Il continuo sostegno USA-NATO ai neonazisti in Ucraina

image_pdfimage_print

di Shane Quinn

Negli ultimi mesi, il capo della NATO Jens Stoltenberg ha continuato a delineare il “riconoscimento” della sua organizzazione per l’Ucraina “affinché diventi un membro della NATO”. Due settimane fa Stoltenberg ha dichiarato pubblicamente a Washington che “lavoriamo con l’Ucraina per aiutare l’Ucraina ad avanzare verso la sua integrazione transatlantica… abbiamo fondi fiduciari, abbiamo formazione, abbiamo diversi tipi di attività con cui stiamo aiutando l’Ucraina”.

Commenti come questo sono anche una provocazione ben mirata alla vicina Russia. È l’equivalente dell’annuncio dell’Unione Sovietica di avere “fondi fiduciari” e “attività” che si svolgono in Messico, con l’obiettivo finale di attirare il vicino americano nel Patto di Varsavia guidato da Mosca. Qualsiasi coercizione del genere da parte dei sovietici avrebbe sicuramente attirato una rapida risposta militare da Washington.

A volte può essere istruttivo gettare gli occhi su una mappa dell’Europa e una rapida occhiata all’Ucraina rivela un confine lungo e tortuoso a est con la Russia; circa 1.000 chilometri in tutto, non meno. L’Ucraina ha inoltre una storia lunga generazioni e un’associazione con la Russia.

Durante la prima guerra mondiale, 3,5 milioni di ucraini combatterono nell’esercito imperiale russo, principalmente in opposizione ad un impero tedesco che divenne una dittatura militare guidata da Paul von Hindenburg ed Erich Ludendorff – dalla fine del 1917, le forze zariste cessarono di esistere, quando fu implementata la Rivoluzione d’Ottobre, inaugurando la creazione della Russia sovietica.

Oltre due decenni dopo, fino a sette milioni di soldati ucraini si unirono all’Armata Rossa durante la sua “Grande Guerra Patriottica” contro i nazisti. Nel 1945, circa 2,5 milioni di fanti ucraini all’interno degli eserciti sovietici furono uccisi dalle truppe di Hitler. I giovani fanti ucraini pagarono davvero un prezzo pesante per il loro contributo alla liberazione delle terre sovietiche dal dominio nazista.

È stato piuttosto irritante, di conseguenza, vedere l’Ucraina negli ultimi anni guidata da una folla incastonata con figure fasciste – individui con molti anni di attivismo neonazista alle spalle, come Andriy Parubiy, presidente del parlamento ucraino dall’aprile 2016 e co-fondatore del partito fascista Svoboda. Parubiy è un vecchio collaboratore di altri neonazisti come il capo di Svoboda, Oleh Tyahnybok, Oleh Makhnitskyi e Dmytro Yarosh, quest’ultimo membro del parlamento ucraino dalla fine del 2014 ed ex leader di Settore Destro, un altro partito fascista.

Questi uomini sono tutti seguaci del terrorista Stepan Bandera, un nazista ucraino che ha collaborato con il Terzo Reich prima e durante la seconda guerra mondiale. All’inizio del luglio 1941, con i soldati tedeschi che si riversavano alle frontiere dell’Ucraina occidentale, l’“Atto di Proclamazione” di Bandera dichiarò [1]: “Il nuovo Stato ucraino lavorerà a stretto contatto con la Grande Germania nazionalsocialista” e che Hitler “sta formando un nuovo ordine in Europa e nel mondo e sta aiutando il popolo ucraino a liberarsi dall’occupazione moscovita”.

Negli anni del dopoguerra, Bandera e i suoi compari ricevettero un’ampia protezione dai vincitori alleati, godendo di un aiuto e di un sostegno significativi dai servizi di intelligence americani e britannici, dalla CIA e dall’MI6. Nel frattempo, lo stesso Stoltenberg ha incontrato di recente il parlamentare fascista ucraino Parubiy, come ha rivelato il capo della NATO tramite il suo account twitter il 27 novembre 2018, mentre gli stringe calorosamente la mano.

Stoltenberg è un ex primo ministro norvegese socialdemocratico, che in gioventù ha attivamente protestato contro la guerra del Vietnam. Per anni è stato al servizio dei capricci di Washington e apparentemente è a suo agio nel mescolarsi con i neonazisti sotto la bandiera della NATO.

Ci sono altri fascisti che hanno lavorato come parlamentari nel parlamento ucraino, come Ihor Mosiychuk (ex membro di Svoboda), Oleh Lyashko (capo del Partito Radicale), Yuriy Bereza (leader del battaglione Dnipro), Serhiy Melnychuk (ex comandante del battaglione Aidar) e Andriy Biletsky (fondatore della neonazista Assemblea Social-Nazionale).

Quasi tutti gli estremisti di estrema destra ucraini sono sostenitori della NATO e dell’intervento militare a guida americana, mentre molti di loro si sono divertiti a visitare in America i loro capi di fatto. Ciò include Parubiy, che ha visitato Washington la scorsa estate ed è stato in precedenza nella capitale degli Stati Uniti nel febbraio 2015, dove ha incontrato tra gli altri il senatore John McCain e John Boehner, allora presidente della Camera. Nella stessa uscita, Parubiy ha tenuto incontri di alto livello con il Dipartimento di Stato, il Dipartimento della Difesa e il Consiglio di Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti. Anche lui è stato onorato delle interviste dei comitati editoriali del Washington Post e del Wall Street Journal.

Parubiy è stato invitato ad Ottawa, in Canada, nel febbraio 2016 e può essere visto sorridere nelle fotografie con il primo ministro Justin Trudeau. Nel novembre 2018 Parubiy ha discusso con Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo, dove Parubiy ha invitato Bruxelles a rafforzare le sanzioni contro la Russia, mentre ha portato avanti proposte per l’adesione dell’Ucraina alla NATO e alla UE, mosse accolte con favore da Tajani.

Nel febbraio 2019, il presidente del Consiglio dell’Unione Europea, Donald Tusk, si trovava a Kiev dove ha parlato al parlamento nazionale ed ha sottolineato, tra le altre cose, che i parlamentari ucraini dovrebbero “essere risoluti nel respingere il richiamo del nazionalismo radicale e del populismo, come avete fatto finora”. Tusk era apparentemente inconsapevole che alcuni di coloro a cui si stava rivolgendo avevano prospettive piuttosto più estreme di quelle dei “nazionalisti radicali” o dei “populisti”. In effetti, lo stesso Parubiy poteva essere visto seduto direttamente sullo sfondo mentre Tusk stava parlando.

Prima del colpo di Stato guidato dagli americani in Ucraina, confermato da Barack Obama alla CNN nel febbraio 2015, era chiaro che questa azione avrebbe aumentato il rischio di una guerra nucleare tra Stati Uniti e Russia. È ancora una volta per grazia della fortuna che un incontro così devastante è stato evitato. Il colpo di Stato ha rappresentato una grande antagonizzazione della Russia, che è stata una superpotenza nucleare per decenni con comprensibili preoccupazioni relative a ciò che accade lungo i suoi confini.

Gli Stati Uniti piazzano molte dozzine delle loro armi nucleari in quattro Paesi dell’Unione Europea e della NATO: Germania, Italia, Paesi Bassi e Belgio e anche nella Turchia, Paese NATO; portando il numero totale di Stati nucleari in realtà ad oltre una dozzina. La presenza di ordigni nucleari nei Paesi di cui sopra costituisce la più grave violazione della loro sovranità, mettendo ulteriormente in pericolo l’Europa e il mondo.

La crisi ucraina ha goduto del costante sostegno occidentale fin dall’inizio. Molte notizie di stampa riguardanti l’Ucraina sono di natura particolarmente propagandistica, in quanto descrivono il rovesciamento illegale di un leader eletto come una “rivoluzione filo-occidentale” con la sola Russia che “fomenta una guerra nell’Ucraina orientale che ora ha ucciso più di 10.300 persone e sfollatone 1.6 milioni”.

Non c’è una sola parola spiegata in questi resoconti relativa al cruciale coinvolgimento americano nel Paese. Nessun commento deve essere letto nemmeno in relazione alle unità neonaziste sostenute dall’Occidente che combattono i separatisti sostenuti da Mosca nell’Ucraina orientale; come i suprematisti bianchi conosciuti come il battaglione Azov e il battaglione Donbass, che fanno parte della Guardia nazionale ucraina, insieme ad altri squadroni in stile nazista come il battaglione Aidar, che appartiene alle forze di terra ucraine. Anche il battaglione Dnipro ha fornito supporto ed è comandato dal suddetto parlamentare ucraino di estrema destra, Yuriy Bereza.

Piuttosto, i lettori sono portati a credere che sia stata la sola Russia a “fomentare una guerra nell’Ucraina orientale”. Non denunciati anche i crimini di guerra commessi dai battaglioni Azov, Donbass, Aidar e Dnipro contro civili ucraini, rimasti impuniti; come l’omicidio, la tortura, l’aggressione sessuale e la fame deliberata di civili. Il comandante del battaglione Donbass, Semen Semenchenko, un’altra figura di estrema destra e parlamentare ucraino, ha ricevuto inviti in America dove ha incontrato membri del Congresso e rappresentanti del Pentagono, mentre cercava dagli Stati Uniti “aiuti non letali”.

Nel settembre 2014 Semenchenko ha affermato che “voglio trasformare l’Ucraina in un altro Israele”. Più di quattro anni fa, è stato eletto deputato parlamentare, posizione che continua a ricoprire. Nel dicembre 2018, è stato riferito che Semenchenko è stato brevemente detenuto a Tbilisi, in Georgia, mentre vi tentava illegalmente di acquistare armi ed evitava l’arresto a causa del possesso di un passaporto diplomatico. Il presidente Petro Poroshenko aveva precedentemente elogiato il tanto decorato Semenchenko per il suo “coraggio, resistenza e fibra morale” mentre elogiava anche il battaglione Donbass come composto da “veri eroi”.

Poroshenko è in realtà un leader per procura sponsorizzato dagli Stati Uniti e che ha cercato l’adesione alla NATO e alla UE; è inoltre un alleato di Israele, avendo visitato più volte lo Stato espansionista e firmato un “accordo di libero scambio” durante un altro viaggio in Israele nel gennaio di quest’anno. Poroshenko ha girato molte volte gli Stati Uniti, inclusa una visita particolarmente gratificante alla Casa Bianca nel giugno 2017, dove il presidente Donald Trump era apparentemente riluttante ad incontrarlo.

Per quanto riguarda il ruolo dell’America in Ucraina, forse non ci si dovrebbe sorprendere troppo che la superpotenza abbia implementato un’amministrazione con forti legami neonazisti. I governi degli Stati Uniti e i loro servizi speciali hanno una storia di cooperazione con gli scagnozzi nazisti che risale alla conclusione della seconda guerra mondiale. Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e la CIA hanno lavorato volentieri con ex nazisti come il generale Reinhard Gehlen e il “Macellaio di Lione” Klaus Barbie, impiegandoli nell’est per destabilizzare nuovamente l’Unione Sovietica.

In Ucraina, i suoi battaglioni fascisti del 21° secolo ricevono gran parte dei loro finanziamenti da oligarchi con legami con l’Occidente: come il potente uomo d’affari miliardario Ihor Kolomoyskyi, cittadino ucraino-israeliano-cipriota con un visto statunitense e che ha trascorso periodi in America, dove detiene interessi corporativi acquisiti in Stati come l’Ohio e il West Virginia.

Kolomoyskyi è attualmente indagato dall’FBI dopo essere stato accusato di “aver ordinato omicidi su commissione” e di aver subito indagini relative a accuse di “crimini finanziari”, come appropriazione indebita e riciclaggio di denaro in America. Si pensa che Kolomoyskyi sostenga fermamente la campagna dell’attore comico Volodymyr Zelensky, favorito per diventare il nuovo capo di stato dell’Ucraina la prossima settimana.

Kolomoskyi possiede la proprietà delle principali reti televisive in Ucraina, che hanno fornito a Zelensky una piattaforma cruciale per comunicare con la popolazione della nazione. Zelensky è stato costretto a negare i suoi legami con Kolomoyskyi, ma Poroshenko inevitabilmente si avventa su questi legami per segnare punti politici.

Sebbene l’Ucraina come Stato fosse tutt’altro che idilliaca sotto il deposto Viktor Yanukovich, le condizioni sono notevolmente peggiorate dall’assunzione del potere di Poroshenko nel giugno 2014. La corruzione e l’avarizia sono aumentate, così anche la criminalità e i senzatetto, numerosi neonazisti hanno guadagnato posizioni in parlamento, la popolazione in generale soffre di povertà e disillusione che peggiorano mentre i servizi statali si disintegrano.

Retta da un oligarca miliardario per quasi cinque anni, l’Ucraina è oggi la nazione più povera d’Europa con circa il 60% della sua popolazione che vive al di sotto della soglia di povertà. Non molto di questo infastidisce le élite privilegiate, fintanto che il Paese rimane benevolo verso i ricchi interessi commerciali.

Ancora una volta, poche di queste scomode realtà vengono mai trattate in articoli di stampa. Entrando nel 2019, il New York Times, il 24 gennaio, sta ancora elaborando la sua linea di “rivoluzione filo-occidentale”, mentre denuncia l’ex presidente Yanukovich come “una figura ampiamente disprezzata”. Il New York Times evita accuratamente di conferire un titolo del genere a Poroshenko, nonostante sia una “figura ampiamente più insultata” di Yanukovich.

Appena prima del suo rovesciamento all’inizio del 2014, l’indice di approvazione di Yanukovich era del 20%. Meno di un mese fa, gli indici di popolarità di Poroshenko sono stati registrati ancora una volta a meno della metà. rispetto al 9%, rendendo questa classifica un “minimo mondiale” per un leader di governo.

A causa di ulteriori segnalazioni inesistenti, è probabile che le popolazioni del primo mondo non siano a conoscenza di queste statistiche. Né sono pienamente in sintonia con l’atroce pasticcio in cui si trova l’Ucraina oggi, che può essere in gran parte ricondotto alla “rivoluzione pro-democrazia”.

Tuttavia, per quanto riguarda il Venezuela ricco di petrolio, i principali organi di stampa si sono affrettati a esprimere preoccupazione per la mancanza di “libertà e democrazia” nel Paese sudamericano. Un editoriale del New York Times, del 3 aprile 2019, lamentava come “sia terribile assistere alla sofferenza di una nazione [Venezuela]” mentre la sua gente si libra “sull’orlo della fame” mentre “certamente sarebbe un grande sollievo per il Venezuela sbarazzarsi del leader [Nicolas Maduro] che ha ereditato un Paese distrutto”.

Si può presumere che sarebbe un grande sollievo anche per i produttori di petrolio occidentali, se potessero mettere le mani sulle vaste riserve del Venezuela. L’editoriale del New York Times delinea quindi il potenziale di “un intervento militare” ma conclude rapidamente che, “in un Paese più grande del Texas”, “sarebbe brutto”, per non parlare di una violazione della Carta delle Nazioni Unite. Invece, “la realtà è che il signor Trump non ha alcuna opzione reale se non quella di aspettare” poiché “è difficile concepire che il signor Maduro resisterà a tempo indeterminato”.

[NdT: articolo di Shane Quinn scritto poco prima dell’elezione di Volodymyr Zelens’kyj a presidente dell’Ucraina, 20 maggio 2019]

[1] https://www.rt.com/news/431992-ukraine-independence-allegiance-hitler/

[2] https://news.gallup.com/poll/247976/world-low-ukrainians-confident-government.aspx

Articolo originale di Shane Quinn:

https://www.geopolitica.ru/en/article/us-natos-ongoing-support-neo-nazis-ukraine

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Apa.az

8 marzo 2022