Il Parlamento kazako tiene udienza straordinaria sui tragici eventi di gennaio

image_pdfimage_print

di Redazione

Alla sessione plenaria speciale del Mazhilis (la Camera bassa del Parlamento -NdA-), i massimi funzionari delle forze dell’ordine del Kazakistan, il Commissario per i Diritti Umani e un importante avvocato per i Diritti Civili hanno risposto alle domande sull’indagine sul processo relativo alle rivolte di gennaio in Kazakistan. La sessione, durata tre ore e mezza e trasmessa in diretta sui canali televisivi nazionali e online, è diventata un’azione senza precedenti che ha coinvolto parlamentari di tutte le fazioni politiche, riflettendo la gravità del calvario che il Paese ha attraversato all’inizio dell’anno corrente.

Descrivendo quanto accaduto a gennaio, il procuratore generale ha diviso gli eventi in tre ondate. In primo luogo, ci sono state manifestazioni pacifiche incentrate sulle richieste economiche, che sono state soddisfatte. Si stima che circa 50.000 persone abbiano preso parte a queste manifestazioni. Poi, diversi estremisti si sono uniti ai manifestanti. A causa delle loro attività sobillatorie e provocatorie, sono scoppiati gli scontri. Infine, elementi criminali e banditi si unirono alle manifestazioni, trasformandole in una violenta agitazione.

Il procuratore generale Berik Asylov ha osservato che “abbiamo visto la combinazione di estremismo, radicalismo criminale e religioso”. Ha detto che dozzine di strutture ad Almaty, compreso l’aeroporto, sono state vandalizzate, i negozi di armi sono stati attaccati e molte armi da fuoco sono state sequestrate. I criminali hanno danneggiato più di 800 telecamere di sorveglianza stradale. I civili venivano usati come scudi umani e i veicoli come arieti. Asylov ha sottolineato che l’obiettivo finale di tali azioni era la presa del potere, pertanto tali azioni sono considerate un atto di terrorismo. Ha inoltre notato conseguenze irreversibili che si sarebbero potute verificare se i responsabili degli atti violenti avessero avuto successo nei loro piani, inclusa la perdita della statualità e la scomparsa dell’ordine costituito.

In risposta alla domanda su chi ha istigato gli eventi di gennaio e chi c’era dietro gli attacchi terroristici, il Procuratore Generale Berik Asylov ha riconosciuto che in questo momento è difficile per lui rispondere a questa domanda. Tuttavia, ha rassicurato che “avremo una risposta circostanziata ed esauriente entro la fine delle indagini”.

Passando alla questione dei casi oggetto di indagine, Asylov ha informato che 44 casi penali sono oggetto di indagine sull’organizzazione e la partecipazione a rivolte di massa. Un totale di 46 procedimenti penali è legato ad atti di terrorismo. Il procuratore generale ha chiarito che lo scopo degli atti terroristici era quello di intimidire la popolazione, distruggere strutture strategiche per paralizzare la capacità di intervento delle autorità.

Secondo il Procuratore Generale, un totale di 766 persone è ora in custodia con varie accuse da parte di tutte le forze dell’ordine che indagano sulle conseguenze dei violenti disordini. Di questi, 19 sono cittadini di paesi stranieri, tra cui gli Stati confinanti di Uzbekistan e Kirghizistan.

L’oratore ha anche osservato che circa 230 persone sono morte durante gli eventi di gennaio, tra cui 19 agenti di polizia e forze dell’ordine. Complessivamente, 3.500 agenti di sicurezza sono rimasti feriti. Rispondendo alla domanda di uno dei parlamentari su quando sarà pubblicato l’elenco delle persone uccise durante gli eventi di gennaio, il Procuratore Generale Asylov ha spiegato che ci sono restrizioni legali alla pubblicazione di tali informazioni. Ha detto: “Dopo aver chiarito tutte le circostanze, pubblicheremo l’elenco”. A questo proposito, ha ricordato che l’indagine sta proseguendo, aggiungendo che due mesi non sono certo stati sufficienti per concludere tutte le circostanze di una tragedia di questa portata. Ha sottolineato che le decisioni finali su tutti i casi penali saranno comunicate alla popolazione appena possibile.

L’incontro includeva anche rapporti del Ministro degli Affari Interni Marat Akhmetzhanov, il quale ha informato che oltre 2.800 armi sono state rubate durante i disordini. Di queste, circa 2.000 sono ancora nelle mani dei criminali. Akhmetzhanov ha ricordato che le persone che consegnano volontariamente le armi non saranno accusate.

Ha informato che la polizia sta indagando su 3.070 casi criminali, assicurando che gli innocenti non saranno puniti. Un totale di 184 persone in custodia è sospettato di aver commesso reati gravi fino all’omicidio e alla strage, ha chiarito il Ministro.
Per quanto riguarda i danni causati durante i disordini, Asylov ha informato che più di 1.500 edifici statali e commerciali sono stati danneggiati.

Il Primo Vicepremier Roman Sklyar ha inoltre notificato che 1.630 proprietà di piccole e medie imprese sono state danneggiate, il che equivale a 38,6 miliardi di tenge di danni. Ha detto che sono in corso lavori per risarcire le imprese, aggiungendo che oltre 24 miliardi di tenge sono stati stanziati per risarcire le PMI. L’oratore ha sottolineato che tutte le imprese colpite dai disordini stanno ricevendo o stanno per ricevere un risarcimento. Il Ministero dell’Economia nazionale ha aggiunto al riguardo che è previsto il risarcimento degli imprenditori per la maggior parte dei danni entro la fine del primo semestre dell’anno.

Passando alla questione della garanzia dei diritti dei detenuti, i membri del Parlamento hanno chiesto informazioni sul presunto uso della tortura per ottenere informazioni e abuso di potere. Il procuratore generale ha riconosciuto che, purtroppo, ci sono casi del genere. A questo proposito, 243 casi penali sono stati avviati, mentre 9 persone sono state detenute, 8 sono dipendenti del Comitato per la sicurezza nazionale (KNB) e uno è un agente di polizia. Il capo del servizio anticorruzione, Olzhas Bektenov, ha inoltre spiegato che su 243 casi di questo tipo, 234 procedimenti penali sono oggetto di indagine da parte della sua agenzia contro le forze dell’ordine. Come spiegato in precedenza, i procedimenti penali contro le forze dell’ordine sono, di regola, indagati da un’altra agenzia delle forze dell’ordine per evitare qualsiasi potenziale conflitto di interessi.

La commissaria per i Diritti Umani in Kazakistan, Elvira Azimova, ha affermato che le segnalazioni di violazioni sono state valutate con l’ufficio del pubblico ministero e la polizia a tutti i livelli. Ha informato il suo ufficio di aver ricevuto 137 denunce di tortura e maltrattamenti. Si riferiscono a agenti di polizia che hanno utilizzato metodi di indagine illegali.

Riguardo all’arresto dell’ex capo della KNB e dei suoi vice, il Procuratore Generale Asylov ha dichiarato: “L’ex capo della KNB Karim Masimov, i suoi tre vice e altri due capi sono stati perseguiti per alto tradimento, un tentativo di prendere il potere, e aver recepito una tangente su scala particolarmente ampia”. Ha informato che questi crimini di solito comportano una condanna a 17 anni di carcere. Ha sottolineato, tuttavia, che l’indagine è ancora in corso.

Aiman Umarova, capo della commissione pubblica Aqiqat (Verità) per le indagini sugli eventi di gennaio, si è rivolto alla riunione e ha osservato che è difficile nominare solo i problemi socio-economici come le vere cause degli eventi di gennaio. Ha suggerito che le rivolte erano state guidate da gruppi professionalmente formati, inclusi membri dei servizi speciali e criminali. Ha inoltre osservato che presumibilmente c’erano un certo numero di cittadini di altri paesi asiatici tra i manifestanti che non parlavano né kazako né russo. I civili sono stati attirati nella folla attraverso minacce e violenze, ha detto la Umarova. L’avvocato ha anche affermato che, secondo le sue fonti e le prime conclusioni, i preparativi per gli eventi di gennaio hanno richiesto almeno due anni. A questo proposito, il Ministro della Difesa Ruslan Zhaksylykov ha sottolineato che dietro il caos era chiaramente visibile il coinvolgimento di persone che avevano seguito una formazione speciale.

A conclusione dell’incontro, i rappresentanti del Ministero dell’Interno e della Procura generale hanno risposto a numerose domande dei parlamentari e hanno assicurato che si sarebbero adoperati per prevenire futuri attacchi terroristici.

Articolo originale:

https://www.gov.kz/memleket/entities/mfa/press/news/details/340688?lang=en

Traduzione a cura di Paolo Marcenaro

Foto: gov.kz

17 marzo 2022