Io sono Darya!

image_pdfimage_print

di Andrej Kosterin

Evento

Uno dei concetti chiave della filosofia di Heidegger è l’Evento (Ereignis), il dispiegarsi dell’essere come vero essere. Non ogni evento è un Evento, ma solo l’Evento che ci fa risvegliare, uscire dalla corrente, riflettere su ciò che sta accadendo e sulle domande più dannose. Il primo evento di questo tipo nel 2022 è stato il “24 febbraio”, l’inizio di un’operazione militare speciale. In un istante il mondo è diventato Altro, qualcosa in esso è cambiato irrevocabilmente. È stato come se fosse caduto un velo e ci fosse stata rivelata una verità a lungo attesa, tanto attesa che molti di noi hanno disperato di aspettare…

Il secondo evento di questo tipo è stato naturalmente la morte di Daria Dugina, che ha sconvolto l’intero Paese ed è stata vissuta come una tragedia personale da molti, anche da coloro che non conoscevano Dasha.

Perché si è verificato il secondo evento? Era obbligatorio o c’era una sorta di errore ridicolo e mostruoso?

In un toccante discorso di addio, il padre di Dasha, Alexander Dugin, ci ha rivelato il terribile segreto della morte della figlia: “È morta per il popolo, è morta per la Russia al fronte, e quel fronte è qui. Non solo lì, ma anche qui, in ognuno di noi. La Grande Guerra del Bene e del Male, della Luce e delle Tenebre, della Russia e dell’Occidente è iniziata il 24 febbraio. Dove noi, tutti noi, dobbiamo essere i suoi guerrieri.

Purtroppo, pochi lo hanno capito. E così si verificò il secondo evento, il martirio di Dasha Dugina.

Solo un paio di mesi fa, mentre aspettavo il collega eurasiatista Zhar Volokhvin in una pasticceria francese di via Tverskaya (doveva essere il posto preferito di Daria, che amava tanto la Francia!), ho aperto casualmente il libro “Sul carattere nazionale russo” di Kseniya Kasyanova e mi sono imbattuto nel seguente ragionamento:

“L’abnegazione è un segnale a tutti coloro che ci circondano per suscitare sentimenti, per attirare l’attenzione. Ci dice: “L’ingiustizia ha raggiunto proporzioni insopportabili! Vedendo questo bagliore rosso nel cielo e forse un altro e un terzo, la cultura dovrebbe affrettarsi ad attivare i suoi meccanismi di difesa. E quali sono i “meccanismi di difesa della cultura”? – Siamo io e te. Noi, che viviamo in questa cultura e che la conosciamo, dobbiamo urgentemente iniziare a riflettere sulla situazione, a preoccuparci, a discutere e a confrontarci su ciò che possiamo fare. <Così, accanto alla graduale attivazione di questi “meccanismi di difesa”, ogni individuo nella sua sfera privata deve mobilitarsi con i propri mezzi per contrastare l’ingiustizia. Esistono modelli razionali di valore per questo. Un atto di autosacrificio è un colpo immediato ai nostri sentimenti, uno shock, in seguito al quale tutte le preoccupazioni della routine quotidiana passano in secondo piano e affiorano modelli di azione razionali e di valore. A seconda della situazione, ognuno sceglie una linea di condotta in base ai mezzi a sua disposizione. Ogni persona di cultura conosce questi modelli, questi mezzi e queste situazioni. È importante prepararsi e sintonizzarsi. Questo è il ruolo dell’atto supremo di espressione di sé nella cultura: il sacrificio di sé.

In qualche modo, in modo impercettibile anche per noi stessi, siamo diventati troppo disattenti, troppo insensibili, troppo incuranti, troppo arroganti. Non ci sono parole, anche quello che siamo diventati….

Ecco perché è accaduto il secondo Evento.

L’intero Paese si svegliò improvvisamente in quei giorni, agitato, unito in un unico dolore. Ma quanto siamo profondamente colpiti da questa tragedia? Siamo tutti Tili Ullenspiegel che ripetono con rabbia “Le ceneri di Klaas Dascha battono nel mio cuore!”? O ci immergiamo di nuovo nel mondo del comfort e dell’edonismo? Allora abbiamo un terzo, un quarto, ecc. Evento. Finché la guerra non toccherà ognuno di noi con la sua falce mortale. Sì, stiamo conducendo un’operazione militare speciale, ma il nostro nemico (e non stiamo parlando dell’Ucraina) è una guerra a tutti gli effetti. E questa guerra, che stiamo fuggendo come un “malvagio Gyaur”, è totale. Il nemico alle porte: è già in periferia, a due passi dalla tangenziale di Mosca e a un passo dall’affascinante Rublevka. E quanto più ritardiamo la mobilitazione, tanto più terribili e intollerabili saranno le condizioni in cui dovremo prepararci a parteciparvi.

Voglio credere che questa amara lezione sia sufficiente per noi. La morte di Daria si è ripercossa dolorosamente in tutto il mondo. Iran, Turchia, Cina. Brasile … chi non ha parlato in segno di simpatia e solidarietà? E, naturalmente, la Francia, tanto amata da Daria. La Pulzella d’Orleans, così pienamente incarnata in Dasha, grida di nuovo: “Chi mi ama, mi segua!”.

La morte che ci meritiamo

Il mondo moderno del consumismo ci ha insegnato a temere la morte. Lo eufemizziamo, lo rimandiamo, lo tabuizziamo. E viviamo come se non esistesse. Ma c’è, e si presenta in modo così terribile e sfacciato. Improvvisamente e irrevocabilmente.

Nell’Ortodossia, la morte ha un ruolo centrale. Nella Settimana Santa sperimentiamo la morte sulla croce e la risurrezione di Cristo. Cosa ci dice l’Ortodossia sulla morte? Che la morte è un evento, che la morte non è mai accidentale (anche se spesso lo sembra), che moriamo della morte che ci meritiamo.

Il metropolita Diocleziano Callistos (Ware), morto in questi giorni di dolore, predica quanto segue sulla morte: “La morte è un evento così definito, inevitabile, per il quale ogni uomo deve prepararsi. E se cerco di dimenticarlo, di nascondere a me stesso la sua inevitabilità, ci rimetto. La vera umanità è inseparabile dalla comprensione della morte, perché solo accettando la realtà della mia imminente partenza posso, nel vero senso della parola, diventare vivo.

Siamo tutti pronti per la morte? Ovviamente non tutti. La stragrande maggioranza di noi, alla ricerca del piacere, muore di cirrosi o di overdose, di virus, di vecchiaia o di incidente. Moriamo nel peccato. Da cause materiali, non spirituali.

La morte di Daria è davvero unica: è stata una morte che si è dovuta guadagnare. Non è morta per una malattia, né per un incidente stradale, né per un proiettile vagante da qualche parte a Mariupol. È morta in seguito a un’azione terroristica chiaramente pianificata da alcuni dei migliori servizi di sicurezza del mondo (e ancora una volta non in Ucraina, come si può facilmente intuire). Non siamo disposti a entrare nei dettagli per stabilire se l’azione terroristica fosse diretta contro Dugin o contro sua figlia. Ma che l’azione fosse diretta contro Daria stessa, non c’è dubbio. Daria Dugin è stata a lungo sottoposta a sanzioni e inserita nella lista nera dell’odioso sito web Peacemaker.

Alexander Dugin ha parlato dell’ultimo desiderio della figlia: “Papà, mi sento come un guerriero, mi sento come un eroe, voglio essere così, non voglio nessun altro destino, voglio stare con la mia gente, con il mio Paese, voglio stare dalla parte delle forze della luce, questa è la cosa più importante”.

Chi di noi può vantare un desiderio così disinteressato e fermo, quasi una preghiera: “Voglio morire per la mia patria”? Possiamo contare queste donne sulle dita delle mani: Giovanna d’Arco, Nadezhda Durova, Vasilisa Kozhin, Zoya Kosmodemyanskaya, Liza Chaikina, Marina Raskova. Gulia Koroleva…

Non tutte le nostre preghiere raggiungono Dio. Probabilmente questo è dovuto in parte al fatto che non siamo sinceri nelle nostre preghiere. Oppure chiediamo al Signore cose inopportune (il denaro, ad esempio, o altri mezzi per la nostra brama egoistica), ma nella preghiera di Daria, Egli ha sentito un desiderio così fermo e incrollabile che non ha potuto resistere, e l’ha adempiuta immediatamente. In quello che a noi uomini mortali sembra un modo mostruoso.

Non ne pagheremo il prezzo.

Alla panetteria francese abbiamo incontrato Zhar. Zhar ci ha invitato con Diana Ladoga al festival – prima vicino a Chekhov, poi vicino a Sergiev Posad. Ma non è successo. Non è capitato di incontrare Dasha, e questa è un’altra lezione impartita da una vita così concentrata di Daria: nulla deve essere rimandato a “dopo”. Il “dopo” potrebbe non arrivare mai.

Quale altra lezione possiamo trarre dall’impresa di Daria?

Un ultimo punto, ma molto importante. Diventare un eroe. Prima non avevamo sempre tempo per farlo. O non abbiamo voluto farlo davvero (scegliendo, secondo Saltykov-Shchedrin, tra il maiale stellato e la costituzione).

Come si fa a diventare un eroe? A chi guardiamo? Alexander Nevsky? Ilya Muromets? Dmitry Donskoy? No, è un compito volutamente impossibile. E ci arrendiamo in anticipo.

Ma si scopre che ora è molto facile diventare un eroe. Cioè non dovete immaginarvi come un eroe in una sorta di armatura cavalleresca. Basta dire: “Sono Daria!”. E tutto si risolverà.

Cosa funzionerà? Tutto… assolutamente tutto. Vittoria. E ancora una volta torniamo alle parole di commiato di Dugin: “E il prezzo più alto da pagare può essere giustificato solo dal risultato supremo: la vittoria”. Ha vissuto nel tempo della vittoria ed è morta nel tempo della vittoria. La nostra Vittoria russa, la nostra Verità, la nostra Ortodossia, il nostro Paese, il nostro potere.

Sono Daria! Almeno un poco…

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

1° settembre 2022