Hristo Groziev è un terrorista? Come Bellingcat è stato coinvolto in un tentativo di dirottamento e rapimento di un aereo

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Il giornalismo liberale si presenta come l’ultimo baluardo della verità e dell’obiettività, ma, come verrà illustrato nel nostro saggio, dietro a tutti questi slogan si cela un oscuro sforzo per minare la sovranità degli indesiderati Stati-pool globali.

Il 25 luglio, i media federali russi hanno riferito che il Servizio di sicurezza federale russo aveva scoperto e sventato un’operazione dei servizi speciali ucraini per dirottare aerei da guerra russi. La Direzione principale dell’intelligence (GUR) ucraina, in collaborazione con i colleghi britannici, progettava di corrompere i piloti russi, costringerli a “drogare” i loro colleghi con clofelin, far atterrare gli aerei in territorio ucraino e portare le famiglie dei piloti nei Paesi della NATO: Baltici, Germania e Bulgaria. I parenti dovevano essere usati come ostaggi. Il dirottamento dei veicoli da combattimento – un caccia Su-24, un cacciabombardiere Su-34 e un bombardiere strategico Tu-22M3 – doveva essere un esempio di grandioso successo per l’intelligence militare ucraina, ma l’operazione è stata un fallimento. Di conseguenza, il GUR e l’intelligence britannica hanno “svelato” non solo le posizioni dei sistemi di difesa aerea ucraini, davanti ai quali avrebbe dovuto volare l’aereo del presunto rompi-accordi, ma anche i loro agenti. Uno di loro era il capo della ONG olandese Bellingcat [1] Hristo Grozev. “Giornalista”, “investigatore”, vincitore di numerosi premi, ha partecipato al piano che prevedeva l’avvelenamento di un uomo e la presa in ostaggio di donne e bambini. Come è stato possibile?

 

Chi è Hristo Groziev?

Hristo Grozev è diventato noto al grande pubblico dopo che nel 2015 ha iniziato a collaborare con l’organizzazione Bellingcat, fondata dal britannico Elliot Higgins. Con lo scoppio della guerra in Siria, l’ex commerciante britannico di biancheria intima ha improvvisamente scoperto i suoi superpoteri: la capacità di denunciare i “crimini” di Bashar al-Assad e della Russia a partire da foto e video su Internet. I media occidentali hanno applaudito il nuovo genio, che ha immediatamente acquisito una squadra di ex agenti dell’intelligence britannica e americana.

Groziev si sentiva come un pesce nell’acqua in questa società. Si è laureato all'”Università americana” in Bulgaria, fondata letteralmente dall’ambasciata statunitense e da George Soros. Collaboratore dell’ex agente dell’intelligence militare statunitense John Kluge, che negli anni ’90 si è interessato alle risorse mediatiche russe. Amico del capo della Casa d’Asburgo, l’arciduca Karl, sorpreso a contrabbandare gioielli. Hristo Grozev era un uomo con una vasta gamma di contatti e interessi.

Nella natia Bulgaria era ormai noto come un torbido manager dei media con legami oligarchici. Le malelingue lo hanno accusato di collaborazione con la mafia, di lavorare per l’oligarca Delyan Peyevsky e di aver rilevato i media nell’interesse delle reti atlantico-oligarchiche legate all’Occidente.

Nel dicembre 2011 i fotoreporter di Bulgaria Today hanno fotografato Hristo Grozev mentre entrava e usciva da un ufficio dove presumibilmente stava negoziando con Peyevsky. La società in questione era la Scorpion Shipping, dove i media sostengono che l’oligarca, divenuto simbolo della corruzione bulgara, tenesse incontri segreti.

L’azienda si occupa di spedizioni transfrontaliere con l’Europa e il Medio Oriente, stoccaggio di stupefacenti, ecc. Curiosamente, i tre dirigenti della Scorpion Shipping erano, secondo una rivelazione del 2014, agenti della sicurezza di Stato bulgara. Il traffico di droga, il contrabbando e il commercio di armi sono aree di interesse tradizionali per i servizi di sicurezza bulgari, che hanno cambiato il loro patrono esterno con il crollo del campo socialista, ma non il modus operandi. Ed è in questi ambienti che Hristo Groziev ruotava prima di entrare in Bellingcat.

Nel 2020, l’ex socio di Delyan Peevsky, l’ex proprietario della Corporate Trade Bank (CTB) Tsvetan Vasilev, e sua moglie e sua figlia hanno accusato Grozev di lavorare per Peevsky e di utilizzare i legami con i servizi di sicurezza per realizzare piani criminali in Bulgaria.

 

Il risveglio di un “dormiente”

Nel 2014, sullo sfondo dei noti eventi in Ucraina, Grozev è diventato improvvisamente attivo (o è stato attivato). È entrato bruscamente nel settore radiofonico ucraino, insieme a Karl Habsburg, acquistando la stazione radio, ora chiamata Krajina FM.  In precedenza, il “media manager” apolitico ha trasformato il suo blog WordPress e il suo account Twitter in uno strumento di propaganda antirussa. I principali “bersagli” di Grozev erano i patrioti russi: l’uomo d’affari Konstantin Malofeev, il filosofo Alexander Dugin, nonché i movimenti conservatori occidentali con cui i cittadini russi erano in contatto. Il responsabile dei media si era ormai riqualificato come “investigatore” per il Laboratorio di gestione del rischio della Nuova Università Bulgara. L’ONG era diretta dall’ex primo ministro bulgaro (radicalmente filo-occidentale) Ivan Kostov.

Già nel 2015, Grozev aveva inviato una nota alle autorità bulgare competenti in merito alla “minaccia” dell’acquisto da parte di Malofeev di un’azienda televisiva e di difesa bulgara. Nelle sue “indagini” sui legami tra patrioti russi e greci, il bulgaro si è affidato agli hacking delle e-mail del gruppo di hacker Humpty Dumpty.  Nel 2016, i responsabili di Humpty Dumpty, Sergey Mikhailov, capo del Centro di sicurezza informatica del Servizio di sicurezza federale russo, e il suo vice Dmitry Dokuchaev, sono stati arrestati in un caso di tradimento. Sono stati accusati di collaborare con la CIA.

Tuttavia, Groziev ha continuato le “esposizioni” sulla stessa linea, ma già in Bellingcat. Il suo partner in Russia è diventato un oppositore e fondatore di The Insider[2], Roman Dobrokhotov, che in precedenza aveva lanciato sui media i risultati degli hackeraggi di Humpty Dumpty, ma per qualche motivo è rimasto in libertà. Nel 2017, Dobrokhotov e Groziev hanno pubblicato un’indagine congiunta sulla “rete di influenza” della Russia in Europa orientale, accusando al contempo Konstantin Malofeev di aver addestrato “neonazisti” e di aver tentato di organizzare un colpo di Stato in Montenegro. Grozev ha anche “smascherato” i legami di Malofeev e Dugin con il partito italiano Lega Nord, ha partecipato alle “indagini” sull’MH17, sull’avvelenamento degli Skripal, sull’omicidio del militante itkeriano Zelimkhan Hangoshvili in Germania e sull'”avvelenamento di Navalny”. Il risultato delle “indagini” era prevedibile: era tutta colpa della Russia e del Presidente Putin in persona. Dopo aver iniziato con le molestie a Malofeev, Grozev ha concluso accusando il leader russo di aver organizzato “omicidi”.

 

Stile di lavoro: furto, menzogna, corruzione, servizi speciali

Secondo Sergey Naryshkin, direttore dei servizi segreti russi, Bellingcat comprende ex dipendenti dei servizi speciali occidentali.  I legami di Bellingcat con lo Stato profondo anglo-americano sono apertamente discussi anche dai conservatori americani, guidati da Stephen Bannon, ex consigliere di Donald Trump. In realtà, questa struttura è collegata all’intelligence britannica MI6, alla comunità di intelligence americana e alle ONG liberali, che sono collegate in un’unica rete. Non è un caso che Bellingcat sia contemporaneamente impegnato in attività antirusse, ad esempio nell’identificazione dei partecipanti al dirottamento del Campidoglio a Washington il 6 gennaio 2021, in modo che possano essere condannati dall’FBI. Questi americani comuni, come i russi, rappresentano una minaccia per il progetto liberale globale, che è sostenuto dallo “Stato profondo”.

Il 24 gennaio 2022 Grozev è stato nominato direttore esecutivo e presidente del consiglio di amministrazione dell’ONG olandese Bellingcat. Le reti di finanziamento delle ONG ostili alla Russia, gli Stati Uniti, il Regno Unito, i Paesi Bassi e altri Paesi della NATO si sono stretti intorno a lui.

A quel punto, l’attenzione di Bellingcat si era da tempo spostata dalla Siria alla Russia. Anche la metodologia è cambiata. Invece di affermare di utilizzare fonti di informazione aperte, Bellingcat, dove il ruolo di Grozev stava crescendo sempre più, ha iniziato a utilizzare quasi esclusivamente fonti chiuse. Semplicemente rubando informazioni, corrompendo persone che hanno accesso a banche dati chiuse e usando riferimenti a queste banche dati chiuse per giustificare le sue conclusioni. In questo modo è molto conveniente legalizzare nello spazio mediatico le informazioni, ottenute dai servizi segreti, o la vera e propria fiction. I media hanno creato una tale immagine di Bellingcat che è diventato sempre più costoso dubitare delle loro “indagini”.  Sono anche riconosciuti come sostenitori di Trump e “agenti russi”. Di conseguenza, sulla base delle dichiarazioni non verificabili di Grozev e Dobrohotov, che sono diventati “testimoni” nei tribunali, i cittadini russi sono stati condannati a vere e proprie pene detentive e sono iniziate le sanzioni contro la Russia. Il portale Bellingcat è diventato uno strumento non solo di informazione, ma anche di sanzioni e di guerra legale contro la Russia.

 

Provocazione con GUR

Con l’inizio dell’operazione militare speciale della Russia in Ucraina, la rete informativa di Bellingcat ha iniziato a lavorare a pieno regime. L’organizzazione ha lavorato diligentemente sull’agenda dei media occidentali. Groziev ha testimoniato al Congresso degli Stati Uniti, diventando un “testimone” di crimini di guerra presumibilmente commessi dalla parte russa. Tuttavia, a giudicare dal coinvolgimento di Hristo Grozev nel tentativo di dirottamento di aerei russi, il coinvolgimento di Bellingcat nella guerra contro la Russia non si limita alle “indagini”.

Già l’anno scorso Grozev aveva preso parte a una provocazione simile dei servizi segreti occidentali in Ucraina. In quel periodo promosse il cosiddetto “wagnergate”.  Il 29 luglio 2020, più di 30 cittadini russi sono stati arrestati durante i disordini di ispirazione occidentale in Bielorussia. Sono stati accusati di appartenere a una fantomatica compagnia militare privata, il Gruppo Wagner. Tuttavia, le autorità bielorusse hanno infine restituito gli uomini alla Russia. Secondo i media ucraini, infatti, si trattava di un’operazione speciale sventata dai servizi segreti ucraini e dalla CIA per rapire i russi. È stato impedito da presunti “traditori” dell’entourage di Zelensky.

Nel 2021, mentre i servizi segreti britannici esercitavano pressioni su Zelensky e tentavano un’escalation nel Donbass, Groziev è venuto in Ucraina e ha incontrato nazionalisti e membri “di alto rango” del GUR, minacciando in dichiarazioni ai media di rivelare tutta la verità sull’operazione sventata. La pressione mediatica si è conclusa con un risultato incomprensibile: il filmato di Bellingcat, che era stato annunciato per tutto l’anno, non ha detto nulla di nuovo, che non sia stato spiegato in numerose interviste con Grozev. Inoltre, Bellingcat ha evitato di rispondere alla domanda su chi sia la colpa del fallimento dell’operazione. Ora è evidente che Bellingcat è stato uno strumento di pressione mediatica sulla leadership ucraina per costringerla a un’escalation nel Donbass, obbedendo alle istruzioni dei responsabili britannici. E questo compito è stato portato a termine con successo da Grozev.

 

Scoprire le reti

Questa volta, nonostante le prove presentate dall’FSB russo, Grozev cerca di sviare le accuse di sabotaggio. Si presume che stesse semplicemente girando “un documentario investigativo su come l’FSB e i servizi speciali ucraini stiano giocando a ingannarsi a vicenda”. Ma i fatti e gli stretti legami con i servizi di sicurezza occidentali e ucraini parlano da soli. Tanto più che lui stesso afferma di aver avuto accesso in qualche modo alle informazioni sulle operazioni dei servizi speciali ucraini in tempo reale. Chi gliel’ha data e perché? Date le informazioni sul passato oscuro di Grozev, non è difficile immaginare che questo uomo d’affari criminale sia stato coinvolto in una frode con avvelenamento e rapimento.

Dalle informazioni rese pubbliche dai servizi di sicurezza russi risulta che Khristo Grozev ha utilizzato i suoi contatti in Russia a beneficio dei servizi segreti occidentali. Una delle persone a lui legate ha persino detto che non si aspettava che fosse coinvolto in tali “affari neri”.  Tuttavia, questo è solo un elemento della rete. Ovviamente, è possibile estrarre dati, manipolando i quali potrebbe definire apertamente il presidente della Russia “assassino”, solo disponendo di contatti ampi ed estesi nel nostro Paese. E questi contatti non sono chiaramente limitati agli attivisti dell’opposizione, a Novaya Gazeta, Dozhd[3], Ekho Moskvy[4] e ad altri agenti stranieri. Grozev ha vissuto in Russia negli anni Novanta e nei primi anni Duemila, ha posseduto e venduto media, ha incrociato il famigerato Mikhail Lesin ed è stato un “partner commerciale” di Vladimir Posner. Le “indagini” di Grozev e Roman Dobrohotov sono ancora citate da politici ed esperti mainstream, soprattutto quando si tratta di criticare i conservatori russi e i loro tentativi di impegnarsi nella diplomazia pubblica in Occidente al di fuori dei circoli globalisti. In quest’ultimo caso, questi critici e il potenziale accusatore di terrorismo Groziev non fanno parte della stessa rete? Soprattutto se si considera che gli stessi conservatori russi sono soggetti a ogni possibile sanzione occidentale e che le aziende globaliste bloccano all’unisono i loro social network? La risposta definitiva a questa domanda, tuttavia, può essere data solo dall’indagine.

[1] Bellingcat – riconosciuto come media agente straniero e organizzazione indesiderata in Russia

[2] The Insider – riconosciuto come un media che svolge funzioni di agente straniero ed è un’organizzazione indesiderabile in Russia.

[3] Dozhd – riconosciuto come media che svolge funzioni di agente straniero in Russia.

[4] Ekho Moskvy – riconosciuto come media che svolge funzioni di agente straniero in Russia.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Katehon.com

27 luglio 2022