agenti patogeni biologici altamente pericolosi. Questo laboratorio è stato rinnovato e aggiornato tecnicamente a BSL-3 nell’ambito di un accordo di cooperazione tra il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e il Ministero della Salute ucraino, iniziato nel 2005. La cooperazione si concentra sulla prevenzione della diffusione di tecnologie, agenti patogeni e conoscenze che potrebbero essere utilizzate per lo sviluppo di armi biologiche”.

Si spiega che “il laboratorio ristrutturato funge da laboratorio centrale di riferimento temporaneo con un deposito (raccolta di agenti patogeni). Secondo i regolamenti ucraini, è autorizzato a lavorare con batteri e virus del primo e del secondo gruppo di agenti patogeni”.

Un documento separato che illustra la rete di biolaboratori ucraini del Progetto di prevenzione delle armi biologiche descrive più dettagliatamente la gamma di agenti patogeni con cui l’istituzione ha condotto ricerche. Tra i virus studiati dal laboratorio ci sono Ebola e “virus del gruppo di patogenicità II utilizzando metodi virologici, molecolari, sierologici e rapidi”.

Inoltre, il laboratorio ha fornito “una formazione specifica ai professionisti della biosicurezza e della sicurezza biologica per la manipolazione di agenti patogeni biologici pericolosi”.

Vine Kristaudo osserva a questo proposito che non si trattava solo di catturare una riserva di campioni (e di specialisti formati nello sviluppo e nella ricerca di agenti patogeni e nella tecnologia delle armi biologiche) in Russia, ma anche nei Paesi “lungo il perimetro dei confini della Russia: questi includono Ucraina, Azerbaigian, Armenia, Georgia, Kazakistan, Uzbekistan, Kirghizistan, Moldavia e Tagikistan”, prima di diffondersi in altre parti dell’Asia e dell’Africa [4].

Esistono diverse versioni delle ragioni per cui gli Stati Uniti hanno iniziato a condurre tali ricerche al di fuori del proprio Paese. Una versione è che sia stato fatto per non irritare l’opinione pubblica, che reagisce molto negativamente a tali progetti. In altre parole, per avvicinare i laboratori alle aree in cui potrebbero essere utilizzate armi biologiche. In un modo o nell’altro, queste attività sono regolamentate. Prendiamo ad esempio l’Istruzione 3216.01 del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, datata 13 settembre 2010, sull’uso degli animali nei test militari.

In essa si legge che le responsabilità comprendono [5]:

  • L’Ufficio del Segretario della Difesa, i Dipartimenti militari, l’Ufficio del Presidente dello Stato Maggiore Congiunto e lo Stato Maggiore Congiunto, i Comandi di Combattimento, l’Ufficio dell’Ispettore Generale del Dipartimento della Difesa, le Agenzie del Dipartimento della Difesa, le Attività sul campo del Dipartimento della Difesa e tutte le altre unità organizzative all’interno del Dipartimento della Difesa (collettivamente, “Componenti del Dipartimento della Difesa”).
  • Ricerca, sviluppo, test e valutazione o formazione condotti o sostenuti sia all’interno che all’esterno degli Stati Uniti continentali.
  • Animali vertebrati, vivi e morti, compresi uccelli, animali a sangue freddo e altre specie specifiche di mammiferi.

Per essere precisi, gli animali comprendono diverse specie. Ad esempio, i cani sono classificati come animali da cerimonia e da servizio. Esiste una categoria di animali da allevamento, anche se non comprende solo quelli consumati per l’alimentazione. Sono menzionati anche quelli utilizzati per la sorveglianza delle malattie. Gli animali selvatici possono essere catturati per le esigenze del Ministero della Difesa. Il dizionario cita anche ratti e topi, pesci e anfibi (le cui larve sono considerate materiale adatto alla ricerca).

Per “morti” si intendono gli animali uccisi per l’esplicito scopo di ricerca o di addestramento. Tuttavia, non include animali morti o parti di animali morti acquistati da negozi di alimentari o macelli.

Il paragrafo 2 chiarisce che gli esperimenti sugli animali sono condotti al di fuori degli Stati Uniti.

Ma la ricerca biologica ad alto rischio non è condotta esclusivamente dal Dipartimento della Difesa statunitense. È più corretto dire che si è formata una potente rete o consorzio che comprende altre agenzie, centri di ricerca e laboratori.

Il Department of Homeland Security ha un Centro nazionale di analisi e contromisure per la biodifesa [6]. Questo centro è partner della National Interagency Biological Research Confederation, che ha sede a Fort Detrick.

Il consorzio comprende i Centers for Disease Control and Prevention, la Food and Drug Administration, il National Cancer Institute, il National Institute of Allergy and Infectious Diseases Joint Research Center, il Naval Medical Research Center Biodefense Research Directorate, lo US Army Implement Management Command, lo US Army Medical Research and Material Command, lo US Army Medical Research Institute per il Plum Island Animal Disease Research Center, nel Massachusetts, una struttura di massima sicurezza [7]. Inaugurata nel 1954, è stata utilizzata dall’esercito statunitense per testare le armi biologiche, e il National Center for Biological and Agricultural Defence, che è anche un sito biologico di livello 4 [8].

Va aggiunto che anche il Department of Homeland Security dispone di un Chemical Security Analysis Centre [9].

Oltre alle forze armate statunitensi, un gran numero di altri appaltatori è coinvolto in questi progetti, come la Technology Management Company (TMC).

La presentazione dei progetti TMC degli anni ’90 e dei primi anni 2000 ha illustrato le attività in Uzbekistan, Kazakistan, Russia e Ucraina relative al disarmo e allo smaltimento di armi nucleari e chimiche, nonché alla raccolta di dati sulla ricerca biologica, per un totale di oltre 14 milioni di dollari: il valore totale di queste attività è di 14 milioni di dollari.

Il progetto GG-21 in Georgia prevedeva l’utilizzo di personale dell’esercito georgiano (un migliaio di coscritti) come cavie per esperimenti con 14 agenti patogeni pericolosi, tra cui antrace, salmonellosi, tularemia, Lyme, febbre emorragica, bartonellosi e altri. È stato ipotizzato un prelievo di sangue durante una visita medica e ulteriori test per la ricerca di anticorpi contro gli agenti patogeni. Queste malattie includono anche malattie che non sono endemiche in Georgia, ad esempio la bartonellosi è un’infezione tropicale, tipica di alcuni Paesi dell’America Latina (Perù, Ecuador).

E dato che il TMC era coinvolto nel reclutamento e nell’analisi dei dati, si può presumere che fosse anche una copertura per il lavoro dei servizi segreti statunitensi.

L’aspetto interessante è che i dati di ricerca mostrano che l’ufficio TMC in Russia era situato a Mosca al 7/5 di Bolshaya Dmitrovka [10] e al 25 di Leontievsky Lane [11].

Si possono trovare anche gli indirizzi degli uffici TMS in Ucraina.

La DTRA ha anche assegnato nel 2020 alla Black & Veatch Special Projects Corp. un contratto da 80 milioni di dollari nell’ambito del Programma di riduzione della minaccia biologica (BTRP) in Ucraina. Un altro appaltatore del DTRA che lavora in Ucraina è la CH2MHill di Englewood, Colorado, che in precedenza ha gestito il progetto di espansione del Canale di Panama da 5,26 miliardi di dollari e ha fornito servizi di consulenza per la gestione del progetto globale di approvvigionamento di acqua marina dell’Iraq. L’azienda si è aggiudicata un contratto da 22,8 milioni di dollari (2020-2023) per rinnovare e attrezzare due nuovi biolaboratori: l’Istituto statale di ricerca per la diagnostica di laboratorio e le competenze veterinarie e sanitarie (regione di Kyiv) e il Laboratorio diagnostico regionale del Servizio statale ucraino per la sicurezza alimentare e la protezione dei consumatori (regione di Odessa) [12].

Si tratta quindi di una rete più ampia di strutture diverse che non comprendono solo la ricerca biologica.

Anche le attività delle aziende private legate alla farmacologia, alla medicina e alla biotecnologia sono interessanti. Ad esempio, National Resilience, fondata negli Stati Uniti nel novembre 2020, si descrive come “una società di produzione e tecnologia dedicata ad aumentare l’accesso ai farmaci complessi e a proteggere le catene di approvvigionamento biofarmaceutiche dalle interruzioni” .

Da allora, l’azienda sta costruendo “una rete sostenibile di soluzioni produttive integrate ad alta tecnologia per garantire una produzione rapida, sicura e scalabile dei farmaci di oggi e di domani”. L’azienda intende inoltre “reinventare la biomeccanica” e “democratizzare l’accesso ai farmaci”, in particolare alla terapia genica, ai vaccini sperimentali e ad altri “farmaci di domani”.

L’azienda ha inizialmente posizionato le sue capacità produttive come una “piattaforma di sostenibilità” e offre principalmente “metodi RNA” (tra cui lo sviluppo di RNA per i vaccini, l’editing genico e le terapie) e “produzione di virus” (tra cui vettori virali, virus oncolitici, cioè un virus ingegnerizzato per colpire in modo preferenziale le cellule tumorali), virus da utilizzare nello sviluppo di vaccini e virus geneticamente modificati per scopi non definiti [14].

Vale la pena notare che, ad oggi, molti esperimenti controversi di “miglioramento della funzionalità” hanno giustificato la modifica dei virus per gli stessi scopi descritti nelle capacità di produzione di virus della National Resilience.

Nell’aprile 2021, la National Resilience ha acquisito la Ology Bioservices Inc. che si è aggiudicata un contratto da 37 milioni di dollari dall’esercito statunitense per sviluppare un trattamento avanzato con anticorpi monoclonali contro la COVID-19. Questa acquisizione ha inoltre fornito a National Resilience il suo primo laboratorio di livello di biosicurezza 3 (BSL-3) e la capacità di produrre terapie cellulari e geniche, vaccini e vettori di virus vivi e virus oncolitici.

Nel 2022, l’azienda ha annunciato diversi nuovi clienti: Takeda, Opus Genetics e il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti [15].

Uno dei co-fondatori dell’azienda è il venture capitalist Robert Nelsen, famoso per essere stato uno dei primi investitori di Illumina, un’azienda californiana di hardware e software per il sequenziamento genico. Oggi si ritiene che Illumina domini il campo della genomica. Illumina è strettamente associata all’equivalente DARPA del Wellcome Trust, noto come Wellcome Leap, che si concentra anche su “medicine” futuristiche e transumaniste.

È interessante notare che l’amministratore delegato di In-Q-Tel, Chris Darby, siede nel consiglio di amministrazione di Resilience. In-Q-Tel è stata la prima società di venture capital della CIA creata per riciclare denaro e creare progetti “indipendenti”. Darby fa anche parte del consiglio di amministrazione del CIA Officers Memorial Fund.

L’idea stessa di Resilience è stata suggerita a Nelsen da Luciana Borio, allora vicepresidente di In-Q-tel. Prima di In-Q-tel, ha ricoperto il ruolo di direttore della preparazione alla difesa medica e biologica presso il Consiglio di sicurezza nazionale sotto l’amministrazione Trump, e in precedenza è stata capo scienziato ad interim della FDA dal 2015 al 2017.

Attualmente la Borio è Senior Global Health Fellow presso il Council on Foreign Relations, consulente di Goldman Sachs, membro dell’alleanza per i vaccini CEPI finanziata da Bill Gates e partner della società di venture capital ARCH Venture Partners di Nelsen.

L’emergere di queste aziende riecheggia la storia delle società militari private create negli Stati Uniti e operanti in Iraq e Afghanistan. In questo modo, le agenzie competenti evitano le responsabilità scaricandole sul settore privato. Inoltre, vi sono alcune lacune nella legislazione.

Negli Stati Uniti esistono numerosi regolamenti e linee guida sulla biosicurezza dei laboratori. La formazione sulla sicurezza può variare notevolmente da un’istituzione all’altra. Gli esperimenti con determinati agenti patogeni e alcune ricerche finanziate dal governo statunitense sono soggetti a supervisione, ma ci sono alcune lacune. Se i laboratori biologici non lavorano con gli agenti patogeni più pericolosi, non hanno bisogno di iscriversi al registro del governo statunitense. Di conseguenza, si sa poco sulla biosicurezza degli esperimenti condotti da aziende private o fondazioni.

“Il vostro miliardario tecnologico preferito potrebbe fare quasi tutto quello che vuole con qualsiasi agente patogeno per i suoi soldi”, ha dichiarato Rocco Casagrande, amministratore delegato della società di consulenza sulla biosicurezza Gryphon Scientific, che ha fornito consulenza ai National Institutes of Health statunitensi sugli standard di biosicurezza. “Potrebbero prendere un virus del morbillo e cercare nel suo garage deliberatamente di renderlo resistente ai vaccini e più patogeno. Se lo fa per scopi di ricerca legittimi, nella sua mente, potrebbe farlo in modo selvaggio, insicuro e nessuno potrebbe fermarlo” [16].

Probabilmente tutte queste parole possono essere applicate alle attività delle aziende di Robert Nelsen e di altre simili.

Così, alla fine di ottobre del 2022, il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato la strategia nazionale di biosicurezza e il piano di attuazione [17]. La strategia in sé è lunga poco più di dieci pagine, ma l’appendice del piano di attuazione è un documento piuttosto ampio, lungo quanto la strategia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Sembrerebbe porre fine alla confusione che si è creata negli Stati Uniti. Vediamo se lo fa.

Sono specificate tre tipi di minacce biologiche: naturali, accidentali e intenzionali. È interessante notare che l’epidemia COVID-19, pur non essendo direttamente classificata come naturale (il che fa già pensare), è elencata in questo blocco nel contesto in cui si è diffusa abbastanza rapidamente in tutto il mondo, “colpendo direttamente la popolazione statunitense, la sua salute, la sua sicurezza e il suo benessere”.

Il documento rileva che gli Stati Uniti riconoscono i seguenti principi:

  • Le minacce biologiche persistono. Gli agenti patogeni sono emersi e si sono diffusi nel corso della storia e i rischi posti da questi agenti patogeni stanno diventando più acuti con l’urbanizzazione del mondo, la frequenza dei viaggi e il cambiamento del clima e dell’habitat. Singoli Stati nazionali e gruppi terroristici hanno visto dei vantaggi nello sviluppo di armi biologiche e non c’è certezza che questo cambierà in futuro. I progressi nelle scienze biologiche ridurranno le barriere tecnologiche all’acquisizione di tali armi e aumenteranno il numero di persone con le competenze adeguate a portare a termine le minacce.
  • Le minacce biologiche provengono da molteplici fonti. Nell’ambito della difesa biologica, gli Stati Uniti devono contrastare sia le minacce biologiche intenzionali sia quelle derivanti da epidemie naturali e accidentali.
  • Le malattie infettive non conoscono confini. Un mondo interconnesso aumenta l’emergere, il riemergere e il diffondersi di agenti patogeni in modo tale che una minaccia di malattia ovunque è una minaccia di malattia ovunque.
  • Gli incidenti biologici colpiscono le infrastrutture critiche e le catene di approvvigionamento.
  • La cooperazione multisettoriale e tra più soggetti è fondamentale per una difesa biologica efficace.

Questa strategia prevede l’impegno dell’intero governo e dell’intera società nella difesa biologica, sia a livello nazionale che globale. La valutazione, la prevenzione, la preparazione, la risposta e il recupero riguardano vari settori, tra cui la medicina, la salute umana, animale e vegetale, la risposta alle emergenze, la scienza e la tecnologia, le forze dell’ordine, l’industria, il mondo accademico, la diplomazia, la difesa e la sicurezza, l’intelligence, le scienze sociali e comportamentali, la comunicazione strategica del rischio, i trasporti, i viaggi e il turismo e i settori della non proliferazione e della contro-proliferazione.

  • L’approccio One Health riduce la probabilità di incidenti biologici e il loro impatto.
  • La scienza e la tecnologia continueranno a progredire in tutto il mondo… I progressi della scienza e della tecnologia portano trattamenti e progressi rivoluzionari, ma hanno anche il potenziale per un uso deliberato improprio. Gli Stati Uniti hanno la responsabilità di garantire che le nostre tecnologie, i nostri sviluppi e i nostri programmi di assistenza non aggravino inavvertitamente questo rischio.

Michael Nevradakis osserva che più di 20 agenzie federali saranno coinvolte nella nuova strategia di difesa biologica dell’amministrazione, mentre “la supervisione della strategia sarà condotta alla Casa Bianca sotto la direzione del Consigliere per la Sicurezza Nazionale” [18].

Secondo un alto funzionario dell’amministrazione Biden, la nuova strategia “indirizza la comunità dell’intelligence statunitense a monitorare le minacce e ad assicurare che gli Stati Uniti ‘si adattino continuamente a questo panorama mutevole di minacce’ conducendo esercitazioni annuali” per “prevenire epidemie e incidenti biologici prima che si verifichino”.

Questo potrebbe ricordare le esercitazioni e le simulazioni che hanno avuto luogo poco prima delle epidemie di COVID-19, vaiolo delle scimmie e antrace, che sembravano prevedere con sorprendente somiglianza ciò che sarebbe accaduto in seguito.

In altre parole, se le autorità statunitensi si esercitano sul tema della minaccia biologica, è molto probabile che si verifichi un’altra epidemia di una malattia pericolosa. Ovverossia, prima le manovre e poi la guerra, anche se in una forma leggermente diversa da quella a cui tutti sono abituati a valutare i conflitti armati.

Defense One ha scritto che il raggiungimento di alcuni degli obiettivi della strategia “moonshot” “richiederà un’espansione degli sforzi di raccolta dati presso le strutture di ricerca in tutto il mondo”, oltre a un aumento significativo di una serie di altri sforzi legati alla ricerca, notando che l’amministrazione “non ha specificato quali tecnologie utilizzerà” [19].

Secondo questa risorsa, gli Stati Uniti potrebbero aver bisogno di sviluppare “nuovi approcci alla ricerca sull’RNA” per “alleviare le pandemie”, oltre a “nuove forme di vaccini a base vegetale” che potrebbero “permettere di aumentare la produzione di vaccini di ordini di grandezza”. Ma questi approcci potrebbero anche significare la creazione di nuovi virus.

Gli stessi funzionari statunitensi sono scettici sull’attuazione di questa strategia. Un funzionario non nominato dell’amministrazione Biden, citato da Defense One, ha ammesso che il “moonshot” previsto dal piano “non è possibile oggi, ma queste capacità possono essere raggiunte e sono alla nostra portata con le giuste risorse nei prossimi cinque-dieci anni”.

L’assunzione di un maggior numero di operatori sanitari potrebbe rivelarsi una sfida per l’amministrazione Biden anche a causa della carenza di infermieri professionisti, che si prevede aumenterà entro il 2025, insieme all’incombente “carenza di altri operatori sanitari”.

Il problema non è solo la mancanza di professionisti qualificati, ma anche il degrado della situazione generale. Un rapporto di 5.500 pagine del National Institutes of Health, che include 18 anni di dati sugli incidenti di laboratorio, descrive in dettaglio centinaia di incidenti legati ai virus.

I documenti dimostrano che tali incidenti si verificano anche in laboratori BSL-3 e BSL-4 altamente sicuri e che in alcuni casi portano a infezioni. Per esempio, una studentessa laureata alla Washington University School of Medicine ha contratto il virus chikungunya pungendosi il dito con un ago. I documenti mostrano anche che un ricercatore che lavorava con i batteri MRSA resistenti agli antibiotici in un laboratorio della Food and Drug Administration è stato infettato [20].

Tuttavia, mentre l’interruzione di parti della strategia del settore civile è abbastanza possibile (e avrebbe un impatto diretto sul benessere dei cittadini americani), è improbabile che le forze armate permettano che vengano tagliati i finanziamenti per i programmi che già gestiscono o che intendono gestire, comprese le iniziative all’estero relative alla ricerca su agenti patogeni pericolosi e ad alto rischio.

Francis Boyle, avvocato e professore di diritto internazionale presso l’Università dell’Illinois, coautore nel 1989 della legge sul bioterrorismo e sulla strategia di biosicurezza negli Stati Uniti, ritiene che “lo sviluppo, la promozione e l’attuazione della ricerca a doppio uso e della ricerca che coinvolge agenti patogeni potenzialmente pandemici e altri agenti patogeni ad alto rischio siano preoccupanti” [21]. Boyle ritiene che la formulazione stessa dell’ordine esecutivo di Biden costituisca un’evidente violazione illecita.

Lo stesso Boyle è abbastanza consapevole dei modi in cui sono state sviluppate le armi biologiche e in un’intervista cita il ruolo del Sudafrica in tali attività, iniziate con la ricerca, lo sviluppo e lo stoccaggio di armi biologiche da parte della CIA con l’assistenza del regime dell’apartheid, e il laboratorio BSL-4 nel Paese che ora continua a lavorare su “armi biologiche da guerra riprovevoli”.

Per inciso, Boyle è tra gli esperti che ritengono che il coronavirus sia di origine artificiale e ritiene che sia stato fatto deliberatamente, per ridurre la popolazione, soprattutto quella dei Paesi del terzo mondo.

Boyle ha anche dichiarato apertamente in precedenza che gli Stati Uniti stanno deliberatamente creando laboratori biologici in Paesi vicini alla Russia per usare armi biologiche contro la Russia [22].

Dato che Boyle ha raccolto materiale d’accusa contro Slobodan Milosevic, non può certo essere definito un amico della Russia. Semplicemente, da professionista imparziale, descrive la situazione così com’è e parla dei rischi di ulteriori tendenze.

Come possiamo vedere, le sue ragioni sono reali. Inoltre, a differenza delle armi convenzionali, gli agenti biologici possono colpire i loro stessi ospiti.

L’esperto di armi e strategia del Pentagono statunitense William Hartung, nella sua pubblicazione sulla lobby militare-industriale, definisce la politica di vendita degli armamenti niente di meno che “la sala della vergogna degli Stati Uniti” [23].

[1]     https://shadowproof.com/2017/10/27/jfk-files-us-officials-plotted-destruction-cuban-crops-biological-agents/

[2]    https://www.archives.gov/files/research/jfk/releases/docid-32424914.pdf

[3] https://web.archive.org/web/20110522081423/http://www.bioprepwatch.com/news/213421-biolab-opens-in-ukraine

[4]   https://www.thepostil.com/lies-spies-and-us-bioweapons-on-the-verge-of-armageddon/

[5]    https://bids.iwtsd.gov/Resource/DisplayRE

[vi]   https://www.dhs.gov/science-and-technology/national-biodefense-analysis-and-countermeasures-center

[7]  https://www.dhs.gov/science-and-technology/plum-island-animal-disease-center

[8] https://www.dhs.gov/science-and-technology/national-bio-and-agro-defense-facility

[9]   https://www.dhs.gov/science-and-technology/csac

[10]    https://moscow.orgsinfo.ru/company/1986117-technology-management-company#work_hours

[11]   https://www.k-agent.ru/catalog/9909182805-0

[12]  https://covertactionmagazine.com/2022/03/22/u-s-lied-about-funding-dangerous-pathogen-research-in-secret-ukrainian-biolabs-newly-leaked-documents-reveal/

[13]  https://news.resilience.com/news-1/press-releases/press-release-details/2022/Resilience-Announces-625-Million-Series-D-Financing-to-Expand-Network-Bring-Innovative-Technologies-to-Biomanufacturing/default.aspx

[14]  https://web.archive.org/web/20210411062128/https://resilience.com/capabilities/

[15]   https://unlimitedhangout.com/2022/08/investigative-reports/rna-for-modernas-omicron-booster-manufactured-by-cia-linked-company/

[16]  https://theintercept.com/2022/11/01/biosafety-lab-accident-chikungunya-virus/

[17]  https://www.whitehouse.gov/wp-content/uploads/2022/10/National-Biodefense-Strategy-and-Implementation-Plan-Final.pdf

[18] https://childrenshealthdefense.org/defender/biological-weapons-biden-biodefense-strategy/

[19]  https://www.defenseone.com/threats/2022/10/white-house-aims-bio-defense-moonshots-new-strategy/378554/

[20]   https://www.documentcloud.org/documents/23182227-hvistendahlthe-intercept-wustl-09-30-2016-chikungunya-lab-infection-report-to-nih-osp

[21]  https://www.biznews.com/health/2022/10/20/bioweapons-pandemics

[22] https://expose-news.com/2022/04/11/us-funded-bioweapons-ukraine-use-against-russia/

[23] https://tomdispatch.com/corporate-weapons-heaven-is-a-hell-on-earth/

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Idee&Azione

28 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube