Ignorando l’ovvio

image_pdfimage_print

di Jason Furman 

Nel 1962, Kenneth Arrow, uno dei più grandi economisti del XX secolo, si unì al Council of Economic Advisers degli Stati Uniti, creato dieci anni e mezzo fa per fornire al presidente un’analisi economica imparziale. John F. Kennedy ha recentemente rilevato la Casa Bianca e il Partito Democratico è stato coinvolto in un dibattito su se e come ampliare l’accesso all’assicurazione sanitaria. Era una discussione a cui Arrow poteva partecipare.

Arrow era un esperto di comportamenti e rischi di mercato e l’anno successivo avrebbe pubblicato un articolo fondamentale sull’American Economic Review che stabiliva la disciplina dell’economia sanitaria. L’articolo sosteneva che il mercato sanitario era pieno di disinformazione e asimmetrie negoziali, rendendo estremamente difficile il prezzo equo: un’idea fondamentale che da allora ha plasmato il modo in cui gli esperti sanitari pensano al loro campo.

Tre anni dopo l’ingresso di Arrow alla Casa Bianca, il Congresso ha istituito Medicare Medicaid: programmi di assicurazione sanitaria pubblica rispettivamente per le persone con più di 65 anni e per i più poveri. Rappresentavano il più grande cambiamento nella politica sanitaria nella storia degli Stati Uniti e, data la posizione e il lavoro di Arrow, sarebbe naturale pensare che fosse coinvolto nella loro creazione. Ma quando gli ho chiesto nel 2015 quale ruolo avesse nella creazione di questi programmi, la sua risposta mi ha sorpreso: quasi nessuno. Arrow, che ha finito per vincere il Premio Nobel per i suoi contributi all’economia, non è stato in alcun modo consultato su Medicare Medicaid, sia all’interno che all’esterno del governo.

In retrospettiva, sembra che la sua mancanza di input in questi programmi sia sorprendente. Oggi è inconcepibile che un cambiamento così monumentale o anche minore in quasi tutte le politiche federali possa avvenire senza la partecipazione degli economisti. Se il Congresso decidesse di espandere ulteriormente l’assistenza sanitaria ora, ad esempio, la Brookings Institution, l’Università di Harvard e una miriade di altri gruppi di riflessione e università sfornerebbero documenti e idee politiche. Urban Institute RAND Corporation valuterebbero attentamente qualsiasi proposta del governo. I corridoi della Casa Bianca e del Congressional Budget Office sarebbero pieni di economisti e funzionari pubblici sia nel ramo esecutivo che in quello legislativo starebbero studiando attentamente le loro analisi.

Ma, come mostra la sociologa Elizabeth Popp Berman dell’Università del Michigan in Think Like an Economist, per gran parte della storia moderna degli Stati Uniti, gli economisti hanno avuto poca o nessuna influenza nella definizione delle politiche. Fu solo negli anni ’60 che la disciplina iniziò a svolgere un ruolo significativo nella regolamentazione. Da allora fino alla metà degli anni ’80, le agenzie governative hanno istituito uffici economici e politici per condurre analisi costi-benefici delle proposte. Per supportare questi uffici, i leader dell’istruzione e gli studiosi hanno creato una rete di scuole di politica pubblica e programmi di master, nonché nuovi gruppi di riflessione e società di valutazione delle politiche. I giudici hanno iniziato a utilizzare l’analisi economica nelle loro opinioni. Alla fine, la disciplina è diventata più di una semplice parte del processo decisionale; essa era al centro della scena. Oggi è inconcepibile che cambiamenti nella politica federale possano verificarsi senza la partecipazione degli economisti.

Il resoconto storico in Think Like an Economist, che costituisce la maggior parte del libro, è una storia originale, perspicace e avvincente. Evitando il noto dibattito macroeconomico tra keynesiani (che hanno sottolineato l’importanza della spesa pubblica) e monetaristi (che si sono concentrati sul controllo dell’offerta di moneta), Berman offre una nuova prospettiva, sottolineando un’ampia gamma di argomenti microeconomici, tra cui la legge antitrust, politiche anti-povertà, assistenza sanitaria e ambiente. Sposta anche la sua attenzione dal ruolo del libero mercato a luoghi come l’Università di Chicago.

Sostiene che il crescente potere politico dell’economia è stato promosso dal centrosinistra. I sostenitori di un governo più grande e più attivo credevano che l’analisi economica potesse aiutare a garantire che lo stato allargato raggiungesse in modo più efficace i suoi obiettivi, dalla riduzione della povertà all’aumento dell’accesso ai trasporti e al mantenimento della competitività dei mercati, ha affermato Berman.

È merito di Berman come sociologa che separa i propri giudizi di valore dalla sua analisi storica, e il lettore che salta il primo e l’ultimo capitolo del suo libro difficilmente saprà che Berman disapprova gli eventi che descrive. Tuttavia, questi capitoli chiariscono che non le piace profondamente il potere crescente dell’economia, che, secondo lei, ha anteposto l’efficienza alla giustizia sociale e ambientale e ha ristretto le ambizioni dei politici limitando i progressi che potrebbero fare nell’assistenza sanitaria, nella riduzione del debito, istruzione e altre politiche favorite dalla sinistra progressista.

Berman sostiene che “l’apparente mancanza di ambizione dei Democratici” sotto i presidenti Bill Clinton e Barack Obama era almeno in parte dovuta all ‘”emergere di un particolare modo di pensare alla politica” – quello che lei chiama uno “stile di ragionamento economico” – che ora prevale a Washington. In un’epoca in cui l’ortodossia del libero mercato è sotto attacco, questo approccio è molto potente.

In definitiva, tuttavia, gli argomenti di Berman contro la teoria economica si basano più su affermazioni che su prove. Sottovaluta la misura in cui il pensiero economico si è sviluppato come risultato di un genuino miglioramento della comprensione, presumendo invece che sia semplicemente una proiezione di potere e gruppi di interesse. Sostiene di concentrarsi sui diritti piuttosto che sulle conseguenze, ignorando molti approcci basati sui diritti che vanno contro i suoi valori, come la visione libertaria secondo cui le persone con redditi alti hanno diritto a tasse basse. Infine, ritiene che gli economisti e il loro stile di ragionamento siano più influenti di quanto non siano in realtà. Devo dire che, come presidente del Council of Economic Advisers, potevo solo sognare il potere che attribuisce a persone come me.

Potere o prestigio

L’economia divenne popolare per la prima volta durante la seconda guerra mondiale, dice Berman, quando i governi facevano affidamento su un campo chiamato “ricerca operativa” per determinare il modo migliore per raggiungere obiettivi specifici, come quale set di aerei utilizzare per le missioni di bombardamento. La ricerca operativa, l’uso di metodi quantitativi per migliorare il processo decisionale, è sempre stata strettamente legata all’economia e il suo successo analitico durante la guerra ha incoraggiato l’USAF a continuare a finanziare anche dopo la vittoria degli Alleati.

A tal fine, nel 1948, fu creata la RAND Corporation, uno dei primi grandi gruppi di riflessione negli Stati Uniti. RAND ha sviluppato il Planning-Programming-Budgeting System (PPBS), che, secondo Berman, ha iniziato a “definire gli obiettivi generali dell’agenzia o dell’ufficio; identificare vari programmi che possono essere utilizzati per raggiungere questi obiettivi; quantificare il più possibile; determinare il rapporto costo-efficacia di questi programmi alternativi; e quindi utilizzare tali informazioni come guida per la definizione del budget”.

In un primo momento, questo sistema è stato utilizzato principalmente dalle forze armate. Ma nel 1965, il presidente Lyndon Johnson estese il PPBS all’intero ramo esecutivo, introducendo lo “stile di ragionamento economico” nella politica interna. Le agenzie di tutto il governo federale iniziarono presto a creare uffici per condurre questa analisi economica, spesso guidati da economisti come Alice Rivlin e Alain Enthoven, che l’applicarono a una serie di aree legate al budget. Gli uffici erano gestiti da persone con formazione politica.

Quando il governo federale ha iniziato a raccogliere più dati su se stesso e sulla società statunitense, queste agenzie e i loro dipendenti sono stati in grado di effettuare calcoli sempre più complessi. La crescente domanda di tutto questo lavoro è stata soddisfatta dalle università di tutto il paese, che hanno aperto scuole politiche e introdotto nuove lauree in economia.

Alla fine, il lavoro degli economisti si è esteso dai bilanci pubblici al regno della regolamentazione, dove sono passati dall’analisi costi-benefici (che cerca il modo più economico per raggiungere un obiettivo) all’analisi costi-benefici (che chiede se vale la pena perseguire un obiettivo nel futuro). Hanno cominciato a plasmare importanti decisioni politiche. Gli economisti hanno convinto il presidente Jimmy Carter a deregolamentare l’industria aerea nel 1978 e l’industria del trasporto merci nel 1980 dimostrando che, sulla base dell’analisi costi-benefici, i mercati aperti delle compagnie aeree e del trasporto merci avrebbero spostato persone e merci in modo più efficiente ed efficace.

Quando il presidente George W. Bush ha lasciato l’incarico, l’analisi costi-benefici era diventata parte integrante di tutta la politica di regolamentazione. Nello stesso periodo, grazie alla ricerca economica, accademici e avvocati hanno iniziato ad allontanarsi dal presupposto che le grandi aziende siano necessariamente cattive e hanno iniziato a studiare i compromessi pratici che le fusioni e il comportamento aziendale hanno per i consumatori. Negli studi, gli economisti hanno dimostrato che il consolidamento non è sempre stato negativo e le loro scoperte sono diventate sempre più influenti nel Dipartimento di Giustizia, nella Federal Trade Commission e, in definitiva, nei tribunali, riducendo notevolmente le ambizioni di applicazione dell’antitrust.

Oggi, gli economisti hanno un ufficio nel complesso della Casa Bianca dove analizzano come si svilupperà l’economia in risposta ai cambiamenti politici e chi vincerà e perderà di conseguenza. Svolgono un ruolo altrettanto importante nella maggior parte delle istituzioni pubbliche. Sono profondamente radicati nel processo di bilancio, nel processo di regolamentazione e nelle forze dell’ordine come la Federal Trade Commission.

Berman lamenta questo sviluppo: «Ci si potrebbe chiedere se Medicare sarebbe stata creata se il CBO [Congressional Budget Office] fosse esistito nel 1965», scrive.

Ma il suo rapporto è più lusinghiero per il potere degli economisti e delle loro idee di quanto meritino. L’economia ha certamente molta più autorità nel processo decisionale rispetto alla storia, alla psicologia o ad altre discipline – qui non c’è un Council of Sociological Advisers – ma molto spesso i politici usano ancora l’economia per cercare sostegno per le loro idee esistenti, piuttosto che per illuminare e comprendere meglio quelle o altre domande.

In effetti, i funzionari spesso utilizzano l’analisi economica semplicemente per razionalizzare le decisioni che hanno già preso. Durante un incontro alla Casa Bianca, un uomo che ricopriva una carica politica molto importante e che applicava i metodi di analisi costi-benefici che Berman criticava si è chinato su di me e, rivolgendosi al vicedirettore delle pubbliche relazioni al presidente, ha sussurrato: «È di gran lunga la persona più importante in questa stanza? O uno specialista ristretto?».

Berman potrebbe pensare che sia positivo che l’analisi economica sia soggetta a decisioni politiche. Ma gli economisti spesso perdono battaglie politiche sui valori che sosterrebbero, compresa una maggiore regolamentazione.

Nel 2014, quando il Council of Economic Advisers ha riesaminato i limiti di emissione delle centrali elettriche per il Clean Energy Plan, l’iniziativa del governo per la riduzione del carbonio, abbiamo scoperto che i vantaggi marginali di limiti più severi superano di gran lunga i costi marginali proposti dall’EPA (ASOS) che il le regole sembravano troppo allentate.

Ma ASOS ha rifiutato il nostro sostegno a obiettivi più ambiziosi. Comprensibilmente, il personale dell’agenzia era più in sintonia con la possibilità che le nostre idee potessero essere vulnerabili nei tribunali, una decisione che abbiamo pienamente accettato.

Il cambiamento climatico è, più in generale, un esempio di un’area in cui il problema non è che gli economisti siano troppo forti, ma che non siano abbastanza forti. A mia conoscenza, la più grande lettera aperta mai scritta da economisti, che alla fine ha raccolto oltre 3.500 firme da tutto lo spettro politico, è stata pubblicata sul Wall Street Journal nel 2019 sostenendo che gli Stati Uniti hanno bisogno di una tassa sulle emissioni, sul carbonio e sui dividendi. Le riduzioni delle emissioni associate a questa proposta sarebbero significativamente maggiori di quelle che il Congresso ha considerato l’anno scorso nell’ambito del piano “Build Back Better”. Questo piano, al contrario, includeva una serie di idee sul clima che sono state sviluppate in gran parte senza ragionamenti economici, che Berman disapprova.

Berman, ovviamente, vuole riduzioni aggressive delle emissioni, insieme a una miriade di altri cambiamenti politici di sinistra. Ma sostiene che i governi dovrebbero realizzare questi cambiamenti attraverso un processo basato sui diritti umani fondamentali e sull’universalità, piuttosto che realizzarli attraverso la quantificazione e i compromessi.

Sostiene una maggiore regolamentazione del comando e del controllo della politica climatica: «Ciò che serve è una strategia per dirigere semplicemente il governo a stabilire livelli di emissioni sicuri e richiedere alle aziende di rispettarli, come avrebbero potuto proporre i Democratici negli anni ’70». Questo tipo di regolamento, si lamenta, «non è stato nemmeno discusso» sotto l’amministrazione Obama.

Mentre portare in primo piano i diritti fondamentali può rendere attraenti gli slogan politici – e talvolta questi diritti possono effettivamente vincere – può essere un cattivo modo di progettare politiche economiche che miglioreranno la vita delle persone. Prendi la sfera dell’inquinamento. Berman parla favorevolmente di regole basate sulla “credenza implicita che l’inquinamento sia immorale e quindi punibile”. Questo concetto sembra attraente, ma è una base impossibile per le politiche pubbliche.

Il mondo non può eliminare immediatamente tutte le emissioni di carbonio e i tentativi di farlo si imbatteranno in un diverso insieme di principi: che è immorale distruggere posti di lavoro per i lavoratori a basso e medio reddito o aumentare il costo di tutto ciò che acquistano. Per ridurre adeguatamente le emissioni di carbonio, gli stati devono condurre alcuni studi costi-benefici e considerare le questioni di allocazione. In altre parole, hanno bisogno di un’analisi economica.

La ricerca economica ha un valore inestimabile in altre aree del processo decisionale, come la spesa sociale. Molti attivisti sostengono pagamenti universali agli abitanti della società, indipendentemente dalla ricchezza, sia per motivi morali sia perché ritengono che aumenti la sostenibilità politica della politica. Ma entrambe queste giustificazioni sono errate. Per lo stesso importo, il governo degli Stati Uniti potrebbe dare $ 10.000 al quarto più povero delle famiglie o dare $ 2.500 a tutte le famiglie. Il primo farà molto di più per ridurre la povertà e potrebbe anche essere politicamente più sicuro.

Contrariamente alla credenza popolare, i programmi più mirati si sono dimostrati più resistenti nel tempo rispetto a quelli universali. I programmi per i poveri, come l’Earned Income Tax Credit, Medicaid e quelli che forniscono assistenza alimentare, si sono espansi in modo esponenziale sia sotto l’amministrazione presidenziale democratica che repubblicana, mentre i programmi universali come l’assicurazione contro la disoccupazione hanno languito. Anche Social Security e Medicare, i due programmi di welfare universali più famosi negli Stati Uniti, hanno subito tagli al budget.

Parlando francamente

Parte dello scetticismo di Berman sulla politica economica deriva dalla sua convinzione di sociologa che l’evoluzione del pensiero economico non sia guidata dai progressi nella teoria e nei fatti, ma dagli interessi dei potenti. Discutendo l’evoluzione delle opinioni degli economisti su questioni come il controllo dell’inquinamento, la riduzione della povertà o la comprensione delle conseguenze delle grandi imprese, Berman presta particolare attenzione alle istituzioni che hanno sviluppato e promosso queste idee e agli interessi che queste istituzioni hanno servito.

Ad esempio, cita un avvocato formatosi all’Università di Chicago che sta raccogliendo fondi per un programma estivo di formazione antitrust per giudici. «Il mondo [aziendale] sapeva che l’economia di Chicago era l’unica cosa che poteva salvarli dal fiasco dell’antitrust», dice l’avvocato. «Da undici [grandi società] a cui ho scritto, nel giro di poche settimane, ho ricevuto $ 10.000 da dieci di loro e gli ultimi $ 10.000 sono arrivati poche settimane dopo».

Sebbene l’economia come scienza abbia seri limiti, molti cambiamenti nei suoi principi riflettono i miglioramenti nella ricerca. Molti dei primi progressi nella regolamentazione antitrust, ad esempio, sono stati il risultato di un autentico progresso delle idee. L’approccio originale della disciplina alla politica della concorrenza, sviluppato negli anni ’30, prevedeva che i regolatori potessero guardare al numero di imprese in un settore (che era considerato fisso e dato) e trarre conclusioni chiare sull’effetto che avrebbe avuto sui prezzi e sui consumatori.

Tipicamente, gli economisti concludevano che il consolidamento avrebbe chiaramente fatto aumentare i prezzi, ed è stato questo filone di pensiero che ha ispirato la vigorosa applicazione delle leggi antitrust. Ma negli anni ’60, un numero crescente di ricerche ha mostrato che questa teoria era sbagliata. In alcuni casi, il consolidamento ha portato a imprese più efficienti e competitive, con conseguente riduzione dei costi per i consumatori.

Si è scoperto che l’applicazione eccessiva delle leggi antitrust a volte portava a prezzi più alti. Un esempio particolarmente famigerato si è verificato nel 1967, quando la Corte Suprema ha stabilito che i panifici nazionali non potevano vendere torte surgelate a buon mercato nello Utah perché stavano danneggiando la principale azienda di torte dello Stato.

Quando le prove sono arrivate, gli economisti hanno iniziato ad allontanarsi dall ‘”approccio Brandeis”, dal nome del teorico legale Louis Brandeis, che vede le grandi aziende come intrinsecamente problematiche e comprende gli obiettivi della politica antitrust per includere la protezione delle piccole imprese e la democrazia in modo più in linea di massima. Invece, hanno adottato una filosofia più indulgente che avrebbe aiutato i consumatori. Il governo federale e la magistratura hanno seguito l’esempio, consentendo che fusioni e acquisizioni avvenissero a un nuovo ritmo.

Per ridurre adeguatamente le emissioni di carbonio, gli stati necessitano di un’analisi economica. Ora, tuttavia, è chiaro che le autorità di regolamentazione e i tribunali hanno esagerato, sono diventati troppo permissivi sulle leggi antitrust, portando a un trattamento eccessivamente indulgente di tutto, dalle fusioni ospedaliere (che hanno aumentato i costi medici) alle fusioni tecnologiche (che hanno soffocato l’innovazione). Ma il problema in questi casi non era l’impatto dell’economia.

Il fatto è che i politici non hanno preso l’economia abbastanza sul serio. Gli interessi di potere hanno notevolmente semplificato gli studi economici sottili, sempre pieni di esempi in cui la semplice minaccia di una nuova azienda che entrasse nel mercato e competesse con un attore dominante non era sufficiente a proteggere i consumatori dagli abusi, per nutrire una generazione di giudici considerando un gamma ristretta di problemi. Studi economici più recenti hanno dimostrato ancora più chiaramente che esistono limiti ai guadagni di efficienza derivanti dalle fusioni, che l’integrazione verticale (in cui un’azienda assume il controllo di più anelli della stessa catena di approvvigionamento) è costosa per i consumatori e che una concorrenza insufficiente può ridurre qualità e innovazione. Queste sono conclusioni critiche a cui i politici devono prestare attenzione e che danno un’arma ai progressisti.

Questi risultati suggeriscono che, invece di incolpare gli economisti per la cattiva politica di concorrenza, i liberali dovrebbero unirsi a loro. In effetti, i critici dell’approccio economico sarebbero sorpresi di quanto possa essere progressivo il campo. L’economia stessa ha una forte tradizione radicale basata su ciò che Berman descrive correttamente ma interpreta male: il suo fondamento teorico “utilitarista e consequenzialista sfrenato”.

Al loro interno, queste filosofie affermano che il miglior risultato sociale è quello in cui tutti sono uguali, purché il processo per raggiungere l’uguaglianza non porti le persone a stare peggio, e sono critici nei confronti della promozione delle idee liberali. Furono queste linee di pensiero che portarono l’economista Adam Smith a opporsi alla schiavitù e a sostenere i sindacati, il teorico politico John Stuart Mill a difendere il diritto di voto delle donne e il filosofo Jeremy Bentham nel 1785 a diventare uno dei primi ardenti sostenitori dei diritti LGBTQ.

Non sorprende che il consequenzialismo utilitaristico abbia costituito la base di articoli sottoposti a revisione paritaria nelle principali riviste di economia che approvano le aliquote fiscali marginali massime dal 70% al 95%. Il consequenzialismo costringe anche le persone a prendere sul serio gli effetti collaterali della politica, a guardare in che modo la regolamentazione del clima influisca non solo sulle emissioni di carbonio ma anche sui costi per i consumatori, o come un programma universale e un programma mirato possono influenzare la povertà in modo diverso.

Forse il miglior esempio di come i consequenzialisti pensano agli effetti collaterali è come gli economisti valutano con calma una vita umana in base al valore statistico (attualmente circa $ 10 milioni nell’analisi normativa statunitense). Questo sembra disgustoso per i non economisti, incluso Berman. Ma se i governi non considerano il costo della vita, non saranno in grado di salvare quante più persone possibile mentre prendono decisioni di vita o di morte. I numeri possono sembrare freddi e crudeli, ma possono essere di enorme beneficio in un mondo in cui il compromesso è inevitabile. Se i politici non annunciano questi compromessi e i relativi costi, faranno scelte che costeranno troppo sangue o denaro.

Punteggio reale

Tuttavia, la critica di Berman non è del tutto infondata. Ha ragione sul fatto che interessi potenti a volte possono prendere il sopravvento sulla politica economica, come nel caso di un eccessivo aggiustamento della politica antitrust.

Come disciplina, l’economia dovrebbe influenzare meglio le politiche pubbliche per riflettere un’analisi imparziale piuttosto che i capricci e le relazioni di potere. Gli economisti devono anche mantenere le loro raccomandazioni attuali e rigorose, piuttosto che fare affidamento su ciò che è stato scritto in libri di testo vecchi di 50 anni.

Ad esempio, piuttosto che approvare programmi finanziari per gli anziani, gli economisti dovrebbero sostenere maggiori investimenti nei bambini, anche attraverso trasferimenti di denaro più incondizionati, sulla base di una vasta gamma di nuove prove empiriche che mostrano rendimenti molto elevati su questi investimenti. La spesa per migliorare la salute dei bambini, ad esempio, stimola la crescita economica in misura più che sufficiente per coprire i loro costi di bilancio iniziali.

Gli economisti devono anche valutare meglio le realtà politiche quando valutano e promuovono le politiche. Le idee migliori spesso semplicemente non sono realizzabili e, sebbene gli economisti debbano assicurarsi di presentare i concetti generali più solidi a regolatori e legislatori, devono lavorare sodo per sviluppare politiche efficaci che siano anche politicamente valide.

Come i puristi progressisti che preferiscono perdite gloriose a compromessi pragmatici, anche troppi economisti preferiscono opporsi a idee imperfette piuttosto che sporcarsi con il compito di creare il meglio possibile politicamente realizzabile. Ad esempio, nella politica climatica è chiaro che una tassa sul carbonio è il modo migliore per ridurre le emissioni. Ma negli Stati Uniti questo è anche politicamente impossibile e gli economisti americani dovrebbero concentrarsi su proposte che possono effettivamente diventare legge.

Per comprendere le dinamiche politiche del processo decisionale, gli economisti possono imparare dai sociologi. L’economia tende a concentrarsi sui risultati, ma la sociologia ha dimostrato che i processi sono anche estremamente importanti nel determinare il modo in cui le persone e le comunità affrontano e comprendono i cambiamenti politici. Gli economisti devono capire meglio che le persone si preoccupano profondamente delle loro storie personali e devono capire che comunicare le decisioni politiche in un modo che faccia sentire le persone apprezzate, ascoltate e seguite è importante quanto la decisione politica stessa.

Gli economisti devono anche comprendere in modo più ampio che la loro disciplina è solo un modo di pensare al mondo. Quando insegno ai miei studenti la discriminazione, uso termini tecnici neutri come “discriminazione del gusto” (un pregiudizio che nasce dalle preferenze personali) e “discriminazione statistica” (un pregiudizio che nasce dalle proprie supposizioni su un gruppo di persone). Ma li invito anche a esplorare le questioni attraverso la lente della storia, delle scienze politiche, della letteratura, dell’arte e, naturalmente, della sociologia. Tutti questi elementi offrono anche spunti sorprendenti che io e i miei colleghi dobbiamo prendere sul serio.

Ciò non significa che il mondo abbia bisogno di una minore analisi economica; la disciplina rimane fondamentale. Gli economisti dovrebbero certamente sottolineare gli errori di critici come Berman, incluso il presupposto che il loro campo sia semplicemente uno strumento dei potenti o che sia onnipotente. Ma gli economisti possono anche dimostrare il loro valore lavorando insieme e facendo meno per armare i loro oppositori. L’analisi economica da sola non è sufficiente, né per lo sviluppo della giusta politica, né per la sua attuazione.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli 

Foto: Idee&Azione

8 agosto 2022