Il crollo del progetto di autonomia strategica dell’UE

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

A trent’anni dalla creazione del Mercato Unico Europeo, la convergenza normativa nell’UE si è invertita o si è arrestata. Questa mancanza di integrazione è espressione della “stanchezza da mercato unico”. In definitiva, potrebbe ostacolare la capacità dell’UE di ridurre la sua dipendenza dagli Stati Uniti e dalla Cina, come indicato nel programma di autonomia strategica della Commissione europea. A meno che l’UE non sia in grado di incoraggiare la libera circolazione di beni, servizi, persone e capitali, una nuova politica di sovranità industriale o tecnologica non farà altro che creare costi aggiuntivi per le imprese e la società e aggravare il divario di produttività e tecnologia con gli Stati Uniti.

Il 1° gennaio 1993 è la data della creazione ufficiale del Mercato Unico Europeo. A trent’anni dalla sua nascita, il mercato unico è di gran lunga il progetto più incompiuto. La legislazione dell’UE è cambiata in modo significativo negli ultimi decenni, ma le politiche comunitarie comuni e applicate in modo uniforme sono ancora l’eccezione piuttosto che la regola. Gli Stati membri dell’UE continuano ad aderire alle proprie versioni di leggi orizzontali e settoriali.

Ciò è contrario all’attuale spirito dei tempi di Bruxelles. Nel suo discorso di settembre 2020 all’Unione, la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha ribadito che “il mercato unico europeo è fatto di opportunità: per i consumatori di ottenere un buon rapporto qualità-prezzo, per le aziende di vendere ovunque in Europa e per l’industria di migliorare la propria competitività globale”.

Analogamente, Margrethe Vestager, vicepresidente esecutivo della Commissione europea, ha sottolineato che solo un mercato comune europeo offre alle imprese europee opportunità di crescita e innovazione. Riferendosi agli scarsi risultati dell’Europa nel settore digitale, Vestager ha affermato che “uno dei motivi per cui non abbiamo Facebook e Tencent è che non abbiamo mai fornito alle imprese europee un mercato unico significativo in cui potersi espandere […] Ora che abbiamo una seconda possibilità, il minimo che possiamo fare è assicurarci che abbiate un vero mercato unico”.

Il mercato unico è spesso indicato come il più grande risultato dell’UE. In effetti, a partire dagli anni ’80, il mercato comune europeo ha dimostrato molti risultati impressionanti. Ispirandosi al principio del riconoscimento reciproco delle merci, Bruxelles e le capitali della maggior parte degli Stati membri hanno continuato a mantenere un clima politico che generalmente insiste sull’idea di un mercato europeo senza frontiere per beni e servizi, capitale e lavoro.

Eppure, a 30 anni dalla sua creazione ufficiale, il mercato unico è largamente incompleto, privo di una politica comunitaria comune e uniformemente applicata in materia di politica economica e sociale. Circa dieci anni fa, durante le celebrazioni del 20° anniversario, i funzionari dell’UE avevano già riconosciuto la crisi del mercato unico. In seguito alle conclusioni del famoso rapporto Monti del 2010 (“Una nuova strategia per il mercato unico: al servizio di una strategia per l’economia europea”), molti hanno ravvisato l’urgente necessità di agire per creare un vero e proprio level playing field europeo per le imprese e i lavoratori.

La fatica dell’integrazione, tuttavia, ha continuato a prevalere.

Il processo decisionale dell’UE è stato finora caratterizzato da una proliferazione di direttive che lasciano spazio alla discrezionalità nazionale nell’attuazione e nell’applicazione. I nuovi livelli di regolamentazione dell’UE hanno creato un mosaico senza precedenti di leggi orizzontali e settoriali degli Stati membri. Per le imprese e i consumatori, il mercato unico rimane una complessa rete di norme commerciali, fiscali e del lavoro che variano da Paese a Paese, creando confusione e incertezza giuridica. Nel 2016, una relazione del Parlamento europeo ha rilevato che “il costo di un processo di riforma lento e di iniziative vaghe con orizzonti temporali incerti nel solo commercio elettronico è di 748 miliardi di euro”.

Il settore dei servizi, che insieme rappresentano il 65% del PIL dell’UE-27, ne è un esempio. Come mostra la Figura 1, le esportazioni di servizi all’interno dell’UE mostrano la stessa tendenza al rialzo delle esportazioni di servizi al di fuori dell’UE. A differenza del commercio di beni all’interno dell’UE, che supera il commercio al di fuori dell’UE (con i Paesi terzi), le esportazioni di servizi all’interno dell’UE hanno continuato a crescere solo in linea con le tendenze della domanda globale. In molti settori dei servizi, le politiche nazionali, le restrizioni normative sproporzionate e la debolezza della concorrenza impediscono ai consumatori e alle imprese di trarre pieno vantaggio dall’integrazione dell’UE.

Per quanto riguarda i servizi di costruzione e logistica e i servizi informatici e di telecomunicazione, i dati OCSE sulle restrizioni al commercio dei servizi mostrano che il mercato unico europeo non ha fatto progressi nell’ultimo decennio. Le politiche dell’UE non sono riuscite ad armonizzare le normative sui servizi, né tantomeno ad avviare un processo di liberalizzazione e convergenza. Nella maggior parte dei settori dei servizi, le normative degli Stati membri sono diventate più severe, sia al livello più basso che a quello più alto dello spettro delle restrizioni.

In molti settori dei servizi, gli Stati membri sono ancora liberi di determinare la propria regolamentazione e il grado di apertura alle importazioni da altri Paesi dell’UE (cfr. Figura 2 e Tabella 1). Prendiamo ad esempio le telecomunicazioni: attualmente non esiste un mercato unico della telefonia mobile nell’UE, il che impedisce la diffusione della banda larga e del 5G negli Stati membri. Altri esempi sono le differenze nelle condizioni di accesso ai mercati delle professioni regolamentate, dell’istruzione, delle trasmissioni radiotelevisive, dei servizi logistici (ad esempio il cabotaggio delle merci) e dei servizi sanitari. Tendenze simili possono essere osservate per molte regolamentazioni del mercato dei prodotti e, soprattutto, per le politiche orizzontali come le imposte sulle vendite e l’IVA, le imposte sulle società, le politiche del mercato del lavoro e gli standard ambientali negli Stati membri.

Innumerevoli studi confermano che la complessità normativa è una sfida per qualsiasi azienda, soprattutto per le PMI. Ad esempio, la Rete degli inviati delle PMI sottolinea che “il mercato unico non è né perfetto né completo.

Le legislazioni degli Stati membri sono caratterizzate da un numero crescente di nuovi regolamenti e di politiche che si sovrappongono, complicando il quadro giuridico dell’UE e dei suoi Stati membri. Ogni anno, come sottolineano gli autori, “il volume della normativa tecnica nazionale continua ad accumularsi, rendendo difficile per le PMI espandere le proprie attività in tutta Europa”. Anche a livello europeo, le PMI si trovano ad affrontare la confusione dovuta alla sovrapposizione delle normative. Ciò significa che le PMI non sanno necessariamente quali regole si applicano a loro – semplicemente non capiscono quali regole seguire”.

La mancanza di regole armonizzate impedisce all’UE di mettersi al passo con le dinamiche commerciali, di concorrenza e di innovazione di altre grandi giurisdizioni come gli Stati Uniti (e la Cina, il cui PIL sarà più del doppio di quello dell’UE nel 2050). Le statistiche sulle imprese mostrano che, nonostante una forza lavoro molto più piccola, gli Stati Uniti hanno una concentrazione di imprese molto più elevata rispetto all’UE. Il deficit dell’UE in termini di numero assoluto di imprese stabilite rispetto agli Stati Uniti è stato del 30% nel 2019, rispetto al 27% del 2014. Questo rappresenta circa il 50% pro capite. In altre parole, il numero di imprese pro capite negli Stati Uniti è doppio rispetto a quello dell’UE. Il deficit dell’UE nelle PMI con meno di 20 dipendenti è ancora più elevato, passando dal 48,5% nel 2014 al 49,3% nel 2019 (cfr. tabella 2).

A causa delle differenze nella definizione di grandi aziende, è difficile descrivere accuratamente le tendenze e i modelli delle grandi e grandissime aziende. Tuttavia, i dati mostrano che il numero medio di dipendenti di una grande azienda statunitense (300 o più dipendenti) è circa il doppio del numero medio di dipendenti di una grande azienda dell’UE (aziende con 250 o più dipendenti), il che indica che le condizioni per le aziende statunitensi sono molto più facili da scalare rispetto alle aziende dell’UE. Se si aggiunge la frammentazione della politica dell’UE, non sorprende che il numero di misure di scalabilità europee sia ancora meno di un terzo di quello degli Stati Uniti. Si prevede che l’Europa dovrà affrontare grandi e crescenti problemi di efficienza aziendale, che si riflettono in una minore produttività, margini di profitto più bassi, minori investimenti e minore sviluppo tecnologico rispetto alle controparti statunitensi.

L’autonomia strategica è diventata in teoria un concetto influente per la definizione delle politiche dell’UE. In parte è stata sviluppata per migliorare le catene del valore dell’UE, in parte per affrontare i nuovi poli di potere che sfidano la posizione economica dell’UE, soprattutto con la Cina. Tuttavia, molti politici europei hanno ancora una vaga idea delle condizioni politiche necessarie per la crescita dell’economia e delle capacità tecnologiche europee. L’opinione comunemente diffusa negli ultimi anni presuppone che qualsiasi arretratezza economica attribuibile all’Europa sia una conseguenza della superiorità delle aziende tecnologiche statunitensi, che la storia ci dice essere semplicemente troppo competitive o troppo innovative perché l’economia europea possa prosperare grazie all’innovazione locale.

Questo modo di pensare manterrà i decisori dell’UE nella corrente principale dell’euro-atlantismo, e l’autonomia strategica rimarrà solo un sogno. Anche se una politica più sovrana e mirata all’interno dell’Europa sarebbe nell’interesse anche della Russia, della Cina e di altri centri geopolitici, in quanto rifletterebbe un cambiamento verso un reale multipolarismo.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Katehon.com

10 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube