Il Pakistan chiede all’Iran di impedire gli attacchi transfrontalieri, dopo che i militanti hanno ucciso quattro soldati

image_pdfimage_print

di Redazione

Il Primo Ministro pakistano Shehbaz Sharif ha invitato mercoledì l’Iran a non permettere che il suo territorio venga utilizzato per “attacchi transfrontalieri”.

L’appello è arrivato dopo che l’esercito pakistano ha dichiarato che quattro membri del personale di sicurezza sono stati uccisi durante un attacco nella provincia sudoccidentale del Balochistan da militanti nascosti nel Paese vicino.

Da anni l’Iran e il Pakistan si accusano reciprocamente di non fare abbastanza per eliminare i militanti che si sarebbero rifugiati lungo il lungo confine condiviso, da tempo afflitto da disordini tra bande di trafficanti di droga e militanti separatisti e religiosi.

“Condanno fermamente l’uccisione dei nostri quattro agenti di sicurezza in un incidente terroristico lungo il confine tra Pakistan e Iran in Balochistan”, ha dichiarato Sharif in un messaggio pubblicato su Twitter.

“La nazione rende omaggio al sacrificio dei suoi soldati martiri in servizio. Ci aspettiamo che l’Iran garantisca che il suo suolo non venga usato per attacchi transfrontalieri”.

In precedenza, l’ISPR, l’ala mediatica dell’esercito, ha dichiarato che il personale è stato ucciso durante un attacco lanciato “da oltre il confine tra Pakistan e Iran nel settore di Chukab, distretto di Panjgur, Balochistan”.

I terroristi hanno usato il suolo iraniano per colpire un convoglio di forze di sicurezza che pattugliavano lungo il confine”.

L’esercito ha detto di aver chiesto all’Iran di “dare la caccia ai terroristi dalla loro parte”, ma le autorità iraniane non hanno ancora risposto alla richiesta.

Nel 2019, l’Iran e il Pakistan hanno dichiarato che avrebbero formato una forza di reazione rapida congiunta per combattere l’attività dei militanti lungo il confine, ma da allora poco è stato riferito sulla forza o sul suo lavoro.

Nelle ultime settimane il Pakistan ha registrato un’impennata degli attacchi dei militanti, per lo più legati al gruppo fuorilegge Tehreek-e-Taliban Pakistan, che a novembre ha posto fine unilateralmente al cessate il fuoco con il governo pakistano.

L’Istituto pakistano per gli studi sulla pace, un think tank di Islamabad, ha dichiarato che il Pakistan è stato bersaglio di 254 attacchi di militanti nel 2022.

In un incidente separato, mercoledì, l’esercito pakistano ha dichiarato che i soldati hanno condotto una “operazione basata sull’intelligence” nel Balochistan, durante la quale hanno abbattuto quattro militanti.

“L’operazione è stata lanciata per sgomberare un nascondiglio di terroristi collegati a episodi di fuoco contro le forze di sicurezza e i civili, oltre a piazzare ordigni esplosivi improvvisati sulla M-8, nell’area generale di Talsar, Hoshab”, ha dichiarato l’esercito.

Foto: Arab News

24 gennaio 2023

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube