Il tribunale degli Stati Uniti contro l’ideologia del progresso

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

La notizia numero uno al mondo oggi non è la SMO russa o il crollo dell’economia occidentale, ma la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti di rivedere la sentenza Roe Wade del 1973 e di rovesciare le garanzie costituzionali del diritto di interrompere una gravidanza. Ora la questione dell’aborto è stata spostata a livello di ciascuno Stato, e subito il procuratore generale del Missouri, Eric Schmitt, ha annunciato la decisione di vietare l’aborto. Ha fatto esplodere gli Stati Uniti e l’intera sezione globalista di questo Stato, dopo aver ricevuto un tale colpo, si è precipitata nelle strade con ululati, ruggiti e un desiderio incontrollabile di bruciare auto e saccheggiare negozi. A mio avviso, questo è molto grave.

Il fatto è che l’unico ramo del governo degli Stati Uniti che non si è ancora screditato è stato fino a poco tempo fa quello dei tribunali. La loro autorità era indiscutibile per tutte le forze politiche. Si ritiene che la corruzione e le lobby ideologiche nel settore giudiziario non siano riuscite a prendere il controllo completo. E ora i giudici nominati sotto Trump hanno fatto la loro mossa. Tutto ciò richiede una riflessione molto seria.

Il fatto è che non c’è un solo Stato americano, ma due Paesi e due nazioni con questo nome e questo sta diventando sempre più evidente. Non si tratta nemmeno di repubblicani e democratici, il cui conflitto sta diventando sempre più aspro. È il fatto che esiste una divisione più profonda nella società americana.

Metà della popolazione statunitense è sostenitrice del pragmatismo. Ciò significa che per loro esiste un solo criterio di valutazione: funziona o non funziona, funziona/non funziona. Questo è tutto. E nessun dogma né sul soggetto né sull’oggetto. Ognuno può considerarsi quello che vuole, compreso Elvis Presley o Babbo Natale, e se funziona, nessuno osa obiettare. È lo stesso con il mondo esterno: non ci sono leggi inviolabili, fate quello che volete con il mondo esterno, ma se risponde duramente, è un problema vostro. Non esistono entità, ma solo interazioni. Questa è la base dell’identità dei nativi americani, è il modo in cui gli americani stessi hanno tradizionalmente inteso il liberalismo: come libertà di pensare ciò che si vuole, di credere in ciò che si vuole e di comportarsi come si vuole. Naturalmente, se si arriva al conflitto, la libertà di uno è limitata dalla libertà dell’altro, ma senza provare non si può sapere dove sta la linea sottile. Provate, forse funzionerà.

È così che è stata la società americana fino a un certo punto. Qui vietare l’aborto, permettere l’aborto, cambiare sesso, punire il cambio di sesso, sfilate gay o sfilate neonaziste erano tutte possibili, nulla veniva respinto dalla porta, la decisione poteva essere qualsiasi cosa, e i tribunali, basandosi su una moltitudine di criteri, precedenti e considerazioni imprevedibili, erano l’ultima risorsa per decidere, in casi problematici, cosa funzionava/non funzionava. Questo è il lato misterioso degli americani, completamente incompreso dagli europei, e anche la chiave del loro successo: non hanno confini, il che significa che vanno dove vogliono finché qualcuno non li ferma, ed è proprio questo che funziona.

Ma nell’élite americana, che è composta da persone provenienti da un’ampia varietà di ambienti, a un certo punto si è accumulato un numero criticamente elevato di persone non americane. Sono prevalentemente europei, spesso provenienti dalla Russia. Molti sono etnicamente ebrei ma impregnati di principi e codici culturali europei o russo-sovietici. Hanno portato negli Stati Uniti una cultura e una filosofia diversa. Non capirono o accettarono affatto il pragmatismo americano, vedendolo solo come sfondo per il proprio avanzamento. Cioè, approfittavano delle opportunità americane, ma non intendevano adottare una logica libertaria estranea a qualsiasi accenno di totalitarismo. In realtà, sono state queste élite aliene a dirottare la vecchia democrazia americana. Sono stati loro a salire al timone delle strutture globaliste e a prendere gradualmente il potere negli Stati Uniti.

Queste élite, spesso di sinistra-liberale, a volte apertamente trotzkista, hanno portato con sé una posizione profondamente estranea allo spirito americano: la convinzione di un progresso lineare. Progresso e pragmatismo sono incompatibili. Se il progresso funziona, bene. In caso contrario, deve essere abbandonato. Ecco la legge del pragmatismo: funziona/non funziona. Se volete andare avanti, andate avanti, se volete il contrario, non c’è problema, questa è la libertà all’americana.

Tuttavia, gli emigranti del Vecchio Mondo portavano con sé atteggiamenti molto diversi. Per loro il progresso era un dogma. Tutta la storia era vista come un continuo miglioramento, come un processo continuo di emancipazione, miglioramento, sviluppo e accumulo di conoscenza. Il progresso era una filosofia e una religione. In nome del progresso, che comprendeva un continuo aumento delle libertà individuali, lo sviluppo tecnico e l’abolizione di tradizioni e tabù, tutto era possibile e necessario, e non importava più se funzionasse o meno. Ciò che contava era il progresso.

Questo, però, rappresentava un’interpretazione completamente nuova del liberalismo per la tradizione americana. Il vecchio liberalismo sosteneva: nessuno potrà mai impormi nulla. Il nuovo liberalismo ha risposto: una cultura dell’abolizione, della vergogna, dell’eliminazione totale delle vecchie abitudini, del cambio di sesso, della libertà di disporre del feto umano (pro-choice), della parità di diritti per le donne e le razze non è solo una possibilità, è una necessità. Il vecchio liberalismo diceva: sii quello che vuoi, purché funzioni. Il nuovo ha risposto: non hai il diritto di non essere un liberale. Se non sei un progressista, sei un nazista e devi essere distrutto. Tutto deve essere sacrificato in nome della libertà, degli LGBT+, dei transgender e dell’intelligenza artificiale.

Il conflitto tra le due società – la vecchia libertaria, pragmatica, e la nuova neoliberale, progressista – si è costantemente inasprito negli ultimi decenni ed è culminato nella presidenza Trump. Trump ha incarnato un’America e i suoi avversari democratici globalisti l’altra. La guerra civile delle filosofie è giunta a un punto critico. Ed è proprio una questione di interpretazione della libertà. La vecchia America vede la libertà individuale come quella che esclude qualsiasi prescrizione esterna, qualsiasi richiesta di usarla solo in questo modo e non in altro, solo per questo e per nient’altro. Solo per l’aborto e il gay pride, ad esempio, e mai per vietare l’aborto o demonizzare i pervertiti. La Nuova America, invece, insiste sul fatto che la libertà richiede la violenza contro coloro che non la capiscono abbastanza bene. Il che significa che la libertà deve avere un’interpretazione normativa e spetta ai neoliberali stessi stabilire come e a chi usarla e come interpretarla. Il vecchio liberalismo è libertario. Il nuovo è palesemente totalitario.

Ed è in questo contesto che va vista la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti sull’aborto Roe v. Wade del 1973. È a favore del vecchio liberalismo e del pragmatismo. Si noti che non proibisce l’aborto, ma si limita ad affermare che non esiste una soluzione chiara a livello di legge federale. Gli Stati possono risolvere il problema come vogliono, ma significa, né più né meno, che il tempo è reversibile. È possibile muoversi in una sola direzione, progressiva, oppure è possibile muoversi in direzione opposta. Basta che funzioni. Quindi non si tratta affatto di aborto. Si tratta di comprendere la natura del tempo. Si tratta delle divisioni più profonde della società americana. Si tratta di un’America che entra in guerra con un’altra America sempre più apertamente.

La Corte Suprema sta ora ribaltando la strategia dittatoriale totalitaria delle élite globaliste neoliberiste, che agiscono – un po’ come i bolscevichi in Russia – in nome del futuro. Il progresso giustifica tutto. Fino ad allora, tutte le decisioni sono andate in una sola direzione: a favore dell’individualismo, dell’egocentrismo e dell’edonismo, e improvvisamente la Corte Suprema fa un brusco passo indietro. Perché, gli è stato permesso di farlo? E i vecchi americani quasi disperati, i pragmatici e i libertari si rallegrano: la libertà di fare quello che si vuole, non quello che dicono i progressisti e i tecnocrati, di andare in qualsiasi direzione, non solo dove i globalisti ci mandano a forza, ha trionfato di nuovo e il coraggioso procuratore generale del Missouri ha già dimostrato cosa si può fare. Bravo! È una rivoluzione pragmatica, una rivoluzione conservatrice all’americana.

Naturalmente, tutto lo schifo progressista globalista sta per andare a rotoli. La vecchia America ha in un certo senso contrattaccato la nuova America.

“Se il regno della legge è diviso in se stesso, diventerà certamente desolato”. Matteo 12, 25. Meglio prima che dopo…

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

28 giugno 2022