Il nuovo Primo Ministro della Malaysia si insedia dopo il drammatico “parlamento sospeso”

image_pdfimage_print

di Zhang Zixi

La Malaysia ha tenuto la sua quindicesima elezione nazionale il 19 novembre e la Commissione Elettorale ha annunciato i risultati delle elezioni preliminari nelle prime ore del 20. Non è ancora chiaro come si formerà il nuovo governo, dal momento che nessuno dei partiti o delle coalizioni che hanno partecipato alle elezioni ha ottenuto la maggioranza alla camera bassa del parlamento. Questa è la prima volta nella storia malese che esiste un “parlamento sospeso” senza maggioranza.

I seggi della camera bassa del parlamento malese sono 222. In genere, un gabinetto può essere formato da un partito politico o da una coalizione di partiti politici che hanno ottenuto più della metà dei seggi nella camera bassa. Nella prima mattinata del 20, la Commissione Elettorale ha reso noti i risultati delle elezioni per 219 seggi, e vi sono ancora 3 seggi che non hanno ancora dato risultati per vari motivi.

Tra i seggi divisi, Pakatan Harapan, guidato da Anwar e altri alleati, ha ricevuto un totale di 82 seggi, detenendo ancora il maggior numero di seggi di qualsiasi campo, ma il suo numero è stato notevolmente ridotto rispetto al numero di seggi conquistati dal precedente Congresso. Mancano 30 seggi sui 112 minimi richiesti per governare.

Anwar, Muhyiddin, Zahid, i leader delle grandi alleanze politiche come l’Alleanza della speranza, l’Alleanza nazionale e il Fronte Nazionale, nonché l’attuale Primo Ministro Ismail, che appartiene a Umno, hanno vinto nei loro collegi elettorali. L’ex Primo Ministro Mahathir, 97 anni, sta cercando la rielezione nel collegio elettorale di Langkawi, eletto con oltre 8.000 voti nel suo precedente mandato. Ma inaspettatamente, Mahathir ha ricevuto solo più di 4.500 voti, più di 20.000 voti in meno rispetto al vincitore, e ha perso la sua garanzia elettorale perché i voti non erano all’altezza. Anche tutti i candidati del Partito dei Combattenti per la Patria guidati da Mahathir, compreso suo figlio Mukhriz, hanno fallito.

Dopo che i risultati delle elezioni sono stati annunciati all’alba del 20, l’Alleanza della Speranza ha tenuto una conferenza stampa affermando di avere il sostegno di oltre la metà dei deputati e si stava preparando a formare un governo, ma ha rifiutato di dire quali partiti politici ha sostenuto. L’Alleanza Nazionale ha anche annunciato che avrebbe negoziato con altri partiti politici per formare un governo, ma non avrebbe preso in considerazione la formazione di un gabinetto con Pakatan Harapan.

Anwar Ibrahim diventa Primo Ministro malese dopo 25 anni di attesa

Il 24 novembre, cinque giorni dopo le elezioni malesi, l’Alleanza della Speranza guidata da Anwar Ibrahim e il Fronte Nazionale hanno finalmente raggiunto un accordo per formare un governo di coalizione.

Anwar Ibrahim è stato nominato Capo Supremo di Stato della Malaysia ed è diventato il decimo Primo Ministro della Malesia (CNN).

A Kuala Lumpur, dove la stagione delle piogge è ancora un po’ più fresca, Anwar, che aveva appena vinto le elezioni, si è subito recato in conferenza stampa dopo aver prestato giuramento come Primo Ministro. Questa è la prima conferenza stampa di Anwar da quando è entrato ufficialmente in carica come Primo Ministro. Prima che potesse esprimere troppi sentimenti personali, Anwar aveva già ricevuto telefonate di congratulazioni da molti leader stranieri. Anwar, che quest’anno compie 75 anni, aspettava questo giorno da 25 anni.

Anwar è nato in una famiglia politica a Penang nel 1947. Suo padre è un membro del Congresso della coalizione al governo del Fronte Nazionale, Anwar ha partecipato attivamente al movimento studentesco al college e ha iniziato a mostrare le sue qualità di leadership. Dopo essersi laureato all’università nel 1971, ha partecipato alla creazione del gruppo politico “Movimento giovanile islamico della Malaysia” ed è entrato nell’arena politica.

Il giovane Anwar era audace ed eloquente ed era apprezzato da Mahathir, un’altra figura politica dell’epoca. Anche Mahathir ha grandi ambizioni, mirando a costruire una Malaysia moderna. Nel 1982, Anwar ricevette un invito da Mahathir a unirsi al Fronte Nazionale alla vigilia delle elezioni generali e vinse con successo l’unico collegio elettorale del Partito Islamico a Penang.

Da allora, la carriera ufficiale di Anwar è stata in aumento, da Ministro della Cultura, della gioventù e dello sport a Ministro dell’Agricoltura, Ministro dell’Istruzione e poi alla carica principale di Ministro delle Finanze. Non ha deluso Mahathir: durante il suo mandato come Ministro delle Finanze, l’economia malese è cresciuta rapidamente, correggendo anni di deficit fiscali, e la forza nazionale della Malaysia è venuta alla ribalta tra i paesi del sud-est asiatico. Nel 1993, Anwar fu nominato vice Primo Ministro e iniziò il suo sogno di diventare Primo Ministro.

Il lavoro del nuovo Primo Ministro è pieno di sfide

Il lavoro di Anwar come Primo Ministro è irto di difficoltà poiché Pakatan Harapan collabora per la prima volta con il Fronte Nazionale.

Al momento, l’economia malese è stata duramente colpita dall’epidemia. Per esprimere la propria insoddisfazione nei confronti dell’ex coalizione di governo, il Fronte Nazionale, un gran numero di malesi della costa orientale e del nord della Malaysia ha votato per il Partito Islamico conservatore. Nella coalizione di governo, è probabile che il Fronte Nazionale proponga alcune politiche in linea con gli interessi dei malesi conservatori per pianificare le prossime elezioni. Anwar ha affrontato sfide nel mantenere la società multirazziale della Malaysia.

In termini di relazioni internazionali, la Malaysia deve affrontare la concorrenza dell’ASEAN e il PIL del Vietnam ha superato quello della Malaysia. La rinascita della Malaysia e l’adempimento della promessa fatta agli elettori saranno un altro tema importante del mandato di Anwar.

Oggi, oltre 50 partiti politici operano nell’arena politica della Malaysia e la mappa politica è ancora più frammentata. È possibile un governo di coalizione senza precedenti formato da Pakatan Harapan e dal suo vecchio rivale, il Fronte Nazionale? La Malaysia può tornare alla stabilità politica? D’altra parte, con l’ascesa dell’islamismo, gli elettori conservatori in Malaysia sono pronti ad abbracciare un futuro più pluralistico e inclusivo?

Aspettiamo e vediamo dove porterà la Malaysia il nuovo Primo Ministro.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli https://nritalia.org/

Foto: NR-Italia

13 dicembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube