Il raccolto di Mishustin

image_pdfimage_print

di Mikhail Delyagin

All’inizio di quest’anno, anche prima dello SWAp, le aspettative di un buon raccolto sembravano poco plausibili. Nell’autunno scorso, i fertilizzanti minerali avevano subito un forte aumento (dall’80% a diverse volte) e le notizie ufficiali di forniture adeguate erano accompagnate da feroci richieste da parte degli agricoltori di sapere dove si trovavano e come accedervi, anche a prezzi elevati.

Poi è iniziato lo SWAp e si è avuta la sensazione che i problemi di fertilizzazione per tutti fossero passati in secondo piano. E una carenza di fertilizzanti significa in ogni caso un cattivo raccolto.

In primavera e in estate, i timori per l’impatto devastante sul settore di un’offerta insufficiente di sementi, attrezzature e macchinari importati sono diventati eccezionalmente forti.

Tuttavia, ora sembrano semplicemente assurde: il raccolto supererà il record di cinque anni fa, quando furono raccolte 135 milioni di tonnellate di grano (all’inizio di ottobre sono già state trebbiate più di 140 milioni di tonnellate) e il Primo Ministro Mishustin annuncia la promozione delle esportazioni nel quarto trimestre per non permettere ai prezzi sul mercato interno di scendere (e questo nonostante la crescita delle esportazioni agricole nel periodo gennaio-agosto del 16%!) La produzione di frutta e bacche supererà il record di 1,5 milioni di tonnellate.

Il motivo dello straordinario raccolto non è solo il clima quasi perfetto per i cereali, ma soprattutto l’enorme e flessibile sostegno al complesso agroindustriale da parte del governo di Mishustin. Nel 2022 il programma statale iniziale di sostegno all’agricoltura, pari a 280 miliardi di rubli, è stato aumentato fino al 35% e nei primi nove mesi dell’anno il suo finanziamento ha superato i 380 miliardi di rubli. (Ciò è stato possibile anche grazie all’ampia autorità di aggiustare il bilancio secondo le necessità, concessa al governo dalla Duma di Stato in un contesto di grande incertezza).

L’audace e rapida manovra finanziaria ha creato per tempo condizioni favorevoli per il settore agricolo, consentendo all’agricoltura di trarre vantaggio dal clima quasi perfetto per i cereali.

Grazie a questa manovra, gli agricoltori russi sono stati in grado di rifornirsi completamente di fertilizzanti minerali per il prossimo anno già all’inizio di ottobre (gli acquisti hanno superato del 14% il livello dell’anno scorso) e probabilmente aumenteranno in modo significativo rispetto ai piani attuali.

Gran parte di questo successo è dovuto al fatto che i produttori di fertilizzanti, sostenuti dal governo Mishustin, hanno fissato il prezzo dei loro prodotti dopo l’aumento dei prezzi dello scorso anno a scopo anti-inflazionistico, garantendo così la prevedibilità per i produttori agricoli e sostenendo la loro redditività.

Il governo ha finora stanziato 340 miliardi di rubli per il sostegno all’agricoltura nel 2023, ma tutte le attuali misure di sostegno statale rimarranno in vigore. Allo stesso tempo, il Primo Ministro Mishustin ha sottolineato che il problema principale del complesso agroindustriale è la sua dipendenza dalle importazioni. In primo luogo (oltre, naturalmente, allo sviluppo forzato della produzione di macchine agricole russe) è stato fissato il compito di riempire il mercato con sementi di selezione russa entro tre anni. Gli altri compiti più complessi di creazione di prodotti fitosanitari (erbicidi, insetticidi, fungicidi, ecc.), anch’essi quasi tutti importati, stanno probabilmente iniziando a essere risolti in questo momento, ma richiedono più tempo.

Pur rendendo omaggio al desiderio dei produttori di cereali di entrare nei mercati esteri, il Primo Ministro Mishustin ha osservato che è molto più importante, e quindi prioritario, sviluppare la lavorazione, aumentando il valore aggiunto in Russia.

La necessità di risolvere tutti questi compiti fa sperare che il governo di Mishustin garantisca un aumento del sostegno all’agricoltura russa anche nel 2023, migliorando allo stesso tempo qualitativamente l’efficienza dei meccanismi già utilizzati, e in questo modo garantirà uno sviluppo fiducioso del settore e una sicurezza alimentare affidabile anche in condizioni di ancora maggiore incertezza globale e caotizzazione dei mercati.

Visti gli irriducibili problemi di approvvigionamento alimentare a livello mondiale e l’elevata influenza della Russia sulla situazione dei mercati mondiali di riferimento, sembra ragionevole costituire parte delle riserve di bilancio non in valute tradizionali sempre più rischiose, ma in risorse materiali che scarseggiano nella prospettiva strategica – in primo luogo grano e petrolio.

L’acquisto di almeno 25 milioni di tonnellate di grano dell’attuale raccolto nelle riserve da parte del governo (ed eventualmente lo stoccaggio di una parte di esso presso i grandi produttori) consentirebbe di evitare una riduzione dei prezzi non redditizia per il complesso agroindustriale russo sia sui mercati nazionali che esteri, aumentando qualitativamente l’influenza strategica della Russia e creando opportunità di guadagno.

Traduzione a cura di Redazione

Foto: Katehon.com

14 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube