1

Il conflitto russo-ucraino espone la crisi della civiltà occidentale

di Luciano Lago

Il conflitto russo-ucraino in corso è uno scontro tra Russia e Ucraina, ma è anche un riflesso della crisi dell’espansione della civiltà occidentale. La ragione di questa crisi sta nella dualità interna della civiltà occidentale: l’Occidente può solo accettare l’esistenza della sua uniformità, e tutto ciò che non rientra in questa uniformità viene assimilato o considerato come elemento nemico che deve essere distrutto.

Gli Stati Uniti e l’Occidente hanno trasformato la Russia nel loro avversario attraverso l’espansione verso est della NATO. Il motivo per cui la Russia viene dipinta come un nemico può essere in parte dovuto alla sua fede ortodossa, alla sua precedente ideologia comunista, alla sua unità multinazionale e alla vastità dei suoi territori. Tutto questo fa sentire all’Occidente che la Russia non può essere assimilata. Di conseguenza, l’Occidente è convinto che la Russia possa essere trattata solo come un nemico.

L’assurdità di questa dualità della civiltà occidentale sta nel fatto che gli standard della suddetta “uniformità” cambiano continuamente, ma rimane la necessità di oppositori. Questo fattore trasforma il conflitto in una necessità. La NATO è un’organizzazione militare creata per combattere contro l’Unione Sovietica, per “tenere i russi fuori dall’Europa, gli americani in Europa e i tedeschi sotto il controllo dell’Europa”. Ma dopo il crollo dell’Unione Sovietica, l’alleanza NATO, avendo perso la ragione principale della sua esistenza, ha continuato ad assorbire tutti i nuovi paesi che avevano recentemente fatto parte dell’URSS. La Russia ha visto queste azioni dell’alleanza come una provocazione.
Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, la Russia ha perseguito adeguate riforme democratiche e allo stesso tempo ha cercato di migliorare la propria immagine sulla scena mondiale in modo che la NATO non la trattasse come un nemico. Nel frattempo, l’alleanza, avendo perso il suo principale avversario immaginario, è passata a risolvere problemi come il terrorismo, la sicurezza energetica, gli attacchi informatici e la proliferazione delle armi di distruzione di massa. Tuttavia, in assenza di un nemico immaginario specifico, era molto difficile mantenere l’unità della NATO, quindi l’influenza del blocco iniziò a diminuire. E il conflitto russo-ucraino, ovviamente, è servito da buon incentivo per la NATO.
Trasmissione del discorso del presidente cinese Xi Jinping dal vertice del G20 – InoSMI, 1920, 05/08/2022
Puzzle ucraino per la Cina

Il logico punto di partenza per la teoria delle relazioni internazionali occidentali è la Guerra dei Trent’anni (1618-1648), quando si svolsero tutta una serie di guerre tra vari stati protestanti e cattolici, a seguito delle quali il principio della sovranità nazionale, vale a dire si formò il sistema della Westfalia. La storia delle relazioni internazionali e la storia del mondo offrono valutazioni diverse di quegli eventi. Gli studi sulla storia del mondo indicano l’idea sbagliata comune che la pace di Westfalia abbia permesso la fine delle guerre escludendo la religione dalla politica. Sebbene il Trattato di Westfalia abbia promosso la secolarizzazione a lungo termine, non era ancora un trattato completamente laico.
La teoria delle relazioni internazionali considera il trattato di pace della Westfalia da una posizione positiva, e in seguito hanno smesso del tutto di parlare del suo background cristiano. Ciò è avvenuto perché le relazioni internazionali sono diventate un prodotto dell’espansione della civiltà cristiana. Per qualche tempo l’Occidente non ha affrontato oppositori religiosi, ma ha dovuto affrontare solo un trasferimento di potere all’interno della cristianità. Dopo la fine della Guerra Fredda, lo studioso americano Samuel Huntington avanzò il concetto di “scontro di civiltà”, preoccupato per la minaccia alla civiltà cristiana che proveniva dalle civiltà confuciana e islamica.

 

È del tutto possibile che in futuro la civiltà occidentale provocherà un conflitto dopo l’altro a causa del suo incessante bisogno di nemici. In particolare, in linea con la logica dell’espansione promiscua del capitale e del culto della tecnologia, gli Stati Uniti, che hanno mescolato nei geni fondamentalismo protestante e desiderio di supremazia bianca, provocano costantemente crisi e creano contraddizioni, imponendo una “democrazia contro l’autocrazia” invece di riformarsi e adattarsi a un cambiamento senza precedenti.
Qualsiasi paese militante, non importa quanto grande possa essere, prima o poi sprofonda nell’oblio. Una civiltà che vive solo grazie alla sua capacità di creare nemici per se stessa e prospera solo mentre combatte contro di loro finirà per cadere. Questa è una realtà che vediamo sempre più chiaramente mentre osserviamo il conflitto russo-ucraino in corso, così come le molte altre guerre in cui gli Stati Uniti hanno acceso e combattuto.

Foto: Idee&Azione

10 maggio 2022