Il Dipartimento di Stato americano tenta il colpo di Stato in Bolivia

image_pdfimage_print

di Daniel Boguslav

Un rapporto del Dipartimento di Stato ottenuto da The Intercept mostra che l’amministrazione Biden continua ad accettare le accuse di brogli elettorali che hanno aperto la porta a un golpe di destra in Bolivia nel 2019. Il rapporto, presentato al Congresso nell’ambito dell’ultima legge di spesa omnibus, riflette la posizione che l’amministrazione Trump ha promosso tre anni fa quando ha cercato di consolidare la sostituzione del presidente socialista indigeno della Bolivia, Evo Morales, con la senatrice cristiana di destra del Paese, Janine Agnés.

Il rapporto si basa quasi interamente sulle conclusioni dell’Organizzazione degli Stati americani (OSA), che in un audit del novembre 2019 ha rilevato una “serie di azioni deliberate per alterare l’esito” delle elezioni, che si sono rivelate fondamentali per il colpo di Stato successivo. L’analisi originale dell’OAS è stata da allora screditata da numerosi modelli statistici, da revisioni non commerciali, da ricerche accademiche sottoposte a revisione paritaria e da organi di informazione come il New York Times e il Washington Post, ma è ancora sostenuta dal Dipartimento di Stato. Quando l’analisi è stata pubblicata per la prima volta il 10 novembre 2019, ha contribuito a trasformare le proteste di piazza in una presa di potere della destra.

Il recente rapporto del Dipartimento di Stato arriva dopo che Arturo Murillo, ministro degli Interni di Añez durante il colpo di Stato ad interim, ha modificato il suo accordo di patteggiamento nel caso di riciclaggio di denaro sporco nel sud della Florida. Secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, Murillo e un altro ex funzionario hanno ricevuto tangenti da tre cittadini statunitensi, anch’essi arrestati, per ottenere un contratto del governo boliviano per la fornitura di gas lacrimogeni e altre armi, riciclando le tangenti attraverso banche statunitensi.

Gli sforzi di Murillo alla fine sono falliti, ma il programma di estrema destra del suo partito ha ribaltato la politica boliviana. Come ha riportato The Intercept l’anno scorso, anche dopo che Luis Arce ha ripristinato il Movimiento al Socialismo, o MAS, nelle elezioni del 2020, i politici di estrema destra stavano pianificando un secondo colpo di Stato e cercavano di reclutare mercenari privati statunitensi per realizzarlo, evidenziando la vicinanza dei legami che i leader del colpo di Stato in Bolivia avevano con cittadini e società statunitensi.

Nel frattempo, il governo statunitense è rimasto fedele all’analisi statistica errata che ha scatenato il primo colpo di stato. Il Dipartimento di Stato non ha risposto alla richiesta di commento di The Intercept.

Sebbene Morales abbia ottenuto una vittoria decisiva al primo turno nell’ottobre 2019, il Dipartimento di Stato, sia sotto l’attuale amministrazione presidenziale che sotto quella precedente, ha ripetutamente messo in dubbio la legittimità delle elezioni. “Durante il conteggio ufficiale, i servizi internet sono stati deliberatamente disabilitati presso i centri di conteggio dei voti, compreso il TREP”, si legge nel rapporto, riferendosi al sistema di trasmissione che ha contato i voti iniziali. “Quando la connettività internet è stata finalmente ripristinata, il conteggio dei voti ha mostrato che Morales era vicino alla vittoria al primo turno”.

Le parole del Dipartimento di Stato suggeriscono che c’è stato un tentativo deliberato di ritardare il conteggio dei voti per scopi sovversivi. Ma un attento esame del rapporto originale dell’OSA e della sua successiva verifica approfondita, insieme a interviste con un ex commissario elettorale boliviano, mostra chiaramente che il conteggio rapido non ufficiale dei voti, la Transmisión de Resultados Electorales Preliminares, o TREP, è stato quasi certamente bloccato senza un tentativo di cambiare il corso delle elezioni e garantire invece risultati accurati.

Un’analisi delle elezioni e del ruolo dell’OAS da parte del Centre for Economic Policy Research ha rilevato che Ethical Hacking, la società che ha fornito la maggior parte dei dettagli tecnici per l’audit dell’OAS, “ha indagato sull’uso del server BO1 nel momento in cui il TREP è stato interrotto e ha concluso che ‘nessun dato era stato alterato'”. La società ha condannato l’idea che il ritardo del TREP sia un tentativo di alterare il corso delle elezioni.

Dopo la verifica dell’OSA, Morales è stato accusato di brogli elettorali, cacciato con la forza militare e costretto a fuggire dalla Bolivia in Messico. Añez, che rappresenta con orgoglio i valori neocolonialisti, ha dichiarato la vittoria dopo tre settimane di proteste civili che hanno incluso violenti scontri con le forze di sicurezza. Con un’enorme Bibbia nella sede del governo, ha trasmesso i suoi piani per ripristinare il nazionalismo cristiano in Bolivia, cercando di ribaltare le conquiste dei diritti indigeni che Morales, il primo presidente indigeno del Paese, ha usato come base per il suo successo politico.

Nella prima settimana della presidenza ad interim di Agnés, le forze boliviane hanno compiuto due massacri di manifestanti nelle città di Zacaba e Senkata. Murillo, ministro degli Interni durante il colpo di Stato, ha affermato che il partito MAS ha ucciso i suoi sostenitori e ha promesso di perseguire i membri del precedente governo. Morales è stato accusato di terrorismo e sedizione.

Il Dipartimento di Stato nel suo rapporto rileva “gravi violazioni dei diritti umani” da parte delle forze di sicurezza boliviane durante le amministrazioni Morales e Añez, “tra cui detenzioni illegali, violenze sessuali, torture e l’uccisione di 37 persone nelle città di Zacaba e Senkata”. Citando un rapporto di un team congiunto nominato dalla Commissione interamericana per i diritti umani e dal governo boliviano, il Dipartimento di Stato afferma che mentre “alcune violazioni sono state in parte motivate da elementi razziali ed etici”, la commissione “ha anche trovato prove di violenza ‘istigata’ dall’amministrazione Morales, incluso il rapimento e la tortura di attivisti anti-MAS”.

Come citato dall’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani, il rapporto afferma che nel 2019 “la violenza è stata motivata da ragioni razziali ed etniche e che le forze di sicurezza hanno usato una forza eccessiva o sproporzionata e non hanno impedito adeguatamente gli atti di violenza”.

A febbraio di quest’anno, la Corte penale internazionale ha respinto la richiesta del governo Añez di perseguire Morales per le presunte lesioni subite in seguito allo sciopero generale dell’agosto 2020, indetto per protestare contro l’insediamento della sua amministrazione.

Nel febbraio 2020, poco più di tre mesi dopo che l’OSA aveva completato il suo controllo e che erano scoppiati i disordini in Bolivia, l’analisi del MIT ha dimostrato che il conteggio iniziale dei voti rifletteva i risultati finali e che non c’era “alcuna differenza statisticamente significativa nel margine prima e dopo l’interruzione del voto provvisorio”. La modellizzazione del MIT è stata così approfondita che sia il Washington Post che il New York Times hanno rivisto pubblicamente la loro precedente posizione sulle elezioni boliviane.

A quanto pare, il Dipartimento di Stato non l’ha fatto. “Il team di audit dell’OSA ha riscontrato irregolarità in tutti e quattro i processi elettorali controllati: il sistema informatico TREP e i risultati finali; la catena di custodia dei materiali elettorali; la legalità e la validità dei moduli dei risultati; una tendenza statisticamente incredibile nell’ultimo 5% dei risultati”, si legge nel rapporto del Congresso di questo mese. Non si è parlato di critica statistica.

“L’OSA ha un’enorme influenza sul corso degli eventi nell’emisfero meridionale, non solo in Bolivia, ma anche ad Haiti e oltre. Questa storia di interventi controversi è ben documentata”, ha dichiarato a The Intercept David Adler, coordinatore generale di Progressive International. Il suo gruppo ha contribuito alla supervisione delle elezioni del 2020 in Bolivia.

La posizione dell’amministrazione Biden su questo tema è la stessa del suo predecessore. “Si trattava di una lamentela di lunga data da parte dei nostri vicini a sud del confine, e credo sia chiaro che l’OSA e l’amministrazione Trump all’epoca hanno ritenuto che ci fosse una reale opportunità”, ha aggiunto Adler. L’amministrazione Trump era così interessata all’esito delle elezioni boliviane che ha minacciato di citare in giudizio i ricercatori del MIT per spiegare esattamente come sono giunti alle loro conclusioni.

“Sosteniamo pienamente le richieste dell’OSA e della Bolivia di nuove elezioni e di un nuovo Tribunale elettorale che possa garantire elezioni libere ed eque che riflettano la volontà del popolo boliviano”, ha scritto nel 2019 l’allora Segretario di Stato Mike Pompeo. “Sosteniamo @JeanineAnez in Bolivia mentre lavora per assicurare una transizione democratica pacifica attraverso libere elezioni”, ha twittato il suo capo, l’ex presidente Donald Trump, “Condanniamo la violenza in corso e coloro che la istigano sia in Bolivia che da lontano”. Gli Stati Uniti sono al fianco dei popoli della regione per la pace e la democrazia!”.

Nell’ambito della legge di spesa omnibus per il 2022, il Congresso ha chiesto al Dipartimento di Stato di “presentare alle commissioni di stanziamento un rapporto che valuti (1) la trasparenza e la legittimità delle elezioni generali del 2019 in Bolivia, utilizzando informazioni di esperti indipendenti e riconosciuti a livello internazionale; e (2) che valuti i progressi dell’indagine sulla responsabilità per le violazioni dei diritti umani avvenute durante questo periodo”. Il rapporto avrebbe potuto servire a confutare la posizione dell’amministrazione Trump, ma invece la conferma ampiamente.

Dopo il ritorno al potere del MAS in seguito alle elezioni di Arce del 2020, il partito ha iniziato a perseguire i leader golpisti per violazione dei diritti umani, terrorismo e corruzione durante il breve regime. Nel 2021, quando il governo di Añez non minacciava di procedere, uno dei funzionari elettorali coinvolti nel ritardo del TREP ha condannato l’OSA per aver verificato e inizialmente smentito i risultati elettorali.

Il rapporto del Dipartimento di Stato cita le dimissioni del funzionario Antonio Costas, vicepresidente della commissione elettorale boliviana, come un altro motivo per dubitare dei risultati elettorali. Ma Costas ha detto di essersi dimesso a causa di prove inconfutabili che l’aumento del sostegno di Morales nei sondaggi era legittimo, dicendo alla pubblicazione boliviana: “La ragione per cui mi sono dimesso è stata l’interruzione del TREP, e ho detto allora che non ho trovato una sola situazione che abbia attirato l’attenzione dopo il controllo che ho fatto. L’ho dichiarato anche alla Missione di Osservazione, con la quale mi sono incontrato due giorni dopo le mie dimissioni. … Ho detto loro: ‘Guardate, ecco un’analisi di quasi 14.000 fogli contabili, un confronto tra TREP e calcolo, e non trovo molte differenze che possano fare la differenza'”.

Uno studio peer-reviewed dell’American Journal of Politics sulle elezioni boliviane ha confutato la stessa affermazione di frode elettorale fatta da Trump durante le elezioni presidenziali del 2020: ovvero che gli spostamenti nel conteggio tardivo, come quello avvenuto in Pennsylvania, sono motivi legittimi per le accuse di frode e manipolazione del voto.

“Quando un conteggio tardivo dei voti ha portato a una vittoria traballante per un presidente in carica, sono seguite accuse di frode, con conseguenze politiche drammatiche. Ma riteniamo che l’andamento della distribuzione dei voti possa essere spiegato senza ricorrere a frodi, e che il presunto cambiamento sospetto nel numero di voti conteggiati in ritardo sia in realtà il risultato di errori metodologici e di codifica da parte degli osservatori elettorali”, si legge nello studio. E se Biden è stato zelante nel condannare le accuse di furto elettorale negli Stati Uniti, nel caso della Bolivia la sua amministrazione sembra meno interessata ad applicare lo stesso standard all’estero.

“Per decenni, gli Stati Uniti hanno visto l’OSA come uno strumento primario per mantenere la Dottrina Monroe”, ha detto Adler, “Morales è stato un oppositore della dominazione statunitense non solo in Bolivia, ma nell’intero emisfero, e queste questioni di frode e interferenza nelle elezioni del 2019 sono state terreno fertile per l’interferenza politica sostenuta dall’OSA, e così le forze in guerra si sono riunite per mobilitare gli Stati Uniti”.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Katehon.com

19 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube