I serbi della Bosnia mantengono le loro posizioni

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Domenica 2 ottobre i residenti della BiH hanno eletto tre membri del capo di Stato collettivo – la Presidenza – uno ciascuno dei bosniaci (slavi-musulmani), dei bosniaci-croati e dei serbi locali, 42 membri della Camera dei Rappresentanti della BiH, 83 membri dell’Assemblea (Parlamento) della Republika Srpska, il suo presidente e i suoi vicepresidenti, 98 membri della Camera dei Rappresentanti della Federazione croata bosniaco-musulmana della Bosnia-Erzegovina e i candidati ai consigli comunali. Circa 3.386.666 cittadini avevano diritto al voto, con un’affluenza del 50%.

Bakir Izetbegovic, figlio di Alija Izetbegovic, non è stato eletto alla Presidenza della BiH. I bosniaci saranno ora rappresentati da Denis Becirovic, nominato da 11 partiti. I croati saranno rappresentati, come in precedenza, da Zeljko Komšić. Per quanto riguarda la comunità serba, la presidenza sarà guidata da un collaboratore di Milorad Dodik, Željka Cvijanović, che in precedenza era stato presidente della Republika Srpska.

Lo stesso leader serbo-bosniaco Milorad Dodik ha vinto la presidenza della Republika Srpska lo scorso fine settimana. C’è stata quindi una sorta di arrocco di personalità. I serbi mantengono la loro posizione, irritando i liberali locali, i burocrati dell’UE e, naturalmente, gli Stati Uniti.

L’ex capo della NATO, l’ammiraglio della Marina statunitense James Stavridis, ha reagito in modo ironico con un articolo su Bloomberg.

“Nella complessa politica della Bosnia-Erzegovina, Putin continua a raccogliere consensi. Il mese scorso ha ospitato Milorad Dodik, il nazionalista serbo non corretto che guida un’entità etnica serba all’interno della Bosnia, la Republika Srpska. Si sospetta che Dodik distruggerebbe volentieri la sua nazione per compiacere il suo padrone a Mosca. Come può l’Occidente contrastare gli sforzi della Russia? Le restanti circa 3.500 forze di pace sono importanti, ma non decisive. La vera competizione si è spostata sulla guerra dell’informazione e sull’impegno economico”.

Nelle parole di Stavridis c’è anche un incitamento a spingere ulteriormente la Bosnia-Erzegovina e a fare la guerra con altri mezzi. Mentre i precedenti tentativi di ricatto politico, di ingerenza negli affari interni (attraverso la nomina di un alto rappresentante privo di legittimità) e di dimostrazione di forza (Sarajevo ospita uno dei quartieri generali della NATO) sono falliti, bisogna stare attenti alla minaccia di una guerra ibrida da parte dell’Occidente. Seguiranno sicuramente altre operazioni e provocazioni.

È importante notare che Dodik è in realtà l’unico politico europeo che ha sostenuto i referendum e l’annessione delle quattro nuove entità alla Russia. Il presidente serbo Aleksandar Vucic, invece, ha rifiutato il riconoscimento, citando il rifiuto del Kosovo e Metochia. Questo caso, però, è di segno opposto. Perché dopo l’iniziale disgregazione della Jugoslavia c’era ancora una “fermentazione”, che è culminata nella crisi del 1999. Anche in Russia dopo il 1991 c’era questa possibilità, che si è manifestata (non senza l’aiuto dell’Occidente) nel Caucaso settentrionale. Ma la minaccia è stata eliminata, anche se a costo di gravi perdite umane e materiali (basti ricordare l’attacco terroristico di Beslan e altri atti efferati dei militanti). La restituzione della Crimea e di parti della Novorossia alla Russia, da questo punto di vista, è come se la Serbia restituisse il Kosovo e la Metochia, così come altre parti dell’ex Jugoslavia con una popolazione etnica serba (anche se musulmana).

A questo proposito, Milorad Dodik ha osservato molto giustamente in un’intervista del mese scorso che “il desiderio dei serbi di Bosnia di unirsi alla Serbia era naturale. La situazione è simile a quella dei russi in Ucraina, 15 milioni, ai quali le autorità hanno negato il diritto alla propria lingua. Per questo l’operazione speciale della Russia era giustificata dalla necessità di proteggere il suo popolo”, ha detto il leader serbo-bosniaco. “È lo stesso qui. Non possiamo usare le stesse scuole, gli stessi libri di testo con i musulmani”, ha detto, riferendosi a una delle tre nazioni principali della Bosnia, insieme a croati e serbi, i bosniaci, che sono in maggioranza musulmani.

“L’Occidente non ha mai smesso di combattere il mondo ortodosso; lo capiamo. Questa lotta ha un unico obiettivo: impossessarsi delle risorse naturali della Russia. Per questo Napoleone e Hitler vi si recarono, e anche l’Occidente di oggi vuole conquistare queste zone”.

Milorad Dodik è sottoposto a sanzioni da parte degli Stati Uniti. Questo lo avvicina a molti statisti russi. E dopo le sue audaci dichiarazioni e un’altra vittoria, l’aiuto di Mosca sarà chiaramente intensificato. Abbiamo bisogno almeno di un piccolo ma affidabile avamposto russo di fronte alla Republika Srpska.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: bgn intelligence

7 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube