Il bisogno di una lingua sovrana

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Quando parliamo di narrazione, è una categoria filosofica che va conosciuta, perché la nozione di narrazione è un elemento della filosofia postmoderna che si basa sulla linguistica strutturale, sullo strutturalismo, su Ferdinand de Saussure, il linguista strutturale che ha separato discorso e linguaggio. Questo aspetto è molto importante.

Che cos’è il linguaggio? Il linguaggio è fatto di regole. Non parliamo, usiamo il linguaggio, ma il linguaggio non parla mai da solo, è nei dizionari, nella sintassi – questo si chiama livello paradigmatico, e una narrazione, o discorso, è ciò che si costruisce a partire dal linguaggio, dal suo vocabolario, dalla sua sintassi, dalle sue leggi.

Le narrazioni sono infinite. Il linguaggio è uno.

Quando parliamo di sovranità spirituale, culturale e di civiltà – che è ciò di cui parla il Presidente Vladimir Putin nei suoi discorsi – diventa ogni giorno più rilevante. Non stiamo parlando di narrazioni sovrane, ma di un linguaggio sovrano in cui si possono esprimere miliardi di narrazioni sovrane.

Se il linguaggio è sovrano, allora il discorso sarà sovrano. Utilizzando il linguaggio liberale e globalista dell’Europa occidentale, è possibile formulare un discorso sovrano russo in questa lingua, o due, o tre, o dieci. Ma questo è per compiti immediati, per la sostituzione delle importazioni all’interno della narrazione a brevissimo termine. E ciò che conta è se e per quanto tempo diremo addio all’Occidente collettivo. Oppure vogliamo tornare a questo linguaggio globale, lasciando che la cortina di fumo delle narrazioni sovraniste si alzi un po’.

Penso che questo sia ciò che l’élite vuole fare: parlare per un po’ e poi fare marcia indietro e dire: “Ok, accettiamo il vostro linguaggio e il vostro globalismo, ma non così, dateci un posto in esso”. È condannato non perché noi siamo pronti e loro no.

Siamo stati tagliati fuori, segati fuori da questo Occidente molto seriamente, e saremo ripresi in questo Occidente per parlare la stessa lingua dopo che saremo scesi sotto gli ultimi limiti e avremo detto: ci arrendiamo. La nostra sconfitta sarà la condizione per riportarci a quella lingua perché, che lo vogliamo o no, che lo capiamo o no, siamo destinati a sviluppare una lingua sovrana. La Russia è una civiltà indipendente, non una parte della civiltà occidentale; non coincide con nessuna civiltà, né orientale, né cinese, né islamica, ma è pari alla civiltà occidentale o cinese. Questo delinea a grandi linee la struttura del nostro linguaggio sovrano, non della nostra narrazione sovrana.

Se parliamo questa lingua, tutto ciò che diciamo è sovrano e ciò che significa narrazione in questo senso non è solo il discorso del narratore in TV, non è solo la struttura dell’educazione, non è solo la comunità di esperti che sarà costretta a parlare questa lingua sovrana, è anche la nostra scienza, è la nostra scienza umanistica oggi e naturale domani. Perché la scienza naturale, come sanno i più grandi scienziati come Schrödinger e Heisenberg, è anche un linguaggio nella visione della scienza naturale.

Abbiamo quindi bisogno di una lingua civile, ma una lingua civile nostra. Non lo parliamo, non lo conosciamo, parliamo un inglese pidgin, che è la base della nostra terminologia, dei nostri esperti, dei nostri iPhone, delle nostre tecnologie nei nostri razzi – è un inglese pidgin. Cioè, anche se queste tecnologie sono presenti in Russia, la struttura di questi processori e codici è, ahimè, tratta da un paradigma diverso.

Si tratta di una sfida enorme che dobbiamo affrontare e, finalmente, compito sta iniziando ad essere realizzato dalle nostre autorità.

Per quanto possa sembrare strano, il popolo è molto più pronto dell’élite. Il popolo semplicemente non coglie gli impulsi provenienti dall’alto in modo molto profondo: gli è stato detto “comunismo” – ha pensato qualcosa di suo, gli è stato detto “liberalismo” – ha pensato qualcosa di suo, gli è stato detto “patriottismo” – ha pensato qualcosa di suo, il che significa che non si abitua a questi giochi narrativi in modo così profondo come l’élite, mentre l’élite – se dice “andate a ovest”, allora andate avanti.

Spetta quindi all’élite cambiare il linguaggio.

Per creare un sistema di narrazioni sovrane, è necessario stabilire i parametri di questo linguaggio sovrano. Quali sono questi parametri? Abbiamo una concezione molto diversa dell’uomo. In ogni cultura, in ogni lingua c’è un uomo. C’è l’uomo islamico, c’è l’uomo cinese, c’è l’uomo dell’Europa occidentale, che è un uomo post-gender, un uomo che si trasforma in intelligenza artificiale, in mutante, in cyborg. Un battitore di trasformazione e liberazione. Si libera da ogni forma di identità collettiva – questo è il suo obiettivo, il suo compito – per smettere di avere religione, nazione, comunità, poi genere e, domani, appartenenza alla razza umana, e questo è il programma dell’europeo occidentale.

I cinesi hanno un modo diverso di fare le cose in generale. Anche nella tradizione islamica, poiché si tratta del rapporto dell’individuo con Allah, e tutto il resto non lo comprende né come libertà né come essere umano – è un’antropologia completamente diversa in tutto questo mondo islamico miliardario. Possono essere formalmente d’accordo con alcuni modelli occidentali, ma in realtà o non li capiscono o li reinterpretano, hanno un linguaggio proprio, molto radicato. Nella regione del Volga e nel Caucaso settentrionale continuano a promuoverlo. Per questo motivo sono immuni all’Occidente. Anche l’India, l’Africa e l’America Latina hanno il loro uomo.

Abbiamo bisogno di una concezione dell’uomo russo, di una giustificazione dell’uomo russo, e questo è Dostoevskij, questa è la nostra filosofia, questo è Florenskij, questo è lo slavofilo, questo è Solovyov, questo è anche Berdyaev, ma l’uomo russo è, prima di tutto, l’uomo conciliare – questa è la cosa più importante. Non un individuo. Per noi l’uomo è una famiglia, un clan, una nazione, una relazione con Dio, una personalità. Non un individuo, ma una personalità.

Qui finisce la nostra presenza alla Corte europea dei diritti dell’uomo, perché c’è una discrepanza sul concetto di base dell’essere umano. Per la Corte europea dei diritti dell’uomo e l’ideologia liberale occidentale il diritto umano è individuale, per noi non lo è, in termini di linguaggio sovrano.

Riuscite a immaginare come cambia la scienza umana, cioè le discipline umanistiche, dopo che abbiamo cambiato la componente di base? Considerare tutto diverso, riscrivere tutti i libri di testo di sociologia, antropologia, scienze politiche, psicologia in modo russo.

Sì, abbiamo avuto la nostra filosofia alla fine del XIX e all’inizio del XX secolo. Ma dobbiamo formarci un’idea di una persona russa che sia diversa dalle altre – e subito una lingua diversa.

La seconda cosa è l’idea del mondo. Questa è la cosa più difficile. Pensiamo che le scienze naturali siano universali. No, sono occidentalocentrici. Questo cosmo con cui abbiamo a che fare è stato introdotto e integrato nella nostra coscienza, a partire dall’Occidente nella New Age, ignorando tutte le altre immagini del mondo.

Il cosmo russo è simile a quello europeo medievale – e completamente diverso da quello dell’Occidente moderno; è diverso, a partire anche da Fëdorov o Tsiolkovskij, e le nostre ricerche più interessanti e all’avanguardia nelle discipline delle scienze naturali, hanno proceduto da intuizioni fondamentalmente diverse sulla struttura della realtà.

Se nelle scienze umane prendiamo la nostra tradizione filosofica, buttiamo via tutto ciò che è liberale, tutto il linguaggio liberale, e mettiamo al centro l’uomo russo, otteniamo una nuova lingua. E nelle scienze fisiche questo compito è molto più complicato: qui siamo solo all’inizio e ci aspetta una grande quantità di lavoro.

E, naturalmente, l’azione è il verbo. Se parliamo di linguaggio, abbiamo una concezione dell’azione molto diversa da quella della tradizione europea occidentale. È più una prassi aristotelica che tecnologica. È la filosofia di Sergei Bulgakov della causa comune, perché i russi non fanno le cose come le fanno tutti gli altri. La nozione aristotelica secondo cui la prassi è il risultato della libera creatività del maestro e non l’esecuzione tecnica di un incarico altrui ci si addice e tale è l’idea principale della filosofia dell’economia, il che significa che la nostra economia è diversa. Quindi abbiamo una scienza diversa e una pratica diversa. Significa che abbiamo una dimensione etica nell’azione, non una pragmatica utilitaristica, ottimistica, che significa che facciamo qualcosa per uno scopo etico. Cioè, facciamo, per esempio, perché, è buono, per renderlo migliore, bello, per renderlo più giusto.

Cambiare la narrazione di fronte alle sfide fondamentali che il nostro Paese deve affrontare sarà impossibile senza cambiare il linguaggio.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

29 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube