Il Sud globale riuscirà a liberarsi dal debito dollarizzato?

image_pdfimage_print

di Pepe Escobar

Con Il destino della civiltà: Capitalismo finanziario, capitalismo industriale o socialismo, Michael Hudson, uno dei più importanti economisti indipendenti del mondo, ci ha fornito probabilmente il manuale definitivo su dove siamo, chi comanda e se possiamo scavalcarlo.

Buttiamoci subito nella mischia. Hudson inizia con un’analisi dell’etica del “prendi i soldi e scappa”, con tanto di deindustrializzazione, dato che il 90% dei ricavi delle aziende statunitensi è “utilizzato per il riacquisto di azioni e il pagamento di dividendi per sostenere i prezzi delle azioni delle società”.

Questo rappresenta l’apice della strategia politica del “capitalismo finanziario”: “catturare il settore pubblico e spostare il potere monetario e bancario” a Wall Street, alla City di Londra e ad altri centri finanziari occidentali.

L’intero Sud globale riconoscerà facilmente il modus operandi imperiale: “La strategia dell’imperialismo militare e finanziario statunitense consiste nell’installare oligarchie e dittature clienti e nel convincere gli alleati a unirsi alla lotta contro gli avversari designati, sovvenzionando non solo i costi bellici dell’impero (“difesa”), ma anche i programmi di spesa interna della nazione imperiale”. Questa è l’antitesi del mondo multipolare auspicato da Russia e Cina.

In breve, la nostra attuale Guerra Fredda 2.0 “è fondamentalmente condotta dal capitalismo finanziario centrato sugli Stati Uniti che sostiene le oligarchie dei rentier contro le nazioni che cercano di costruire una più diffusa autosufficienza e prosperità interna”.

Hudson ci ricorda in modo preveggente Aristotele, che direbbe che è nell’interesse dei finanzieri esercitare il loro potere contro la società in generale: “La classe finanziaria è stata storicamente la principale beneficiaria degli imperi, agendo come agente di riscossione”.

Quindi, inevitabilmente, la principale leva imperiale sul mondo, una vera e propria “strategia di sottosviluppo”, doveva essere finanziaria: strumentalizzare la pressione del FMI per “trasformare le infrastrutture pubbliche in monopoli privatizzati e invertire le riforme del XX secolo a favore dei lavoratori” attraverso le famigerate “condizionalità” dei prestiti.

Non c’è da stupirsi che il Movimento dei Non Allineati (NAM), fondato a Belgrado nel 1961 con 120 nazioni e 27 osservatori, sia diventato una minaccia per la strategia globale degli Stati Uniti. Questi ultimi, com’era prevedibile, reagirono con una serie di guerre etniche e con le prime incarnazioni della rivoluzione cromatica, creando dittature su scala industriale, da Suharto a Pinochet.

Il culmine è stato un cataclismatico incontro a Houston il 19 dicembre 1990 per “celebrare” la dissoluzione dell’URSS, mentre Hudson ci ricorda come l’FMI e la Banca Mondiale “hanno preparato un piano per i leader russi per imporre l’austerità e dare via i propri beni – non importa a chi – in un’ondata di ‘terapia d’urto’ per lasciare che la presunta magia della libera impresa crei un libero mercato neoliberista”.

In larga misura, la nostalgia per lo stupro e il massacro della Russia degli anni ’90 alimenta quella che Hudson definisce la Nuova Guerra Fredda, in cui la Diplomazia del Dollaro deve affermare il proprio controllo su ogni economia straniera. La Nuova Guerra Fredda non è condotta solo contro la Russia e la Cina, “ma contro tutti i Paesi che resistono alla privatizzazione e alla finanziarizzazione sotto il patrocinio degli Stati Uniti”.

Hudson ci ricorda che la politica cinese “ha seguito quasi lo stesso percorso del protezionismo americano dal 1865 al 1914: sovvenzioni statali per l’industria, forti investimenti di capitale pubblico… e spese sociali per l’istruzione e la sanità per migliorare la qualità e la produttività del lavoro. Questo non si chiamava marxismo negli Stati Uniti; era semplicemente il modo logico di guardare all’industrializzazione, come parte di un ampio sistema economico e sociale”.

Ma poi il capitalismo finanziario – o casinò – ha preso piede e ha lasciato l’economia statunitense principalmente con “eccedenze di aziende agricole e monopoli nella tecnologia dell’informazione (in gran parte sviluppati come sottoprodotto della ricerca militare), nell’hardware militare e nei brevetti farmaceutici (basati su denaro pubblico per finanziare la ricerca) in grado di estrarre rendite di monopolio e di rendersi ampiamente esenti da tasse utilizzando centri bancari offshore“.

Questo è l’attuale Stato dell’Impero: fare affidamento solo “sulla sua classe di rentier e sulla diplomazia del dollaro”, con la prosperità concentrata nell’1% delle élite dell’establishment. L’inevitabile corollario è la diplomazia statunitense che impone sanzioni illegali e unilaterali alla Russia, alla Cina e a chiunque altro sfidi i suoi diktat.

L’economia statunitense è in effetti uno zoppo remake post-moderno del tardo impero romano: “dipendente dai tributi stranieri per la sua sopravvivenza nell’odierna economia globale dei rentier”. Ecco la correlazione tra la diminuzione del pranzo gratis e la paura assoluta: “È per questo che gli Stati Uniti hanno circondato l’Eurasia con 750 basi militari”.

Deliziosamente, Hudson si rifà a Lattanzio, alla fine del III secolo, descrivendo l’impero romano sulle Divine Istituzioni, per sottolineare i parallelismi con la versione americana:

“Per schiavizzare i molti, gli avidi cominciarono ad appropriarsi e ad accumulare i beni di prima necessità e a tenerli ben chiusi, in modo da poter tenere per sé queste ricchezze. Non lo fecero per amore dell’umanità (che non era affatto in loro), ma per rastrellare tutte le cose come prodotti della loro avidità e avarizia. In nome della giustizia, hanno emanato leggi inique e ingiuste per sancire i loro furti e la loro avarizia contro il potere della moltitudine. In questo modo si avvalevano tanto dell’autorità quanto della forza delle armi o della malvagità manifesta”.

Socialismo o barbarie

Hudson inquadra sinteticamente la questione centrale che il mondo di oggi si trova ad affrontare: se “il denaro e il credito, la terra, le risorse naturali e i monopoli saranno privatizzati e concentrati nelle mani di un’oligarchia di rentier o se saranno utilizzati per promuovere la prosperità e la crescita generale”. Si tratta fondamentalmente di un conflitto tra capitalismo finanziario e socialismo come sistemi economici”.

Per portare avanti la lotta, Hudson propone un programma contro-rentier che dovrebbe essere il progetto definitivo del Sud globale per uno sviluppo responsabile: proprietà pubblica dei monopoli naturali; infrastrutture di base in mano pubblica; autosufficienza nazionale – soprattutto nella creazione di denaro e credito; protezione dei consumatori e del lavoro; controlli sui capitali – per impedire il prestito o la denominazione dei debiti in valuta estera; tasse sui redditi non guadagnati, come la rendita economica; tassazione progressiva; una tassa sulla terra (“impedirà che il valore crescente degli affitti della terra venga dato in pegno alle banche per ottenere credito e far salire i prezzi degli immobili”); utilizzo del surplus economico per investimenti in capitale tangibile; autosufficienza alimentare nazionale.

Poiché Hudson sembra aver coperto tutte le basi, alla fine del libro mi è rimasta una sola domanda di fondo. Gli ho chiesto come analizzava le attuali discussioni tra l’Unione Economica Eurasiatica (EAEU) e i cinesi – e tra Russia e Cina, più avanti nel tempo – come in grado di fornire un sistema finanziario/monetario alternativo. Sono in grado di vendere questo sistema alternativo alla maggior parte del pianeta, schivando al contempo le vessazioni finanziarie imperiali?

Hudson è stato così gentile da rispondere con quello che potrebbe essere considerato il riassunto di un intero capitolo del libro: “Per avere successo, qualsiasi riforma deve riguardare l’intero sistema, non solo una singola parte. Le economie occidentali di oggi si sono finanziarizzate, lasciando la creazione di credito in mani private – da usare per ottenere guadagni finanziari a spese dell’economia industriale… Questo obiettivo si è diffuso come la lebbra in intere economie: i loro modelli commerciali (dipendenza dalle esportazioni agricole e petrolifere degli Stati Uniti e dalla tecnologia informatica), le relazioni di lavoro (anti-sindacalismo e austerità), la proprietà terriera (agricoltura di piantagione di proprietà straniera invece di autosufficienza domestica e autosufficienza in cereali alimentari) e la stessa teoria economica (trattare la finanza come parte del PIL, non come una spesa generale che sottrae reddito al lavoro e all’industria). “

Hudson avverte che “per liberarsi dalla dinamica del capitalismo finanziario predatorio sponsorizzato dagli Stati Uniti e dai suoi satelliti, i Paesi stranieri devono essere autosufficienti nella produzione di cibo, energia, tecnologia e altre necessità di base. Ciò richiede un’alternativa al “libero commercio” statunitense e al suo ancor più nazionalistico “commercio equo” (che considera “sleale” qualsiasi concorrenza straniera all’industria di proprietà statunitense). Ciò richiede un’alternativa al FMI, alla Banca Mondiale e all’ITO (da cui la Russia si è appena ritirata). E, ahimè, un’alternativa richiede anche un coordinamento militare come la SCO [l’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai] per difendersi dalla militarizzazione del capitalismo finanziario centrato sugli Stati Uniti”.

Hudson vede un po’ di luce in avanti: Per quanto riguarda la domanda se la Russia e la Cina possano “vendere” questa visione del futuro al Sud globale e ai Paesi eurasiatici, ciò dovrebbe diventare molto più facile entro la fine di quest’estate. Un importante sottoprodotto (non involontario) della guerra della NATO in Ucraina è il forte aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari (e dei prezzi di trasporto). Questo porterà la bilancia dei pagamenti di molti Paesi del Sud Globale e di altri Paesi in forte deficit, creando una crisi con la scadenza del loro debito denominato in dollari nei confronti di obbligazionisti e banche”.

La sfida principale per la maggior parte del Sud globale è evitare il default:

“L’aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti ha aumentato il tasso di cambio del dollaro non solo rispetto all’euro e allo yen giapponese, ma anche rispetto al Sud globale e ad altri Paesi. Ciò significa che una parte molto più consistente del loro reddito e delle loro esportazioni deve essere destinata al servizio del debito estero – e possono evitare il default solo facendo a meno di cibo e petrolio. Cosa sceglieranno? Il FMI potrebbe offrire la creazione di DSP per consentire loro di pagare – indebitandosi ancora di più, sottoponendosi ai piani di austerità del FMI e alla richiesta di vendere ancora di più le loro risorse naturali, le foreste e l’acqua”.

Come liberarsi dal debito dollarizzato? “Hanno bisogno di una massa critica. Questa non c’era negli anni ’70, quando si parlò per la prima volta di un Nuovo Ordine Economico Internazionale, ma oggi sta diventando una valida alternativa, grazie alla potenza della Cina, alle risorse della Russia e a quelle di Paesi alleati come l’Iran, l’India e altri Paesi dell’Asia orientale e centrale. Sospetto quindi che stia emergendo un nuovo sistema economico mondiale. Se avrà successo, l’ultimo secolo – dalla fine della Prima Guerra Mondiale e il disordine che ha lasciato – sembrerà una lunga deviazione della storia, che ora torna a quelli che sembravano essere gli ideali sociali fondamentali dell’economia classica – un mercato libero da proprietari in cerca di rendita, monopoli e finanza predatoria”.

Hudson conclude ribadendo il vero significato della nuova guerra fredda:

“In breve, si tratta di un conflitto tra due diversi sistemi sociali, ciascuno con la propria filosofia di funzionamento delle società. Saranno pianificate dai centri finanziari neoliberali con sede a New York, sostenuti dai neoconservatori di Washington, o saranno il tipo di socialismo immaginato alla fine del XIX secolo e all’inizio del XX secolo – un “mercato” e, di fatto, una società libera dai rentiers? I monopoli naturali, come la terra e le risorse naturali, saranno socializzati e utilizzati per finanziare la crescita interna e l’edilizia abitativa, o saranno lasciati agli interessi finanziari che trasformeranno gli affitti in pagamenti di interessi che si nutrono del reddito dei consumatori e delle imprese? E soprattutto, i governi creeranno la propria moneta e gestiranno le banche per promuovere la prosperità nazionale, o lasceranno che le banche private (i cui interessi finanziari sono rappresentati dalle banche centrali) sottraggano il controllo alle tesorerie nazionali?”.

Pubblicato su The Cradle

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

10 giugno 2022