Il dialogo a Manama

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Dal 18 al 20 novembre, il Bahrein ha ospitato il forum internazionale Manama Dialogue, organizzato dall’International Institute for Strategic Studies (IISS), un’organizzazione globalista con uffici a Londra e Washington. Il dialogo si è svolto principalmente tra l’Occidente e alcune monarchie del Golfo Persico, che frequentano regolarmente il forum. Sono intervenuti anche funzionari di Egitto, Israele, Singapore e Iraq.

Data la precedente esperienza dell’evento e le specifiche opinioni politiche degli organizzatori, si può affermare che i globalisti hanno nuovamente utilizzato attivamente un’altra piattaforma controllata per promuovere le loro strategie, piani e idee. Il messaggio principale è facilmente riscontrabile nei discorsi dei rappresentanti dei Paesi occidentali: la condanna di Russia, Cina e Iran e il desiderio ossessivo di dissuadere i Paesi mediorientali dalla cooperazione con i tre Stati citati.

Di particolare rilievo è stato il discorso del sottosegretario alla Difesa statunitense Colin Kahl del 18 novembre, in cui il funzionario ha affermato che gli Stati del Golfo dovrebbero interrompere i legami con la Russia a causa dei crescenti legami militari di Mosca con l’Iran. Ha affermato che la decisione della Russia di acquistare droni militari dall’Iran per il conflitto in corso in Ucraina avrebbe implicazioni nella regione, dove gli attacchi di droni iraniani sono una delle maggiori preoccupazioni per la sicurezza condivise da Arabia Saudita, Stati Uniti, Emirati Arabi, Israele e altri. È vero, i tentativi di creare un cuneo tra Mosca e Teheran non hanno funzionato in Siria, e ora è ancora più improbabile che abbiano successo. Kal ha aggiunto che “una Russia indebolita e isolata non solo è più saldamente nel campo di Teheran, ma ha anche maggiori probabilità di trovare un terreno comune con la Cina e la Corea del Nord nel perseguire politiche che sfidano le norme e le regole che beneficiano ogni cittadino, governo, azienda e organizzazione non governativa in questa stanza e in tutto il mondo”.

Chiaramente, i commenti di Kahl sono apparsi come una velata invettiva contro i leader regionali – in particolare l’Arabia Saudita – che hanno contribuito a sostenere Mosca di fronte alle sanzioni imposte dai Paesi occidentali. Anche la decisione di alcuni Stati di rimanere neutrali in organismi globali come l’ONU quando si tratta della Russia, come la dichiarazione di febbraio di un alto diplomatico degli Emirati Arabi Uniti secondo cui “schierarsi porterà solo ad altra violenza”, è vista come un problema in Occidente, che è interessato ad aumentare la pressione economica e politica su Mosca per indebolirla.

A proposito della Cina, Kahl ha detto che Pechino intende “cambiare radicalmente l’ordine internazionale basato sulle regole”. “In Medio Oriente, la RPC non è interessata a coalizioni reciprocamente vantaggiose e Pechino non ha né l’intenzione né la capacità di integrare l’architettura di sicurezza della regione”, ha dichiarato. – “La RPC mantiene legami basati sui suoi stretti interessi transazionali, commerciali e geopolitici. E solo… Nel frattempo, la narrativa di Pechino di un impegno ‘neutrale’ le permette comodamente di giocare su entrambi i fronti: può partecipare a vertici regionali da tappeto rosso in Paesi direttamente minacciati dall’Iran e allo stesso tempo espandere i legami con Teheran, il tutto a spese di un investimento significativo nella sicurezza o nella stabilità regionale”.

Il capo del Comando centrale degli Stati Uniti, il generale Michael Kurilla, ha dichiarato che una task force guidata dal Pentagono dispiegherà più di 100 navi senza pilota nelle acque strategiche della regione del Golfo entro il prossimo anno per scoraggiare le minacce marittime.

Nel settembre 2021, il Bahrein, dove ha sede la Quinta Flotta della Marina statunitense, ha istituito la “Task Force 59” per integrare i sistemi di droni e l’intelligenza artificiale nelle operazioni in Medio Oriente dopo una serie di attacchi di droni che gli Stati Uniti e i loro satelliti imputano all’Iran.

Anche la Presidente dell’UE Ursula von der Leyen ha mostrato la sua natura ipocrita, accusando l’Iran non solo di trasferire droni ad altri Paesi, ma anche di tentare di sviluppare armi nucleari, aggiungendo che l’UE ha imposto ulteriori sanzioni contro il Paese.

Certo, anche tra i commentatori statunitensi c’era chi vedeva delle incongruenze nelle dichiarazioni degli oratori occidentali. Jonathan Lord, esperto regionale del Center for a New American Security (CNAS), che in precedenza ha ricoperto diversi incarichi regionali al Pentagono e ha presieduto gli affari mediorientali presso la Commissione per i Servizi Armati della Camera, ha affermato che “gli Stati del Golfo stanno flirtando con Mosca, Pechino e altri perché ritengono che sia nel loro interesse… Finché l’amministrazione Biden e il Congresso non risponderanno alle esigenze di Abu Dhabi e Riyadh attraverso la definizione delle politiche, non dovremo aspettarci grandi cambiamenti”. Sui legami della Russia con l’Iran, che sarebbero dannosi per gli Stati locali, ha detto: “Questo è molto semplicistico… I Paesi OPEC sono Stati rinunciatari, che dovrebbero beneficiare innanzitutto dell’aumento del prezzo del petrolio al barile. Qualsiasi ricchezza che l’Iran accumuli come risultato delle condizioni di mercato è un fattore marginale e periferico nei calcoli per questi Paesi”.

Presumibilmente, i Paesi mediorientali continueranno la loro politica di bilanciamento e l’Occidente, attraverso i suoi emissari e forum simili, continuerà a incitarli ulteriormente a passare dalla parte dell’uno all’altro. In quest’ottica, sarebbe una buona idea creare un proprio forum per discutere di questioni importanti per i Paesi del Golfo e per il Medio Oriente nel suo complesso. Solo che dovrebbe essere un polilogo, e la posizione di tutti gli attori coinvolti, nonostante il loro diverso peso politico, dovrebbe essere ascoltata.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Idee&Azione

28 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube