Il popolo attende l’idea russa

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Un’operazione militare speciale viene trasferita nella Federazione Russa. Come capire altrimenti gli attacchi a Belgorod? Si può ancora chiamare così? In sostanza, abbiamo voltato pagina nella storia di questa operazione e siamo entrati in una nuova fase.

La prima fase era qualcosa di tecnico: lo Stato prende la decisione, lo Stato la attua. Solo le forze professionali (i militari, n.d.t.) sono coinvolte, al popolo viene chiesto di essere paziente, di mettersi insieme e di non interferire fino alla fine in ciò che è stato iniziato. Tutto il resto viene fatto dopo. Tutti i cittadini si sono mossi così, in modo abbastanza disciplinato, tranne i traditori che sono stati messi a tacere o sono semplicemente fuggiti.

I portavoce delle autorità – soprattutto Vladimir Solovyov – erano abbastanza fiduciosi: abbiamo tutto sotto controllo, non c’è bisogno di introdurre fattori nuovi, l’élite esistente è perfettamente in grado di gestire tutto. Tutto procede in maniera ottimale, non c’è nulla di cui preoccuparsi. Se stiamo parlando di un’operazione tecnica Z – fulminea, efficiente, destinata a un successo completo e rapido, è corretto; se abbiamo optato per una rottura totale con l’Occidente, almeno il lato militare dell’operazione è stato calcolato nei minimi dettagli. Così tutto si è svolto fino a poco tempo fa, ma ora non è più così. È difficile spiegare alla gente di Kharkov quello che sta succedendo, così come era difficile spiegare alla gente di Donetsk perché non è successo prima.

Non si può trattare il popolo come qualcosa di puramente tecnico – una massa, un valore statistico sociologico. Il popolo è un organismo vivente, e sente tutto molto finemente, soprattutto come lo trattano le autorità e cosa pensano di essere. Il popolo russo è in maggioranza per Putin e per lo Stato, sostiene pienamente e con tutto il cuore l’operazione militare speciale e comprende profondamente i suoi obiettivi e le sue finalità, ma questo non significa che sia per il sistema, per lo status quo e il modo in cui l’élite lo tratta, e ogni volta che l’élite devia dalla rotta del presidente e da ciò che è compreso e vicino al popolo, c’è sconcerto. Nelle condizioni di un’operazione militare speciale e soprattutto quando la affrontiamo sul nostro stesso suolo – già a Belgorod – questo tipo di contraccolpo diventa particolarmente acuto.

Ora le autorità non possono semplicemente dire «state calmi, abbiamo tutto sotto controllo, per favore rimanete dove siete, non sono interessati a voi». Solovyov ha trasmesso esattamente la stessa cosa nel suo show di domenica scorsa: non abbiamo mai ascoltato e non intendiamo ascoltare i tassisti, i parrucchieri e i contadini dei collettivi, così come i sostenitori dell’Idea Russa – l’ha detto più crudamente -, solo le persone di successo che hanno ottenuto molto in questa vita. Come chi? Come Altushkin. Ed è vero, il buon uomo russo e il patriota convinto stando alla lista di Forbes, ma assolutamente nessuno e niente lo ascolta. Perché lui è per la Russia, per l’Ortodossia, per il Tempio, per la Tradizione. Lui è il popolo, la sua parte organica. Perciò non lo ascoltano.

Questo non è più il modo in cui andranno le cose. La prossima fase di un’operazione militare speciale non è possibile senza il coinvolgimento del popolo: prima di tutto il popolo russo e i suoi simboli inequivocabili e convincenti, portatori dell’Idea Russa. È perfettamente logico, ed era ovvio fin dall’inizio dell’operazione, perché la scala è così globale che richiede il coinvolgimento di tutti, e questo significa che la voce del tassista, del parrucchiere e del contadino collettivo e dei portatori dell’Idea russa dovrà essere ascoltata, e non solo quando parla dalla bocca dell’eroico e bellissimo Ramzan Kadyrov. Sì, sono completamente d’accordo, oggi è l’idea russa che Kadyrov sta trasmettendo, «Akhmat è il potere! Allahu Akbar!» fa parte dell’Idea russa, ma è solo ceceno. Ci sono anche altre cose che hanno bisogno di essere espresse e presentate.

È assolutamente chiaro come la gente vede e valuta i negoziati a Istanbul. È una vivida espressione di ciò che viene pensato popolarmente dell’élite nel suo insieme – ahimè, sono convinti che sia pronta a tradirli di nuovo in qualsiasi momento – e ora è semplicemente necessario dissuaderli dal farlo, non con parole, ma con fatti, con anche simboli, segni, intonazioni. Oggi bastano i licenziamenti e la rotazione del personale, domani saranno necessarie misure più drastiche. Indovinate quali, basta sfogliare la nostra storia.

Il vecchio paradigma, che era una combinazione di sovranità e globalismo liberale, è crollato il 22 febbraio 2022. Un fatto che è già irreversibile. Ciò che rimane è la sovranità meno il liberalismo e l’occidentalismo, meno la quinta colonna, meno la sesta colonna, il che significa che l’idea russa dovrebbe essere accettata dall’élite e non cautamente respinta da essa; meglio, dovrebbe essere accettata con tutto il cuore, nella sua forma integrale di destra, conservatrice e tradizionalista, e di sinistra, anticapitalista. In entrambe le versioni – destra e sinistra – è diretta contro il nostro vero nemico, l’Occidente, in nome della libertà e dell’indipendenza del nostro potere e della nostra civiltà. Sia la sinistra che la destra sono pronte – in Russia – per questo patto, ma ispira ancora terrore nell’élite al potere e nei suoi portavoce. Ciò è male: la possibilità di convertirsi al patriottismo – profondo e sincero – è data a tutti, compresa la sesta colonna, ma bisogna fare in fretta.

La seconda parte dell’operazione militare speciale richiede un risveglio del fattore russo. Il popolo non può più rimanere un osservatore passivo e accettare semplicemente ciò che accade, deve essere portato nel regno dell’azione. Nessuno sta dicendo che a causa del pubblico interno è necessario cancellare i passi tattici nei negoziati, no, ma è altrettanto necessario formalizzare certe operazioni in modo visivo e personificato correttamente. Il popolo odia Abramovich e disprezza Medinsky, forse immeritatamente e a torto, ma questo non è importante, ciò che conta è che il fatto sociologico non è come è realmente, ma ciò che il pubblico crede, è una questione di percezione. In Ucraina siamo di fronte a una terribile prova di questa verità: gli oppositori zombificati dalla propaganda stanno morendo per ridicole sciocchezze. Perché ci credono. Muoiono e uccidono, per le parole, per le immagini, per i gesti. Ben sappiamo che le parole e le immagini sono fondamentali, così come l’intonazione, i gesti, la scelta dei termini, il timbro della voce. Peskov deve essere un grande oratore, ma in tempo di pace, poiché trasmette calma, fiducia e disinvoltura. E vorremmo Levitan… È il momento di Levitan.

Quello che trasmettono Abramovich e Medinsky e gli opinionisti israeliani preferiti da Solovyov è ancora più difficile da determinare, ma chiaramente non è quello che il popolo aspetta. Il popolo sta aspettando l’idea russa. Sì, il tassista, il parrucchiere e lo stesso agricoltore collettivo (da dove viene l’agricoltore collettivo, a proposito, se le fattorie collettive sono state distrutte dai riformatori liberali negli anni 90?) i quali possono capire se la formulazione è corretta perché si tratta di loro, anzi sono loro i veri russi. Quanto possiamo avere paura di questa parola? Stigmatizziamo la russofobia negli altri e chiediamoci se le nostre stesse élite ne soffrano.

Il nemico sta uccidendo noi russi e sta già attaccando le nostre città russe. In questi casi, anche gli internazionalisti convinti si rivolgono al popolo. Penso che Vladimir Solovyov sia stato semplicemente traviato dal diavolo o da qualche agente di influenza che non è stato ancora epurato. I tempi possono essere a dir poco tesi e snervanti, ma per la nostra gente oggi è il momento di decidere di essere o non essere. E non presteremo più attenzione alle sfumature della cortesia.

La seconda fase di un’operazione militare speciale richiede insistentemente la mobilitazione spirituale e psicologica della società. Tutto per il fronte, tutto per la vittoria. Quindi, russo, alzati! E lasciarti intralciare il cammino. Il russo si alzerà comunque, si tratta del destino della Patria, della nostra storia, dei nostri eroi, che anche oggi versano sangue per la nostra terra, il nostro stato e la nostra Idea. Per l’idea russa.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

7 aprile 2022