Il morale dell’esercito russo e il sentimento contro la guerra in patria non sono come dicono i media

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko

La tendenza generale è che una guerra d’informazione molto intensa viene condotta contro la Russia in questo momento, soprattutto per quanto riguarda le due narrazioni fuorvianti che sono state chiarite in questa analisi. Lo scopo non è solo quello di screditare l’operazione speciale agli occhi del mondo facendo sembrare che la maggior parte dei russi sia contraria, ma anche di influenzare quegli stessi russi a esprimere più attivamente il disaccordo pubblico con la campagna, anche attraverso la partecipazione a raduni non autorizzati.

I media mainstream occidentali guidati dagli Stati Uniti hanno spinto la doppia narrazione di guerra dell’informazione, affermando che l’esercito russo non ha il morale per partecipare alla sua operazione speciale in corso in Ucraina e che il popolo russo si sta “sollevando” in risposta all’appello del leader ucraino. Il primo afferma in modo fuorviante che “i russi non vogliono combattere gli ucraini”, mentre il secondo riporta raduni non autorizzati e petizioni contro la guerra fuori contesto, omettendo che la maggior parte di coloro che vi partecipano sono membri filoccidentali dell’élite liberale o coloro che aspirano a diventare tali in futuro. Ciò che questo pezzo mira a fare è chiarire un po’ di confusione tra coloro che non sono sicuri di cosa pensare dopo essere stati incessantemente bombardati con queste false narrazioni dall’inizio della campagna di giovedì scorso.

Per quanto riguarda il morale dell’esercito russo, è vero che i militari non vedono gli ucraini come un nemico di per sé a causa delle strette connessioni storiche e familiari, ma sono anche consapevoli che il regime fantoccio fascista sostenuto dagli Stati Uniti a Kiev odia ferocemente i russi per motivi etno-religiosi. Non solo, ma tutti in Russia sanno bene che Kiev ha condotto attacchi non provocati contro il popolo russo indigeno del Donbass già da otto anni in quello che il presidente Putin ha descritto alla fine di febbraio come un genocidio. Inoltre, il leader russo ha rivelato pubblicamente giovedì scorso, quando ha annunciato l’operazione speciale del suo paese in Ucraina, quanto sia esistenziale e imminente la minaccia delle infrastrutture militari della NATO. Tutto questo ha galvanizzato l’esercito russo contro i fascisti di Kiev sostenuti dagli Stati Uniti.

Per quanto riguarda i rapporti dei media mainstream sul sentimento contro la guerra tra la società russa, non si può negare che diverse migliaia di persone hanno partecipato a manifestazioni non autorizzate negli ultimi giorni e molti ordini di grandezza in più hanno firmato una petizione che condanna l’operazione speciale del loro paese in Ucraina, comprese grandi quantità dell’élite sociale e accademica. Ciò che viene tralasciato dai loro rapporti, tuttavia, è che esiste davvero un movimento antigovernativo molto attivo qui, nonostante le false affermazioni dei media mainstream che la Russia è una cosiddetta “dittatura”, che si oppone sempre allo stato, non importa quale sia il problema. Recentemente hanno preso a manipolare i giovani, compresi i minori, per farli partecipare ai loro raduni non autorizzati (illegali), in modo da aumentare il numero di persone presenti.

Tutto questo è importante da tenere a mente per non rischiare di essere ingannati dai media mainstream nel pensare che l’operazione speciale della Russia in Ucraina sia veramente impopolare tra le forze armate russe (RAF) e la società che rappresentano. Questa non è una percezione accurata, poiché si basa pesantemente su speculazioni infondate sulla prima menzionata, che ipocritamente lascia fuori l’elemento fascista ampiamente documentato dei loro oppositori, che ha galvanizzato le loro fila in opposizione ai radicali sostenuti dagli Stati Uniti che hanno preso il controllo di quello stato fraterno dopo il colpo di stato dell’inizio del 2014, arrivato dopo settimane di terrorismo urbano descritto in Occidente come “EuroMaidan”. Questo e le preoccupazioni per la sicurezza strategica della Russia derivanti dalle infrastrutture militari segrete della NATO in Ucraina hanno aumentato il morale della RAF.

Le imprecisioni della seconda sono più facili da individuare a causa della loro visibilità. Le figure di alto profilo sociale e accademico che partecipano alle attività contro l’operazione speciale, siano esse raduni non autorizzati e/o petizioni, sono ben note per le loro appassionate opinioni liberali filoccidentali per la maggior parte. Esistono naturalmente delle eccezioni, ma queste figure in generale non sono affatto rappresentative della società. Coloro che infrangono la legge partecipando a raduni non autorizzati sono stati probabilmente ingannati sul conflitto, perché altrimenti è difficile immaginare che una persona sinceramente patriottica sia contraria alle misure decisive impiegate per assicurare l’integrità delle linee rosse della sicurezza nazionale del loro paese. Gli elementi traditori esistono davvero, ma presumibilmente non sono rappresentativi della maggioranza di questi attivisti.

La tendenza generale è che una guerra d’informazione molto intensa è condotta contro la Russia in questo momento, soprattutto per quanto riguarda le due narrazioni fuorvianti che sono state chiarite in questa analisi. Lo scopo non è solo quello di screditare l’operazione speciale agli occhi del mondo facendo sembrare che la maggior parte dei russi sia contraria, ma anche di influenzare quegli stessi russi a esprimere più attivamente il disaccordo pubblico con la campagna, anche attraverso la partecipazione a raduni non autorizzati. Questo potrebbe poi spingere le autorità a trattenerli, il che a sua volta permette ai media mainstream di ritrarre tutto in modo tale da sostenere che “il dittatore Putin ha paura del suo stesso popolo! Questo serve anche allo scopo di cercare di invogliare altri russi a riversarsi nelle strade e così via.

Mentre l’obiettivo di screditare l’operazione speciale della Russia tra gli occidentali era già riuscito prima ancora che fosse ufficialmente iniziata, non è il caso che anche i non occidentali siano contrari, o almeno non così significativamente come i loro pari nella società russa che sono stati incessantemente indottrinati con narrative antirusse già da anni. Inoltre, non ci sono assolutamente scenari credibili di ingerenza straniera attraverso la combinazione di guerra ibrida di sanzioni e guerra dell’informazione che catalizzi un movimento significativo di rivoluzione dei colori in Russia. Il massimo che potrebbe accadere è che la falsa narrazione dei media mainstream sulla presunta impopolarità di questa operazione speciale tra la RAF e la società del loro paese probabilmente persisterà in Occidente, ma alla fine sarà ignorata nel non-occidente.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

2 marzo 2022