I RIC e la multipolarità

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Negli ultimi anni, il mondo è stato in crisi, non solo a causa dell’instabilità economica, ma anche per problemi politici e “declino ideologico e perdita di identità”. Un nuovo ordine mondiale sta emergendo: da un mondo unipolare, ci stiamo gradualmente muovendo verso un ordine mondiale multipolare. Tuttavia, scientificamente, la Teoria del Mondo Multipolare (TMM) non è stata finalizzata, in quanto non si trova ora tra le teorie e i paradigmi classici delle Relazioni Internazionali.

Nonostante questo, un numero crescente di lavori sulla politica estera e la geopolitica legati alla TMM sono apparsi nel tempo. Lo storico britannico Paul Kennedy, specializzato in relazioni internazionali, ha previsto nel suo libro del 1987 The Rise and Fall of the Great Powers che l’equilibrio del potere militare sarebbe cambiato nei prossimi 20-30 anni, portando a un mondo multipolare intorno al 2009. Finora, la sua previsione non si è avverata, ma ora, nel 2022, stiamo vivendo più acutamente che mai un cambiamento nell’ordine mondiale. Nel 2000, il Segretario di Stato americano Madeleine Albright ha sostenuto che l’ordine mondiale emergente non è più unipolare, ma piuttosto multipolare.

Nel 2009, il rapporto Global Trends 2025 del National Intelligence Council degli Stati Uniti affermava che stavano emergendo le precondizioni per un “sistema multipolare globale”, che avrebbe preso forma nei prossimi due decenni, più vicino al 2029. Questa ipotesi sarà testata dal tempo. Il rapporto cita i seguenti fattori: l’ascesa di paesi come la Cina, l’India, che possono influenzare la creazione di un sistema globale multipolare. Entro il 2025, non ci sarà un’unica “comunità internazionale” composta da stati nazionali. Il potere si disperderà tra i nuovi attori politici. C’è anche la dipendenza dei paesi dai grandi esportatori di gas, come la Russia e l’Iran. A condizione che i prezzi siano alti, il potere di questi paesi aumenterà sostanzialmente, il livello del PIL della Russia potrebbe in teoria eguagliare quello del Regno Unito e della Francia. Come sappiamo, la questione della fornitura di gas della Russia all’UE non è stata risolta finora. A causa di un precedente numero di sanzioni USA e UE contro la Russia, la Federazione Russa ha deciso di vendere gas esclusivamente in rubli a partire dal 1° aprile 2022, il che ha causato un’ondata di indignazione da parte dell’UE. Tuttavia, il 25 aprile 2022 si è saputo che l’Armenia e l’Azerbaigian sono passati a pagare il gas in rubli. Così, uno dei punti di influenza della Russia sul mondo può essere costituito dalle risorse energetiche.

Cos’è dunque la teoria del mondo multipolare? È stato sviluppato in Russia nel 2012, grazie al filosofo, sociologo e pensatore politico russo A.G. Dugin. Nella sua monografia The Theory of a Multi-polar World. Pluriversum, ha delineato il concetto in dettaglio. Il TMM è principalmente un concetto politico, che è un’interpretazione alternativa del concetto di multipolarità ampiamente usato nella teoria delle relazioni internazionali. La creazione della teoria si è basata su vari studi politici e culturali-antropologici, così come su sistemi socio-filosofici come la geopolitica, l’eurasiatismo e diversi altri. Dobbiamo aggiungere che si basa sull’ideologia della “rivoluzione conservatrice” e sul tradizionalismo della “nuova destra”. La teoria mira a costruire un nuovo sistema non occidentale di relazioni internazionali. Nel 1993, il politologo americano Samuel Huntington ha proposto il concetto di scontro di civiltà, che era abbastanza in sintonia con le idee di Dugin. I presunti “nuovi centri” sono un’alleanza di diversi stati BRICS (Russia, Brasile, Cina, India e Sudafrica).

Tuttavia, gli americani aderenti all’unipolarismo rigido non vogliono riconoscere il termine “multipolarità”. Per questo motivo, hanno proposto un altro termine, “non polarità”. Questo concetto presuppone che “i processi di globalizzazione si svilupperanno ulteriormente e il modello occidentale dell’ordine mondiale espanderà la sua presenza tra tutti i paesi e i popoli della terra”. Così, l’egemonia intellettuale e di valori dell’Occidente continuerà.

Tuttavia, questa teoria solleva una serie di dubbi a causa degli attuali sviluppi globali. La Cina, per esempio, ora guida con fiducia gli Stati Uniti in un certo numero di indicatori. Dal 2013 si è sviluppata l’iniziativa One Belt, One Road. È stata lanciata la Banca asiatica per gli investimenti infrastrutturali, che ha avuto successo per la RPC. La Cina ha iniziato a promuovere le idee del concetto cinese di “futuro comune dell’umanità”. Uno dei postulati del concetto è la creazione di una “grande famiglia” – può essere interpretato come una stretta interconnessione tra i popoli del mondo. Gradualmente, la Cina si sta allontanando dal sostenere l’ordine mondiale esistente nel tentativo di sostituire il precedente egemone, gli Stati Uniti.

Un’altra teoria, alternativa alla teoria della multipolarità, è quella di un “mondo multipolare”. È che gli Stati Uniti non dovrebbero essere l’unica potenza egemonica. Invece, dovrebbe considerare le posizioni dei suoi partner e arrivare a soluzioni di compromesso con altri paesi. Ma come sappiamo, la politica degli Stati Uniti fino ad oggi è in completa contraddizione con questa tesi.

Poi, vale la pena definire un quadro chiaro per un mondo multipolare. Non si tratta di un ritorno dei due poli come gli Stati Uniti e l’URSS dovevano affrontarsi: in un mondo multipolare ci devono essere più di due poli. Né la multipolarità è compatibile con i concetti di non-polarità e multilateralismo precedentemente menzionati.

È importante notare che la tendenza verso la multipolarità sarà negli stati che sono principalmente orientati verso un mondo multipolare: Russia, Cina, India e alcuni altri. L’eurasiatismo, per esempio, è considerato una delle strategie per un mondo multipolare. Ad oggi, ci sono diverse prospettive sull’integrazione eurasiatica. In primo luogo, l’Unione economica eurasiatica (UEE) come interpretazione dell’eurasiatismo. In secondo luogo, la valutazione dell’EAEU come un vero concorrente che potrebbe minacciare gli interessi dell’UE e degli USA. In terzo luogo, la possibilità di valutare obiettivamente la relazione tra la politica estera della Russia e l’integrazione eurasiatica e gli sviluppi politici globali. Il progetto cinese One Belt, One Road menzionato prima può essere visto come un complemento all’eurasiatismo. Un progetto come la Grande Eurasia è spesso considerato qui nella sua interezza. Per esempio, il diplomatico dello Sri Lanka D. Jayatilleka ritiene che la cosa più fattibile per la geopolitica eurasiatica della Russia sia “estendere il concetto di ‘multivettorismo’ di Primakov al campo dell’ideologia e all’evoluzione del soft power, che è veramente multivettoriale: a destra, a sinistra e al centro… Solo in questo modo la Russia potrà riscoprire il suo ruolo di avanguardia di un nuovo progetto storico, portatore di una nuova sintesi di idee e valori”.

È anche importante notare che il termine “eurasiatismo” è spesso usato per descrivere la Russia e i nuovi stati indipendenti. Secondo lo storico francese M. Laruelle, la plasticità dell’eurasiatismo come ideologia spiega la sua popolarità. Tra le premesse teoriche dell’eurasiatismo Laruelle individua le seguenti: rifiuto dell’Occidente e del capitalismo, affermazione dell’unità culturale tra l’ex Unione Sovietica e parti dell’Asia, la formazione di una forma imperiale di organizzazione politica, così come la credenza nell’esistenza di costanti culturali.

Inoltre, M. R. Johnson, un ricercatore della Pennsylvania che lavora sulla storia russa, nota che la società americana semplicemente non può accettare l’idea di eurasiatismo a causa di una mancanza di comprensione dell’ontologia globale dell’eurasiatismo, e Johnson non nasconde che lo sviluppo dell’eurasiatismo, e quindi la formazione di un mondo multipolare, è una potenziale minaccia per gli Stati Uniti. Un altro storico americano, T. Fox, ritiene che per raggiungere una diffusione globale dell’eurasiatismo, e quindi la multipolarità, si deve creare una narrazione universale che combini l’esperienza storica e i valori culturali comuni.

Dopo aver discusso le teorie della multipolarità della Cina e della Russia, vale la pena prestare attenzione alla teoria della multipolarità in India. L’India vede il concetto di multipolarità da una posizione partecipativa come uno dei poli. Questa posizione è stata delineata in una discussione nel gennaio 2017 su The New Normal: Multilateralism with Multipolarity. Il concetto cerca di collegare le due teorie della “multipolarità” e del “multilateralismo”, la cui distinzione abbiamo discusso prima. La teoria della multipolarità dell’India è una fusione della filosofia occidentale con la Russia e la Cina. L’India presenta le relazioni internazionali contemporanee in termini di formazione non di “poli” ma di stati che agiscono come soggetti della multipolarità.

Il politologo indù Suryanarayana ritiene che la formazione della multipolarità sia possibile se i paesi del centro hanno il loro sviluppo storico, la loro identità culturale, il loro interesse nazionale e le loro strategie politiche. Il politologo critica anche le politiche di neocolonialismo e messianismo che sono proprie dell’Occidente. Qui emerge un nuovo concetto di “multipolarità” da parte dei politologi indiani, che è la cooperazione e il partenariato paritario tra gli stati. Così, la multipolarità non è il dominio delle “superpotenze”, ma la piena cooperazione tra i paesi. Sanjaya Baru, come direttore per la geoeconomia e la strategia presso l’Istituto internazionale di studi strategici in India, ha sottolineato che è nel loro interesse trovare un terreno comune e risolvere i conflitti con il Pakistan, e mantenere la cooperazione al più alto livello tra India, Russia e Cina. In questo modo, sono stati identificati nuovi centri che, se cooperassero, potrebbero ottenere risultati significativi nella realizzazione di un mondo multipolare. Uno sguardo ai concetti di Russia, India e Cina rivela che tutti e tre i paesi sono uniti da obiettivi comuni. Se c’è davvero un equilibrio di potere, la cooperazione benefica porterà a un cambiamento dell’ordine mondiale.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Katehon.com 

29 aprile 2022

One Reply to “I RIC e la multipolarità”

Comments are closed.