Iperinflazione, fascismo e guerra: come il Nuovo Ordine Mondiale può essere sconfitto ancora una volta [2/3]

image_pdfimage_print

di Matthew Ehret

Un ultimo tentativo di salvare la Germania

Sebbene Hitler sia salito al potere nel decennio successivo di economia schachtiana, un ultimo sforzo repubblicano fu compiuto per evitare che la Germania precipitasse in un inferno fascista, con la vittoria elettorale del novembre 1932 del generale Kurt von Schleicher come cancelliere della Germania [4]. Schleicher era stato co-architetto di Rapallo insieme a Rathenau un decennio prima ed era un forte sostenitore del programma di lavori pubblici e miglioramenti interni della Società Friedrich List promosso dall’industriale Wilhelm Lautenbach. Il sostegno pubblico del partito nazista crollò e si ritrovò in bancarotta. Hitler era caduto in depressione e stava addirittura meditando il suicidio quando l’élite anglo-americana scatenò un “colpo di Stato legale” che portò i fondi di Wall Street a riversarsi nelle casse naziste.

Il 30 gennaio 1933 Hitler ottenne il cancellierato, dove assunse rapidamente poteri dittatoriali in virtù dello “stato di emergenza” causato dall’incendio del Reichstag nel marzo 1933. Nel 1934, la Notte dei lunghi coltelli vide l’assassinio del generale Schleicher e di centinaia di altri patrioti tedeschi e solo pochi anni prima che il mostro di Frankenstein della City di Londra e di Wall Street facesse irruzione nel mondo.

Come è stato fabbricato il crollo del 1929

Sebbene tutti sappiano che il crollo del mercato del 1929 abbia scatenato quattro anni di inferno in America che si sono rapidamente diffusi in Europa con la grande depressione, non molti si sono resi conto che non si è trattato di un evento inevitabile, ma piuttosto di un’esplosione controllata.

Le bolle degli anni Venti si sono scatenate con la morte prematura del presidente William Harding nel 1923 e sono cresciute sotto l’attenta guida del presidente Coolidge e del finanziere Andrew Mellon (segretario al Tesoro) della JP Morgan, che hanno de-regolamentato le banche, imposto l’austerità al Paese e messo a punto uno schema di prestiti Broker che permetteva agli speculatori di prendere in prestito il 90% delle loro azioni. Wall Street fu deregolamentata, gli investimenti nell’economia reale furono bloccati durante gli anni Venti e la follia divenne la norma. Nel 1925 i prestiti dei broker ammontarono a 1,5 miliardi di dollari, salirono a 2,6 miliardi nel 1926 e raggiunsero i 5,7 miliardi di dollari alla fine del 1927. Nel 1928, il mercato azionario era sopravvalutato di quattro volte!

Quando la bolla fu sufficientemente gonfiata, si decise di coordinare un “richiamo” di massa dei prestiti dei broker. Prevedibilmente, nessuno riuscì a pagarli, con il conseguente crollo dei mercati. Gli “addetti ai lavori” fecero piazza pulita con i “clienti privilegiati” di JP Morgan e altri colossi finanziari che vendettero prima del crollo e poi acquistarono i beni fisici dell’America per pochi centesimi di dollaro. Un personaggio degno di nota che ha fatto fortuna in questo modo è stato Prescott Bush della Brown Brothers Harriman, che ha poi salvato il partito nazista in bancarotta nel 1932. Questi finanzieri erano strettamente legati alla City di Londra e coordinavano le loro operazioni attraverso il sistema bancario centrale privato della Federal Reserve e della Banca dei Regolamenti Internazionali.

 

L’inferno vivente della Grande Depressione

Durante la Grande Depressione, la popolazione fu spinta al limite, rendendo l’America altamente suscettibile al fascismo, mentre la disoccupazione saliva al 25%, la capacità industriale crollava del 70% e i prezzi agricoli crollavano ben al di sotto del costo di produzione, accelerando i pignoramenti e i suicidi. I risparmi di una vita andarono persi con il fallimento di 4000 banche.

Questa disperazione fu replicata in tutta Europa e in Canada, con i fascisti amanti dell’eugenetica che guadagnarono popolarità in tutti i paesi. L’Inghilterra vide l’ascesa dell’Unione Britannica dei Fascisti di Sir Oswald Mosley nel 1932, il Canada inglese ebbe la sua soluzione fascista con la Lega della Ricostruzione Sociale della “Fabian Society” degli studiosi di Rhodes (che in seguito prese il controllo del Partito Liberale) [5] che chiedeva la “gestione scientifica della società”. Nel 1932 la rivista Time aveva presentato il Duce più di 6 volte e alla gente veniva detto che il fascismo aziendale era la soluzione economica a tutti i problemi economici dell’America.

Nel bel mezzo della crisi, la City di Londra si ritirò dal gold standard nel 1931, il che fu un colpo paralizzante per gli Stati Uniti, in quanto provocò una fuga di oro dall’America, causando una contrazione più profonda della massa monetaria e quindi l’incapacità di rispondere alla depressione. Contemporaneamente, le merci britanniche si riversarono negli Stati Uniti, schiacciando quel poco di produzione rimasta.

È in questo clima che nel 1933 si svolse una delle battaglie meno conosciute.

 

1932: Il tentativo di dittatura dei banchieri

In Germania, una vittoria a sorpresa nel dicembre 1932 del generale Kurt Schleicher causò la sconfitta del partito nazista diretto da Londra, minacciando di liberare la Germania dalla tirannia della Banca Centrale inglese. Poche settimane prima della vittoria di Schleicher, Franklin Roosevelt conquistò la presidenza americana minacciando di regolamentare le banche private e di affermare la sovranità nazionale sulla finanza.

Vedendo sfumare i loro piani di fascismo globale, la City di Londra annunciò la necessità di creare in fretta un nuovo sistema globale controllato dalle banche centrali. Il loro obiettivo era quello di usare la crisi economica come pretesto per togliere agli Stati nazionali ogni potere sulla politica monetaria, rafforzando al contempo il potere delle Banche Centrali indipendenti come esecutori di “bilanci globali equilibrati”.

Nel dicembre 1932, la Società delle Nazioni organizzò una conferenza economica “per stabilizzare l’economia mondiale” sotto la guida della Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI) e della Banca d’Inghilterra. La BRI era stata istituita come “Banca Centrale delle Banche Centrali” nel 1930 per facilitare il rimborso del debito della Prima Guerra Mondiale e fu uno strumento fondamentale per finanziare la Germania nazista, anche molto tempo dopo l’inizio della Seconda Guerra Mondiale [6]. La Conferenza economica di Londra riunì 64 nazioni del mondo in un ambiente controllato, presieduto dal Primo Ministro britannico e aperto dal Re in persona.

Una risoluzione approvata [7] dal Comitato monetario della Conferenza affermava che:

“La Conferenza ritiene essenziale, al fine di dotare un gold standard internazionale dal meccanismo necessario per un funzionamento soddisfacente, la creazione di Banche Centrali indipendenti, dotate dei poteri e della libertà necessari per condurre un’appropriata politica valutaria e creditizia, nei Paesi sviluppati che attualmente non dispongono di un’adeguata istituzione bancaria centrale.”

E anche che:

 “La Conferenza desidera riaffermare la grande utilità di una stretta e continua cooperazione tra le Banche Centrali. La Banca dei Regolamenti Internazionali dovrebbe svolgere un ruolo sempre più importante non solo per migliorare i contatti, ma anche come strumento di azione comune.”

Facendo eco alla moderna fissazione della Banca d’Inghilterra per l’“equilibrio matematico”, le risoluzioni affermavano che il nuovo gold standard globale controllato dalle banche centrali era necessario “per mantenere un equilibrio fondamentale nella bilancia dei pagamenti” dei Paesi. L’idea era quella di privare gli Stati nazionali del potere di generare e indirizzare il credito per il proprio sviluppo.

 

FDR silura la Conferenza di Londra

La resistenza del cancelliere Schleicher alla dittatura dei banchieri si risolse con un “colpo di stato morbido” [8] che estromise il leader patriottico a favore di Adolph Hitler (sotto il controllo di un giocattolo della Banca d’Inghilterra di nome Hjalmar Schacht) nel gennaio 1933, mentre Schleicher fu assassinato l’anno successivo. In America, un tentativo di assassinio di Roosevelt [9] fu sventato il 15 febbraio 1933 quando una donna tolse la pistola di mano a un anarchico massone a Miami, causando la morte del sindaco di Chicago, Cermak.

Senza il cadavere di FDR, la conferenza di Londra incontrò una barriera insormontabile, in quanto FDR si rifiutò di consentire qualsiasi cooperazione americana. Roosevelt riconosceva la necessità di un nuovo sistema internazionale, ma sapeva anche che doveva essere organizzato da Stati nazionali sovrani asserviti al benessere generale del popolo e non da banche centrali dedicate al benessere dell’oligarchia. Prima che qualsiasi cambiamento internazionale potesse verificarsi, gli Stati nazionali castrati dagli effetti della depressione dovevano prima riprendersi economicamente per rimanere al di sopra del potere dei finanzieri.

Nel maggio del 1933, la Conferenza di Londra si sgretolò quando FDR si lamentò dell’incapacità della Conferenza di affrontare i veri problemi della crisi, “una catastrofe che equivale a una tragedia mondiale” e che la fissazione della stabilità a breve termine era “un vecchio feticcio dei cosiddetti banchieri internazionali”. FDR continuò affermando:

“Gli Stati Uniti cercano il tipo di dollaro che tra una generazione avrà lo stesso potere d’acquisto e di pagamento del debito del valore del dollaro che speriamo di raggiungere nel prossimo futuro. Questo obiettivo è più importante per il bene delle altre nazioni di un rapporto fisso per un mese o due. La fissazione del tasso di cambio non è la vera risposta.”

I britannici redassero una dichiarazione ufficiale in cui si affermava che “la dichiarazione americana sulla stabilizzazione rendeva del tutto inutile continuare la conferenza”.

 

La guerra di FDR a Wall Street

Nel suo discorso inaugurale del 4 marzo [10], il nuovo presidente ha lanciato il guanto di sfida dicendo:

“I cambiavalute sono fuggiti dai loro alti seggi nel tempio della nostra civiltà. Possiamo ora riportare quel tempio alle antiche verità. La misura della restaurazione sta nella misura in cui applichiamo valori sociali più nobili del mero profitto monetario.”

FDR dichiarò guerra a Wall Street a diversi livelli, iniziando con il sostegno alla Commissione Pecorra [11]che mandò in prigione migliaia di banchieri e smascherò le attività criminali dei vertici della struttura di potere di Wall Street che manipolavano la depressione, comprando cariche politiche e spingendo il fascismo. Ferdinand Pecorra, che dirigeva la commissione, ha definito lo Stato profondo quando ha detto che “questo piccolo gruppo di finanzieri di alto livello, che controlla le sorgenti stesse dell’attività economica, detiene più potere reale di qualsiasi altro gruppo simile negli Stati Uniti”.

Il successo molto pubblicizzato di Pecorra autorizzò FDR a imporre una regolamentazione radicale sotto forma di 1) separazione bancaria Glass-Steagall [12], 2) riorganizzazione fallimentare e 3) creazione della Security Exchange Commission per supervisionare Wall Street. Soprattutto, FDR esautorò la Federal Reserve, controllata da Londra, insediando un suo uomo alla presidenza (l’industriale Mariner Eccles) che la costrinse a obbedire ai comandi nazionali per la prima volta dal 1913, creando al contempo un meccanismo di prestito “alternativo” al di fuori del controllo della FED, chiamato Reconstruction Finance Corporation (RFC), che divenne il primo prestatore di infrastrutture in America per tutti gli anni Trenta.

Una delle politiche più controverse per cui FDR viene oggi demonizzato fu l’abolizione del gold standard. Il gold standard stesso limitava l’offerta di moneta a un rigido scambio di oro per dollaro cartaceo, impedendo così la costruzione di miglioramenti interni necessari per rilanciare la capacità industriale e rimettere al lavoro i milioni di disoccupati per i quali non esistevano risorse finanziarie. La manipolazione del dollaro da parte dei finanzieri internazionali lo rese in quel momento un’arma di distruzione piuttosto che di creazione. Poiché i prezzi delle materie prime erano scesi al di sotto dei costi di produzione, era fondamentale aumentare il prezzo dei beni in una forma di “inflazione controllata”, in modo che le fabbriche e le aziende agricole potessero diventare solvibili. FDR impose tariffe protettive per favorire la ripresa agroindustriale su tutti i fronti, ponendo fine ad anni di rapace libero scambio.

Nel 1934 FDR dichiarò la sua filosofia politico-economica:

“Il vecchio concetto fallace dei banchieri da una parte e del governo dall’altra, come unità più o meno uguali e indipendenti, è passato. Il governo, per forza di cose, deve essere il leader, deve essere il giudice, degli interessi contrastanti di tutti i gruppi della comunità, compresi i banchieri.”

 

Il vero New Deal

Una volta liberati dalle catene delle banche centrali, FDR e i suoi alleati furono in grado di avviare una vera e propria ripresa ripristinando la fiducia nel settore bancario. Entro 31 giorni dalla sua vacanza bancaria, il 75% delle banche era operativo e fu creata la FDIC per assicurare i depositi. Quattro milioni di persone ottennero un lavoro immediato e centinaia di biblioteche, scuole e ospedali furono costruiti e dotati di personale, tutti finanziati dalla RFC. La prima chiacchierata al caminetto di FDR fu fondamentale per ricostruire la fiducia nel governo e nelle banche e serve ancora oggi come una forte lezione sulle banche che i banchieri centrali non vogliono farvi conoscere.

https://www.youtube.com/watch?v=iipnhLTdh-0

Nel periodo 1933-1939 furono realizzati 45000 progetti infrastrutturali. I numerosi progetti “locali” erano governati, come l’odierna Belt and Road Initiative cinese, nell’ambito di un “grande disegno” che FDR definì i “Quattro Quartieri” [13], con zone di megaprogetti come l’area della Tennessee Valley Authority a sud-est, la zona del trattato sul fiume Columbia a nord-ovest, la zona della St Laurence Seaway a nord-est e la zona della diga di Hoover/Colorado a sud-ovest. Questi progetti hanno avuto un effetto di trasformazione che il denaro non potrà mai misurare: l’alfabetizzazione dell’area del Tennessee è passata dal 20% nel 1932 all’80% nel 1950 e i buchi razzisti del sud sono diventati la base dell’industria aerospaziale americana grazie all’energia idroelettrica abbondante ed economica. Come ho già riportato su The Saker [14], FDR non era un keynesiano (anche se non si può dire che lo fossero di certo gli alveari di studiosi di Rhodes e di fabiani che penetrarono nella sua amministrazione).

 

Wall Street sabota il New Deal

Coloro che oggi criticano il New Deal ignorano il fatto che i suoi fallimenti hanno più a che fare con il sabotaggio di Wall Street che con qualcosa di intrinseco al programma. Ad esempio, lo strumento della JP Morgan Lewis Douglass (direttore del bilancio degli Stati Uniti) forzò la chiusura della Civil Works Administration nel 1934, con il conseguente licenziamento di tutti i 4 milioni di lavoratori.

Wall Street fece di tutto per soffocare l’economia in ogni momento. Nel 1931, i prestiti delle banche di New York all’economia reale ammontavano a 38,1 miliardi di dollari, scesi a soli 20,3 miliardi nel 1935. Se nel 1929 le banche di New York detenevano il 29% dei loro fondi in obbligazioni e titoli statunitensi, nel 1935 la percentuale era salita al 58%, impedendo al governo di emettere credito produttivo all’economia reale.

Quando, nel 1937, il Segretario al Tesoro di FDR lo convinse a cancellare i lavori pubblici per vedere se l’economia “fosse in grado di reggersi da sola”, Wall Street ritirò il credito dall’economia facendo crollare l’indice di produzione industriale da 110 a 85, cancellando sette anni di guadagni, mentre l’acciaio scese dall’80% di capacità ai livelli di depressione del 19%. Si persero due milioni di posti di lavoro e il Dow Jones perse il 39% del suo valore. Tutto ciò non era diverso dal dare un calcio alle stampelle di un paziente in riabilitazione e non sfuggiva a nessuno che coloro che davano il calcio sostenevano apertamente il fascismo in Europa. Il patriarca dei Bush, Prescott Bush, allora rappresentante della Brown Brothers Harriman, fu dichiarato colpevole di commercio con il nemico nel 1942!

 

Un tentativo di colpo di Stato in America sventato

In questo periodo i banchieri non si limitarono al sabotaggio finanziario, ma tentarono anche un colpo di stato militare fascista [15] che fu smascherato dal Magg. Gen. Smedley Butler nella sua testimonianza al Congresso del 20 novembre 1934. Butler aveva testimoniato che il piano era iniziato nell’estate del 1933 ed era stato organizzato dai finanzieri di Wall Street che avevano cercato di usarlo come dittatore fantoccio guidando 500.000 membri della Legione Americana all’assalto della Casa Bianca. Mentre Butler parlava, quegli stessi finanzieri avevano appena fondato un’organizzazione anti-New Deal chiamata American Liberty League, che si batteva per tenere l’America fuori dalla guerra in difesa di un governo globale fascista anglo-nazista con cui volevano collaborare.

https://www.youtube.com/watch?v=Sp4h39qJKqU

La American Liberty League cambiò registro solo quando divenne evidente che Hitler era diventato un mostro di Frankenstein disobbediente che non si accontentava di essere asservito all’idea britannica di un Nuovo Ordine Mondiale.

In risposta al programma della Liberty League, FDR disse: “Alcuni parlano di un Nuovo Ordine Mondiale, ma non è nuovo e non è un ordine”.

[4] https://larouchepub.com/eiw/public/1999/eirv26n10-19990305/eirv26n10-19990305_022-recovery_program_could_have_bloc.pdf

[5] https://canadianpatriot.org/2018/11/28/origins-of-deep-state-part1/

[6] https://www.youtube.com/watch?v=QGP1aAtWA5A

[7] https://biblio-archive.unog.ch/Dateien/CouncilMSD/C-435-M-220-1933-II_EN.pdf

[8] https://larouchepub.com/other/1999/liebig_schleicher_2610.html

[9] https://www.miamiherald.com/news/local/community/miami-dade/article131007844.html

[10] https://www.youtube.com/watch?v=7nSgMWW-808

[11] https://www.smithsonianmag.com/history/the-man-who-busted-the-banksters-932416/

[12] https://canadianpatriot.org/2019/08/11/to-avoid-a-collapse-means-restoring-glass-steagall-without-the-green-new-deal/

[13] https://larouchepub.com/eiw/public/2002/eirv29n17-20020503/eirv29n17-20020503_020-then_and_now_why_roosevelts_expl.pdf

[14] http://thesaker.is/putins-call-for-a-new-system-and-the-1944-battle-of-bretton-woods-lessons-for-victory-day/

[15] https://www.youtube.com/watch?v=Sp4h39qJKqU

Parte 2 di 3

Articolo originale di Matthew Ehret:

https://canadianpatriot.org/2022/05/11/hyperinflation-fascism-and-war-how-the-new-world-order-may-be-defeated-once-more/

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Dissensi&Discordanze

18 maggio 2022