Iperinflazione, fascismo e guerra: come il Nuovo Ordine Mondiale può essere sconfitto ancora una volta [3/3]

image_pdfimage_print

di Matthew Ehret

La visione anticoloniale di FDR nel dopoguerra

Una delle più grandi testimonianze viventi della visione anticoloniale di FDR è contenuta in un libro poco conosciuto del 1946, scritto dal figlio Elliot Roosevelt che, in qualità di confidente e aiutante del padre, era al corrente di alcune delle riunioni più delicate a cui il padre partecipò durante la guerra. Vedendo il crollo della visione del dopoguerra alla morte di FDR, il 12 aprile 1945 e l’emergere di una presidenza filo-Churchill sotto Harry Truman, che non perse tempo a sganciare bombe nucleari su un Giappone sconfitto, inaugurando una caccia alle streghe sovietica in patria e lanciando una guerra fredda all’estero, Elliot scrisse “As He Saw It” [16] (1946) per creare una testimonianza vivente del potenziale che era andato perduto alla scomparsa del padre.

Come ha detto Elliot a proposito del motivo che lo spinse a scrivere il libro:

“La decisione di scrivere questo libro è stata presa più di recente e spinta da eventi urgenti. Il discorso di Winston Churchill a Fulton, nel Missouri, ha avuto un peso in questa decisione… la crescente scorta di bombe atomiche americane è un fattore impellente; tutti i segni di crescente disunione tra le principali nazioni del mondo, tutte le promesse non mantenute, tutte le politiche di potere rinascenti di un imperialismo avido e disperato sono stati i miei stimoli per questa impresa… E ho visto le promesse violate, le condizioni sommariamente e cinicamente disattese e la struttura della pace rinnegata… Scrivo questo, quindi, a voi che siete d’accordo con me che… la strada da lui tracciata è stata gravemente e deliberatamente abbandonata.”

 

Le quattro libertà

Prima ancora che l’America entrasse in guerra, i principi di armonia internazionale enunciati da FDR nel suo discorso delle Quattro Libertà [17] del 6 gennaio 1941 al Congresso degli Stati Uniti servirono da guida in ogni battaglia dei successivi quattro o cinque anni. In questo discorso FDR disse:

“Nei giorni futuri, che cerchiamo di assicurare, ci aspettiamo un mondo fondato su quattro libertà umane essenziali.

La prima è la libertà di parola e di espressione, ovunque nel mondo.

La seconda è la libertà di ogni persona di adorare Dio a modo suo, ovunque nel mondo.

La terza è la libertà dal desiderio – che, tradotta in termini mondiali, significa intese economiche che assicurino a ogni nazione una vita sana in tempo di pace per i suoi abitanti – ovunque nel mondo.

La quarta è la libertà dalla paura – che, tradotta in termini mondiali, significa una riduzione mondiale degli armamenti a un punto tale e in modo così completo che nessuna nazione sarà in grado di commettere un atto di aggressione fisica contro un vicino – ovunque nel mondo.

Questa non è la visione di un lontano millennio. È una base precisa per un tipo di mondo realizzabile nel nostro tempo e nella nostra generazione. Questo tipo di mondo è l’antitesi del cosiddetto nuovo ordine di tirannia che i dittatori cercano di creare con lo scoppio di una bomba.

A questo nuovo ordine, noi opponiamo una concezione più grande: l’ordine morale. Una buona società è in grado di affrontare senza timore i progetti di dominio mondiale e le rivoluzioni straniere.

Fin dall’inizio della storia americana, siamo stati impegnati in un cambiamento, in una rivoluzione pacifica e perpetua, che procede in modo costante e tranquillo, adattandosi alle mutevoli condizioni, senza campi di concentramento e senza calce viva nella fossa. L’ordine mondiale che cerchiamo è la cooperazione di Paesi liberi, che lavorano insieme in una società amichevole e civile.

Questa nazione ha riposto il suo destino nelle mani, nelle teste e nei cuori di milioni di uomini e donne liberi e la sua fede nella libertà sotto la guida di Dio. Libertà significa supremazia dei diritti umani ovunque. Il nostro sostegno va a coloro che lottano per ottenere o mantenere tali diritti. La nostra forza è la nostra unità di intenti.”

Sentendo queste libertà, il pittore americano Norman Rockwell [18] fu ispirato a dipingere quattro capolavori che furono esposti in tutta l’America e trasmisero la bellezza dello spirito di FDR a tutti i cittadini.

Il patriottico vicepresidente di FDR (e l’uomo che avrebbe DOVUTO essere presidente nel 1948) Henry Wallace ha delineato la visione di FDR in un appassionato discorso video al popolo nel 1942, che dovrebbe essere visto anche da tutti i cittadini del mondo oggi:

https://www.youtube.com/watch?v=_p2TQaUf3pQ

 

Churchill contro FDR: Lo scontro tra due paradigmi

I resoconti di Elliot sullo scontro di paradigmi tra suo padre e Churchill, avvenuto tra il 1941 e il 1945, sono preziosi sia per la loro capacità di far luce sul vero carattere nobile e costituzionale dell’America, personificato nella persona di Roosevelt, sia per dimostrare il bellissimo potenziale di un mondo che DOVEVA ESSERE se non fossero intervenuti alcuni eventi innaturali a far deragliare l’evoluzione della nostra specie da un’epoca di cooperazione vincente, ragione creativa e armonia.

In “As He Saw It”, Elliot documenta una conversazione avuta con suo padre all’inizio dell’ingresso dell’America nella Seconda Guerra Mondiale, il quale espresse chiaramente le sue intenzioni anticoloniali dicendo:

“Sto parlando di un’altra guerra, Elliott. Sto parlando di ciò che accadrà al nostro mondo, se dopo questa guerra permetteremo a milioni di persone di scivolare di nuovo nella stessa semi-schiavitù!

Non pensare nemmeno per un momento, Elliott, che gli americani non starebbero morendo nel Pacifico stasera, se non fosse stato per la miope avidità dei francesi, degli inglesi e degli olandesi. Dovremmo permettere loro di rifare tutto da capo? Tuo figlio avrà l’età giusta, tra quindici o vent’anni.

Una frase, Elliott. Poi ti caccio fuori di qui. Sono stanco. Questa è la frase quando avremo vinto la guerra, mi impegnerò con tutte le mie forze affinché gli Stati Uniti non siano costretti ad accettare alcun piano che favorisca le ambizioni imperialistiche della Francia o che aiuti o favorisca l’Impero britannico nelle sue ambizioni imperiali.”

Questo scontro giunse al culmine durante un importante confronto tra FDR e Churchill durante la Conferenza di Casablanca del 24 gennaio 1943 in Marocco. In quell’occasione, Elliot documenta come suo padre abbia affrontato per la prima volta la convinzione di Churchill di mantenere gli accordi commerciali preferenziali dell’Impero britannico, su cui si fondava il suo sistema di saccheggio:

“Naturalmente”, osservò [FDR], con una sorta di sorniona sicurezza, “naturalmente, dopo la guerra, una delle precondizioni di qualsiasi pace duratura dovrà essere la massima libertà di commercio possibile.”

Fece una pausa. Il Primo Ministro [inglese] aveva la testa abbassata; osservava FDR con attenzione, da sotto un sopracciglio.

“Nessuna barriera artificiale”, continuò il FDR. “Il minor numero possibile di accordi economici favoriti. Opportunità di espansione. Mercati aperti a una sana concorrenza.”

Il suo sguardo vagava innocentemente per la stanza.

Churchill si spostò sulla poltrona. “Gli accordi commerciali dell’Impero Britannico”, iniziò pesantemente, “sono…”.

Mio padre lo interruppe: “Sì. Gli accordi commerciali dell’Impero sono un esempio. È a causa loro che i popoli dell’India e dell’Africa, di tutto il Vicino e l’Estremo Oriente coloniale, sono ancora così arretrati.”

Il collo di Churchill si arrossò e si accucciò in avanti. “Signor Presidente, l’Inghilterra non intende perdere per un momento la sua posizione di favore tra i Domini britannici. Il commercio che ha reso grande l’Inghilterra continuerà e alle condizioni stabilite dai ministri inglesi.”

“Vede”, disse lentamente FDR, “è qui da qualche parte che è probabile che ci sia qualche disaccordo tra lei, Winston, e me.”

“Io sono fermamente convinto che se vogliamo arrivare a una pace stabile, questa deve comportare lo sviluppo dei Paesi arretrati. Popolazioni arretrate. Come si può fare? Non si può fare, ovviamente, con i metodi del XVIII secolo. Ora…”

“Chi parla di metodi settecenteschi?”

“Chiunque dei vostri ministri raccomandi una politica che sottrae ricchezza in materie prime a un paese coloniale, ma che non restituisce nulla alla popolazione di quel paese in cambio. I metodi del XX secolo prevedono di portare l’industria in queste colonie. I metodi del ventesimo secolo includono l’aumento della ricchezza di un popolo, aumentando il suo tenore di vita, educandolo, portandogli i servizi igienici, assicurandosi che riceva un ritorno per la ricchezza grezza della sua comunità.”

In tutta la sala, tutti noi eravamo protesi in avanti con attenzione. Hopkins sorrideva. Il comandante Thompson, assistente di Churchill, aveva un’aria cupa e allarmata. Il Primo Ministro stesso cominciava a sembrare apoplettico.

“Ha parlato dell’India”, ha ringhiato.

“Sì. Non posso credere che possiamo combattere una guerra contro la schiavitù fascista e allo stesso tempo non lavorare per liberare i popoli di tutto il mondo da una politica coloniale arretrata.”

“E le Filippine?”

“Sono contento che le abbia nominate. Otterranno l’indipendenza, sa, nel 1946. Hanno ottenuto servizi igienici moderni, un’istruzione moderna; il loro tasso di analfabetismo è diminuito costantemente…”.

“Non si possono manomettere gli accordi economici dell’Impero.”

“Sono artificiali…”

“Sono il fondamento della nostra grandezza.”

“La pace”, disse mio padre con fermezza, “non può includere alcun dispotismo continuato. La struttura della pace richiede e otterrà l’uguaglianza dei popoli. L’uguaglianza dei popoli implica la massima libertà di commercio competitivo. Chi suggerisce che il tentativo della Germania di dominare il commercio in Europa centrale non sia stato un fattore importante che ha contribuito alla guerra?”.

Era una discussione che non poteva avere una soluzione tra questi due uomini…

Il giorno seguente, Elliot descrive come la conversazione tra i due uomini sia proseguita con Churchill che affermò:

“Signor Presidente”, esclamò, “credo che lei stia cercando di eliminare l’Impero britannico. Ogni idea che lei ha sulla struttura del mondo postbellico lo dimostra. Ma nonostante ciò” – e agitò l’indice – “nonostante ciò, sappiamo che lei rappresenta la nostra unica speranza. E” – la sua voce si abbassò drammaticamente – “voi sapete che noi lo sappiamo. Sapete che sappiamo che senza l’America l’Impero non reggerà.”

Churchill ammise, in quel momento, di sapere che la pace poteva essere conquistata solo secondo i precetti che gli Stati Uniti d’America avrebbero stabilito. E dicendo ciò che disse, riconobbe che la politica coloniale britannica sarebbe stata un’anatra morta, che i tentativi britannici di dominare il commercio mondiale sarebbero stati un’anatra morta e che le ambizioni britanniche di contrapporre l’URSS agli Stati Uniti sarebbero state un’anatra morta. O lo sarebbero state, se Roosevelt fosse vissuto

Questa storia è stata raccontata per intero durante una conferenza del 15 agosto dall’autore:

 

https://www.youtube.com/watch?v=1IHVkJPfsx8

 

La visione postbellica di FDR distrutta

Sebbene la lotta di FDR abbia cambiato il corso della Storia, la sua morte prematura durante i primi mesi del suo quarto mandato ha portato ad una perversione fascista della sua visione postbellica.

Piuttosto che vedere l’FMI, la Banca Mondiale o l’ONU utilizzati come strumenti per l’internazionalizzazione dei principi del New Deal, al fine di promuovere prestiti a lungo termine e a basso interesse per lo sviluppo industriale delle ex colonie, gli alleati di FDR furono estromessi dal potere sul suo cadavere ancora caldo e furono riconquistati dalle stesse forze che tentarono di indirizzare il mondo verso una dittatura bancaria centrale nel 1933.

L’American Liberty League si è trasformata in varie organizzazioni anticomuniste “patriottiche” che hanno preso il potere con l’FBI e il maccartismo nella nebbia della guerra fredda. Questa è la struttura di cui Eisenhower aveva messo in guardia quando nel 1960 aveva definito “il complesso industriale militare” e contro cui John Kennedy ha combattuto durante i suoi 900 giorni di presidenza [19].

Questa è la struttura che stava preparando un colpo di Stato negli Stati Uniti nel novembre 2020 ed è intenzionata a fare a pezzi la Repubblica con una guerra civile imminente. Questo Stato profondo a gestione britannica è rimasto pietrificato dall’idea che in America possa rinascere un nuovo impulso di FDR, che potrebbe allinearsi con il New Deal internazionale del XXI secolo che emerge dalla Belt and Road Initiative [20] e dall’alleanza eurasiatica della Cina. Il ministro delle Finanze francese Bruno LeMaire e Marc Carney hanno dichiarato di temere che se il Green New Deal non verrà imposto dall’Occidente [21], la Nuova Via della Seta e lo yuan diventeranno la base del nuovo sistema mondiale.

Il Green New Deal scritto dalla Banca d’Inghilterra e spinto sotto la nebbia del Great Green Global Reset del COVID-19 [22], che promette di imporre vincoli draconiani alla capacità di carico dell’umanità in difesa della natura dall’umanità, non ha nulla a che vedere con il New Deal di Franklin Roosevelt e men che meno con la conferenza di Bretton Woods del 1944.

Questi sono solo i sogni bagnati di banchieri centrali per lo spopolamento e il fascismo “con un volto democratico”, che i loro sforzi del 1923 e del 1933 non sono riusciti a realizzare e che possono essere imposti solo se la gente rimane cieca alla propria Storia recente.

[16] https://archive.org/details/ashesawit00roos

Oppure, per esempio:

https://www.ibs.it/accanto-a-mio-padre-libri-vintage-elliott-roosevelt/e/2560038310512?queryId=5963cbecfedb72cbd3916df3f8251098

[17] https://www.youtube.com/watch?v=yD32o5zqe7M

[18] https://risingtidefoundation.net/2019/12/23/norman-rockwells-american-renaissance-revival-revisited/

[19] https://canadianpatriot.org/2017/11/17/3832-2/

[20] https://www.youtube.com/watch?v=TxNUVSxvhAQ

[21] https://www.reuters.com/article/us-g7-economy-france/reinvent-international-monetary-order-or-face-chinese-dominance-france-idUSKCN1UB2MZ

[22] https://www.strategic-culture.org/news/2020/07/15/the-great-reset-fraud/

Parte 3 di 3

Articolo originale di Matthew Ehret:

https://canadianpatriot.org/2022/05/11/hyperinflation-fascism-and-war-how-the-new-world-order-may-be-defeated-once-more/

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Wikipedia

19 maggio 2022