Il dualismo del mondo spirituale

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Nella seconda parte del suo studio antropologico, il filosofo russo Aleksandr Dugin traccia analogie tra il mondo materiale e quello spirituale, tra il mondo degli uomini e quello degli angeli.

Il dualismo discusso nella prima parte dell’analisi è caratteristico non solo dell’umanità, ma anche degli angeli. Come funziona in entrambi i mondi?

Tuttavia, ancor prima della creazione dell’uomo, una divisione simile avviene a livello degli angeli. Creati spiriti immortali, incorporei ed eterni, gli angeli si dividono in due metà.

 

Mille cadranno dal tuo paese e le tenebre saranno alla tua destra, ma non si avvicineranno a te. (Salmo 90, 7)

πεσεῖται ἐκ τοῦ κλίτους σου χιλιὰς καὶ μυριὰς ἐκ δεξιῶν σου πρὸς σὲ δὲ οὐκ ἐγγιεῖ

יִפֹּל מִצִּדְּךָ ׀ אֶלֶף וּרְבָבָה מִימִינֶךָ אֵלֶיךָ לֹא יִגָּשׁ׃

 

Anche in questo caso, l’originaria natura angelica unificata si divide in due. Una parte degli angeli è fedele a Dio e mantiene la sua posizione suprema nella creazione. La seconda parte, sotto Dennica (ebraico בֶּן-שָׁחַר “figlio dell’aurora”, greco ἐωσφόρος, latino Lucifero) o Satana (ebraico שָׂטָן — letteralmente “avversario”, “nemico”) si ribella a Dio e alla sua creazione e, come risultato della battaglia in cui gli angeli buoni sono vittoriosi, cade nel fondo dell’esistenza, nei regni al di sotto del fondo della creazione.

Così, la storia dell’uomo e della sua separazione riecheggia il destino delle entità incorporee superiori, gli angeli, anch’essi divisi in due metà inconciliabili.

In un certo senso, questo è il risultato logico della libertà che Dio ha dato pienamente alla sua creazione. Ogni essere dotato di mente e volontà, sia esso un essere umano o un angelo, è in grado di scegliere consapevolmente se stare con Dio o senza di Lui, e senza di Lui significa in ultima analisi contro di Lui, cioè la via della ribellione e della lotta contro Dio. Tale scelta conduce inevitabilmente all’abisso e trasforma l’essere del soggetto in una vittima rifiutata, cioè in un capro espiatorio.

Secondo la concezione della Chiesa, nel Giudizio Universale sarà determinata la sorte finale non solo degli uomini, ma anche degli angeli (Lettera di San Giuda, cap. 1, 6). È allora che Cristo, insieme agli angeli buoni e ai santi, giudicherà gli angeli cattivi, che condivideranno la sorte dei capri – “capri espiatori” – e periranno infine nell’abisso.

L’antropologia escatologica è quindi inestricabilmente legata all’angelologia. Gli uomini e gli angeli hanno un destino simile: a entrambi viene data la pienezza della mente e della volontà, quindi la pienezza ontologica della libertà. E con l’aiuto di questa libertà sia l’uno che l’altro definiscono il proprio destino: diventare vittima accettata da Dio o essere rifiutata. Dall’unità indefinita la via della creatura intelligente conduce alla biforcazione finale e irrevocabile del Giudizio Universale.

 

Il destino comune degli esseri umani e degli angeli

La comunanza di destino tra esseri umani e angeli è un elemento essenziale dell’antropologia religiosa. Entrambi iniziano nell’unità e finiscono nella separazione. Entrambi sono pienamente dotati di libertà, mente e volontà. Ma appartengono a due dimensioni diverse: gli esseri umani sono dotati di un corpo denso, che gli angeli non hanno, e sono quindi mortali (corpo). Gli angeli non hanno corpo e non dipendono da un involucro denso: conservano la loro esistenza dall’inizio alla fine della creazione.

Perciò la loro scelta non è nel tempo, ma nell’eternità – Dennitz è caduto all’inizio del tempo, cade nel prosieguo dell’intera storia del mondo e sarà infine rovesciato al Giudizio Universale. Gli angeli hanno una scala diversa, ma le stesse problematiche ontologiche degli umani.

Questa immensità, oltre alla temporalità, si riflette anche nel fatto che gli angeli, essendo liberi dai corpi, sono in grado di controllare gli elementi corporei del mondo. Da qui il loro potere. L’Apocalisse dipinge un quadro dei tempi finali in cui gli angeli, fedeli a Dio, infliggono all’umanità piaghe mondiali. E Satana, l’angelo caduto, è chiamato dagli apostoli “il principe di questo mondo” (Vangelo di Giovanni, cap. 12:31) e persino “il dio di questo mondo” (Seconda Lettera di San Paolo ai Corinzi, cap. 4:4), il che sottolinea l’enorme volume del suo potere nel gestire i processi del cosmo.

Possiamo dire che la storia dell’uomo va dall’unità di Adamo alla separazione finale nel Giudizio Universale nella dimensione orizzontale – temporale. La “storia” degli angeli è verticale. È organizzata lungo l’asse dell’eternità, che permea la creazione una volta per tutte. Perciò il Diavolo appare già in paradiso e negli ultimi tempi assume un potere quasi completo sul mondo. E hanno un finale comune, il Giudizio Universale.

All’inizio e alla fine della storia del mondo, il destino degli angeli è estremamente vicino a quello degli uomini, e la verticalità eterna della creazione con l’orizzontalità del tempo e questo ci porta a essere più attenti a entrambe le dimensioni, quella antropologica e quella angelologica, che non possono mai essere completamente separate l’una dall’altra. All’inizio e alla fine della storia, i rispettivi momenti – di unità e di biforcazione – uniscono pienamente angeli e uomini. Ma anche nelle epoche successive, così come nelle diverse fette della verticale angelica, uomini e angeli sono in stretta relazione tra loro.

La cosa più importante è che la storia dell’uomo e il destino dell’angelo sono definiti da un codice fondamentale di biforcazione. Nell’escatologia ciò diventa pienamente esplicito. È alla fine dei tempi, al Giudizio Universale, che verrà rivelata tutta la verità sulla caduta degli angeli. Allo stesso modo, l’intero contenuto dell’esistenza dell’uomo nel tempo sarà rivelato – “il segreto sarà reso palese” (Vangelo di Luca, cap. 17; Vangelo di Matteo Ch. 10, 26; Vangelo di Marco Ch. 4: 22).

La comunione tra uomini e angeli è strutturata da una dualità fondamentale. Gli uomini, che occupano lo strato intermedio – orizzontale – della creazione, si avviano verso la separazione finale gradualmente – nel corso di un processo storico che raggiunge il suo culmine al momento del Giudizio Universale (qui la dualità dell’umanità si manifesta in misura assoluta). La caduta degli angeli avviene verticalmente e istantaneamente – nel contesto dell’eternità creata, sempre simultanea per qualsiasi momento del tempo storico. Ecco perché la dualità degli angeli è costante. È sempre presente, dall’inizio del tempo alla sua fine, ma il giudizio finale degli angeli caduti coinciderà con il Giudizio Universale.

In altre parole, il dualismo degli uomini è implicito nel corso della storia, mentre il dualismo degli angeli è esplicito in relazione a qualsiasi momento della storia umana – la scelta degli uomini si svolge nel tempo, la scelta degli angeli è istantanea. Allo stesso tempo, la dualità dell’umanità si sviluppa nel contesto della caduta degli angeli una volta per tutte. Entrambe le dimensioni creano il volume di un processo ontologico che, in sostanza, è la storia sacra.

 

L’antropologia dei Salmi (interpretazione di Avdeenko)

Questo dualismo fondamentale dell’antropologia (così come dell’angelologia) viene messo a fuoco dallo studioso della Bibbia, filosofo e teologo russo contemporaneo Evgeny Avdeyenko. Nella sua interpretazione dei Salmi e del Libro di Giobbe fornisce una spiegazione dettagliata dell’intero volume ontologico della dualità umana, interpretando i testi biblici in questo modo.

Avdeenko sottolinea che il Salterio svolge un ruolo così eccezionale nella tradizione e nella liturgia cristiana proprio perché rappresenta la struttura fondamentale dell’uomo, con il re Davide come esempio più eclatante dell’uomo in quanto tale, riassumendo la storia ontologica di Adamo e anticipando il nuovo Adamo, Cristo. L’intero contenuto del Salterio è una narrazione della struttura, della natura e del destino dell’uomo in quanto tale. E questo è il suo significato duraturo.

L’enfasi contrastante di Avdeyenko sulla natura antropologica dei Salmi è accompagnata da un altro momento chiave: nella sua lettura, i Salmi si presentano come una narrazione fondamentalmente dualistica con l’opposizione tra due zone dell’essere: la luce e le tenebre, il bene e il male, il regno celeste e l’inferno sotterraneo (sheol), fino al suo strato più basso, l’abisso di Avaddon. Dio è uno, ma proprio perché è uno e solo lui, l’essere è essenzialmente duale.

Questo si rivelerà pienamente nella separazione al Giudizio Universale, ma per Avdeenko questo dualismo predetermina l’intero contenuto dell’antropologia e della storia sacra, il cui fulcro semantico è il Salterio. Il dualismo antropologico (ma anche angelologico) per Avdeenko non è rimandato all’accordo finale dei tempi della fine, ma opera fin dall’inizio e continuamente, essendo la chiave principale per comprendere la religione in quanto tale.

Qui è opportuno ricordare quanto abbiamo detto sulla verticale lungo la quale la caduta degli angeli è passata per sempre, sta passando e continuerà a passare.

L’uomo – Adamo, Davide – è sempre posto al centro di questa verticale, dove la scelta è possibile nel tempo; la finalizzazione di questa scelta coinciderà con la fine dei tempi, ma l’impatto dei due poli è sempre avvertito dall’uomo, in ogni momento della sua esistenza. Si trova sempre di fronte alla scelta tra Caino e Abele, tra gli apostoli fedeli e Giuda, tra l’arcangelo Michele e Denitsa.

A differenza degli angeli, la cui scelta è sempre stata fatta e inequivocabile, l’uomo fino all’ultimo respiro ha l’opportunità di cambiare il suo campo ontologico – “allontanarsi dal male e fare il bene” (Salmi 33:15). Dopo di che, non gli resta che aspettare il Giudizio Universale.

Il dualismo dell’uomo coinvolge il tempo, è il nucleo della sua natura morale. L’uomo non è mai meccanicamente destinato ad essere buono o cattivo. Tale scelta viene fatta per tutta la vita. Questo è ciò che ci dicono i Salmi, che Avdeyenko elabora.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

20 gennaio 2023

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube