Guerra in Ucraina: la spirale auto-realizzatrice

image_pdfimage_print

di Pierre-Emmanuel Thomann

Perché la guerra tra Russia e Ucraina è scoppiata così rapidamente? Una volta che le proposte russe sono state respinte in blocco dagli Stati Uniti e dai membri della NATO, era solo una questione di tempo prima che la situazione degenerasse, ma perché così rapidamente?

Gli storici stanno ancora discutendo le cause e il corso degli eventi e le decisioni che hanno portato allo scoppio della Prima guerra mondiale, e così sarà per questo conflitto. Tuttavia, tenendo conto delle molte incertezze della nebbia di guerra, ecco la mia ipotesi.

Paradossalmente, fu la guerra di comunicazione anglosassone che accusava la Russia di un’imminente invasione a causare l’accelerazione degli eventi. Si può affermare che questo è un buon esempio di profezia che si autoavvera. La guerra di comunicazione degli anglosassoni e dei governi atlantisti si è poi evoluta dallo scoppio del conflitto accusando la Russia di un’invasione non provocata dell’Ucraina. In realtà, non si tratta di un’invasione, ma di un’operazione per neutralizzare l’Ucraina dopo diversi decenni di azioni ostili da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati della NATO verso la Russia dopo la scomparsa dell’URSS.

Questa campagna di disinformazione, ampiamente diffusa dai media francesi e tedeschi, è stata eguagliata solo dalla propaganda statunitense durante l’invasione americana dell’Iraq nel 2003 e l’invasione della provincia serba del Kosovo nel 1999. L’operazione militare russa non ha avuto luogo nella data annunciata dai media e dai membri dei governi anglosassoni, ma è stata ritardata a seguito di una catena più complessa di negoziati diplomatici e di eventi sul terreno.

Diamo un’occhiata alla sequenza degli eventi.

Nel dicembre 2021, la Russia ha fatto proposte agli Stati Uniti e alla NATO per una nuova architettura di sicurezza europea, tra cui un arresto dell’allargamento della NATO, in particolare all’Ucraina, la promessa di non installare sistemi di armi ai confini della Russia, e un ritorno delle capacità militari e delle infrastrutture del blocco in Europa allo stato del 1997, quando fu firmato l’atto di fondazione della NATO-Russia.

L’unica risposta degli Stati Uniti (e del suo surrogato, il Regno Unito) è stata proprio il lancio di una guerra di comunicazione accusando la Russia di un’invasione imminente, al fine di distogliere l’attenzione dai propri obiettivi, vale a dire rifiutare qualsiasi trattativa sostanziale sull’allargamento della NATO, silurare in anticipo qualsiasi trattativa separata degli europei, in particolare i tentativi dei servizi diplomatici francesi e tedeschi, e accelerare la consegna di armi all’Ucraina, che ha poi ripreso il bombardamento del Donbass. Lo scopo inspiegabile era quello di provocare una guerra tra la Russia e l’Ucraina, usando quest’ultima come forza militare per procura per indebolire la Russia senza inviare un solo soldato americano.

La Russia, da parte sua, aveva probabilmente previsto diversi scenari. O le mediazioni europee si traducono in una promessa di fermare l’allargamento della NATO con la negoziazione di un nuovo trattato di sicurezza europeo, o la Russia sarà costretta, come aveva annunciato già nel 2021, a procedere con misure tecnico-militari per garantire la sua sicurezza, ma anche quella del Donbass, che di fatto non ha mai smesso di essere sotto i bombardamenti ucraini dal 2014, da quando hanno vinto la loro guerra di indipendenza dopo il colpo di stato di Kiev.

La situazione potrebbe probabilmente essere ancora rilassata, se gli europei avessero chiaramente promesso in un trattato di congelare permanentemente l’allargamento della NATO all’Ucraina ed evitare di promettere di consegnare armi all’Ucraina, e se l’Ucraina avesse anche finalmente accettato di attuare gli accordi di Minsk, Tuttavia, gli accordi di Minsk non erano già più decisivi, poiché potevano essere pienamente efficaci solo in un negoziato più completo su una nuova architettura di sicurezza, compreso un arresto dell’allargamento della NATO. In questo scenario, i russi probabilmente non sarebbero intervenuti.

La mediazione europea, troppo tardi, non ha avuto successo, perché non c’era nessuna promessa sulla sostanza e i governi francese e tedesco non hanno elaborato una posizione chiaramente diversa e indipendente dagli Stati Uniti. Allo stesso tempo, gli europei hanno in gran parte trasmesso la narrazione degli Stati Uniti, e l’UE ha dimostrato di essere solo un allegato della NATO su questo tema.

L’Ucraina ha continuato a chiedere l’adesione alla NATO, mantenendo le truppe ammassate ai confini del Donbass e intensificando i bombardamenti sulla linea del fronte del Donbass.

Il rapido deterioramento della situazione ai confini del Donbass ha quindi convinto i russi che l’opzione di un negoziato sostanziale è impossibile e che la volontà degli Stati Uniti e dei loro alleati europei è di continuare l’inesorabile e accelerata NATOizzazione dell’Ucraina. La preparazione di un’offensiva nel Donbass (come ha fatto il presidente ucraino Poroshenko nel 2014 in contraddizione con la sua promessa di negoziare con le repubbliche separatiste del Donbass) era ancora più probabile.

L’opzione di riconoscere le repubbliche indipendenti del Donbass per garantire la loro sicurezza e l’opzione di neutralizzare l’Ucraina, poiché i due obiettivi non possono essere separati, è diventata una necessità. L’Ucraina è diventata un anti-Russia e uno stato-fronte armato dai membri della NATO nella creazione di un arco di instabilità intorno alla Russia. Le successive estensioni della NATO minacciano le frontiere della Russia e mirano, dalla caduta dell’URSS, a respingerla nelle sue terre continentali e a impedire l’emergere del mondo multipolare per conservare la supremazia degli Stati Uniti (vedi mappa) in Europa e nel mondo. Tanto più che sono in regressione geopolitica dopo il fallimento del tentativo di cambio di regime in Siria e la partenza dall’Afghanistan. Idealmente, vogliono anche realizzare un cambio di regime sul territorio russo, come in Ucraina.

L’operazione militare russa è ovviamente una ritorsione al cambio di regime a Kiev nel 2014, e percepita come una liberazione per gli ucraini che desiderano il miglior rapporto possibile con la Russia, o addirittura una riunificazione, a fortiori nel Donbass È il ritorno del pendolo geopolitico,

Gli anglosassoni parlano ora di un’invasione provocata, mentre sono responsabili di questo sviluppo, rifiutando di fermare la “NATOizzazione” dell’Ucraina, e sapendo perfettamente che questo era un casus belli per la Russia. La Russia lo ha dimostrato dalla guerra Russia-Georgia del 2008. Inoltre, per i russi, questa non è un’invasione, perché considerano che si tratta di liberare gli ucraini da un regime illegittimo sotto il controllo degli Stati Uniti. Lo status quo non è più possibile.

Gli Stati Uniti hanno cercato a lungo di provocare una guerra tra la Russia e l’Ucraina, che è la loro procura, ma le conseguenze geopolitiche, contrariamente alle loro aspettative, non saranno necessariamente favorevoli a loro perché nel mondo multipolare sarà molto difficile isolare la Russia. I governi francese e tedesco hanno perso un’altra occasione per dimostrare che possono essere indipendenti dagli anglosassoni. La decisione di consegnare armi all’Ucraina dimostra a posteriori che il loro tentativo di mediazione non era credibile sulle questioni sostanziali, e sottolinea il loro allineamento con le priorità geopolitiche degli Stati Uniti, e il loro ruolo di ausiliari. Questo è un errore di calcolo, perché una cosa è certa, la Russia non può perdere questa guerra, perché è nel suo interesse vitale, non solo geo-strategicamente ma anche dal punto di vista della continuità della Russia storica. I membri degli attuali governi tedesco e francese, le cui visioni del mondo sono plasmate da ideologie atlantiste e globaliste fuori dalla terra, non solo sono incapaci di identificare e preservare gli interessi delle nazioni che dovrebbero incarnare, ma sono anche sonnambuli in geopolitica.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

2 marzo 2022