Il clima ha contribuito alla sconfitta della Wehrmacht?

image_pdfimage_print

di Shane Quinn

Un fattore a volte trascurato che ha influenzato la guerra nazi-sovietica sono gli effetti del tempo, principalmente pioggia, ghiaccio e neve, il tipo di condizioni per cui il clima russo o sovietico era famoso.

Va menzionato, tuttavia, che la situazione climatica avversa aveva iniziato ad avere un impatto sull’invasione guidata dai nazisti nell’ottobre 1941, quattro mesi dopo l’attacco, quando le forze di Adolf Hitler si erano ormai aspettate di essere vittoriose, ma invece avevano poco tempo. Il tempo è diventato un problema solo perché l’invasione non era andata come previsto.

Perché i tedeschi avevano poco tempo? Principalmente a causa degli errori strategici, commessi dall’alto comando tedesco e da Hitler; tra le date del 22 giugno 1941, quando l’invasione fu lanciata su un fronte enormemente ampio che alla fine indebolì la forza del colpo e il 21 agosto 1941, quando Hitler rinviò di un mese e mezzo l’avanzata sull’importantissima Mosca, inviando le sue divisioni a nord (Leningrado) e a sud (Ucraina) in quello che si rivelò un grave errore.

Tenendo conto di queste cause, è impreciso il suggerimento che forti piogge o freddo gelido siano stati i principali responsabili del fallimento dell’operazione Barbarossa. Prima di analizzare la sfortuna tedesca riguardo al tempo, si può notare che Hitler inizialmente fu fortunato con quello che credette, fino alla fine, fosse l’inizio tardivo della sua invasione.

La Barbarossa doveva iniziare il 15 maggio 1941, ma era troppo presto perché un attacco alla Russia potesse procedere (Goodspeed, “The German Wars”, p. 390). Non essendo stato informato dei bollettini meteorologici pertinenti, Hitler non era a conoscenza del fatto che la primavera del 1941 era eccezionalmente piovosa nell’URSS occidentale, inclusa la metà orientale della Polonia, che l’URSS occupava come parte del Patto nazi-sovietico del 1939.

Molte delle valli fluviali polacco-sovietiche erano ancora allagate alla fine di maggio e all’inizio di giugno 1941, come il fiume Bug in posizione strategica, che scorre per quasi 500 miglia attraverso la Polonia, l’Ucraina occidentale e la Bielorussia sudoccidentale. Barbarossa, quindi, non avrebbe potuto essere giudicata con successo fino a settimane dopo il primo giugno 1941.

A causa delle offensive della Wehrmacht dell’aprile 1941 in Jugoslavia e Grecia, l’attacco all’Unione Sovietica fu ritardato di 5 settimane e mezzo (38 giorni). È stato affermato nel corso degli anni che questo ritardo è stata fatale per i piani tedeschi: un’idea attraente, ma è il caso di qualcosa di completamente diverso. Lo storico militare Donald J. Goodspeed ha osservato che £poiché la spinta iniziale doveva muoversi rapidamente per ottenere i migliori risultati, con il rinvio Hitler probabilmente ha guadagnato più di quanto ha perso.”

Ciò era dovuto al fatto che il terreno nell’Unione Sovietica occidentale si era prosciugato entro il 22 giugno 1941. Non c’erano fiumi straripanti o campi allagati in vista. Le superfici dure e piatte erano adatte alle formazioni panzer per avanzare relativamente senza ostacoli, a 30 miglia orarie, infliggendo terribili danni all’esercito sovietico. Nelle settimane a venire gli errori strategici e, in misura minore, la crescente resistenza sovietica, il vasto terreno e il maltempo avrebbero portato al rallentamento dell’avanzata tedesca.

Nelle ultime settimane del 1941, le piogge russe e il debilitante inverno possono davvero essere considerati fattori secondari nella scomparsa della Barbarossa. Tuttavia, come affermato, il tempo inclemente ha ancora contribuito al fallimento della Wehrmacht nel rovesciare l’URSS. Il maresciallo Georgy Zhukov, il massimo comandante in tempo di guerra di Joseph Stalin, scrisse nelle sue memorie:

“A beneficio di coloro che sono inclini a nascondersi dietro il fango, come la vera ragione della sconfitta dei tedeschi vicino a Mosca, vorrei aggiungere che il periodo della fanghiglia nell’ottobre 1941 fu relativamente breve. Il freddo arrivò e la neve cadde all’inizio di novembre, rendendo il terreno e le strade percorribili ovunque.”

Il punto di vista di Zhukov è accurato in relazione al fango; sebbene non menzioni esattamente quanto sia stato rigido l’inverno 1941-42, argomento che sarà discusso più avanti. L’inverno che sarebbe venuto accorciò ciò che i russi chiamano Rasputitsa, quando le piogge trasformano strade, sentieri e campi di scarsa qualità in fiumi di fango. Zhukov ha ricordato come il fango si attaccasse a tutto, dai piedi umani “alle ruote dei carriole” e “alle lame delle vanghe”.

La Rasputitsa si verifica anche in primavera, ogni anno, nei mesi di marzo e aprile e colpisce non solo la Russia ma anche gli Stati vicini come l’Ucraina e la Bielorussia. Alexander Hill, un professore di Storia militare, ha sottolineato all’inizio di questo mese che la Rasputitsa è una ragione dietro i lenti progressi compiuti dall’esercito russo in Ucraina durante il suo intervento militare in corso in quel Paese. Hill ha scritto che la Rasputitsa non sarà un problema “a lungo termine”

Mentre la stampa mainstream di solito ignora i problemi che i russi hanno avuto con il fango, siamo quotidianamente informati della fedele resistenza ucraina. Rimane aperta la questione per quanto ancora. L’esercito russo è molto più grande della sua controparte ucraina e Mosca sarà in grado di rafforzare le sue forze se lo desidera; allo stesso tempo, l’esercito russo possiede anche una potenza di fuoco e abilità tecniche molto più forti e l’aviazione russa ha il predominio dei cieli ucraini, se non la completa superiorità aerea.

Nel frattempo, dalla parte opposta a Zhukov c’era il tenente delle SS di origine austriaca Otto Skorzeny. Come Zhukov, anche Skorzeny si trovava in prima linea nel 1941. Skorzeny scrisse nelle sue memorie che le precipitazioni non arrivarono vicino a Mosca fino al 19 ottobre quando “piogge torrenziali caddero sull’area del Gruppo Centrale Centro del gruppo dell’Esercito, che in tre giorni affondò letteralmente nel palude”. Hitler aveva già affermato nell’agosto 1941 che “la stagione delle piogge autunnali nella regione di Mosca inizia verso la metà di ottobre”.

La Rasputitsa autunnale durò 3 settimane, fino al 10 novembre 1941. Già prima del 10 novembre il fango si stava solidificando, con temperature in forte calo nei primi giorni di novembre. Le condizioni più fredde furono inizialmente accolte [bene] dai soldati tedeschi, che non avevano idea dell’inverno che li aspettava. Skorzeny scrisse:

“Abbiamo pensato: viva il freddo! Gelò durante la notte tra il 6 e il 7 novembre. Lentamente i rifornimenti ripresero a fluire. Abbiamo ricevuto munizioni, carburante, cibo e sigarette. Finalmente si è potuto far evacuare i feriti e si sono fatti i preparativi per l’offensiva finale.”

Con la Rasputitsa al suo peggio durante la seconda metà di ottobre 1941, non c’è dubbio che abbia avuto un impatto molto serio sull’invasione tedesca. Il successivo agosto del 1942, il 9 di quel mese, Hitler insistette:

“Se non fosse stato per la pioggia e il fango dell’ottobre scorso, avremmo potuto essere a Mosca in men che non si dica. Ora abbiamo imparato che nel momento in cui arriverà la pioggia, dobbiamo fermare tutto.”

Gli eminenti climatologi Hermann Flohn e Jehuda Neumann, in uno studio coautore sull’impatto del tempo sulla guerra nazi-sovietica, hanno riconosciuto che “al tempo della Seconda guerra mondiale c’erano pochissime strade asfaltate in URSS. Le piogge e i bassi tassi di evaporazione della stagione autunnale trasformerebbero strade e campi non induriti in pantani, in cui molti dei carri armati, pezzi di artiglieria pesante e altri trasporti meccanizzati scaverebbero le proprie fosse cercando di andare avanti.”

La tregua diede ai sovietici il tempo di rafforzare la loro retroguardia. Nella prima quindicina di novembre 1941, il Cremlino inviò 21 nuove divisioni dalla Siberia e dall’Asia centrale sul fronte di Mosca, il tipo di riserve che i tedeschi non avevano.

Le Rasputitsa influirono anche sulle divisioni sovietiche ma, nel complesso, le superfici inospitali ebbero un esito più negativo per gli attaccanti, il che era inevitabile. Combattendo una guerra basata in gran parte sulla difesa all’inizio degli anni ’40, l’Armata Rossa faceva meno affidamento sulla mobilità rispetto ai tedeschi. I carri armati russi, come il T-34, avevano cingoli più larghi dei panzer e si muovevano in modo più efficiente sul terreno fradicio. Forniture e logistica non erano un grosso problema per i russi, che avevano un sistema ferroviario funzionante direttamente dietro di loro, mentre le linee tedesche erano sempre più estese.

Nella prima metà di ottobre 1941, i tedeschi avevano quasi annientato le difese davanti a Mosca, distruggendo 86 divisioni sovietiche intorno alle città russe di Vyazma e Briansk, entrambe a circa 130 miglia dalla capitale. Quando le nuvole di pioggia arrivarono il 19 ottobre, il Gruppo Centrale dell’Esercito quel giorno aveva catturato Mozhaisk, a sole 65 miglia a ovest di Mosca. Non sorprende che Zhukov considerasse le date, dal 10 al 20 ottobre 1941, il momento più pericoloso per l’Armata Rossa durante la guerra.

Con la città di Mozhaisk sotto il controllo tedesco, la strada per Mosca era aperta. Skorzeny credeva in questo periodo:

“Eravamo convinti che saremmo stati a Mosca all’inizio di novembre.”

I precedenti errori strategici, commessi dalla gerarchia nazista, ora li raggiunsero. I comandanti in prima linea erano consapevoli dell’arrivo della pioggia. Un generale della Wehrmacht ricordò come “la realtà ha superato di gran lunga le nostre peggiori aspettative” ma ha anche ricordato che le piogge sono iniziate “abbastanza lentamente a metà ottobre” e “sono diventate costantemente più intense”. Il lento inizio delle piogge permise in parte alla sesta armata tedesca di prendere la metropoli ucraina di Kharkov, la quarta città più grande dell’URSS, il 24 ottobre 1941. Quarantacinque miglia a nord di Kharkov, il 24 ottobre i tedeschi catturarono anche Belgorod, una città russa medievale

Le vittorie della Wehrmacht iniziarono quindi a prosciugarsi, con l’avanzata tedesao fermata dal fango come hanno evidenziato i climatologi Flohn e Neumann. All’inizio di novembre, con l’indurimento del fango, i tedeschi furono in grado di sistemare le loro linee di trasporto. L’avanzata su Mosca non riprese a pieno regime fino al 15 novembre 1941. A quel punto era troppo tardi. Il senno di poi è sempre utile, ma con il freddo pungente e l’emergere della neve, l’offensiva tedesca non avrebbe dovuto ricominciare affatto nel 1941. La notte dell’11 novembre, la temperatura scese improvvisamente a meno 20 gradi Celsius.

Flohn e Neumann hanno sottolineato nel loro articolo che l’inverno russo del 1941-42 “si è rivelato uno degli inverni più rigidi mai registrati” e “non c’è confronto tra gli inverni tedeschi e russi; anche un inverno russo ‘normale’ sarebbe considerato un inverno molto freddo in Germania.”

Una tabella prodotta nello studio Flohn-Neumann fornisce i dati relativi alle temperature invernali a Mosca, ad esempio, rispetto ad altri inverni nella capitale. Le registrazioni della temperatura a Mosca, per il novembre 1941, mostrano che quel mese era in media 6,8 gradi Celsius più freddo rispetto al novembre 1940. Il dicembre 1941 a Mosca era, in media, 5,2 gradi Celsius più freddo rispetto al dicembre 1940. Gennaio 1942 era 6 gradi più freddo rispetto al gennaio 1941, il febbraio 1942 era di 1,2 gradi più freddo del febbraio 1941 e il marzo 1942 era di 3,4 gradi più freddo del marzo 1941.

Vale anche la pena confrontare gli inverni del 1941-42 con quelli del 1939-40, per fornire un quadro più ampio. Il novembre 1941 a Mosca era in media di 4,7 gradi Celsius più freddo del novembre 1939. Il dicembre 1941 era di 5,4 gradi più freddo del dicembre 1939. Il gennaio 1942 era di 0,8 gradi più freddo del gennaio 1940. Il febbraio 1942 aveva esattamente la stessa temperatura media del febbraio 1940 e del marzo 1942 era 4,5 gradi più freddo di marzo 1940.

L’inverno 1939-40 fu un po’ più freddo del 1940-41, ma ancora non così rigido come il 1941-42, quando la guerra infuriava vicino a Mosca. La temperatura media a Mosca per il novembre 1941, che tiene conto sia delle registrazioni diurne che notturne, era di meno 5,3 gradi Celsius. Dicembre 1941 ha mostrato una temperatura media di meno 12,8 gradi.

Nel gennaio 1942 a Mosca la temperatura scese di nuovo a meno 20,2 gradi Celsius. Il febbraio 1942 ha mostrato una registrazione di meno 11,8 gradi. Anche marzo 1942 aveva una lettura ben al di sotto dello zero, con una temperatura media di meno 9,7 gradi. Quell’inverno fu straordinariamente brutale e le temperature di cui sopra non erano nemmeno limitate alla regione di Mosca. Cifre simili sono state pubblicate a Leningrado, a oltre 400 miglia da Mosca. Entro il 20 febbraio 1942 i tedeschi avevano subito 112.627 casi di congelamento.

Hitler, che a lungo esaminava studi meteorologici e previsioni alla Tana del Lupo, dichiarò continuamente che l’inverno 1941-42 era “il peggiore degli ultimi 150 anni ed era arrivato quattro settimane prima del previsto”. Questa era forse solo una leggera esagerazione e il documento di Flohn-Neumann avrebbe aggiunto peso all’argomento di Hitler. Tuttavia, Hitler, come Napoleone prima di lui, sfruttava il clima come la ragione principale dell’incapacità di conquistare la Russia. Le condizioni meteorologiche, come accennato in precedenza, furono un fattore secondario nel deragliamento dell’operazione Barbarossa.

Hitler aveva sperimentato in prima persona un assaggio del freddo pungente, quando visitò il fronte orientale il 2 dicembre 1941. Hitler viaggiò in aereo dalla Prussia orientale a Mariupol, una città portuale vitale nel sud-est dell’Ucraina, occupata dai nazisti; dove i soldati a guida russa stanno attualmente combattendo nel centro di Mariupol, contro le forze ucraine in inferiorità numerica. Tra questi, ironia della sorte, ci sono il battaglione neonazista infiltrato Azov e i suoi alleati volontari che, presumibilmente, non avrebbero avuto dubbi nel condividere le armi con i nazisti contro i sovietici, se gli orologi fossero stati riavvolti a 80 anni fa.

Mariupol sarà inevitabilmente preso dai russi nei giorni a venire, mentre avanzano più in profondità nella città. La presa di Mariupol rafforzerebbe in modo significativo la posizione russa, assicurando loro una rotta terrestre diretta dalla Russia sud-occidentale alla penisola di Crimea. La cattura di Mariupol aumenterebbe il morale delle divisioni russe altrove in Ucraina.

Nell’estate del 1941 una parte considerevole della popolazione ucraina, nel centro e nell’ovest del Paese, accolse i soldati della Wehrmacht e delle SS come liberatori. Ciò fu particolarmente vero nelle città dell’Ucraina occidentale come Lvov (Lviv), dove molti dei suoi cittadini accolsero calorosamente le forze fasciste dal 30 giugno 1941, quando la bandiera ucraina d’oro e blu sventolava accanto alla svastica nazista. La comunità ebraica di Lvov, consapevole delle radici razziste del nazismo, rimase paurosamente a casa.

Per i soldati tedeschi, quando veniva la notte, il dolore si faceva davvero sentire. Verso la fine del 4 dicembre 1941, il termometro vicino a Mosca scese a meno 31 gradi Celsius. La notte successiva scese di nuovo a meno 36 gradi. Flohn e Neumann hanno scritto che queste temperature “colpirono gravemente gli eserciti tedeschi che non erano vestiti adeguatamente e non erano equipaggiati con armamenti, carri armati e veicoli a motore che potessero funzionare adeguatamente anche in un inverno “normale” nelle parti settentrionali dell’URSS, per non parlare di un inverno rigido come quello del 1941-42.”

Simile alla Rasputitsa, i sovietici non hanno sofferto tanto quanto gli invasori durante il freddo. Avevano una quantità molto maggiore di indumenti caldi, antigelo per i loro carri armati e lubrificanti per i loro fucili, ecc. Erano più vicini a casa e abituati a combattere in inverno, avendo sperimentato un tale conflitto in Finlandia solo 2 anni prima (la Guerra d’Inverno). Le temperature notturne sarebbero scese ancora più in basso nel mese più freddo di tutti, gennaio 1942.

 

Riferimenti

  1. Neumann and H. Flohn, “Great Historical Events That Were Significantly Affected by the Weather: Part 8, Germany’s War on the Soviet Union, 1941–45. Long-range Weather Forecasts for 1941–42 and Climatological Studies”, American Meteorological Society, Giugno 1987, Jstor:

https://www.jstor.org/stable/26225461?read-now=1&refreqid=excelsior:c61f5b6ebf933ddcd473be1f834f2f1a&seq=4

Evan Mawdsley, “Thunder in the East: The Nazi-Soviet War, 1941-1945” (Hodder Arnold, 23 Febbraio 2007)

Donald J. Goodspeed, “The German Wars” (Random House Value Publishing, 3 Aprile 1985)

Georgy Zhukov, “Marshal of Victory: The Autobiography of General Georgy Zhukov” (Pen & Sword Military, 3 Febbraio 2020)

Adolf Hitler, “Hitler’s Table Talk”, New Foreword by Gerhard L. Weinberg (Enigma Books, 30 Aprile 2008)

Otto Skorzeny, “My Commando Operations: The Memoirs of Hitler’s Most Daring Commando” (Schiffer Publishing Ltd., 1 Gennaio 1995)

Alexander Hill, “’General Mud’ has Usually Been on Russia’s Side in War. Not This Time”, (Slate Magazine, 11 Marzo 2022)

https://slate.com/news-and-politics/2022/03/mud-in-ukraine-history-of-russian-army-and-rasputitsa.html

Christoph Mick, “Lemberg, Lwow, and Lviv 1914-1947: Violence and Ethnicity in a Contested City” (Purdue University Press, 30 Novembre 2015)

John Toland, “Adolf Hitler: The Definitive Biography” (Bantam Doubleday Dell Publishing Group, 3 Febbraio 2007)

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Geopolitica.ru

7 aprile 2022