Il Ministero della Difesa russo chiede di accelerare l’offensiva

image_pdfimage_print

di Luciano Lago

Il 16 luglio, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu è venuto in Ucraina per ispezionare i soldati russi schierati nel paese vicino. Il capo del dipartimento militare russo ha dato le istruzioni necessarie per aumentare ulteriormente le azioni dell’esercito russo in tutte le aree operative al fine di escludere la possibilità che il regime di Kyiv infligga massicci attacchi missilistici e di artiglieria alle infrastrutture civili e ai residenti degli insediamenti nel Donbas e altre regioni.

Al posto di comando, il generale dell’esercito Sergei Shoigu ha ascoltato i rapporti del generale dell’esercito Sergei Surovikin, comandante del gruppo meridionale, del colonnello generale Alexander Lapin, comandante del gruppo centrale, e di altri comandanti sulla situazione attuale, la natura delle azioni nemiche e la condotta delle missioni di combattimento delle forze armate russe.

L’ordine del ministro della Difesa russo potrebbe segnare l’inizio di una grande offensiva delle forze a guida russa nella regione della città di Donetsk. Questa è una delle aree più fortificate, dove l’avanzata russa è stata quasi interrotta. Le forze armate ucraine schierate vicino alla città di Donetsk bombardano quotidianamente i civili che vivono nell’area, aumentando il numero di vittime.

Mosca aveva precedentemente avvertito che la parte russa non stava ancora combattendo “in forza”, ma stava effettuando un’operazione speciale con mezzi e forze limitate. Allo stesso tempo, il Cremlino ha sottolineato di essere pronto a negoziare fin dall’inizio dell’intervento russo.

“Oggi sentiamo che vogliono sconfiggerci sul campo di battaglia. Bene, cosa posso dire qui, che ci stanno provando”, ha detto il presidente Putin il 7 luglio. Il presidente ha aggiunto che “non abbiamo ancora iniziato davvero nulla”.

Putin ha detto che Mosca non si arrende ai colloqui di pace, “ma coloro che rifiutano dovrebbero sapere che più tempo durerà, più difficile sarà negoziare con noi”, ha detto il capo dello Stato.

Allo stesso tempo, Putin ha assicurato che l’esercito russo non mobiliterà forze aggiuntive. La Russia non ha dichiarato guerra all’Ucraina. Se i gruppi russi di stanza nel Donbass e in altre regioni dell’Ucraina non sono rinforzati con forze aggiuntive, è difficile vedere come l’esercito russo potrebbe eseguire l’ordine Shoigu.

20 luglio 2022