Il direttore della Croce Rossa per l’Africa ha smascherato le bugie dell’Occidente sull’accordo per il grano

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko

L’Occidente sapeva che le sue menzogne sarebbero state inevitabilmente smascherate da fonti credibili come il direttore della Croce Rossa per l’Africa, sollevando così la questione del perché i suoi responsabili della percezione abbiano pensato che valesse la pena di spargere falsità così palesi.

Il Miliardo d’oro dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti ha sempre sostenuto che l’operazione speciale della Russia in Ucraina è responsabile della crisi alimentare del Sud globale, che secondo loro è stata alleviata grazie all’accordo sul grano di quest’estate, tuttora in vigore. Secondo i loro manager della percezione, il suddetto accordo ha permesso a Kiev di esportare i prodotti agricoli tanto necessari ai Paesi più poveri del mondo, con il risultato di migliorare le condizioni di vita dell’Occidente.

Queste narrazioni precedenti sono state appena smascherate come bugie da Patrick Youssef, direttore della Croce Rossa per l’Africa, nella sua recente intervista a Sputnik. Secondo le sue parole, “la maggior parte del grano esportato dai porti ucraini nell’ambito dell'”accordo sul grano” non ha ancora raggiunto l’Africa”. Inoltre, ha sostenuto che “è molto superficiale affermare che il conflitto tra Russia e Ucraina abbia causato una crisi alimentare globale”. Youssef l’ha invece attribuita al COVID, alle crisi africane preesistenti e ai cambiamenti climatici.

La sua posizione è perfettamente in linea con quella della Russia, il che dimostra che il Miliardo d’oro si è sempre sbagliato. I loro manager della percezione non hanno commesso un cosiddetto “errore innocente” nell’attribuire la colpa della crisi alimentare a Mosca, ma hanno deliberatamente mentito al mondo come parte della loro campagna di guerra informativa in corso nella Nuova Guerra Fredda. Sono guidati dal desiderio di denigrare la Russia, tanto che la verità è considerata sacrificabile per perseguire questo fine.

Per quanto la Croce Rossa possa essere criticata, sarebbe ridicolo per i sostenitori del Miliardo d’oro accusarla di essere influenzata dalla Russia. La conclusione ufficiale di Youssef, secondo cui la Russia non è responsabile della crisi alimentare e che il tanto sbandierato accordo sul grano non ne ha alleviato le conseguenze per il Sud globale, nonostante le affermazioni contrarie del Miliardo d’oro, dovrebbe quindi essere presa sul serio dagli osservatori obiettivi.

L’aspetto sorprendente di questa intuizione è che l’Occidente sapeva che le sue menzogne sarebbero state inevitabilmente smascherate da fonti credibili come il direttore della Croce Rossa per l’Africa, sollevando così la questione del perché i suoi responsabili della percezione abbiano pensato che valesse la pena di spargere falsità così palesi. Anche se non è possibile saperlo con certezza, probabilmente erano motivati dalla mentalità machiavellica secondo cui il fine giustifica i mezzi, ma il loro ristretto calcolo a breve termine di mettere temporaneamente il pubblico contro la Russia era controproducente.

Erano così accecati dalla loro missione ideologica di denigrare la Russia a scapito della verità, che non hanno avuto la lungimiranza di pensare a come la gente avrebbe reagito quando avrebbe inevitabilmente scoperto di essere stata ingannata. Non c’è dubbio che coloro che verranno a conoscenza della valutazione di Youssef non considereranno più credibili i gestori della percezione del Miliardo d’Oro, ma sembra che questi ultimi abbiano scommesso sul fatto che i primi non si ricorderanno esattamente chi erano quando lo scopriranno.

Tuttavia, la persistente consapevolezza di essere stati ingannati dai funzionari occidentali e dai loro procuratori mediatici ridurrà la loro fiducia generale in entrambi, il che va contro gli obiettivi a lungo termine del Miliardo d’oro. Tuttavia, probabilmente non hanno imparato la lezione e potrebbero non impararla mai, poiché è più “politicamente conveniente” mentire sulla Russia a ogni occasione che investire tempo nella costruzione di una narrazione coesa contro di essa che possa rimanere convincente di fronte ai fatti.

Questa intuizione suggerisce che i gestori della percezione dell’Occidente non sono così professionali come si potrebbe pensare, poiché mentono costantemente pur sapendo che saranno inevitabilmente smascherati. I risultati dei sondaggi sull’opinione pubblica russa, influenzati dalle loro falsità, sono stati presumibilmente sufficienti per dimostrare ai loro capi che il loro lavoro è stato presumibilmente efficace, anche se sarebbe interessante vedere come reagiscono quelle stesse persone quando scoprono di essere state ingannate.

In ogni caso, è chiaro che costruire un’intera narrazione basata su nient’altro che bugie è un azzardo che rischia di ritorcersi drammaticamente contro il pubblico a cui si rivolge. I gestori della percezione dell’Occidente sono quindi poco professionali, motivati da risultati a breve termine e puramente superficiali, e completamente ignari delle conseguenze a lungo termine delle loro operazioni “politicamente convenienti”. Tenendo presente il loro modus operandi, è inevitabile che altre menzogne anti-russe dell’Occidente continuino a essere smascherate.

Pubblicato in partnership su One World – Korybko Substack

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

22 dicembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube