Il dominio dello spazio dell’informazione: quando la narrazione galleggia nella fantasia

image_pdfimage_print

di Alastair Crooke

L’analisi delle nuvole di dati di massa è diventata il nuovo modus operandi del tipo, il vizio di basare le previsioni su un profilo psicologico delle nature innate degli altri.

Ciò a cui abbiamo assistito è iniziato il 3 dicembre 2021, quando il Washington Post ha segnalato un ammassamento di truppe russe per un’invasione dell’Ucraina. Il Post ha rafforzato il suo caso mostrando grandi numeri di truppe russe.

Biden ha debitamente recitato la parte del “vero credente” (è possibile che lo sia), ordinando le recenti evacuazioni dalle ambasciate in Ucraina e Bielorussia. Alla fine di gennaio ha detto al presidente Zelensky che Kiev sarebbe stata quasi certamente ‘saccheggiata’ e che molti sarebbero morti; “preparatevi all’impatto” presto, probabilmente a febbraio, ha avvertito.

Poi è arrivata la scossa inaspettata: Il presidente ucraino – l’uomo dell’America; l’alleato dell’America – ha detto: “Smettila. Non è vero”. La gente è nel panico. In quel momento, la narrazione dell’invasione di Biden ha vacillato, e potrebbe essersi schiantata. Kiev stava giocando in modo super cool, mentre Washington e Londra erano ancora in fibrillazione.

Il team di Biden sentiva che Zelensky aveva sbagliato la sua performance; sembrava non essere consapevole del suo ruolo. “Siamo il suo più importante alleato e lui ci sta dando un pugno nell’occhio – e sta creando una luce diurna tra Washington e Kiev”, ha detto un alto funzionario dell’amministrazione. “È un auto-sabotaggio più che altro”.

Ciò che è più sorprendente è che il team di Biden era così scioccato. Biden aveva già deciso: ‘Niente stivali americani sul terreno’. Le ambasciate di Kiev venivano svuotate e spostate a Lviv, vicino al confine polacco – lasciando l’immagine inconfondibile di un’Ucraina ufficialmente abbandonata dall’Occidente. Jake Sullivan ha poi raddoppiato, facendo i talk-show televisivi della domenica, dicendo che l’invasione potrebbe avvenire in qualsiasi momento.

Cosa ci si aspettava da Zelensky? Che ordinasse alle forze armate di prepararsi a combattere l’esercito russo, mentre i funzionari occidentali, i soldati e gli uomini d’affari fuggivano tutti? In realtà, a parte gli oligarchi che fuggono nei loro jet privati, l’Ucraina è notevolmente tranquilla; c’è disagio, sì, ma i ristoranti di Kiev sono pieni.

Allora, perché questa insistenza sul fatto che la Russia avrebbe sicuramente invaso, soprattutto quando Mosca ha ripetuto all’infinito che non c’era nessun piano del genere, e che c’erano davvero delle buone ragioni per credere a Mosca (100.000 truppe potrebbero essere sufficienti per invadere un paese; non sono poi numeri sufficienti per occuparlo)?

Gli Stati Uniti avevano davvero un’intelligence segreta per sostenere il meme dell’invasione; o in alternativa, c’era qualche fabbricante di intelligence là fuori da qualche parte, che faceva un Curveball (l’agente ‘Curveball’ ha fabbricato rapporti sui laboratori biologici mobili di Saddam Hussein che producevano armi di distruzione di massa nel periodo precedente la guerra in Iraq del 2006 e abbiamo visto che è successo da allora in Iraq…).

La sfera anglosassone “è venuta con forza”: L’11 febbraio, Sullivan ha detto che gli Stati Uniti stavano “vedendo i segni” dell’escalation russa e che c’era una “prospettiva credibile” di un’azione militare immediata. Altri funzionari hanno detto che l’annuncio è stato spinto da nuove informazioni che segnalavano che un’invasione potrebbe iniziare già mercoledì 16 febbraio. Anche Boris Johnson è saltato sul carro. E Blinken lo sta ancora facendo.

Ma questa previsione di invasione, hanno detto i funzionari americani, era molto diversa dalle altre. Le affermazioni di Washington sull’accumulo di truppe russe erano state confermate da immagini satellitari commerciali di una qualità precedentemente non disponibile. I dettagli delle trame segrete di disinformazione di Mosca, si diceva, erano in linea con le campagne di propaganda del Cremlino che si svolgono sulle piattaforme dei social media – ed erano state tracciate da ricercatori indipendenti.

“Abbiamo imparato molto, soprattutto dal 2014, su come la Russia utilizza lo spazio dell’informazione come parte del suo apparato generale di sicurezza e militare”, ha detto Emily Horne, portavoce del NSC. “E abbiamo imparato molto su come negare loro l’impatto in quello spazio”. “Penso che sia fantastico”, ha aggiunto Beth Sanner, un ex alto funzionario dell’intelligence che ha regolarmente informato il presidente Trump. “La mia ipotesi è che queste rivelazioni stiano spaventando il Cremlino e i servizi di sicurezza”.

Davvero? Da quello che sappiamo, sembrano scherzare sull’isteria occidentale al Cremlino, più che “dare di matto”. Ma non abbiamo già sentito questa storia del “questa volta è diverso”? Non è forse l’Afghanistan che si ripete? Ricordiamo che l’Afghanistan è stato trasformato in un banco di prova per ogni singola innovazione nella gestione di progetti tecnocratici, con ogni innovazione annunciata come precursore del nostro futuro più ampio. I grandi dati, l’IA e l’utilizzo di set sempre più ampi di metriche tecniche e statistiche, dovevano rovesciare la vecchia valutazione ‘stoica’. La sociologia militare e altre creazioni innovative sono state scatenate per portare ordine nel caos.

Beh, sappiamo come è finito quell’approccio di big data-AI intelligence. Si è piegato in pochi giorni, in un’enorme debacle. E ora ci viene detto che l’analisi dell’invasione dell’Ucraina deriva dalle immagini commerciali e dall’analisi delle variabili multiple guidate dall’IA sull’uso russo dello “spazio informativo”. “Una lezione ancora più importante, secondo gli ex funzionari, è stata l’interferenza della Russia nelle elezioni americane del 2016”.

Gli Stati Uniti stanno davvero interpretando le attuali intenzioni di Mosca verso l’Ucraina da questa vecchia castagna de-bunked del 2016? (Shades of the ‘Team B’ intelligence team scam, durante gli anni di Dick Cheney in cui si sosteneva che la comprensione della natura profonda impiantata nei russi, spostava la necessità di un’intelligence probatoria).

Come mai questo passaggio ai dati di massa, al cloud computing (a parte la moda, cioè)? Forse è legato a quanto segue (per NYT):

“I funzionari del controspionaggio degli Stati Uniti hanno avvertito [in ottobre] ogni stazione e base della C.I.A. in tutto il mondo, circa il preoccupante numero di informatori reclutati per spiare per gli Stati Uniti che vengono catturati o uccisi … Il centro di missione di controspionaggio della C.I.A. aveva esaminato decine di casi negli ultimi anni … Il cablo ha evidenziato la lotta che l’agenzia di spionaggio sta avendo mentre lavora per reclutare spie in tutto il mondo in ambienti operativi difficili. Negli ultimi anni, i servizi segreti avversari in paesi come Russia, Cina, Iran e Pakistan hanno dato la caccia alle fonti della C.I.A. e in alcuni casi li hanno trasformati in agenti doppi” (enfasi aggiunta).

“Per capire il pensiero del team Biden sull’Ucraina [tuttavia], dobbiamo tornare ad aprile”, sostiene il professor David Hendrickson. “Quando si verificò il primo grande spavento degli Stati Uniti per un’invasione russa – nell’anno precedente, significativamente, l’Azerbaigian aveva dimostrato nel suo conflitto con l’Armenia, che i droni turchi e israeliani potevano distruggere posizioni trincerate e sbaragliare i difensori. L’Atlantic Council, il nido d’aquila dei falchi ucraini di Washington, ha immediatamente notato la rilevanza di questa nuova capacità dimostrata – al conflitto congelato nel Donbass”.

“Il recente conflitto nel Caucaso del Sud è stato uno scontro tra le tattiche del ventunesimo secolo dell’Azerbaigian e l’esercito del ventesimo secolo dell’Armenia. Il risultato è stato una disfatta. La Turchia, membro della NATO, con il suo superiore addestramento ed equipaggiamento militare, ha dato all’Azerbaigian un vantaggio decisivo e ha completamente sopraffatto le forze armene con il loro addestramento e i loro rifornimenti russi”, sostiene il pezzo dell’Atlantic.

“La nuova squadra alla Casa Bianca, seguendo da vicino un copione annunciato dal Consiglio Atlantico, ha dichiarato che la Crimea e il Donbass devono essere rimessi sul tavolo. Questo significava, come spiegato da un funzionario di Biden, un “focus molto esteso e quasi costante sull’Ucraina – dal primo giorno”.

Questa nozione del Consiglio Atlantico – che il conflitto azero-armeno fornisce un modello per l’Ucraina di usare i droni turchi per sconfiggere le forze del Donbass – è alla base della fantasia di invasione di oggi? In particolare, il 3 aprile 2021, l’esercito dell’Ucraina ha annunciato su Facebook che esercitazioni militari sarebbero state condotte con cinque potenze della NATO nelle regioni orientali dell’Ucraina nel corso dell’anno: “In particolare”, ha detto, “saranno elaborate azioni difensive, al fine di ripristinare il confine di stato …”.

Ancora il professor Hendrickson: “Il richiamo di riserve da parte della Russia – che sia ora che in aprile, è stato interpretato dall’intelligence degli Stati Uniti come il riflesso di piani per una gigantesca invasione – [che si diceva essere] in risposta diretta a questi tre importanti sviluppi: una ‘nuova sorprendente dimostrazione’ dell’efficacia delle operazioni offensive guidate da droni, una nuova postura degli Stati Uniti verso le questioni relative all’Ucraina che era molto più aggressiva di quella di Trump, e la dichiarazione dei militari dell’Ucraina che stavano lavorando su un piano per cacciare i russi dai territori occupati”. Tuttavia, “quando Biden ha detto a dicembre che gli Stati Uniti non avrebbero impegnato forze in Ucraina in caso di guerra, ha tagliato le gambe a questo piano”.

“Gli Stati Uniti ora negano con veemenza che ci fosse una qualsiasi idea di riprendere il Donbas con la forza, e che questa è un’invenzione dei propagandisti russi … [Tuttavia] è ovvio che l’esercito dell’Ucraina ha cercato una capacità simile all’Azerbaigian nell’ultimo anno, e pochi dubbi che gli Stati Uniti ne abbiano facilitato l’acquisizione. Ma è altrettanto ovvio che nessun piano del genere può essere messo in moto, se l’atteggiamento degli Stati Uniti è quello che Biden e Blinken hanno detto che era in dicembre” – niente stivali statunitensi sul terreno.

“Gli ucraini erano stati ottimisti sull’ottenere una tale promessa dagli americani durante l’anno precedente – cioè, ottenere un backstop americano se avessero cercato di riconquistare i loro territori persi con la forza, rigiocando l’opzione Georgia del 2008; ma questa volta con garanzie americane. Le loro speranze erano ormai sgonfiate. Da qui la provocazione di Zelensky: dite chiaramente che non possiamo entrare nella NATO: Cioè, che avete intenzione di piantarci in asso per quanto riguarda i nostri territori perduti”.

Con il passaggio – pacifico – della data del 16 febbraio per l’invasione russa, sembra che Biden avesse torto e Zelensky ragione, anche se Biden – e Blinken questo giovedì al Consiglio di Sicurezza dell’ONU – ha raddoppiato di nuovo, fino a sollevare il vecchio spettro di un uso falso di armi chimiche. Non ci sarà un’invasione russa dell’Ucraina, anche se la situazione è sufficientemente fragile che gli scontri all’interno dell’Ucraina tra le parti potrebbero facilmente precipitare una crisi più ampia in cui la Russia sosterrebbe il Donbass, ma non attraverso l’invasione.

Una domanda persiste: Cosa riguardava veramente questa “imminente invasione”? Jake Sullivan e altri credevano nella loro narrazione dell’invasione basata sui dati (in assenza di basi più solide), o era solo questo: la creazione di un meme per dominare lo spazio dell’informazione – a vantaggio di Biden e dei suoi voti nei sondaggi – e per distrarre dalle sue carenze interne?

Questo, infatti, è esattamente ciò che Nancy Pelosi sta dicendo:

“Beh, penso che dobbiamo essere preparati per questo. E questo è ciò che il presidente è – sì, credo che sia pronto per un’invasione. Capisco anche che il presidente dell’Ucraina voglia mantenere la calma e che voglia che la sua economia non soffra. Ma, d’altra parte, se non minacciassimo le sanzioni, e il resto, sarebbe garantito che Putin invaderebbe. Speriamo che la diplomazia funzioni.

Si tratta di diplomazia deterrente. Diplomazia deterrente. E il presidente è stato molto chiaro. C’è un grosso prezzo da pagare perché la Russia vada lì. Quindi, se la Russia non invade, non è che non abbia mai avuto intenzione di farlo. È solo che le sanzioni hanno funzionato” … “Sono molto orgoglioso del lavoro che il presidente ha fatto”.

Forse la risposta è ancora più banale: Il Biden Team è alla disperata ricerca di una “vittoria” in politica estera. Tuttavia, non si sono dimostrati abili nel campo della politica estera. Forse all’inizio hanno giocato un po’ con la fantasia del Consiglio Atlantico, ma la risposta quasi incredibilmente astuta di Mosca durante la notte al tentativo di colpo di stato in Kazakistan dovrebbe aver convinto il Team Biden che la prima era davvero pura fantasia. Forse allora, hanno deciso di andare con la sola fantasia. (Non c’era molto altro su cui fare leva).

E questo traballare del Kazakistan (dopo la replica di Zelensky “Smettila”) sembra aver fatto sì che il Team Biden abbia abbracciato due poli opposti, allo stesso tempo: Uno, che punta verso una postura di totale ostilità e sospetto verso Putin, anche personalmente; e un secondo – super-cauto, fermandosi così lontano dalla guerra che gli ucraini si sentono abbandonati. Questo approccio non sta funzionando bene per gli ucraini – né per un’Europa sempre più scettica.

Da qualsiasi punto di vista, questo non è stato un lavoro felice. Il team Biden probabilmente continuerà a cercare di dominare lo spazio dell’informazione con il suo meme dell’invasione e continuerà a sostenere che qualsiasi non invasione dimostra come hanno dissuaso con successo Putin.

La morale di questo episodio è stata incapsulata da un perspicace professore americano che mi disse alcuni anni fa che la leadership statunitense aveva quasi completamente perso la capacità di empatia. L'”alterità” era diventata “un libro chiuso”. La Russia, la Cina e l’Iran erano incomprensibili senza alcuna empatia, ma le élite americane erano arrivate a credere che semplicemente se avessero raccolto abbastanza punti di dati di massa, avrebbero potuto compensare questa mancanza di empatia, e sarebbero state in grado di predire e prevedere le intenzioni russe o iraniane. In altre parole, l’analisi delle nuvole di dati di massa è diventata il nuovo modus operandi del tipo “Team B”, vice basando le previsioni su un profilo psicologico delle nature innate degli altri.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

24 febbraio 2022