Il vertice USA-Africa rivolto contro Russia e Cina fallisce

image_pdfimage_print

di Drago Bosnic

A partire dal 13 dicembre, gli Stati Uniti d’America ospitano un vertice di partenariato USA-Africa di tre giorni con leader di tutto il continente africano. John Kirby, funzionario per la sicurezza nazionale della travagliata amministrazione Biden, ha insistito nelle interviste con i media regionali sul fatto che “il vertice non riguarda ‘un noi’ o loro, come ultimatum” quando si tratta dell’influenza crescente di Mosca e Pechino in Africa. Tuttavia, finora, proprio questo è stato il messaggio che gli Stati Uniti hanno inviato il primo giorno del vertice.
Secondo Al Jazeera, il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha detto ai leader africani al vertice che “la Russia ha rischiato di destabilizzare il continente con il suo crescente coinvolgimento”. Parlando all’apertura del vertice di tre giorni tra Stati Uniti e Africa, Austin ha affermato che “la Russia continua a vendere armi a buon mercato e a dispiegare mercenari in tutto il continente”.

Le affermazioni fatte dal Segretario alla Difesa degli Stati Uniti sono al massimo ipocrite. Alla fine di novembre, il governo nigeriano ha avvertito che le armi che Stati Uniti e NATO stanno inviando al regime di Kiev hanno iniziato ad apparire in Africa occidentale . Secondo il governo di Abuja, le armi illegali hanno cominciato a “filtrare” nella regione. L’allarme urgente è stato lanciato dallo stesso presidente nigeriano Muhammadu Buhari in un comunicato ufficiale pubblicato sul sito web dell’ufficio presidenziale nigeriano. Buhari “ha sollecitato una maggiore vigilanza e un rafforzamento della sicurezza intorno ai confini”, richiamando l’attenzione sull’”aumento del numero di armi, munizioni e altre armi provenienti dalla guerra tra Russia e Ucraina nel bacino del lago Ciad”.

Per quanto riguarda l’accusa che la Russia stesse dispiegando PMC (compagnie militari private), anche questa può essere descritta solo come ipocrisia, dato che gli Stati Uniti e altri mercenari occidentali operano in tutta l’Africa da decenni. Inoltre, le PMC russe (molto probabilmente Austin si riferiva al “Gruppo Wagner”) furono ufficialmente invitate da almeno una mezza dozzina di paesi africani. Queste società stanno aiutando vari governi africani nell’addestramento delle loro truppe e talvolta sono direttamente coinvolte nella lotta contro i terroristi e altri gruppi armati illegali, molti dei quali sono il più delle volte sostenuti dall’occidente politico con l’obiettivo di destabilizzare i suddetti paesi africani.

Gli Stati Uniti hanno anche accusato la Russia di essere il principale colpevole dietro l’incombente crisi alimentare globale, che l’amministrazione Biden ha cercato di (ab)usare pesantemente durante il vertice che prevede la partecipazione di 49 paesi africani. Molti di questi sono giustamente preoccupati di non potersi permettere cibo a sufficienza per sfamare la loro popolazione. Tuttavia, la crisi alimentare è stata il risultato delle sanzioni statunitensi e delle politiche anti-russe che impediscono a molti dei suddetti paesi africani di importare prodotti russi chiave come cibo e fertilizzanti. Ciò sta facendo aumentare i prezzi in tutto il mondo e sta esacerbando l’insicurezza alimentare già esistente in molti paesi africani.

D’altra parte, la maggior parte del grano ucraino e di altri prodotti alimentari che l’Occidente politico insiste essere lì per “nutrire il mondo” stanno finendo nei ricchi paesi occidentali che hanno acquisito circa il 30% della terra arabile ucraina e la stanno sfruttando per i propri guadagno. Per mesi, la macchina della propaganda mainstream occidentale ha ripetuto a pappagallo le spedizioni di cibo destinate all’Africa presumibilmente bloccate nel Mar Nero dalla Russia, mentre in realtà non c’è stato né un blocco né il cibo era mai destinato ad andare in Africa. A peggiorare le cose, dopo che la Russia ha firmato l’accordo sul grano, l’occidente politico (ab)ha utilizzato le nuove rotte marittime per inviare più armi al regime di Kiev , molte delle quali sono finite in Africa, come accennato in precedenza.

Tuttavia, la maggior parte dei paesi africani ha semplicemente deciso di non farsi coinvolgere dalla rivalità tra le grandi potenze statunitensi, quindi la talassocrazia belligerante ha provato a convincerli che investirà 55 miliardi di dollari in più paesi africani nei prossimi tre anni. Alla vigilia del vertice, il 12 dicembre, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan ha dichiarato: “Lavorando a stretto contatto con il Congresso, gli Stati Uniti impegneranno 55 miliardi di dollari per l’Africa nel corso dei prossimi tre anni”.

A parte i tentativi (infruttuosi) di creare una spaccatura tra Africa e Russia, gli Stati Uniti hanno anche provato a denigrare la Cina durante il vertice. Austin ha insistito sul fatto che “la Cina sta espandendo la sua impronta su base giornaliera “. Ha detto ai leader africani della crescente influenza economica della Cina , aggiungendo: “Il problema è che non sono sempre trasparenti in termini di ciò che stanno facendo e questo crea problemi che alla fine saranno destabilizzanti, se non lo sono già.” Tuttavia, le nazioni africane non erano particolarmente preoccupate da queste dichiarazioni. Il vertice di questa settimana è solo il secondo che gli Stati Uniti hanno ospitato in otto anni, dopo che l’amministrazione Obama ha avviato il primo vertice USA-Africa nel 2014. Questo dimostra quanto gli Stati Uniti abbiano a cuore l’Africa (e il Sud del mondo in generale ).

Tutto questo è in completo contrasto con il continuo impegno della Cina nei suoi massicci progetti economici con i paesi del Sud del mondo, compresa l’Africa. Il forum di cooperazione Cina-Africa, che si tiene regolarmente ogni tre anni dal 2000, ne è una testimonianza. C’è anche il continuo sostegno di Pechino (e di Mosca) ai movimenti di liberazione contro il disastroso dominio (neo)coloniale dell’Occidente politico , così come la portata colossale degli investimenti commerciali ed economici nella “Nuova Via della Seta” (o “Cintura e Strada ”), facendo del gigante asiatico il principale partner commerciale del continente. Questo vale in entrambe le direzioni, poiché solo l’anno scorso lo scambio commerciale tra la Cina e il continente ha superato i 254 miliardi di dollari, che è quattro volte il commercio tra Stati Uniti e Africa.

Traduzione a cura di Luciano Lago

Foto: Controinformazione.info

19 dicembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube