I social network giapponesi sul conflitto in Ucraina

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

I social network giapponesi più popolari al momento sono Mixi, Twitter e Facebook (il social network dell’estremista società Meta, bandita in Russia). Se gli ultimi due servono a garantire che i giapponesi pubblichino le loro opinioni su vari eventi geopolitici, allora Mixi è una questione completamente diversa. È distribuito solo in Giappone ed è possibile accedervi solo su invito di un giapponese. Tuttavia, nei social network del Giappone, in contrasto con l’agenda generale dei media liberali, ci sono opinioni diverse sul conflitto tra Ucraina e Russia, nonché sulle sanzioni reciproche.

Due campi su Twitter

Per capire cosa pensano veramente i giapponesi della crisi russo-ucraina, si può scrivere la parola ロシア (tradotta dal giapponese come Russia) nel motore di ricerca di Twitter. Vedremo immediatamente molti commenti diversi su questo paese. Ci sono anche pseudo-analisti qui che discutono di come si comporterà la Russia in Ucraina. Ad esempio, un utente con il soprannome “mssn65” prevede la situazione futura tra Russia e Ucraina: “La Russia dovrà difendersi costantemente dall’esercito ucraino, che è già diventato più forte di prima. E la NATO continuerà a spostarsi verso est”. Un altro commentatore sotto il nome di “Tetsuya Watanabe” scrive che ai giapponesi e ai tedeschi dovrebbe essere vietato esportare cuscinetti in Russia. Un altro commentatore, Hitoshi Tanaka è entusiasta degli Stati Uniti e del loro “sostegno” all’Ucraina e scrive: che “solo gli Stati Uniti possono concludere un accordo politico con la Russia per ristabilire l’ordine internazionale”. Le “menti più sofisticate” del Giappone confrontano le azioni della Russia con il Giappone nazista e confrontano l’operazione militare speciale in Ucraina con il genocidio giapponese della popolazione cinese nella seconda guerra mondiale. Inoltre, tali utenti, e ce ne sono molti, confrontano il presidente russo Vladimir Putin con l’imperatore Showa (il suo nome a vita è Hirohito), che era anche l’ultimo sovrano con il vero potere nelle sue mani. Qualcuno, ad esempio, è insoddisfatto delle sanzioni statunitensi. Un utente con il soprannome di “Tomokha” scrive che “Per qualche ragione, gli Stati Uniti non hanno imposto sanzioni contro l’imprenditore ebreo russo Abramovich, il che dimostra la loro miopia“.

Twitter giapponese accoglie con favore le critiche generali agli Stati Uniti, alla Russia, alle sanzioni e alle politiche. Tuttavia, oltre alle dure espressioni del pubblico in merito all’operazione militare speciale, sul social network ci sono anche utenti che hanno un atteggiamento positivo nei confronti delle azioni della Russia e persino “ordinatamente” la proteggono e la supportano.

Più nello specifico, un utente chiamato “May” scrive che “la Russia ha implementato una pratica da diverse settimane per evitare embarghi petroliferi su larga scala dai paesi occidentali“. La ragazza parla positivamente del fatto che la Russia ha deciso di vendere il gas in rubli e suggerisce anche che i paesi occidentali non saranno in grado di imporre un embargo completo sul petrolio russo. Un’altra ragazza egiziana, che vive da molto tempo in Giappone e il cui nickname è Fifi, scrive che “Zelensky è inaffidabile, ed è impossibile sostenere pienamente i paesi europei, poiché non vedono e non vogliono percepire le ragioni di chi sta dall’altra parte“.

Ancora, la giapponese “Sora” suggerisce che le sanzioni economiche occidentali imposte alla Russia non hanno funzionato correttamente. Si riferisce alle dichiarazioni del presidente americano Biden secondo cui l’economia russa crollerà, tuttavia, come osserva lo stesso utente, ciò non è accaduto.

Twitter giapponese contiene anche commenti sui media occidentali e sulla loro copertura unilaterale della crisi russo-ucraina. Nel social network, i giapponesi possono esprimere le loro opinioni, indipendentemente dall’agenda generale dell’Occidente globalista.

Post risonanti da Facebook giapponese

Se Twitter in Giappone è considerato una piattaforma per l’espressione di varie opinioni, allora Facebook è per lo più pieno di post con aspre critiche al governo russo e, stranamente, al governo giapponese. Tutti i post riguardano principalmente le sanzioni, ma spesso ci sono anche pubblicazioni su argomenti politici. Ad esempio, alcuni hanno riferimenti alla seconda guerra mondiale. L’utente “Tomohito Uenato” scrive che “la Russia è stata la prima a violare il trattato di pace con il Giappone attaccando la Manciuria“. Questo è un riferimento all’inizio della prima guerra russo-giapponese. Ricorda come si comportò Stalin nei confronti del Giappone: “Hokkaido occupato”, “liberato Sakhalin meridionale”, ecc. Secondo i giapponesi, 1000 soldati giapponesi sono morti a causa di ciò. Tutti i riferimenti alla storia di “Tomohito” sono fatti per proiettarli sul conflitto russo-ucraino, confrontando l’Ucraina con il “povero” Giappone militarista.

Un altro utente, Katsuhide Fujita, scrive che anche il Giappone sta attraversando un periodo difficile con sanzioni reciproche. Crede che le aziende giapponesi, che stanno lasciando il mercato russo in modo così massiccio, non potranno tornarci presto. Inoltre, l’utente ricorda anche i progetti Sakhalin-1 e Sakhalin-2, in cui la Mitsubishi Corporation ha investito i propri soldi. Pensa anche che a causa della crisi globale con il gas e il petrolio russi, il Giappone potrebbe avviare la cooperazione con i paesi africani.

Un altro attivista giapponese ha pubblicato un post in cui afferma che le sanzioni imposte da Stati Uniti, Giappone e Paesi occidentali alla Russia “causano una crisi alimentare in molti Paesi”. L’utente “Eiji Kosaka” scrive che la situazione è così grave che molti paesi stanno diventando “dipendenti dalle importazioni”. Inoltre, l’utente ricorda che la Russia è il principale paese esportatore di grano e, a causa delle sanzioni imposte, i prezzi internazionali di questo tipo di materia prima sono saliti ai massimi storici. The Ages è anche preoccupato per i “paesi poveri con un basso livello di sviluppo”, che ora stanno soffrendo di più a causa della crescente crisi alimentare.

Ci sono anche utenti sul social network che citano il patriarca russo Kirill, facendo menzione delle sue parole “sulle persone sofferenti del Donbass”.

Se studiamo un numero maggiore di post di utenti giapponesi, possiamo concludere che sono principalmente preoccupati per lo sviluppo delle relazioni nippo-russe nel contesto delle sanzioni. Tuttavia, questo non significa che l’intero pubblico giapponese di Facebook si preoccupi dell’economia del proprio paese. Molti degli utenti parlano in modo tagliente e negativo della situazione politica nel mondo e non supportano “l’invasione russa” dell’Ucraina.

Messaggi russofobici in Mixi

Se Facebook e Twitter si rivolgono a un pubblico multinazionale, Mixi è la principale fonte di opinioni radicali giapponesi. Qui possiamo vedere gruppi sulla terza guerra mondiale, riferimenti a falsi russi e pubblicazioni su spie russe.

L’attivista più importante nei gruppi sul conflitto russo-ucraino è un utente con il soprannome di “Real Demon Hunter”. Parla in modo fortemente negativo dell’”invasione russa” dell’Ucraina, tuttavia parla anche duramente dell’”ipocrisia degli Stati Uniti”. Scrive che i conservatori americani ora hanno in testa “miso (zuppa giapponese) di pensieri” e intensificano il conflitto solo fornendo armi all’Ucraina. Crede che la “guerra” dovuta a tali azioni non finirà mai, ma si svilupperà solo nella fase della terza guerra mondiale. “Hunter” è tutt’altro che il primo utente a utilizzare questi termini. Nel suo blog, afferma che è importante non iniziare una guerra nucleare, poiché non ci saranno né vincitori né vinti.

È interessante notare che i post giapponesi su Mixi sono solitamente opinioni e sondaggi rivolti all’intero pubblico del social network giapponese. Ad esempio, uno di questi sondaggi: “Ci sarà una battaglia tra i paesi continentali in connessione con le azioni della Russia in Ucraina?”. Le risposte, però, lasciano molto a desiderare, dal momento che il pubblico principale della rete sono i giovani e gli adolescenti che sono del tutto incapaci di analizzare l’attuale situazione geopolitica. Tuttavia, anche tra loro, ci sono anche utenti intelligenti, come la persona con il soprannome “Mayumi”, che parla della necessità di preoccuparsi del proprio Paese adesso, e di come non congelare in inverno. I commentatori ricordano anche il giocatore di scacchi e grande maestro americano Hikaru Nakamura, che non può recarsi in Russia e partecipare ai tornei a causa dei suoi commenti poco lusinghieri sul paese.

Mixi è anche popolare tra gli utenti che parlano della politica estera del paese. Ad esempio, la prospettiva storica sul conflitto dell’utente “Bay” è piuttosto interessante. Parla dell’esistente teoria del complotto dello “stato profondo”. Questa è la teoria secondo cui negli Stati Uniti esiste un gruppo coordinato di funzionari pubblici che influenza la politica pubblica senza riguardo alla leadership eletta democraticamente. Pensa che qualcosa di simile esista in Russia, un’organizzazione in cui “i politici agiscono con metodi diversi dalla volontà del popolo”. L’utente esamina varie teorie del complotto, inclusa la teoria del “complotto economico globale”, e afferma che potrebbero rivelarsi tutte vere e che gli scienziati giapponesi dovrebbero iniziare a studiarle.

Come possiamo vedere, Mixi è un vero riflesso delle opinioni giapponesi, che non sono supportate da influenze occidentali.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli 

Foto: Idee&Azione

17 maggio 2022