Il futuro dello stato ucraino

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

In mezzo alla tempestosa propaganda che l’Occidente ha scatenato sulla questione ucraina – dalla richiesta di rimpatrio dei cittadini statunitensi ed europei in Ucraina alla fuga di notizie dei media che il governo di Kiev ha iniziato a spostare le infrastrutture governative e le istituzioni più importanti al confine occidentale del paese – è difficile pensare o parlare d’altro. Per non parlare dell’invasione, qualcosa che il governo russo non ha mai avuto nei suoi piani.; ma ci si può chiedere: perché la Russia dovrebbe invadere l’Ucraina ora? Perché non l’ha fatto nel 2014, quando la situazione gli era molto più favorevole? È per questo motivo che escludiamo a priori una tale ipotesi, poiché il Cremlino non vuole risolvere questo problema con la forza, anche se il risultato finale fosse totalmente sfavorevole per la Russia. Pertanto, dobbiamo concludere che l’Occidente vuole che la Russia invada l’Ucraina e sta facendo tutto ciò che è in suo potere per farlo accadere. Cosa ci guadagnerebbero gli Stati Uniti? Beh, il divorzio definitivo tra la Russia e l’Europa, oltre al consolidamento della NATO (che si sta sgretolando davanti a noi) e il pretesto perfetto per imporre ogni tipo di sanzioni. Queste ultime dovrebbero provocare una rivolta delle élite russe contro Putin, poiché i beni dell’élite russa all’estero scomparirebbero (o, almeno, questo è ciò che credono). Gli americani considerano tutto questo un piano eccellente.

Nel caso in cui i russi non vogliano invadere l’Ucraina, possono essere costretti a farlo comunque e molto semplicemente: nel caso in cui le forze armate ucraine lancino un’operazione punitiva sul Donbass, la Russia dovrà rispondere. Sia le forze pronte alla guerra che quelle non pronte al combattimento sono ora schierate sui confini ucraini. Nel caso in cui la Russia non risponda a un tale attacco sul Donbass, allora le forze ucraine lo prenderanno come un segno di debolezza e attaccheranno la Crimea: tutto ricomincerà di nuovo e gli obiettivi precedentemente non raggiunti torneranno alla ribalta. È anche possibile che gli ucraini non aspetteranno nemmeno di prendere la Crimea per lanciare altri tipi di offensive.

Questo ci porta a supporre che Washington o, piuttosto, l’élite globalista attualmente al potere negli Stati Uniti (Biden e compagnia) insieme ai falchi britannici (che non sono moralmente diversi dalle loro controparti americane e che sono desiderosi di giocare di nuovo alla geopolitica ora che la Brexit è alle loro spalle) abbiano pianificato tutto questo. Se quest’ultimo è vero, le storie sull’invasione dell’Ucraina cominciano ad avere un senso.

Tuttavia, è improbabile che la NATO venga coinvolta in questo conflitto, il che potrebbe deludere coloro che si sono preparati per un’apocalisse nucleare. L’Occidente non ha intenzione di scatenare la terza guerra mondiale, ma vuole trascinare la Russia in un intenso conflitto regionale. Questo significa che ci rimangono solo due opzioni: combattere o non combattere. L’Occidente ha a sua disposizione tutti i mezzi necessari per non combattere e sappiamo molto bene cosa è successo in passato. Dopo il colpo di stato del 2014, la riunificazione con la Crimea e la liberazione del Donbass, Washington si aspettava di scatenare una serie di eventi irreversibili in qualsiasi momento. Il fatto che il conflitto sia rimasto dormiente fino ad ora è dovuto allo iato generato dall’amministrazione Trump, che non era interessata alle questioni geopolitiche esterne e spera di risolvere prima diverse questioni interne. Il nazionalismo nordamericano di Trump – di natura paleoconservatrice – era compatibile con il multipolarismo. Il fatto che Trump si sia scontrato con i globalisti (la Palude, che non è mai scomparsa del tutto) ha fatto sì che il presidente americano rompesse con la politica estera degli strateghi statunitensi e ha portato molti a etichettare Trump come russofilo. Naturalmente, Trump non aveva alcuna simpatia per la Russia, ma detestava i globalisti. Ma una tale accusa era già sufficiente per rimuoverlo dal potere. La geopolitica atlantista è tornata alla Casa Bianca per mano di Joe Biden insieme ai “falchi” liberali e ai neoconservatori. Era una questione di tempo prima che tutti loro decidessero di riattivare la trappola ucraina, che era stata attiva per tutto questo tempo. Ora è il momento giusto per farla esplodere.

Finora sembra che Washington voglia scatenare un’invasione russa. Forse la Russia non vuole che questo accada, ma non possiamo ignorare il fatto che inizierà un’operazione punitiva sul Donbass. Nulla di tutto questo dipende da Mosca, mentre Kiev sta solo giocando per il tempo. Nessuno dei due vuole davvero uno spargimento di sangue di questa portata e la NATO non cercherà certamente di salvare nessuno, anche se il suo unico obiettivo è quello di versare altro sangue slavo. Tuttavia, Washington continuerà a cercare di portare avanti la sua agenda, così gli Stati Uniti continueranno a ignorare gli avvertimenti della Russia sull’espansione della NATO e vedremo molte altre sbavature come quelle fatte da Elizabeth Truss riguardo a Rostov e Voronezh. Un tale atteggiamento non solo rivela l’incompetenza dei globalisti nei confronti del mondo russo (compresa l’Ucraina), ma anche la loro completa indifferenza a questi problemi, dato che non sentono alcun interesse nell’imparare i nomi di città e paesi in una lingua sconosciuta. Parlano tutti dell’invasione e si comportano come se fosse già avvenuta. In ogni caso, la guerra ibrida è proprio questo: agire come se tutto fosse già accaduto.

Mosca continuerà a rifiutare la guerra, e tale atteggiamento è senza dubbio il più onorevole. Tuttavia, ci sono eventi che sono fuori dal nostro controllo e quindi dovremmo immaginare il seguente scenario: si raggiunge un punto di non ritorno e avviene un’invasione dell’Ucraina. I giornali occidentali hanno già annunciato a gran voce come avverrà un tale schieramento militare: a volte lo descrivono in modo molto realistico, altre volte in modo delirante. Tuttavia, tutti gli scenari concordano che la parte orientale dell’Ucraina insieme a Kiev sarà invasa dai russi e che solo la parte occidentale continuerà a resistere indefinitamente. Senza dubbio, questo implicherà la creazione di basi militari della NATO nei resti occidentali dell’Ucraina, la cui capitale sarebbe Lviv. Sarebbe da lì che le azioni terroristiche si dispiegherebbero contro la zona controllata dai russi.

La cosa interessante è che questo scenario è molto simile alle guerre che contrapponevano i principi di Vladimir e della Galizia-Volhynia per il trono di Kiev. A quel punto Kiev aveva perso completamente la sua importanza ed era diventata una città di provincia di terza categoria. Da questo momento queste due parti del mondo russo presero strade molto diverse: il principato di Vladimir, e più tardi quello di Mosca, divenne un potente impero, mentre i russi occidentali divennero una sottocategoria etnica disprezzata dal resto dell’Europa orientale cattolica. Fu il prezzo pagato dall’arrogante principe Daniil di Galizia per aver ricevuto la corona dalle mani del Papa… L’Occidente promette sempre di aiutare i cristiani orientali con il solo scopo di abbandonarli quando arriva il momento della verità. La stessa cosa è successa durante la caduta di Costantinopoli o quando Saakashvili ha lanciato la sua invasione contro l’Ossezia del Sud.

Ma qui sta la parte interessante: molti credono che i sostenitori del mondo russo e della geopolitica eurasiatica chiedano un’espansione sproporzionata dei nostri confini. Tuttavia, in politica tutto parte da un’idea, in questo caso la ricostruzione dei confini della Russia-Eurasia e del mondo russo. In ogni caso, è meglio mantenere certe riserve sul futuro dell’Ucraina occidentale: è impossibile integrare questa regione etno-sociologicamente, storicamente e psicologicamente nell’Eurasia – ad eccezione della Rutenia Transcarpaziana e di tutta una costellazione di popoli ortodossi della Volhynia. Quando Stalin reintegrò i territori dell’Ucraina occidentale nell’Impero, tutto ciò che si ottenne fu di aumentare la russofobia e rifiutare qualsiasi unità. Questo fatto sembra portare al collasso dell’attuale stato ucraino. Naturalmente, l’Occidente vuole trasformare questi territori nel suo cortile, un’opzione che dobbiamo valutare attentamente (ma non prima di liberare i ruteni e tutti i popoli che vogliono stare dalla nostra parte). Se non teniamo conto di tutto questo, anche nel caso ipotetico di liberare tutta l’Ucraina (cosa che gli atlantisti ci obbligano a fare), dobbiamo sempre ricordare che la parte occidentale non vorrà mai far parte dei nostri progetti politici e cercherà di minare dall’interno qualsiasi governo neutrale ed equilibrato che stabiliamo in Ucraina o nell’entità politica che lo sostituirà. D’altra parte, le istituzioni politiche ucraine, così come esistono ora, sono così sporche che lasciarle così come sono ora è alquanto imprudente. Inoltre, non possiamo scatenare un regime di terrore contro una nazione sorella, il che ci porta a dover combattere contro l’orrore della Galizia-Volhynia all’infinito. Nemmeno Stalin è riuscito a integrare questi territori e ha usato mezzi piuttosto duri.

Ci si potrebbe chiedere: non sarebbe meglio lasciare le cose come stanno? A cosa serve creare un nuovo stato ucraino se non si riesce a far rinascere i popoli slavi? Zájidna Ukrayína può continuare a chiamarsi “Ucraina” (anche se, naturalmente, rifiuteremo tale nome) o diventare “Flag-stan”, non importa. Tuttavia, il nostro obiettivo è costruire un nuovo territorio dalla parte recuperabile di quel paese.

Un’altra precisazione: sia la Crimea che il Donbass non fanno più parte dell’Ucraina, ma è miope e indegno frammentare queste regioni invece di permettere loro di svolgere un ruolo storico rilevante. Dobbiamo salvare tutti coloro che vogliono essere salvati dando loro i mezzi per sostenersi da soli. Gli ucraini occidentali non si preoccupano di questo e si oppongono a qualsiasi riunificazione.

Superare i limiti del “Grande Spazio” che ci è stato assegnato può portare al collasso. Dovremmo prendere solo ciò che possiamo realisticamente assimilare e difendere. Stalin lo ha capito molto bene per quanto riguarda l’Europa, cercando a più riprese la “finlandizzazione” o “neutralizzazione” di essa. Non siamo stati in grado di assimilare l’Europa orientale e continuare a tenerla con la forza sarebbe stato un suicidio. Tutti questi punti non sono altro che speculazioni geopolitiche e la verità è che non ho informazioni classificate o contatti importanti. Questa è solo un’analisi e in essa si ipotizza che se si verifica un’invasione – e solo in questo quadro! – possiamo dire che la questione dei territori occidentali dell’Ucraina dovrà essere trattata delicatamente e con grande riserva. Costruire un impero – o far rivivere un impero perduto – è un’arte complicata, poiché non è un processo lineare o monotono.

Traduzione a cura di Loreno Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

16 febbraio 2022