Il popolo russo come forza integratrice

image_pdfimage_print

di Miklós Kewehazy e Karoj Lorant

Le idee di Zbigniew Brzezinski sulla geopolitica nel suo libro La grande scacchiera presentano una riorganizzazione del mondo da una prospettiva americana o, forse più precisamente, atlantista, con la possibilità di difendere gli interessi americani.

Al polo opposto si trova il libro di Alexander Dugin, Fondamenti di geopolitica, e le opinioni ivi espresse sugli interessi nazionali della Russia. La presentazione del libro di Dugin e del suo punto di vista sugli interessi geopolitici della Russia diventa rilevante a causa della tragedia della sua famiglia, l’omicidio pianificato di sua figlia.

Affinché un Paese o una nazione abbia interessi geopolitici, è importante che disponga di un adeguato potere economico e militare, senza il quale non può ovviamente intervenire nelle questioni geopolitiche, cercando una maggiore influenza geopolitica. Tuttavia, non si può dire che questa situazione sia particolarmente vantaggiosa per il Paese in questione, poiché spesso può comportare la distruzione del Paese stesso, come nel caso della guerra in Corea, in Vietnam e ora in Ucraina.

Gli interessi geopolitici possono essere detenuti non solo da grandi Paesi, ma anche da gruppi di Paesi uniti lungo alcune linee, e persino da entità “super-statali”. Dugin, ad esempio, quando parla degli interessi nazionali russi, considera il suo principale avversario non l’America, ma l’Alleanza Atlantica degli Stati, che è un concetto molto più ampio degli stessi Stati Uniti.

In effetti, per quanto riguarda la fine della guerra in Ucraina, è molto interessante sapere chi è l’altra parte del conflitto? Gli Stati Uniti come Stato nazionale? Le potenze anglosassoni? La NATO come organizzazione? O una “forza di fondo euro-atlantica” che aleggia su tutto?

Inoltre, l’Europa può avere interessi geopolitici in Europa (anche Alexander Dugin suggerisce tali possibilità organizzative geopolitiche), che differiscono sia dagli interessi nazionali americani, sia da quelli della NATO come organizzazione militare, e soprattutto da quelli di una “potenza di sfondo euro-atlantica”.

Al momento, tuttavia, i leader dell’Unione Europea e dei suoi Stati membri più grandi non sono in grado di articolare i propri interessi geopolitici perché sono essenzialmente servi di questa potenza di sfondo euro-atlantica e, laddove hanno ancora le loro scelte (politica energetica), diventano molto più i becchini dell’Europa che i difensori degli interessi europei.

A differenza di Brzezinski, ad esempio, che nelle sue esposizioni geopolitiche rappresentava soprattutto gli interessi atlantici piuttosto che quelli americani, Dugin è un vero patriota russo e il suo pensiero si concentra sugli interessi della nazione russa, sulle sue specificità culturali e sul ruolo dei russi nell’integrazione della regione eurasiatica.

 

Circa la metà degli otto capitoli del suo libro Analisi geopolitica, che include una discussione e una valutazione delle idee di altri suoi colleghi, è dedicata alla situazione geopolitica della Russia e alle sue potenziali relazioni.

Secondo Dugin (all’epoca della stesura del suo libro, cioè a metà degli anni Novanta), in Russia ci sono due direzioni per quanto riguarda il futuro del Paese.

Uno è quello dei liberali radicali, o riformisti, che prendono come esempio la società occidentale, il sistema capitalistico moderno, e accettano pienamente la visione di Francis Fukuyama sulla fine della storia, cioè la vittoria finale del capitalismo liberale. Questa tendenza nega valori come l’individuo, la nazione, la storia, gli interessi geopolitici, la giustizia sociale; tutto si basa sulla massima efficienza economica, sull’individualismo, sul principio del primato del consumo e del libero mercato.

A suo avviso, al posto della Russia, i liberali vogliono costruire una nuova società che storicamente non è mai esistita, dominata dalle regole economiche e dagli atteggiamenti culturali con cui oggi vive l’Occidente e soprattutto gli Stati Uniti. Utilizzando la terminologia liberale occidentale e le norme giuridiche, questo campo liberale può facilmente rispondere a qualsiasi problema della realtà russa. Per molto tempo, questa posizione è stata quasi l’unica a dominare ideologicamente, soprattutto perché generalmente coincideva con l’orientamento generale delle riforme liberali.

Un altro sistema di opinioni sul futuro della Russia è il programma della cosiddetta opposizione nazional-patriottica. Questo campo è molto eterogeneo, ma i suoi membri sono uniti dall’avversione per le riforme liberali e per la logica liberale sostenuta dai riformatori. Questa opposizione non è solo nazionale e non è solo patriottica, ma è anche “rosa e bianca”, cioè composta da comunisti che rifiutano i rigidi dogmi marxisti-leninisti e da sostenitori della monarchia ortodossa, della statualità di tipo zarista.

Per questo motivo, Alexander Dugin chiama questa tendenza “tendenza sovietico-zarista” e afferma che il loro sistema di vedute si basa su archetipi ideologici, geopolitici, politico-sociali e amministrativi, che cercano di approssimare i periodi sovietico e pre-sovietico-zarista.

Secondo Dugin, l’ideologia di questi patrioti è molto più contraddittoria e confusa rispetto alle costruzioni logiche e chiuse dei liberali, per cui spesso non appare come un concetto o una dottrina coerente, ma frammentata, a livello di emozioni, e piuttosto incoerente.

Dugin rifiuta entrambe le tendenze politiche e afferma che sarebbero un vicolo cieco per il popolo russo. La tendenza liberale comporterebbe la graduale eliminazione delle caratteristiche nazionali russe e significherebbe la fine della storia per i russi, mentre la tendenza sovietico-tsarista cercherebbe di far rivivere la nazione e lo Stato nelle stesse forme e strutture storiche che hanno effettivamente portato alla loro graduale degradazione e al loro eventuale crollo.

C’è quindi un urgente bisogno di una terza via, un concetto ideologico specifico che non sia un compromesso tra il liberalismo dei riformisti e il soviet-tsarismo dell'”opposizione unita”, ma che rompa con la logica del dualismo “liberali o opposizione” e crei un’alternativa genuina a entrambi, basata sulle specificità e sugli interessi della nazione russa.

Secondo Dugin, il popolo russo è una comunità storica, etnicamente, culturalmente, spiritualmente e religiosamente unita, portatrice di una civiltà unica, che ha svolto un ruolo cruciale nella creazione non di uno, ma di diversi Stati, dal mosaico degli antichi principati slavi a Mosca-Russia, all’Impero di Pietro il Grande e all’Unione Sovietica.

La continuità tra le varie entità è stata assicurata dal popolo russo non solo lungo le linee etniche, ma ha espresso in esso un’idea di civiltà peculiare e indipendente, diversa da qualsiasi altra. La nazione russa non è stata creata dallo Stato, ma dalla nazione russa; il popolo russo ha sperimentato diversi tipi di sistemi statali nel corso della storia. Tutto ciò giustifica la necessità di porre il popolo russo e i suoi interessi al centro dello sviluppo del concetto geopolitico.

Pertanto, Alexander Dugin vede il popolo russo come una forza integratrice, capace di unire altri popoli, e questa è la sua vocazione nella regione eurasiatica. Quali formazioni potrebbe avere questa alleanza, secondo Dugin, lo presenteremo nei prossimi articoli, indicando anche le opinioni di Brzezinski, che rappresenta il polo opposto. L’insieme di questi due concetti getta ulteriore luce sul contesto della guerra in corso e in escalation in Ucraina.

Notiamo che geopolitici come Dugin e Brzezinski disegnano e decifrano facilmente le mappe, ma non siamo ancora consapevoli di cosa comporti la loro attuazione. Eppure non vanno condannati per questo, perché tenere conto dei fattori che la geopolitica affronta può anche aiutare a costruire una cooperazione pacifica in grandi regioni.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

10 settembre 2022