I nemici interni e il disagio della verità

image_pdfimage_print

di Alastair Crooke

Il “totalitarismo” europeo di oggi è di tipo più raffinato – non così violento, e quindi meritevole di un “lasciapassare”?

Ricordate Jamal Khashoggi? Lo conoscevo un po’ e l’ho incontrato diverse volte nel corso degli anni. Chiaramente non era un “hacker” del regime. Aveva le sue divergenze con la leadership saudita, ma era essenzialmente un patriota saudita di comprovata integrità.

In uno dei suoi articoli pubblicati nel luglio 2014, Khashoggi ha vissuto un’esperienza che lo ha sconvolto nel profondo: “All’inizio del Ramadan, ho portato la mia famiglia in un caffè turco a Gedda dopo le preghiere serali. Era una normale serata di Ramadan. Abbiamo scambiato due chiacchiere, consumato molte calorie e tè turco”.

Il giorno dopo ha scritto di aver ricevuto il seguente tweet: “Ti ho visto ieri al (…) ristorante. “I sostenitori dello Stato sono ovunque: Fai attenzione!” [I sostenitori dello Stato si riferiscono allo Stato Islamico (ISIS), non allo Stato saudita]. Khashoggi ha riflettuto: “Si trattava quindi di una minaccia o di un consiglio? O la persona vuole dirmi: “Siamo qui?””. Ho controllato l’account [Twitter] e ho capito che… non è un burlone, ma un membro attivo dell’ISIS”.

“Ho cercato di ricordare”, ha scritto, “se l’ho visto al caffè… a sinistra del nostro tavolo c’era la sezione delle famiglie, e non ricordo nessuno che avesse caratteristiche dell’ISIS. A destra c’era la sezione degli uomini single. C’erano giovani comuni che parlavano con entusiasmo della Coppa del Mondo. Naturalmente non c’era un uomo mascherato e vestito di nero. Quello che è certo è che [lui] era lì. Era uno di noi”.

Questo era il punto di Khashoggi: “Era uno di noi”.

Ebbene, questa settimana l’alto diplomatico russo ha pubblicato un “tweet” di genere piuttosto simile. Ha avvertito tutti i politici liberali che sorseggiano un tè con Zelensky a Kiev: “Attenzione, i neonazisti sono ovunque intorno a voi. Fate attenzione”. “Purtroppo il presidente Zelensky dice di non poter essere un nazista perché è di origine ebraica, [eppure] ne patrocina personalmente le tendenze”, ha detto Lavrov.

Naturalmente, il tweet di Lavrov ha suscitato un’agitazione nei circoli liberali d’élite europei (e israeliani). Come ha potuto Lavrov – noto per la sua estrema cura delle parole – suggerire una cosa del genere?

Un ex alto funzionario dell’intelligence della NATO, Jacques Baud, ha recentemente osservato che dopo la rivoluzione di Maidan, la forza emergente nel panorama politico ucraino è il movimento di estrema destra:

“Non mi piace chiamarlo “neonazista” perché il “nazismo” era una dottrina politica chiaramente definita, mentre in Ucraina stiamo parlando di una varietà di movimenti che combinano tutte le caratteristiche del nazismo (come l’antisemitismo, il nazionalismo estremo, la violenza, ecc.), senza essere unificati in un’unica dottrina. Sono più che altro un’assemblea di fanatici”.

Nel 2010, il membro fondatore di Azov, Andriy Biletsky, ha dichiarato che “la missione storica della nostra nazione” è quella di guidare le “razze bianche del mondo in una crociata finale per la loro sopravvivenza […] una crociata contro gli Untermenschen guidati dai semiti”. I soldati di Azov indossano sulle loro uniformi simboli fascisti o nazisti, tra cui svastiche e simboli delle SS. I sostenitori di Biletsky lo chiamano “Bely Vozhd” – Sovrano Bianco

Michael Colborne, che ha scritto un libro sull’Azov, afferma che “non definirebbe l’Azov esplicitamente un movimento neonazista. Ci sono chiaramente dei neonazisti tra le sue fila. Ci sono elementi che sono, come dire, neofascisti e ci sono elementi che sono forse più nazionalisti ucraini di vecchia scuola”. Ma “nel suo nucleo”, scrive Colborne, “è ostile alla democrazia liberale. È ostile a tutto ciò che deriva dalla democrazia liberale, ai diritti delle minoranze, ai diritti di voto, a cose del genere”.

L’intuizione che scosse Khashoggi quella sera a Gedda fu che i membri dell’ISIS non si distinguevano in alcun modo; il tweeter era “uno di noi”, emergeva da noi.

Ciò non significa che la società saudita abbia creato da sola questo “demone interiore”. Tra il 1917 e il 1918, San John Philby (un funzionario britannico) aveva esortato Ibn Saud ad armare il fondamentalismo wahhabita per prendere il controllo della penisola araba (attraverso il terrore). In seguito, il wahhabismo radicale è stato ulteriormente armato dall’Occidente, per essere impiegato in Afghanistan e in Siria, e si è evoluto infine nell’ISIS.

L’ultima introspezione di Khashoggi è incentrata sulla misura in cui l’Arabia Saudita come società, pur essendo responsabile della nascita delle dottrine chiave su cui è stato fondato l’ISIS, ha comunque permesso che l’ISIS diventasse in qualche modo “noi”.

In apparenza, potremmo anche chiederci perché gli Stati Uniti, il Canada e i Paesi europei abbiano addestrato ideologi “ostili a tutto ciò che deriva dalla democrazia liberale, dai diritti delle minoranze, dal diritto di voto, da cose del genere”, come fa l’ideologia di Azov. È paradossale – per non dire altro – che l’UE adotti l’armamento e l’addestramento di “fanatici” come una resistenza eroica.

Il compianto professor Stephen Cohen, il più importante studioso americano della Russia, nel 2018 ha messo in guardia in modo preveggente sulla “collusione dell’America con i neonazisti”:

“Il revivalismo fascista o neonazista è in corso oggi in molti Paesi, dall’Europa agli Stati Uniti, ma la versione ucraina riveste un’importanza speciale e un pericolo particolare. Un grande movimento fascista, in crescita e ben armato, è riapparso in un grande Paese europeo che è l’epicentro politico della nuova Guerra Fredda tra Stati Uniti e Russia – un movimento che non nega tanto l’Olocausto quanto lo glorifica. Potrebbero queste forze salire al potere a Kiev? …”.

L’isteria non affettata ed emotiva in tutta Europa per questi nuovi “eroi della resistenza” – anche se combinano “tutte le caratteristiche del nazismo” – pone una domanda imbarazzante: Anche loro sono ora “uno di noi”?

Ricordando l’intuizione di Khashoggi, la risposta potrebbe non essere così sorprendente. Gli europei stanno forse toccando, e inconsciamente alimentando, qualche vena profonda della storia europea? Per molti russi che osservano l’Occidente oggi, la risposta sarebbe un sonoro “sì”.

Questo ha un parallelo, molti secoli fa. I Franchi carolingi, che si impadronirono di Roma e del papato, praticarono per primi l’annullamento estremo della cultura (anche dell’ortodossia) e la soppressione spietata di ogni e qualsiasi dissenso (ad esempio, ciò che accadde ai catari). Eppure l’eredità di Carlo Magno è ovunque lodata a Bruxelles senza riserve.

Oggi, la rigidità strutturale del pensiero occidentale è che i conservatori – di ogni tipo (dai conservatori di centro, all’alt-right e infine ai “fascisti”) – coesistono su un unico continuum ideologico – il che significa che sono tutti della stessa pasta, separati solo da un grado. La sinistra, invece, non sarebbe affatto coinvolta nel continuum verso destra.

Il punto essenziale è che questa struttura di “continuum ideologico di destra” è indiscussa nel consenso generale. In effetti, la logica di etichettare chiunque sia conservatore come “di estrema destra”, e quindi politicamente “intoccabile”, dipende da questo. E spesso funziona. Abbiamo visto questa particolare rigidità strutturale nelle recenti elezioni presidenziali francesi – per riportare al potere un candidato largamente impopolare, Macron.

Ma se l’assunto di base non fosse valido? E se il cosiddetto fascismo, come ideologia e metodo di pratica politica, non potesse essere collocato in una posizione preassegnata dello spettro politico? E se fosse presente a sinistra come a destra?

Nessuno, nemmeno Hannah Arendt, è riuscito a definire il fascismo – eppure, nonostante la grande confusione e le “interpretazioni selvaggiamente divergenti”, Jonah Goldberg scrive in Liberal Fascism che tuttavia molti liberali moderni e persone di sinistra si comportano come se sapessero esattamente cosa sia il fascismo. Per di più, si scandalizzano di trovarlo ovunque (Russia, Cina, Iran, ecc.) – tranne quando si guardano allo specchio.

Il contributo fondamentale di Arendt è stato quello di riconoscere l’essenziale comunanza tra nazismo e comunismo: il legame risiedeva cioè nel loro comune totalitarismo. “Il totalitarismo si differenzia essenzialmente da altre forme di oppressione politica”, scriveva. “Ovunque sia salito al potere, ha distrutto tutte le tradizioni sociali, giuridiche e politiche del Paese”. L’analisi della Arendt cancella la struttura standard di destra-sinistra, o almeno la rende superflua.

Cosa può significare questo? Ha importanza se all’ala sinistra dello spettro politico viene aggiunta una categoria di fascismo liberale? Ebbene, lo è, e lo è in modo potente. La crescente censura di Big Tech nei confronti dei discorsi “conservatori” e di destra si basa su questo falso continuum che va dal “conservatore” all’estrema destra (da cui la sinistra è convenientemente esclusa).

Dovremmo forse concludere che il “totalitarismo” europeo di oggi è di tipo più raffinato – non così violento, e quindi meritevole di un “lasciapassare”?

Comunque sia, questo ha delle implicazioni. Il che ci riporta a Gedda. In un articolo del New York Times del 2015, lo scrittore algerino Kamel Daoud ha scritto un sottotitolo provocatorio: ISIS nero: White ISIS.

“Il primo sgozza, uccide, lapida, taglia le mani, distrugge il patrimonio comune dell’umanità e disprezza l’archeologia, le donne e i non musulmani. Il secondo è vestito meglio e più ordinato. Ma fa le stesse cose. Nella sua lotta contro il terrorismo, l’Occidente fa la guerra all’uno, ma stringe la mano all’altro”.

Stringere le mani della propria “coscienza pulita” all’ISIS bianco o al fascismo bianco non ha importanza. Tutto ciò può essere “normalizzato” attraverso la presentazione della guerra come una lotta manichea del “liberalismo buono” contro il male.

Ma facciamo un passo indietro: perché gli ucraini dell’Est sventolano la Bandiera Rossa piuttosto che le bandiere russe al passaggio delle truppe russe? Non perché sostengono il comunismo, né perché rivogliono l’impero sovietico. La sventolano come la bandiera sotto la quale i loro padri e nonni hanno combattuto per sconfiggere la Germania nazista.

Ora percepiscono le cose allo stesso modo di Daoud. Gli uomini e le donne dell’Unione europea, vestiti con abiti eleganti, stanno stringendo la mano alla “Azov bianca”, portando avanti una guerra che risale all’invasione della Russia da parte di Napoleone. Se le cose stanno così, non c’è da aspettarsi alcun compromesso. I russi lo capiscono bene. Per loro è una questione esistenziale.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

12 maggio 2022