Il rifiuto del Processo di Bologna e le convulsioni ideologiche dell’élite

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Parliamo del rifiuto del Processo di Bologna [N.d.T.: Si tratta del processo di riforma del sistema di formazione superiore a livello internazionale, cominciato nel 1999 presso l’Università di Bologna, da cui prende il nome. Tale accordo ha permesso un sistema pressoché unificato di riconoscimento ed equipollenza dei titoli accademici. Molti Stati europei aderiscono al Processo, ma da circa tre anni c’è un progressivo abbandono della convenzione.] Il punto focale è una questione di principio. L’introduzione del Sistema di Bologna faceva parte di un progetto complessivo: la piena integrazione della Russia nel mondo globale, il che significa adottare tutte le norme e le regole dell’Occidente, che viene preso come punto di riferimento per la globalizzazione. Non si trattava solo di istruzione, ma è stata la strategia principale del governo russo dal 1991. L’adeguamento di tutti gli standard di vita – istruzione, economia, cultura, scienza, politica, tecnologia, moda, arte, educazione, sport, media – alle norme dell’Occidente moderno era l’obiettivo principale di tutte le riforme. Questo valeva per tutto ed era l’obiettivo principale delle autorità sia sotto Eltsin che sotto Putin. L’attuazione del sistema di Bologna è un elemento infinitesimale di questa strategia complessiva.

Naturalmente, c’era una differenza tra gli anni ’90 e gli anni 2000. Sotto Eltsin, la piena accettazione dei modelli e delle norme occidentali è stata accompagnata dall’integrazione nel mondo globale e dalla disponibilità a sacrificare tutto per essa, comprese la sovranità e l’indipendenza. La standardizzazione è quindi andata di pari passo con la de-sovranizzazione.

Sotto Putin, la sovranità è stata proclamata come il valore più alto, ma l’occidentalizzazione e la standardizzazione sono continuate. A quanto pare, seguendo l’esempio di Pietro il Grande, Putin ha deciso di utilizzare la tecnologia occidentale per rafforzare il Paese e, a un certo punto, basandosi su questi standard presi in prestito, di sferrare un duro colpo. Pietro stesso aprì una finestra sull’Europa per far affacciare i cannoni russi. Allo stesso tempo, Pietro stava anche rompendo la tradizione russa, mentre Putin ha ottenuto una società in cui la tradizione era già rotta.

Se si accetta l’ipotesi che Putin stesse perseguendo una strategia di copiatura del sistema occidentale nell’interesse del rafforzamento della sovranità russa, e non ci sono altre ipotesi intelligibili, allora con l’inizio della SMO è arrivato il momento della verità: era il momento di contrattaccare, l’Occidente, che aveva ostinatamente cercato di strapparci l’Ucraina ingannando e ipnotizzando la popolazione sempliciotta della Piccola Russia, è stato colpito. Anche in questo caso c’è un parallelo con Pietro: la battaglia di Poltava, che la Russia moderna persegue ostinatamente dal febbraio 2022. Tutto si incastra.

Tuttavia, c’è una differenza tra il XVIII secolo e il XXI: la moderna tecnologia occidentale è inestricabilmente legata all’ideologia, la tecnologia stessa porta con sé un chiaro codice di globalismo e liberalismo. Né i beni né gli oggetti sono ideologicamente neutri, tanto meno i metodi educativi e le discipline accademiche, che la Russia moderna ha copiato servilmente negli ultimi 30 anni. All’inizio era un segnale di sconfitta, poi un “piano astuto” per concentrarsi e prepararsi a un attacco di rappresaglia. Ora cosa fare di quegli elementi, tecnologie e istituzioni che la Russia ha copiato dall’Occidente Non solo il sistema educativo, ma tutto il resto: le tecnologie informatiche, le istituzioni finanziarie, i codici culturali, i meccanismi di mercato, la globalizzazione del lavoro e dell’approvvigionamento energetico e persino la democrazia stessa, il parlamentarismo, le elezioni, i diritti umani, cioè tutto… Dopo 30 anni di dominio di questa particolare strategia, la Russia non ha nulla, o quasi, di proprio. Il sistema di Bologna è solo una sindrome. In questo problema, come in uno specchio, possiamo vedere tutto il resto.

Cosa fare quindi con gli standard occidentali in una situazione in cui l’Occidente ci ha buttato fuori e noi dobbiamo dargli una risposta civile esaustiva?

Questo è in generale il problema principale di oggi. È diventato così acuto con l’inizio dell’operazione militare speciale e a sua volta la nostra stessa vittoria dipende direttamente da questo. Dopotutto, anche le relazioni con Kiev, per tutta la sua follia da Maidan 2014, ci rimandano a questo dilemma.

Mosca insiste: siate con noi.

Kiev chiede: dove state andando, perché possiamo decidere con voi o non con voi?

Mosca risponde: stiamo andando verso l’Occidente, verso il mondo globale, e per questo stiamo standardizzando tutto. Hanno anche introdotto il sistema di Bologna.

Kiev protesta: se voi andate in Occidente, ci andiamo anche noi, siamo più vicini, e ora avremo il Sistema di Bologna.

Mosca inizia ad arrabbiarsi: vi faremo del male!

Kiev non si arrende e parla di lardo, “eroi”, viaggi senza visto e… Bandera. Lo sappiamo tutti.

Ma tutto ruota intorno alla risposta alla ragionevole domanda di Kiev: dove stai andando? Se la Russia va verso l’Occidente, tutte le altre nazioni fraterne sono perfettamente in grado di farlo da sole, senza di essa. È abbastanza facile tradurre libri di testo e manuali occidentali dall’inglese o dal cinese in ucraino, kazako, tagico e persino ceceno o tataro. Il russo come intermedio non è affatto necessario.

Ecco perché sotto Eltsin tutti scappavano da noi, ma questo è anche il motivo per cui non si precipitano verso di noi sotto Putin, perché finché siamo ancora nel paradigma tutti vogliono andare in Occidente.

Oggi quello slogan è crollato. Si scopre che noi stessi non ci andremo, e l’Occidente non solo non ci aspetta, ma ci odia ferocemente – da qui l’ondata frenetica di russofobia, inaugurata dalla SMO.  Ma per 30 anni abbiamo camminato e detto che stavamo camminando, a noi stessi e agli altri, nella direzione dell’Occidente. Ora è diventata chiara la direzione e i funzionari del Ministero dell’Istruzione si affrettano a mostrarsi come patrioti radicali. Abbasso il sistema di Bologna. Non sembra, però, tutto troppo facile?

Innanzitutto, possiamo e dobbiamo eliminare il sistema di Bologna (noi patrioti ci battiamo da tempo per questo), ma il semplice ritorno al modello sovietico non è affatto una soluzione, anzi è impossibile e inutile. C’è bisogno di una chiara ideologia dell’educazione che corrisponda alla Russia come civiltà, e come civiltà che ha sfidato l’Occidente. Chi tra i funzionari del Ministero dell’Istruzione può pensare anche solo per un attimo a questioni così serie? Non esistono persone di questo tipo in natura.

Secondo: il sistema di Bologna riguarda la forma dell’istruzione, ma non influisce affatto sul contenuto. Tornare agli standard specialistici e sovietici e mantenere il contenuto liberale delle discipline umanistiche fondamentali è assolutamente insensato. Il sistema di Bologna è stato progettato per sincronizzare il liberalismo e il globalismo dei contenuti educativi con le forme di apprendimento e di valutazione generalmente accettate in Occidente. L’educazione è il principale strumento di potere sulle menti. Non è una coincidenza che negli ultimi 30 anni i liberali abbiano formato un esercito di educatori come agenti dell’influenza liberale. Tutte le istituzioni educative russe, in primis le università, ne sono piene. Questi erano gestiti dai servizi speciali occidentali e attivamente sostenuti da fondazioni ad essi associate, come nel caso di Soros, ma non solo, e hanno prestato la massima attenzione al contenuto, ovvero i paradigmi ideologici. E questa non è una domanda per i burocrati. Né, temo, ai cecoslovacchi, perché qual è stata la loro educazione? Un tipo particolare? Sì, il patriottismo è stato sottolineato, ma chi si è occupato del contenuto ideologico? Ancora una volta, il ritorno ai vecchi quadri sovietici non è un’opzione. Queste persone sono spesso rispettabili, ma capiscono il nuovo mondo solo in parte, anche se il vettore etico è stato conservato. Ciò, ahimè, non è sufficiente.

In terzo luogo, anche se ipotizziamo che le autorità si rendano conto della gravità del problema dell’educazione sovrana, precedentemente alla mercé degli agenti liberali, e se ne preoccupino sinceramente, anche in questo caso il problema non può essere risolto senza trasformazioni simili in altri settori. Come è possibile de-liberalizzare l’istruzione e mantenere allo stesso tempo gli standard liberali occidentali in tutte le altre sfere della vita? Il mercato, il capitalismo, la digitalizzazione, l’intelligenza artificiale, la fiducia acritica nel progresso scientifico e tecnologico, la robotizzazione, in definitiva la democrazia, il parlamentarismo, la società civile e i diritti umani sono tutte copie degli standard liberali occidentali e sono così profondamente radicati nella società che il solo pensiero di doverli sradicare farebbe inorridire chiunque sia al potere, non certo il popolo (che capisce tutto in modo più chiaro e semplice).

Ciò porta a convulsioni ideologiche inevitabilmente. Continuare a copiare l’Occidente e le sue norme, standard e regole non è più possibile. Siamo stati disconnessi dall’aggiornamento e, inoltre, le falle e le patch incorporate nella tecnologia sono già state attivate per autodistruggersi e cancellare i dati. Ci abbiamo fatto affidamento e ci ha legittimamente deluso. Allora ci siamo precipitati disperatamente verso la sostituzione delle importazioni, con la pretesa di costruire un Occidente moderno per noi, uguale, ma senza le persone LGBT+, oppure anche con loro ma in versione “patriottica”, fedele al governo.

Rifiutiamo il dannato sistema occidentale di Bologna e implementiamo il nostro “sistema di Bologna russo”, e così in ogni cosa. Questa è una soluzione molto intelligente. Certamente c’è una via d’uscita, ma il governo deve prima assicurarsi che quella che propone oggi non sia affatto una fregatura. Se non iniziamo a pensare in modo sovrano, si tratterà di tradurre il manuale di istruzioni dell’aspirapolvere in slavo antico o di legare una cravatta rossa ad esso.

Mi sono convinto che sia del tutto inutile e persino perverso dare consigli a persone che non ne hanno bisogno e che, per di più, sono convinte di sapere tutto da sole. Dobbiamo quindi prepararci a un gioco di specchi: rifiuto del sistema di Bologna, rifiuto del sistema di Bologna, rifiuto del sistema di Bologna e così via fino al periodo successivo, per tutte le altre sostituzioni di importazioni. Quando questo ciclo sarà terminato, allora parleremo seriamente di riforme dell’istruzione. E non con chiunque.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

9 giugno 2022